La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Le tecniche didattiche e gli interventi a scuola per la dislessia e la disortografia Germana Englaro Tarcento, 10/02/2011.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Le tecniche didattiche e gli interventi a scuola per la dislessia e la disortografia Germana Englaro Tarcento, 10/02/2011."— Transcript della presentazione:

1 Le tecniche didattiche e gli interventi a scuola per la dislessia e la disortografia Germana Englaro Tarcento, 10/02/2011

2 Cosè la dislessia Disturbo evolutivo specifico a carico della lettura strumentale Interessa la capacità di decodifica implicata nella lettura La compromissione può interessare la correttezza, la velocità o entrambi gli aspetti Il disturbo di lettura può avere ricadute secondarie sulla capacità di comprensione del testo letto in autonomia dal bambino

3 Criteri diagnostici Discrepanza fra livello intellettivo generale e abilità specifica Esclusione di condizioni di svantaggio socio- culturale Esclusione di danni sensoriali Utilizzo di prove standardizzate e con validità psicometriche Prestazioni significativamente inferiori alle attese sia a livello statistiche che clinico La diagnosi può essere fatta a partire dalla fine del primo ciclo della scuola primaria

4 I campanelli dallarme Lettura più lenta delle attese e/o scorretta Tempi significativamente lunghi di esecuzione di compiti che richiedono lettura autonoma di testi Reazioni di disagio se richiesta lettura a voce alta Difficoltà di comprensione del testo se la lettura viene fatta in autonomia

5 Segnali precoci Già dalla scuola dellinfanzia si possono rilevare indicatori precoci (ultimo anno) Difficoltà di analisi e consapevolezza fonologica Difficoltà di discriminazione visiva Difficoltà nella denominazione rapida di oggetti Difficoltà nella sequenzialità sinistra-destra Ritardi del linguaggio (presunti o accertati)

6 Cosa può fare la scuola Segnalare le difficoltà alla famiglia inviando a servizi competenti per laccertamento del disturbo Strutturare una didattica che miri a valorizzare le risorse e compensi le difficoltà Stesura del PEP (o PDP): programmazione della didattica funzionale alle caratteristiche del bambino

7 Indicazioni generali (rif. Legge 170) Dispensare dalla lettura a voce alta in classe Concedere tempi più lunghi per lo svolgimento di attività (verifiche o altro) che richiedono la lettura di testi Leggere le consegne al bambino prima dellinizio dellattività Privilegiare, laddove possibile, le verifiche orali o le domande con risposte a scelta multipla Ridurre il materiale da leggere per lo studio (creare brevi dispense che sintetizzino i capitoli dei libri o indicare le parti salienti con sottolineature)

8 Per i bambini della primaria usare caratteri grandi (14-16), ben definiti e sufficientemente spaziati (riduzione delleffetto crowding?) Calibrare le richieste sulle reali potenzialità del bambino per motivare allapprendimento ed evitare la frustrazione (che può generare evitamento) Lingue straniere: ridurre le richieste tenendo conto che i dislessici possono risultare affaticati in compiti di letto-scrittura di lingue non trasparenti (inglese e tedesco) mentre possono avere prestazioni adeguati nellapprendimento della grammatica (ricerche in corso)

9 Il metodo di studio Il primo strumento compensativo per un dislessico è un efficace metodo di studio Stimolare la strutturazione di un metodo di studio funzionale al problema attraverso una riflessione metacognitiva: Farsi unidea generale sullargomento Sottolineare le informazioni rilevanti Uso efficace degli appunti in classe Uso di schemi di sintesi Rielaborazione personale con simulazione dellesposizione orale soprattutto in vista delle interrogazioni

10 Per i ragazzi più grandi o per profili gravi Uso della sintesi vocale per lo studio a casa ma anche per il lavoro in classe laddove sia prevista ampia lettura di materiali

11 Lidentificazione precoce Percorsi di screening sui bambini dellultimo anno della scuola dellinfanzia (sett-nov) Individuazione di profili a rischio Progettazione di attività di potenziamento dominio-specifiche Controllo degli esiti del potenziamento (mag)

12 Attività utili allinfanzia Potenziamento delle abilità fonologiche:bastimento carico di…, inizio e fine parola, esercizi di fusione e segmentazione sillabica e fonemica Potenziamento delle abilità visive: riconoscimento e discriminazione visiva di oggetti, segni grafici, lettere

13 Materiali utili per linfanzia Pronti per la prima! Giunti Scuola Materiali IPDA – Erickson Giocare con le parole – Erickson Avviamento alla lettura – Erickson

14 Materiali utili per la primaria Dislessia e trattamento sublessicale - Erickson Lettura e metacognizione - Erickson

15 Materiali utili per la secondaria Imparare a studiare 2 - Strategie, stili cognitivi, metacognizione e atteggiamento verso lo studio – Erickson Abilità di studio livelli 1 e 2 – Erickson Nuova guida alla comprensione vol. 3 e 4 - Erickson

16 La disortografia Disturbo Evolutivo Specifico dellapprendimento a carico della componente ortografica della scrittura E caratterizzato da numerosi errori nella scrittura di parole, frasi e periodi Si parla di disturbo quando il numero di errori è significativamente superiore alle attese per classe ed età e rispetto al livello intellettivo

17 Paolo, 10.8, V primaria Face (pace) Inseto Azardo Fratura Svaco (svago) Scerzo (scherzo) Riscico (rischio) TOT: 11 (media: 1) Bucherzo (vugherzo) Simiaro (scimaro) Feniosto (fegnosto) Reduvre (reduve) TOT: 7 (media: 3)

18 Giani ha acuistato una pelle dorso Sul pavimento non cera la cera Venezia lanno visitata una sola volta Cuando sono pasati un mucio dani di dimetica facimente Paolo non riesce ad avere una corretta rappresentazione ortografica delle parole che scrive

19 I tipi di errore Fonologici: non è rispettato il rapporto tra grafema e fonema (folpe per volpe, taolo per tavolo, simmia per scimmia) Non fonologici: errori nella rappresentazione visiva della parola (in dietro per indietro, lavato per lavato, lacqua per lacqua, squola per scuola, o per ho) Altri errori: omissioni e aggiunte di doppie e accenti

20 Rapporto tra dislessia e disortografia Sono due disturbi diversi e non necessariamente compresenti Essere dislessici non vuol dire fare errori quando si scrive, essere disortografici non vuol dire avere difficoltà quando si legge Spesso però i due problemi sono comorbili: 1. Processi cognitivi vicini 2. Se un bambino fa fatica a leggere si espone poco al materiale scritto 3. Se un bambino fa fatica a scrivere non usa la scrittura come traino per meglio padroneggiare i meccanismi della lettura

21 Altri disturbi della scrittura Disgrafia: disturbo che interessa la componente grafo-motoria della scrittura con ripercussioni sulla velocità e leggibilità della scrittura Difficoltà di espressione scritta: difficoltà a livello di produzione spontanea di un testo (conoscenze in MLT, generazione di idee, pianificazione, stesura, revisione, monitoraggio online)

22 Relazione fra questi disturbi Un disortografico non deve necessariamente essere anche disgrafico, o viceversa Un disortografico potrebbe avere difficoltà di autocorrezione se è anche disgrafico Un disortografico commetterà errori durante la produzione spontanea del testo ma la capacità espressiva potrebbe risultare integra

23 Tecniche didattiche Concedere più tempo nella stesura di testi per stimolare la revisione autonoma Evitare la sottolineatura dellerrore per non fissarlo in memoria Di fronte a DSA conclamato non penalizzare gli elaborati per gli errori ortografici ma valorizzare i contenuti Nei casi più gravi concedere luso del pc con correttore ortografico, sia per compiti a scuola che a casa

24 Tecniche didattiche alternative Cooperative learning: consente la compensazione del disturbo, la valorizzazione delle risorse del soggetto DSA, lattivazione di atteggiamenti di cooperazione che migliorano il clima in classe Peer tutoring: favorisce la collaborazione fra pari, consente la compensazione del disturbo

25 Materiali utili Recupero in ortografia – Erickson Divertirsi con lortografia - Erickson Lessico e ortografia – Erickson

26 I DSA Non esiste un profilo di DSA uguale ad un altro: ogni bambino ha una storia personale ed un profilo di funzionamento specifico La scelta degli strumenti più idonei va quindi operata in funzione al profilo del soggetto Fondamentale la collaborazione con specialisti che aiutino gli insegnanti nella stesura del PDP Fondamentali i momenti di verifica in itinere per la misurazione dei cambiamenti e lefficacia delle strategie attivate

27 Riferimenti bibliografici Difficoltà e disturbi dellapprendimento, a cura di C. Cornoldi, Il Mulino In Classe ho un bambino che… Linsegnante di fronte ai Disturbi Specifici dellApprendimento, C. Cornoldi, S. Zaccaria, Giunti Le difficoltà di apprendimento a scuola, C. Cornoldi, Farsi unidea, Il Mulino Materiali Erickson e Giunti citati nelle slides (per il potenziamento)

28 Contatti Germana Englaro Via Moravia 2 – Tolmezzo SDA Liripac Università di Padova


Scaricare ppt "Le tecniche didattiche e gli interventi a scuola per la dislessia e la disortografia Germana Englaro Tarcento, 10/02/2011."

Presentazioni simili


Annunci Google