La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

CORSO DI STATISTICA ECONOMICA E ANALISI DI MERCATO MODULO PROGETTAZIONE E GESTIONE DI SISTEMI DI DATI E INDICATORI ECONOMICI Docente: S. Biffignandi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "CORSO DI STATISTICA ECONOMICA E ANALISI DI MERCATO MODULO PROGETTAZIONE E GESTIONE DI SISTEMI DI DATI E INDICATORI ECONOMICI Docente: S. Biffignandi."— Transcript della presentazione:

1 CORSO DI STATISTICA ECONOMICA E ANALISI DI MERCATO MODULO PROGETTAZIONE E GESTIONE DI SISTEMI DI DATI E INDICATORI ECONOMICI Docente: S. Biffignandi

2 Analisi Shift- share

3 Situazione informativa: due matrici di dati (a due istanti temporali, per lo più non contigui). Ciascuna matrice contiene informazioni su due aspetti del fenomeno (variabili). Esempio: addetti per territorio, addetti per settore

4 A cosa serve? a scomporre la variazione intervenuta in un periodo di tempo su un fenomeno rilevato su i settori e j aree in componenti che mirano a quantificare il contributo alla variazione da parte di alcuni fattori

5 Ambiti applicativi Le prime idee relative all'analisi shift share sono state elaborate dalla Commissione Barlow nell'intento di studiare la concentrazione industriale nel sud est inglese (Jones J.H., 1940). Una delle prime applicazioni negli Stati Uniti riguarda l'andamento dell'occupazione nell'industria manifatturiera dal 1929 al 1937 (Creamer D., 1942);

6 segue Ambiti applicativi altri autori che hanno elaborato teorie e applicazioni: Dunn E.S. (1959, 1960), Ashby L.D. (1964, 1965, 1968 e 1970), il quale ha fatto applicazioni per il governo americano

7 segue Ambiti applicativi La tecnica è stata successivamente applicata per lo studio di numerosi fenomeni economici. Alcuni esempi la dinamica occupazionale e la teoria della localizzazione secondo diverse ottiche (Lever W.F., Malcolm J.F., 1980, Harrisonn R.T., 1985 e numerosi altri)

8 segue Ambiti applicativi analisi di mercato (identificazione dei nuovi mercati per l'esportazione, Green e Allaway, 1985, crescita dei mercati nelle diverse aree, Huff e Sherr, 1967); valutazione della perfomance delle diverse marche (Yandle, 1978);

9 segue Ambiti applicativi valutazione delle performance dei prodotti (Kerin et al. 1980) analisi della produttività del lavoro Ledebur e Moomaw, 1983) studio dei cambiamenti nella popolazione analisi territoriale dei crimini (Blair e Mabry, 1980).

10 Cenni storici Le prime concettualizzazioni semplificate dell'analisi shift share si ritrovano in lavori degli anni Quaranta (Jones J.H., 1940; Creamer D., 1942). Per rassegna letteratura vedasi Ray D.M. (1990).

11 La tecnica: varianti Versione tradizionale National Growth Rate, NGR, (Perloff H. S. et al., 1960, Stillwell FJ.B., 1969, Richardson H.W., 1978)

12 Varianti K.C. e Simpson C.E., 1972), quella proposta da Esteban Marquillas J.M. (1972), quella di Arcelus (1984) e quella più recentemente introdotta da Srinath K.P.e Ray D.M. (1990). Nota: ve ne sono anche altre!! segue La tecnica : varianti

13 approccio tradizionale (NGR) tre componenti (tendenziale o nazionale, N, strutturale o mix settoriale nazionale MN e competitiva C). La tecnica: le componenti

14 Componenti tre componenti: nazionale o tendenziale (Nij), mix settoriale nazionale o strutturale (MNij) differenziale, detta anche competitiva o locale (Cij). Nota: il termine nazionale, nel caso dell'analisi shift share, va inteso in senso lato, cioè di macroarea di riferimento, ovvero di somma delle j aree considerate. segue La tecnica: le componenti

15 nazionale o tendenziale (Nij): Apporto alla variazione regionale (microarea) attribuibile allandamento complessivo delleconomia nazionale segue Componenti segue La tecnica : le componenti

16 mix settoriale nazionale o strutturale (MNij) Effetto della maggiore o minore presenza nella regione allinizio del periodo considerato di settori produttivi che nel sistema economico nazionale sono risultati a più rapida crescita segue Componenti segue La tecnica: le componenti

17 competitiva o locale (Cij). Attitudine delleconomia locale a espandersi più o meno quanto ci si dovrebbe attendere in rapporto alla sua struttura produttiva iniziale se ogni settore di attività si sviluppasse nella stessa misura del corrispondente settore nazionale segue Componenti segue La tecnica: le componenti

18 La tecnica La tecnica: simboli

19 La tecnica Tasso di variazione nel settore i nellarea j Tasso di variazione nel settore i in macroarea Tasso di variazione complessivo nellarea j Tasso di variazione complessivo segue La tecnica: simboli

20 La tecnica: criteri di calcolo Versione tradizionale (NGR) Versione Arcelus cioè:

21 segue La tecnica: criteri di calcolo

22 Sensibile a disaggregazioni settoriali Non tiene conto interazioni Non mutamenti strutturali Ipotesi: area di mercato di ciascun settore ha dimensione nazionale La tecnica: limiti

23 Risultati : tante matrici (tre in NGR o quattro in Arcelus) OCCORRE UNA SINTESI!!! La tecnica: come leggere i risultati?

24 Criteri per la sintesi Tener conto solo dei segni delle componenti (casi: 16) Definire caratterizzazioni fasi di sviluppo Incrociare i due concetti per costruire tipologie (8 tipologie) Come sintetizzare ? (in versione Arcelus)

25 Descrizione dei criteri Tener conto solo dei segni delle componenti (casi: 16; vedi tabella casi.pdf, tab.4. e 4.2)tabella casi.pdf Suggerimento: oosserva un caso di tab. 4.1 per capire criterio (criterio si desumono da formule definizione componenti relazioni tra tassi) o osserva un caso di tab. 4.2 per capire descrizione qualitativa del caso Come sintetizzare ? (in versione Arcelus)

26 Definire caratterizzazioni fasi di sviluppo (vedi tabella fasi sviluppo.pdf)tabella fasi sviluppo.pdf Suggerimento: la denominazione delle fasi è coniata in base alle caratteristiche delle relazioni tra tassi; comprendi il significato! Come sintetizzare ? (in versione Arcelus)

27 Incrociare i due concetti per costruire tipologie (8 tipologie, vedi descrizione tipologie.pdf)descrizione tipologie.pdf Suggerimento: leggi la denominazione (colonna tipologie), da questo già si ha una sintesi delle caratteristiche; per dettagli vedi situazione; per capire quali casi sono inclusi vedi ultima colonna (ogni tipologia comprende 2 casi!) Come sintetizzare ? (in versione Arcelus)

28 Esempio di applicazione a dati ASPO (analisi su province di Lombardia) esempio tipologie.pdf Come sintetizzare ? (in versione Arcelus)

29 Nota: Operativamente si può ottenere la classificazione in tipologie di sviluppo con lutilizzo del programma TIPOLO. Come sintetizzare ? (in versione Arcelus)

30 S. Biffignandi, Aspetti metodologici e interpretativi della tecnica shift-share, Cedam, 1993 Bibliografia dettagliata


Scaricare ppt "CORSO DI STATISTICA ECONOMICA E ANALISI DI MERCATO MODULO PROGETTAZIONE E GESTIONE DI SISTEMI DI DATI E INDICATORI ECONOMICI Docente: S. Biffignandi."

Presentazioni simili


Annunci Google