La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ACE E UNICO 2012 SOCIETA DI CAPITALI Calcolo in RS 113 Risultato in RN 6 ( senza transito da RF) eccedenza a nuovo SOCIETA DI PERSONE Calcolo in RS 45.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ACE E UNICO 2012 SOCIETA DI CAPITALI Calcolo in RS 113 Risultato in RN 6 ( senza transito da RF) eccedenza a nuovo SOCIETA DI PERSONE Calcolo in RS 45."— Transcript della presentazione:

1 ACE E UNICO 2012 SOCIETA DI CAPITALI Calcolo in RS 113 Risultato in RN 6 ( senza transito da RF) eccedenza a nuovo SOCIETA DI PERSONE Calcolo in RS 45 Risultato in RF 55 fino a concorrenza del reddito imponibile ( eccedenza imputata ai soci) IMPRESA INDIVIDUALE Calcolo in RS 37 Risultato in RN 1 fino a concorrenza dei redditi dimpresa ( anche RG ??) Eccedenza riportata a nuovo)

2 Patrimonio netto contabile di partenza: (esercizio in corso al ) Capitale sociale+ Riserve disponibili+ Riserve non disponibili- Perdite esercizi precedenti riportate a nuovo- Perdita esercizio utile esercizio 2010 ( escluso) DATO DI COMPUTO INIZIALE PER VARIAZIONI ACEIZZABILI ACE BILANCIO

3 VARIAZIONI DEL NETTO CHE RILEVANO ANCHE AI FINI ACE Conferimenti in denaro: ammontare da assumere con criterio pro rata temporis. Rilevano quando sono effettivamente eseguiti non meramente sottoscritti ( rel.acc. D.A.), Riduzione di capitale sociale Distribuzione di dividendi (alla data della delibera con allocazione del debito tra le passività) Attribuzioni di riserve di capitale Assegnazioni di beni con riduzione del netto ACE BILANCIO Attenzione: le delibera di aumento eseguite entro il 2010 Ed effettivamente eseguite nel 2011 non rilevano (rel Acc. D.A.)

4 VARIAZIONI DIMINUTIVE DEL NETTO CHE NON LO SONO AI FINI ACE Perdita di esercizio A) generata nel 2010 > entra nel computo del netto al poiché la norma esclude solo lutile di esercizio B) generata nel 2011 non riduce il patrimonio netto poiché non è attribuita ai soci ACE BILANCIO

5 VARIAZIONI IN AUMENTO DEL NETTO CHE NON LO SONO AI FINI ACE Utile allocato in riserva indisponibile: Indisponibile in senso stretto: acquisto azioni proprie (2357 ter u.c.) Non distribuibile: riserva da valutazione partecipazione equity method ( 2426, punto 4), rivalutazione volontaria (2423, c. 4), utile su cambi (2426, 8 bis) ACE BILANCIO Art. 5 comma 5 D.A.: riserve escluse: 1)Quelle derivanti da mere valutazioni ( riv. Volontaria, utile su cambi etc) 2)Quelle totalmente indisponibili ( acquisto azioni proprie) 3)Al contrario utili effettivi parzialmente indisponibili sono rilevanti (Es. riserva legale, riserva cooperative)

6 Esempio: al utile su cambi 100, utile complessivo posto a riserve nel 2011 = Incremento del netto 1000, incremento rilevante ai fini ACE 900. Nel corso del 2011 la posta in valuta viene realizzata incassando 100 stimati al , quindi la riserva diviene liberamente distribuibile ( ART. 5, C. 5 D.A., ma la riserva indisponibile deve essersi formata a partire dal 2011, Rel. Acc. ) Per il patrimonio netto nulla cambia, ma ai fini ACE si dovrebbe avere una variazione in aumento già nel modello Unico 2012 ACE BILANCIO

7 OPERAZIONE DI COPERTURA DELLA PERDITA Versamento eseguito dai soci in conto capitale è certamente conferimento in denaro (anche tramite rinunzia a finanziamento soci o compensazione dei crediti in sede di aumento di capitale Cfr. D.A. art. 5, c2) A) secondo la norma è computabile per lintero ammontare (pro rata temporis) B) secondo le istruzioni al modello Unico è computabile per valore non superiore al patrimonio netto (escluso eventuale utile di esercizio) ACE BILANCIO

8 RIDUZIONI EFFETTIVE Secondo norma: Per intero importo di 50 Secondo istruzioni Unico: Per importo di 10 Esempio: nellesercizio 2010 la società subisce una perdita di 50. Patrimonio netto ante perdita 10 Quindi la perdita ha generato un deficit di 40 I soci nel 2011 eseguono un versamento a copertura di 50 con un patrimonio netto di 10 a fine esercizio La riduzione per perdita non rileva, mentre il versamento a copertura rileva ACE BILANCIO

9 RIDUZIONI FIGURATIVE DEL NETTO RIDUZIONE AI SOLI FINI ACE: le norme antiabuso art. 10 D.A. Opera solo allinterno del gruppo societario, caratterizzato da rapporto di controllo ex art ) riduzioni in capo alla conferente conferimenti in denaro eseguiti verso controllata ( opera anche venuto meno il rapporto di controllo) Corrispettivi per acquisto di partecipazioni in societa controllate ( la societa deve gia essere controllata prima dellacquisto che determina la riduzione) Corrispettivi per acquisizione di aziende in societa controllate ( meglio precisato il contenuto del D.L. 201/11) Incremento dei crediti da finanziamento verso societa del gruppo 2) riduzioni in capo alla conferitaria Conferimenti derivanti da soggetti esteri white list controllati da residenti Conferimenti derivanti da soggetti black list ACE BILANCIO

10 PROBLEMATICHE PARTICOLARI La consolidata calcola la deduzione ed invia sic et simpliciter limponibile alla fiscal unit La consolidata non calcola deduzione e la fiscal unit esegue la somma algebrica di incrementi e decrementi Scelta del modello unico 2012 e del D.A Ace e consolidato domestico, due possibili letture ACE BILANCIO

11 ACE E CONSOLIDATO Consolidata A reddito 100, ACE 130 Consolidata B reddito 100, acquisto di azienda in societa controllata = 50 Alla fiscal unit perviene un reddito di 0 ( A) e 100 ( B) > perviene altresi leccedenza ACE di 30, quindi reddito imponibile 70. In pratica non vi e somma algebrica tra variazione positiva ACE 130 e negativa 50 La variazione ACE antecedente lingresso nel consolidato, se eccedente il reddito della consolidata, non puo essere trasferita alla fiscal unit, quindi nellesempio di prima il reddito della fiscal unit sarebbe stato pari a 100.

12 PROBLEMATICHE PARTICOLARI Ace e regime di trasparenza: A SRL è partecipata da B srl e C Srl al 50% ciascuna. B e C eseguono un aumento di capitale in A per ciascuno. A determina una variazione ACE di con variazione diminutiva di che torna a beneficio di B e C. Se il rendimento nozionale fosse superiore al reddito attribuito, leccedenza dovrebbe essere attribuita ai soci in proporzione Dato che non vi è controllo B e C non hanno variazione diminutiva ACE. Se la provvista per B e C e fornita tramite aumento di capitale dei soci persone fisiche di B e C, lo stesso aumento effettivo pari a genera due variazioni ACE ACE BILANCIO

13 ACE E SOGGETTI IRPEF Dato di computo per agevolazione: patrimonio netto al Uniche variazioni diminutive sono quelle figurative cioè acquisto di partecipazioni in società controllate e aziende ACE BILANCIO Condizioni: 1) Contabilita ordinaria per opzione ( ma non citato il termine irrevocabile) 2) Irrilevanza dellanno di formazione del patrimonio netto 3) Presenza dellutile di esercizio 4) Rilevanza dei conferimenti in natura

14 Esempio di patrimonio netto rilevante Capitale sociale Riserve di utile ( e di capitale) Riserve derivanti di rivalutazione monetaria, sia in sospensione dimposta, sia non in sospensione, sia affrancate Riserve derivanti di conferimenti ( sia per la conferente sia per la conferitaria)

15 Non esiste il riferimento al Va indicato subito lincremento Eseguito nel )Conferimenti comprendono le rinunzie ai crediti dei soci 2)Utile desercizio 2010 destinato a riserva al netto Della quota destinata a riserva indisponibile Riduzioni effettive In denaro e in natura Per attribuzione ai soci

16 1)Operazione antielusive art. 10 D.A. Es. Conferimenti eseguito verso controllata Acquisto di partecipazioni E azienda in societa controllate Se rigo differenza e positivo si Continua nella compilazione Altrimenti il prospetto e concluso

17 1)Dato del patrimonio netto: va considerato lutile di Esercizio 2) Vanno considerate le perdite non coperte 3) Vanno considerati i versamenti a copertura per la loro Totalita ( non pro rata temporis)

18 Esempio: patrimonio netto 2010 = Utile esercizio 2010 a riserva = Perdita di esercizio 2011 = Netto al = Variazione rilevante Unico 2012 = La perdita desercizio pur essendo una Riduzione del netto senza attribuzione ai soci Riduce lincremento aceizzabile!!! Al rigo RN 6 ( non e una Variazione da RF)

19 SRL Alfa in trasparenza, reddito = Variazione ACE = Due soci Beta SRL e Gamma SRL al 50% Imputato a ciascuno = Reddito di Beta = zero Cod. fisc alfa srl Al rigo RN 6 ( non e una Variazione da RF) 5.000

20 La societa ALFA Snc ha eseguito nel 2008 la rivalutazione civilistica dellimmobile da cui ha conseguito un saldo attivo pari a Il netto patrimoniale presenta anche il capitale sociale pari a e riserve di utili pari a e Inoltre nel 2011 ha generato un utile pari a Il calcolo dellACE viene eseguito assumendo lintero patrimonio netto pari a x 3% = che rappresenta la variazione in diminuzione del reddito Dato da esporre al rigo RS 45 colonna 1 = ACE E SOCIETA DI PERSONE Il dato va inserito a RF 55 e se eccedente Il reddito dellesercizio a RN 21

21 Punti controversi disciplina societa di comodo 1)Confronto tra reddito minimo e reddito effettivo : per reddito effettivo si intende RN 1 o RN 6? 2)Situazione delle societa che non detengono beni sensibili al test e che negli anni precedenti non hanno compilato il test segnalando codice 1 della casella Casi Particolari

22 Punti controversi disciplina societa di comodo 3) Perdite a riporto nellanno di non operativita > nel caso di reddito effettivo superiore a quello minimo 80% va calcolato su differenza o su totale reddito effettivo ( totale reddito ( telefisco 2012) 4) Decorrenza dei limiti alla compensazione del credito Iva: secondo circ. 25/07 e ris. 225/07 scattano dallanno successivo a quello in cui la societa diventa non operativa, quindi sarebbe il 2013, ma la nuova fattispecie di non operativita da perdita comporta che il blocco scatti gia al ?

23 Punti controversi disciplina societa di comodo 5)Cause di disapplicazione sono efficaci anche nel triennio di perdita ? 6)Societadi comodo e operazioni straordinarie : se operazione e avvenuta nel triennio di monitoraggio perdite si sommano utili e perdite delle partecipanti ? 7)Societa di comodo e operazioni straordinarie : se operazione avviene dopo il triennio quali riflessi derivano dalla scelta di dare efficacia retroattiva o meno ?

24 Prospetto RF societa di comodo- esercizio 1.1/31.12 Compilazione di causa di esclusione Non esonera il periodo dal Triennio in perdita Detenzione di soli beni merce : Nel triennio 2009/2011 = 1 ( fine compilazione) Nel solo 2011 = 2 ( solo colonna 1)

25 Prospetto RF societa di comodo- esercizio 1.1/31.12 Immobili rivalutati nel 2008 vanno Indicati al costo storico, RF 76 Anche beni in leasing al costo Concedente ( sia prima che dolo Riscatto) Proventi esenti Plus esenti pex Dividendi esclusi Bonus ace e capitalizzazioni

26 Novita del D.L. 138/11 Per le sole societa di capitali, lIres sul reddito minimo e applicata al 38% Per le societa di comodo di persone partecipate da Societa di capitali il 38% si Applica solo sul reddito imputato Per trasparenza Per le societa di comodo consolidate, La consolidata applichera autonomamente La maggiore aliquota del 10,5% Imputando alla fiscal unit il proprio Reddito per la tassazione di gruppo Per le societa di comodo in trasparenza, Partecipata liquida la maggiorazione e imputa Alla partecipante il reddito, per la partecipante Di comodo la maggiorazione non si applica Sul reddito imputato per trasparenza

27 Periodo dimposta / RQ: addizionale societa di comodo es. reddito minimo , ACE ,5% addizionale Ires

28 Gestione acconti società di comodo 1) Società già di comodo nel 2011> acconto addizionale Ires 10,5% a meno che non preveda di tornare operativa nel 2012 > metodo previsionale > azzeramento acconto addizionale 2) Ma attenzione al regime della perdita fiscale triennale che potrebbe rendere dovuto lacconto anche se da test nel 2012 la societa sarebbe operativa 3) Se in base ai punti 1 e 2 si e operativi acconto da ricalcolare ad aliquota ordinaria per eventuale indeducibilita dei costi per beni dati in godimento ai soci

29 Gestione acconti società di comodo 1) Società non di comodo nel 2011> perdita fiscale 2008/2010 > calcolo reddito minimo figurativo per 2011 con acconto rideterminato anche per addizionale 2) Acconto maggiorato evitabile solo con metodo previsionale, cioe considerando che il triennio 2008/2010 era in perdita ma quello 2009/2011 presenta un anno di utile ( 2011) superiore al reddito minimo

30 Prospetto RF societa di comodo- esercizio / Compilazione di causa di esclusione E fondamentale per evitare Non operativita da perdita triennale Da barrare in caso di perdita fiscale nei tre periodi precedenti o uno in utile ( non suff.) E due in perdita Potrebbe essere compilata la casella Casi particolari ma se vi e perdita Triennale la societa e di comodo Senza reddito minimo

31 Prospetto riserve casi particolari 1) Istruzioni RF 108: riserve ante trasformazione costituite con utili imputati ai soci a norma art. 5 Tuir: e quelli non imputati perche oggetto di variazione diminutiva ? Es. utili tremonti ter per

32 Riserve da rivalutazione peritale: es. il perito rivaluta limmobile strumentale che da passa a > riserva iscritta quale ultimo dato nella snc In quanto iscritte dalla Societa di persone

33 I Riserve da rivalutazione peritale: es. il perito rivaluta limmobile strumentale che da passa a > riserva iscritta quale primo dato nella srl In quanto iscritte dalla Societa di capitali

34 Iscrizione nel prospetto dellutile di esercizio : es. Alfa snc utile ante 100, utile totale 220 Utile ante

35 Iscrizione nel prospetto dellutile di esercizio : es. Alfa snc utile ante 150, utile totale 100 Utile ante 100 zero

36 Applicazione presunzioni La societa ALFA SRL ha applicato la trasparenza per il triennio 2004/2006 producendo complessivamente utili. Poi nel 2007 ha generato utili per e nel 2008/ 2010 utili per complessivi Nel 2011 si e deciso di distribuire

37 Riserve da trasparenza e le riserve ante 2008 si presumono distribuite con priorità

38 Presunzioni di prioritaria distribuzione:problemi aperti Riserve indivisibili: presunzione applicabile ( circ. Ass. 20/2010) da D.m Compagine societaria : secondo una prima tesi di Assonime, poi parzialmente ritrattata, in presenza di soci di capitale o non qualificati non si applica la presunzione del D.M Utile parzialmente detassato ( es. plus realizzate nel 2007 e rateizzate: Ires al 33% solo su 1/5 mentre si dovrebbe applicare la presunzione di tassazione con aliquota 40% su intero utile) Utile destinato a copertura perdite: presunzione inversa ( circ. 8/09)

39 Interessi passivi Circ. 29/11 : nel caso di trasformazione regressiva leccedenza di interessi passivi non dedotta dalla societa di capitali non puo essere considerata dalla societa di persone

40 Interessi passivi Interessi passivi moratori : non hanno natura finanziaria ma risarcitoria. Problema per quelli derivanti da rapporti con istituti di credito Interessi attivi moratori : possono essere inseriti tra quelli che sterilizzano gli interessi passivi > Ass. 46/09 esprime dubbi, ma sembra sostenibile la tesi dellinserimento per quelli fiscalmente rilevanti ( incassati)

41 Interessi passivi interamente deducibili Da mutui ipotecari o da leasing per immobili in locazione: Vale solo per le societa immobiliari di gestione: esse sono quelle il valore del patrimonio e prevalentemente formato da immobili non utilizzati direttamente ( circ. 37/09) La valutazione del patrimonio va eseguita con i valori correnti ( circ. 36/04), quindi comprensiva dell avviamento, mentre dubbio e linserimento degli immobili in leasing

42 Interessi passivi e oneri assimilati Depurare la voce C17di: Interessi capitalizzati Interessi commerciali Oneri non finanziari Interessi mutui immobiliari gestione Interessi auto Interessi attivi ( anche figurativi) Compresi quelli commerciali ( circ. 38/10) Rol pregresso non utilizzato Rol esercizio: A-B in senso civilistico nettizzato da ammortamenti e canoni leasing

43 Interessi passivi pregressi: se deducibili poiche ROL capiente vanno portati in deduzione al rigo RF 54 cod. 13 In presenza di ROL eccedente si devono Dedurre tutti gli interessi passivi. In caso Essi non siano dedotti sia leccedenza ROL Sia gli interessi passivi non possono essere riportati A nuovo

44 NUOVO REGIME DELLE PERDITE DIMPRESA ( D.L. 98/11, art. 23 comma 9) circ. 53/11 1)Nessuna modifica per perdite dei primi tre periodi dimposta ( riporto illimitato e compensazione al 100% 1) Riporto limitato al quinquennio successivo diventa illimitato 1)Compensazione al 100% del reddito viene limitata all80% del reddito ELEMENTI UGUALI VECCHIO E NUOVO REGIME ELEMENTI DIVERSI VECCHIO E NUOVO REGIME

45 Decorrenza Dalla relazione daccompagnamento emerge che le vecchie regole si applicano alle perdite maturate prima dellentrata in vigore del D.L. 98, cioe 6 luglio Si dovrebbe intendere, quindi, che per le perdite derivanti da periodi dimposta chiusi antro il 5 luglio 2011 si applicano le vecchie regole In assenza di un regime transitorio, il riporto delle perdite maturate prima dellentrata in vigore della modifica normativa deve avvenire secondo le disposizioni dellarticolo 84 ante modifica. ( relazione accompagnamento) LA DIVERSA TESI DELLA CIRC. 53/11: le perdite vecchie non utilizzate assumono immediatamente le nuove regole, QUINDI: Le perdite maturate fino al 2010 si riportano a nuovo nel 2011 gia utilizzando il limite dell80% Il riporto delle perdite maturate fino al 2010 non prevede limiti temporali La norma si applica per le perdite il cui quinquennio di riporto non sia gia scaduto al 5 luglio 2011, per periodi dimposta solari si tratta delle perdite generate dal 2006

46 Esempio di compensazione contemporanea di vecchie e nuove perdite Societa ALFA SRL presenta una perdita generata nel 2008 ( terzo anno di attivita) pari a ed una perdita generata nel 2010 pari a Nel 2011 presenta un reddito pari a Nel Unico 2012 eseguira la compensazione dellintera perdita del 2008 per ma occorre determinare il calcolo corretto dell80% del reddito per lulteriore compensazione. Al riguardo si potrebbe : A) determinare l80% sul residuo reddito, cioe x 80% = riportando a nuovo parte della perdita 2011, per B) l80% si calcola sul reddito ante compensazione, quindi , il che significa che la perdita 2010 e interamente compensabile con riporto a nuovo di Nel primo caso avremmo nel 2011 un imponibile pari a mentre nel secondo caso limponibile 2011 sarebbe zero. ( la tesi b e stata avallata a Telefisco 2012)

47 QUADRO RSQUADRO RN

48 Ambito soggettivo Viene modificato larticolo 84 commi 1 e 2, ne consegue che sono interessati solo i soggetti Ires Per i soggetti Irpef vale sempre larticolo 8 del Tuir che e autonomo rispetto allarticolo 84 Quindi soggetti Irpef due casi: imprese contabilità ordinaria: riporto a nuovo nel quinquennio e compensazione al 100% o imputazione ai soci per trasparenza e compensazione ( anche intersoggettiva) con redditi dimpresa Imprese in contabilita semplificata: utilizzo diretto o imputazione per trasparenza in compensazione orizzontale con tutti i redditi di periodo, vietato riporto a nuovo Regime dei minimi: perdita riportabile a nuovo nel quinquennio e utilizzabile per reddito dimpresa o esercizio arte o professione ( art. 1, comma 108 L. 244/07)

49 Perdite a riporto e liquidazione della societa ( Circ. Assonime 33./11) Durante la fase di liquidazione le perdite pregresse si utilizzano con le regole nuove introdotte dallarticolo 84 Tuir Nella dichiarazione finale relativa al maxi periodo di liquidazione il reddito eventualmente rinveniente da essa si compensa integralmente con le perdite pregresse senza calcolare l80% Se non vi e il conguaglio finale dato il protrarsi della liquidazione per oltre cinque esercizi, il reddito del periodo finale, in cui non vi e alcun conguaglio viene compensato al 100% ?

50 Esempio di liquidazione 1) perdite pregresse 100, periodo 1° liquidazione reddito 30 > compensazione per 24, periodo 2° e finale reddito 40 > compensazione integrale (non per 32 ma su 40) > reddito imponibile zero > rimborso delle imposte pagate in periodo 1° su 6 2) perdite pregresse 100, periodo dal 1° al 5° di liquidazione tutti con reddito 10 > in ogni periodo compenso per 8, al periodo 6° chiudo liquidazione con reddito pari a 20, avendo compensato perdite per 40. Nel periodo 6° la compensazione avviene per 20 o per 16, non essendovi un conguaglio finale ?

51 Conversione di imposta anticipate Avviamento ( D.L. 225/10 e ris. 94/11) Deve trattarsi di posta fiscalmente riconosciuta, o perche acquisita con azienda o perche derivante da riallineamento Situazione possibile ( e probabile) : avviamento in corso di ammortamento con aliquota pari a quella fiscale ( 5,56%)

52 Impairment test OIC 24, par. E Svalutazione della posta derivante dai motivi citati al paragrafo A del documento (es. turbolenza del mercato, obsolescenza del prodotto, attivita della concorrenza) Svalutazione della posta, Che continua ad essere ammortizzabile fiscalmente OIC 25: iscrizione di imposta anticipate

53 Se si manifesta una perdita desercizio si pongono le condizioni per la conversione di imposta anticipate in crediti di imposta per un valore massimo pari a : Perdita esercizio X attivita per imposte anticipate/patrimonio netto ( assunto al lordo della perdita)

54 esempio Societa ALFA SRL ha acquistato azienda pagando avviamento per che viene svalutato a seguito di impairment test. Ammortamento fiscale 18 esercizi. Esercizio 1 svalutazione , ammortamento fiscale , imposte differite attive x 31.4% = Esercizio 1 perdite civilistica con capitale netto al lordo della perdita pari a Conversione : x / = Imposte differite di , per sono convertibili in credito dimposta Una quota di ammortamento fiscale dellavviamento pari a ( corrispondente ai trasformati in crediti dimposta) non potra piu essere dedotta Decorrenza: approvazione bilancio in cui emergono perdita e imposte anticipate

55 DTA nel quadro RU sez. XV

56 Conversione di imposte anticipate Perdite fiscali ( D.L. 201/11) Doc. OIC 25, par. H II, possibile iscrizione di imposta anticipate in caso di previsione di possibile compensazione delle perdite con redditi futuri Determinazione della parte di perdita fiscale generata da ammortamento di immaterialita ( avviamento) e determinazione delle conseguenti imposte anticipate.

57 esempio Societa ALFA SRL ha acquistato azienda pagando avviamento per che viene ammortizzato in 5 esercizi. Ammortamento fiscale 18 esercizi Al quinto esercizio avviamento contabile e 0 mentre residua di avviamento fiscale > imposte differite attive per ( X 31.4%) Al sesto esercizio la societa deduce per ammortamento fiscale avviamento e consegue perdita per > imposte differite sulla perdita di = , trasformabili in crediti tributari La perdita di non e piu riportabile Le imposte differite attive scendono da a

58 decorrenza Utilizzo possibile dalla data di approvazione del bilancio nel quale avviene la trasformazione delle imposte anticipate, quindi se il bilancio e il 2010 ed e stato approvato il 30 aprile 2011, da questa ultima data avviene il possibile utilizzo. Utilizzo va segnalato nel quadro RU sez XV. codice 80 Codice tributo per compensazione e 6834 Per la trasformazione da D.L. 201/11 la decorrenza e dalla data di presentazione della dichiarazione dei redditi in cui viene rilevata la perdita fiscale

59 Plus da lease back 1)Ris. 239/09 rateizzazione max 5 anni 2)CTP Modena rateizzazione come Art bis C.C. Rateizzazione per cessione bene Riscattato: vale data contratto Ris. 379/07

60 Canoni locazioni abitative non incassati Determinazione fondiaria: art. 26 Tuir permette Di non tassare canoni non percepiti dal momento Della conclusione del procedimento di convalida Di sfratto per moosita: tassazione Della rendita catastale

61 Rimanenze opere e servizi in corso di esecuzione Ris. 260/09 : in caso di SAL che non comportano accettazione irrevocabile non si generano ricavi ma rimanenze, da valutare al costo per opere infrannuali e al corrispettivo maturato per quelle ultrannuali Ris 117/10: i costi per prestazione del subappaltatore sono Deducibili ancorché non ultimati ex art. 109, se Correlati a rimanenze dellappaltatore

62 Spese alberghi, ristoranti e rappresentanza Totale alberghi, ristoranti non fruite Da dipendenti e amministratori Totale spese rappresentanza 75% alberghi e ristoranti Totale spese di rappresentanza compresi Alberghi e ristoranti di rappresentanza per Quota deducibile

63 sponsorizzazioni Attivita di accertamento degli Uffici (in modo particolare Marche, Lombardia, Emilia Romagna, Umbria e Toscana) rivolta a contestare le sponsorizzazioni La sponsorizzazione non e spesa Di pubblicita ma di rappresentanza Cass. 3433/2012 La sponsorizzazione che eccede il 20% dellutile al lordo della stessa E indeducibile a causa della antieconomicità

64 Cass. 3433/2012 La pubblicita deve essere intesa come pubblicita prevalentemente ( ancorche non esclusivamente) di prodotto non di marchio, mentre le spese che tendono dare una immagine migliore del marchio sono spese di rappresentanza tranne che non si dimostri concretamente che tramite esse si e incrementato il fatturato Contro :CTP Lecce n. 53/12 : sponsorizzazione e spesa di pubblicita CTR Lombardia 113/11 : per talune imprese la pubblicizzazione del marchio e piu efficace di quella del prodotto ( settore moda)

65 Sponsorizzazione e rappresentanza La spesa di sponsorizzazione non puo rientrare tra quelle di rappresentanza > D.M : spese di rappresentanza e caratterizzata dalla finalita promozionale con erogazioni a titolo gratuito > nella sponsorizzazione non vi e gratuita La sponsorizzazione verso associazione sportiva dilettantistica ( art. 90 L. 289/02) e sempre deducibile fino allimporto di annui

66 TRATTAMENTO DELLE PENALI CONTRATTUALI Clausola penale art C.C. limita lentità del risarcimento del danno E dovuta quando si verificano le condizioni contrattuali che erano state poste, a prescindere dal momento in cui la richiesta di parte è eseguita Quindi ad esempio, se la clausola si manifesta nel 2011 e la parte si attiva con intimazione nel 2012, limporto è deducibile nel 2011 > circ. 29/2011 COMPETENZA ACE BILANCIO

67 TRATTAMENTO DELLE PENALI CONTRATTUALI Problema della supposta riconducibilità della clausola penale al costo per sanzioni che come tale sarebbe indeducibile Cass /2011: la penale dovuta in base a previsione contrattuale non ha carattere sanzionatorio bensì rafforza limpegno contrattuale, quindi è somma deducibile in quanto inerente In caso di esito giudiziale a seguito del quale la penale dovesse essere restituita si avranno sopravveniente attive tassabili Possibile applicazione anche alle somme dovute per risarcimento danni INERENZA ACE BILANCIO

68 DEDUCIBILITÀ DELLE SPESE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA SU IMMOBILI DI TERZI Caso: spese di ristrutturazione sostenute su immobile di terzi senza esplicita previsione contrattuale Tesi Agenzia: trattandosi di migliorie che resteranno consolidate nellimmobile esse vanno considerate liberalità a favore del conduttore e quindi indeducibili CASS /2011 : LA RISTRUTTURAZIONE GENERA VANTAGGIO ALLIMPRESA LOCATRICE E QUINDI RIENTRA NEL CONCETTO DI INERENZA E COME TALE DEDUCIBILE CONDIZIONE: TERZIETA TRA LE PARTI ACE BILANCIO

69 DEDUCIBILITÀ ACCANTONAMENTO PER CREDITI I crediti ceduti pro solvendo rientrano nel computo di quelli svalutabili tramite accantonamento dello 0,5% ex art. 106 del Tuir, poiché non si trasferisce il rischio di insolvenza al factor CASS. N /2011 ACE BILANCIO

70 Proprietà industriale > Normali ammortamenti In base alla Vita utile del bene Proprietà di concessione > 1) Come iscrivere i beni nellattivo patrimoniale: altri beni ( B II 4), oppure nella specifica voce dellattivo 2) Che tipologia di ammortamento applicare: tecnico o finanziario LE SCELTE BILANCISTICHE IN MERITO AI BENI GRATUITAMENTE DEVOLVIBILI ACE BILANCIO

71 LE SCELTE CONTABILI IN TEMA DI AMMORTAMENTI Se il bene presenta vita utile superiore alla durata della convenzione > ammortamento finanziario (es. immobili) Se il bene presenta vita utile inferiore alla durata della convenzione > ammortamento secondo vita utile e accantonamento per la perdita da devoluzione Esempio bene di costo pari a ammortamento 25% durata convenzione dieci anni > al nono anno viene acquistato il bene per la terza volta e al decimo anno si rileva una perdita da devoluzione pari a che dovrebbe essere accantonata ad un fondo rischi già dal primo anno > accantonamento ACE BILANCIO

72 DISCIPLINA FISCALE Ammortamento deducibile sia tecnico che finanziario (alternatività tra i due), se viene incassato un contributo per acquisto o costruzione questo riduce il costo da ammortizzare (ris. 7/96) Accantonamento per spese di manutenzione deducibile nel limite del 5% del costo dei beni fino a quando il fondo non raggiunga lammontare delle spese effettivamente sostenute nel biennio precedente spese sostenute in un esercizio superiori al fondo > eccedenza deducibile nellesercizio stesso e nei cinque successivi Fondo non utilizzato concorre a formare il reddito nellesercizio di devoluzione La perdita da devoluzione accantonata non può essere dedotta (ris. 301/2007), essa va dedotta nel momento della devoluzione Laccantonamento dal fondo di ripristino del 5% può essere calcolato anche sui beni di proprietà del concedente utilizzati nella concessione (ris. 5/2011) ACE BILANCIO

73 Altre variazioni generiche Cod. 32: spese per redazione perizia, poi Deducibili per un quinto in RF 54 cod. 30 Cod. 34: costi beni in godimento ai soci

74 Monitoraggio quadro RW: la norma lobbligo di monitoraggio in dichiarazione RW sussiste se: sono stati effettuati trasferimenti (non al seguito) da o verso lestero di denaro, certificati in serie o di massa o titoli effettuati attraverso soggetti non residenti in Italia, senza lintervento di intermediari residenti sono stati detenuti al termine del periodo dimposta investimenti allestero o attività di natura finanziaria per un ammontare superiore a 10 mila euro; sono stati effettuati trasferimenti da, verso e sullestero aventi ad oggetto attività e investimenti allestero, di importo superiori a 10 mila euro, anche se alla fine dellanno non si detengono tali attività e investimenti Il quadro RW

75 Nei casi di violazione per RW, si applicano le seguenti sanzioni: 5 al 25% degli importi non dichiarati, con la confisca dei beni di corrispondente valore, in caso di mancata compilazione della sezione I; 10-50% degli importi non dichiarati, prevedendosi comunque la confisca dei beni di corrispondente valore, relativamente alle violazioni riferite alla sezione II (fino a tutto il 2007 la sanzione prevista era dal 5 al 25%); 10 al 50% (senza possibilità di confisca per equivalente), nel caso di violazioni relative alla sezione III (anche in tal caso fino a tutto il 2007 le sanzioni erano previste in misura dal 5-25%). ATTENZIONE: SANZIONI DEL QUADRO RW La gestione del quadro RW

76 AMBITO SOGGETTIVO Persone fisiche, anche titolari reddito impresa/lavoro autonomo Enti non commerciali Societ à semplici Associazioni professionali Residenti nel territorio dello Stato nel periodo dimposta di riferimento Per quanto concerne la residenza, si deve fare riferimento all'articolo 2, comma 2, del TUIR, in base al quale si considerano residenti "le persone che per la maggior parte del periodo d'imposta sono iscritte nelle anagrafi della popolazione residente o hanno nel territorio dello Stato il domicilio o la residenza ai sensi del codice civile", tenendo anche conto della presunzione relativa contenuta nel comma 2-bis che opera nei confronti dei cittadini italiani cancellati dalle anagrafi della popolazione residente ed emigrati in Stati o territori aventi un regime fiscale privilegiato. La gestione del quadro RW

77 Da ricordare la sezione I è compilata di rado. Ai sensi dellar. 2 del Dl 167/90 sono oggetto di monitoraggio i trasferimenti da e verso lestero per cause diverse dagli investimenti allestero In particolare: I trasferimenti devono avvenire senza lintervento dellintermediario residente; Non sono monitorati i trasferimenti estero su estero; Non sono monitorati i trasferimenti mediante trasporto al seguito Sono monitorate le spese correnti e per altri motivi Il quadro RW

78 Da ricordare Solitamente le sezioni II e III sono strettamente collegate. Può accadere che si compili solo: la sezione II (se nellanno da dichiarare non sono avvenuti flussi riferiti agli stock da monitorare, oppure gli stessi sono di importo inferiore a 10 mila euro) la sezione III (evento che si configura nel caso in cui alla fine dellanno non si hanno più stock allestero, ovvero sono di importo complessivo inferiore a 10 mila euro). le sezioni II e III devono essere compilate indipendentemente dallorigine delle attività e investimenti (ad esempio, successione o donazione) e dalleventuale intervento di un intermediario residente. Il quadro RW

79 SCUDO Soggetti che hanno effettuato lo scudo fiscale, limitatamente ai beni scudati. In particolare, tutti i soggetti che hanno fatto ricorso al rimpatrio, anche giuridico, non dovranno più utilizzare il quadro RW. Chi, invece, si è avvalso della regolarizzazione, si ritrova nella seguente situazione: chi ha scudato entro il 15 dicembre 2009 doveva riprendere il monitoraggio in Unico Solo in presenza di cause ostative risolte entro il 31 dicembre 2010 si era esonerati in Unico 2011; chi ha effettuato lo scudo entro il 28 febbraio 2010 o entro il 30 aprile 2010 è esonerato relativamente sia ad Unico 2010 che ad Unico 2011, dovendo provvedere alla compilazione di RW a partire da Unico 2012 ESONERATI DA RW QUADRO RW Il quadro RW

80 ART. 38 D.L. 78/10 i dipendenti che prestano in via continuativa attività lavorative presso la Commissione Europea ed altri organismi comunitari e internazionali e la cui residenza è stabilita in Italia ex lege, nonché i dipendenti di ruolo pubblici che risiedono allestero per motivi di lavoro per i quali sia prevista la notifica alle autorità locali ai sensi delle convenzioni di Vienna sulle relazioni diplomatiche e sulle relazioni consolari, sono esonerati da ogni adempimento in termini di monitoraggio in relazione a qualsiasi disponibilità detenuta allestero, sia finanziaria che patrimoniale i frontalieri, sono esonerati ma limitatamente alle disponibilità finanziarie e patrimoniali detenute nel paese di svolgimento dellattività lavorativa ESONERATI DA RW QUADRO RW Il quadro RW

81 Circ. 45/10 Non devono essere indicati in RW i conti correnti allestero rispetto ai quali i soggetti detentori diano disposizione allistituto estero di bonificare automaticamente gli interessi maturati sul conto estero ad un conto italiano, dando specificazione nella causale dellammontare lordo e delleventuale ritenuta applicata allestero, in modo che la banca italiana sia in grado di operare la ritenuta in ingresso sullammontare lordo degli interessi (circolare 19 giugno 2002, n. 54/E). In tal caso, peraltro, non si deve nemmeno compilare il quadro RM Conti correnti QUADRO RW Il quadro RW

82 Gli importi in valuta estera devono essere rapportati alleuro, facendo riferimento al provvedimento del direttore dellAgenzia Entrate in corso di emanazione. Le disponibilità estere devono essere indicate sulla base del relativo costo storico idoneamente documentato. In assenza di corrispettivo, deve farsi riferimento alle disposizioni fiscali che individuano il costo fiscalmente riconosciuto di un bene, come nelle ipotesi della donazione laddove si considera il costo di acquisto sostenuto dal donante. Se il costo non è altrimenti documentabile, deve farsi ricorso ad una perizia di stima. Valori da indicare QUADRO RW Il quadro RW

83 Esempio 6 Casistiche: A: genitore manda i soldi al figlio ed ha disponibilità ( intestatario) del conto. Figlio non residente. Il genitore compila RW ed RM, il figlio no; B: genitore con disponibilità ( cointestatari) del conto e figlio residente. Entrambi compilano RW ed RM; C: genitore senza disponibilità del conto. Figlio non residente. Nessuno compila RW e RM D: genitore senza disponibilità. Figlio residente intestatario. Solo il figlio compila RW ed RM Soldi inviati a familiari allestero QUADRO RW La compilazione

84 Esempio 7 Compromesso di acquisto di immobile allestero con flusso dei soldi a favore del notaio estero o dellazienda estera costruttrice. Lipotesi potrebbe essere linvio monetario nel corso del 2011 relativamente ad un immobile, però, ancora non esistente al 31 dicembre. Come si legge chiaramente dalle istruzioni al quadro RW, non devono essere indicati gli acconti versati per acquisti o investimenti non ancora concretizzati nel periodo dimposta. Dunque il quadro RW non deve essere compilato, a prescindere dagli importi inviati allestero. Si presume che non debba compilarsi nemmeno il quadro RM Acconti QUADRO RW La compilazione

85 QUADRO RM, SEZ XVI LA NUOVA PATRIMONIALE

86 NUOVA PATRIMONIALE IMMOBILI ESTERI Introdotta a regime dal comma 13 dellart. 19 del DL 201/11 unimposta patrimoniale riferita agli immobili detenuti a titolo di proprietà o in base ad altro diritto reale allestero; Interessati solo le persone fisiche; Imposta fissata in misura pari allo 0,76%; Limposta si applica a prescindere dallutilizzo dellimmobile; Creato un microsistema differente rispetto agli adempimenti dichiarativi in Unico Il quadro RM

87 NUOVA PATRIMONIALE IMMOBILI ESTERI Deroghe previste dal DL 16/12 Limposta non è dovuta se di importo non superiore a 200 euro; Per i soggetti impiegati dello Stato o di Enti internazionali partecipati dallItalia si applicano le regole IMU se limmobile è abitazione principale Il quadro RM

88 COME SI DETERMINA LA PATRIMONIALE Limposta è dovuta da proprietari e da chi ha diritti reali. Dunque include nudi proprietari e usufruttuari. Delle difficoltà potrebbero sorgere per istituti giuridici esteri non coincidenti con quelli italiani; Limposta è dovuta proporzionalmente alla quota di possesso e ai mesi dellanno nei quali si è protratto il possesso (da comprendere se per nuda proprietà e usufrutto valgono i chiarimenti del quadro RW, ossia se devono considerarsi i valori indicati nellatto originario); Il mese si computa per intero se il possesso è durato per almeno 15 giorni. Nel caso di dismissione, mentre RW in sezione II non si compila, la patrimoniale è comunque dovuta e si compila RM Il quadro RM

89 COME SI DETERMINA LA PATRIMONIALE laliquota dello 0,76% si applica al valore costituito dal costo risultante dallatto di acquisto o dai contratti e, in mancanza, secondo il valore di mercato …; Si creano disparità clamorose tra chi ha la documentazione e chi no. In ogni caso non rileva leventuale valore catastale; non è chiaro se latto di acquisto sia quello dellattuale proprietario, che potrebbe aver ricevuto limmobile in eredità o donazione, così come deve comprendersi come deve procedersi in assenza di un corrispettivo monetario (si pensi alla permuta) Il quadro RM

90 NUOVA PATRIMONIALE IMMOBILI ESTERI Deroghe previste dal DL 16/12 Se limmobile è localizzato in UE o in SEE con scambio di informazioni limponibile è quello utilizzato nel Paese estero ai fini dellassolvimento di imposte sul patrimonio o sui trasferimenti; È possibile dedurre dallimposta patrimoniale dovuta in Italia le imposte di natura patrimoniale e quelle di natura reddituale sempreché, per queste ultime, non si sia già fruito dellart. 165 del tuir. Il quadro RM

91 ATTENZIONE NON E POSSIBILE PROCEDERE CON AUTOMATISMI Le regole di compilazione sono diverse, sia sul fronte reddituale (RL), sia per il monitoraggio (quadro RW) che per la patrimoniale (RM). Ad esempio, nel caso di un Immobile a New York: La patrimoniale è sempre applicabile, con scomputo delleventuale patrimoniale pagata negli USA Lindicazione nel quadro RW è obbligatoria (salvo il caso di esonero, ad esempio, per gli impiegati statali che lavorano allestero); Non è necessaria lIndicazione nel quadro RL. In USA non esiste un sistema basato sulle rendite catastali. Dunque limmobile a disposizione non deve essere dichiarato in RL. Il quadro RM

92 NUOVA PATRIMONIALE ATTIVITÀ ESTERE La misura della patrimoniale è fissata nell1 per mille annuo per il 2011 e per il 2012; Diventa dell1,5 per mille a regime a decorrere dal 2013; Per i conti correnti e i libretti di risparmio è di 34,20 euro ( D.L. 16/12) Sono esclusi dallimposizione le attività finanziarie che seppur fisicamente detenute allestero sono state oggetto del rimpatrio giuridico; Sono da includere nellambito applicativo anche le attività finanziarie riferite a emittenti italiani ma comunque detenute per il tramite di intermediari allestero. Il quadro RM

93 LA NON INFLUENZA DI UNICO la norma non è collegata alla compilazione del quadro RW e pertanto anche situazioni di eventuali esonero dichiarativo, come nel caso dei frontalieri (art. 38, comma 13, del D.L. n. 78 del 2010), dei residenti nel comune di Campione dItalia (circolare n. 43 del 2009), delle previdenze complementari (circolare n. 11 del 2010) o ancora delle stock option (circolare n. 49 del 2009) e dei conti correnti con disposizione di bonificare automaticamente su un conto italiano gli interessi maturati, sono attratti dalla nuova disposizione; peraltro, la patrimoniale si applica pro-quota e dunque non rilevano le regole del quadro RW, laddove per alcune attività finanziarie detenute allestero (in primo luogo i conti correnti cointestati) è richiesta lindicazione del valore assoluto dellattività Il quadro RM

94 IL VALORE DI RIFERIMENTO le attività finanziarie devono essere sempre valorizzate al valore di mercato rilevato al termine di ciascun anno solare nel luogo in cui sono detenute… anche utilizzando la documentazione dellintermediario estero di riferimento per le singole attività; solo in assenza del valore di mercato è possibile ricorrere al valore nominale o di rimborso. Si pone il problema del valore delle attività in caso di modifica, apertura o chiusura della stessa nel corso dellanno Il quadro RM

95 AMBITO SOGGETTIVO Persone fisiche, anche titolari reddito impresa/lavoro autonomo Enti non commerciali Societ à semplici Associazioni professionali Residenti nel territorio dello Stato nel periodo dimposta di riferimento Per quanto concerne la residenza, si deve fare riferimento all'articolo 2, comma 2, del TUIR, in base al quale si considerano residenti "le persone che per la maggior parte del periodo d'imposta sono iscritte nelle anagrafi della popolazione residente o hanno nel territorio dello Stato il domicilio o la residenza ai sensi del codice civile", tenendo anche conto della presunzione relativa contenuta nel comma 2-bis che opera nei confronti dei cittadini italiani cancellati dalle anagrafi della popolazione residente ed emigrati in Stati o territori aventi un regime fiscale privilegiato. La gestione del quadro RW

96 Immobile detenuto in Francia, valore imponibile e valore catastale rivalutato, si scontano la taxe fonciere ( determinata con aliquote stabilite dalla amministrazioni locali), quindi valore , gia versata per tax fonciere 1.000, saldo Ivie Partecipazione estera detenuta da marito e moglie in Germania, saldo al IVAFE marito = x 0,1% =

97 Regime fiscale di vantaggio Requisiti di accesso: Inizio di nuova attivita dal 2008 ( si fa riferimento al momento effettivo dellinizio non alla semplice assunzione di partita Iva) Inesistenza nel triennio precedente di attivita dimpresa o lavoro autonomo: i tre anni sono solari

98 Regime fiscale di vantaggio Ai fini dellesercizio di attivita nel triennio non rileva: Socio accomandante e di capitale in SRL ( tranne che non sia provata attivita di gestione in quanto socio) Partecipazione a societa inattiva ( quindi anche collaboratore di impresa familiare senza attribuzione compenso) Rileva invece associato in partecipazione con apporto di solo lavoro

99 Regime fiscale di vantaggio Attivita nuova non deve essere mera prosecuzione di quella precedente la lavoro dipendente o autonomo: Non si verifica mera prosecuzione quando il rapporto e interrotto per cause non imputabili al lavoratore…. Si applica anche: 1)Ex Lavoratore, ora in pensione 2)Contratto subordinato a termine o di collaborazione alla scadenza del contratto 3)Mentre lex lavoratore che pur con mezzi diversi si rivolge alla stessa clientela dimostra una presumibile continuazione

100 Regime fiscale di vantaggio Nota bene Attivita di carattere occasionale non costituisce mai un precedente da valutare ai fini della mera prosecuzione

101 Regime fiscale di vantaggio Nota bene Esimente per praticantato va estesa anche a settori imprenditoriali

102 Regime fiscale di vantaggio Acquisto di azienda di ridotte dimensioni Oltre al tetto di si applica anche il tetto dellacquisto di beni strumentali pari a

103 Regime fiscale di vantaggio Durata del regime Cinque anni anche oltre i 35° anno di eta Piu di cinque anni se < a 35° anno di eta

104 Attivita iniziata dopo il 2007 Impossibilita di accedere al regime di vantaggio successivamente allinizio attivita se si e optato per regime diverso rispetto al momento dellinizio ( quindi possibile se allinizio dellattivita si e optato ad esempio per regime neo attivita o regime ordinario, fermo restando il vincolo triennale ??) Regime di vantaggio per anni residui del quinquennio O fino al 35° anno di eta

105 Casi Particolari Indennita di maternita ( o qualunque altra indennita sostitutiva) concorre al tetto di ? No, ma deve essere inserita nel quadro CM al rigo CM 2 Tetto per beni strumentali: rilevano anche gli acconti


Scaricare ppt "ACE E UNICO 2012 SOCIETA DI CAPITALI Calcolo in RS 113 Risultato in RN 6 ( senza transito da RF) eccedenza a nuovo SOCIETA DI PERSONE Calcolo in RS 45."

Presentazioni simili


Annunci Google