La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

STRUTTURA TERZIARIA DELLE PROTEINE. FORZE NON COVALENTI Basso contenuto energetico, MA il gran numero di singole interazioni costituisce una forza di.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "STRUTTURA TERZIARIA DELLE PROTEINE. FORZE NON COVALENTI Basso contenuto energetico, MA il gran numero di singole interazioni costituisce una forza di."— Transcript della presentazione:

1 STRUTTURA TERZIARIA DELLE PROTEINE

2 FORZE NON COVALENTI Basso contenuto energetico, MA il gran numero di singole interazioni costituisce una forza di legame sufficiente a stabilizzare la struttura della proteina stessa. Forze idrofobiche Legami idrogeno Interazioni elettrostatiche Forze di dispersione di van der Waals

3 Esempi di strutture terziarie

4 PROTEINE FIBROSE

5 - Danno protezione esterna, sono i costituenti dello strato più esterno della pelle, dei capelli, penne unghie e corna. - Danno supporto, modello e forma perchè costituiscono la maggior parte de composti organici dei tessuti connettivi, inclusi tendini, cartilagine, ossa e gli strati profondi della pelle. -Hanno strutture più semplici delle proteine globulari

6 -cheratine capelli, lana, piume, unghie, artigli, aculei, squame, corna, gusci di tartaruga, strati esterni della pelle sono una famiglia, sono simili tra loro per la composizione in amminoacidi e per conformazione. Prodotte allinterno delle cellule epidermiche, le catene polipeptidiche si organizzano in filamenti, poi questi formano delle strutture a fune che riempiono la cellula.Le cellule muoiono e le pareti cellulari formano la cuticola. Ricche di amminoacidi che favoriscono la formazione di -elica. Contengono molti residui di cistina che possono formare legami disolfuro tra catene adiacenti.

7 La superstruttura secondaria del collagene è una tripla elica. Il collagene fa parte di diverse strutture biologiche quali cartilagini, tendine, pelle. Strutture in rasmol

8 IL RAGGIUNGIMENTO DELLA CORRETTA STRUTTURA TERZIARIA Christian Anfinsen negli anni 60 vinse il premio Nobel per aver dimostrato che il ripiegamento delle proteine nelle loro strutture terziarie è governato dalla proteina stessa. Tuttavia 30 anni dopo, alcuni scienziati hanno scoperto che altre proteine possono aiutare il processo del ripiegamento. Esse sono chiamate chaperoni (o chaperonine) e sono fisicamente associate alla proteina da aiutare durante il processo del ripiegamento. Tuttavia, una volta completato il proprio compito lo chaperone si stacca dalla proteina per trasferirsi su di unaltra che si sta ripiegando. Alcune proteine sono aiutate da più chaperoni e si hanno anche evidenze che il processo avviene con più stadi diversi.

9 Lesperimento di Anfisen utilizzò la Ribonucleasi Ponti disolfuro -Mercatoetanolo Urea 8M Proteina denaurata Ponti dis. ridotti (HO-CH 2 CH 2 SH) Ossidazione in condizioni rinaturanti Proteina nativa 4 ponti dis. Corretti. Invece di 4 qualsiasi dei 105 possibili (7x5x3)

10 Struttura quaternaria di proteine: lemoglobina umana

11 Strutture quaternarie: struttura di un batteriofago (virus del mosaico del tabacco)

12 Strutture quaternarie: struttura di un virus (adenovirus)

13 Immagine in microscopia elettronica di un adenovirus

14


Scaricare ppt "STRUTTURA TERZIARIA DELLE PROTEINE. FORZE NON COVALENTI Basso contenuto energetico, MA il gran numero di singole interazioni costituisce una forza di."

Presentazioni simili


Annunci Google