La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

GLI ANNI CINQUANTA Un decennio di grandi trasformazioni.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "GLI ANNI CINQUANTA Un decennio di grandi trasformazioni."— Transcript della presentazione:

1 GLI ANNI CINQUANTA Un decennio di grandi trasformazioni

2 È un decennio di grandi trasformazioni per la società italiana, quello che si apre nel 1951: il periodo della vera e propria ricostruzione si esaurisce lentamente, lasciando il posto a nuovi e originali impulsi produttivi; un Paese che qualche anno prima era in ginocchio, si trova così proiettato in una dimensione di tale vivacità lavorativa da essere in grado di gettare le basi di quel processo che porterà al "Miracolo economico" dei primi anni Sessanta.

3 Un decennio di grandi trasformazioni Le grandi svolte connesse con l'utilizzazione delle materie plastiche, con la nascita della grande distribuzione commerciale, con la diffusione degli elettrodomestici e di altri beni di consumo tipici del mondo occidentale industrializzato, fanno conoscere agli italiani una nuova concezione del "benessere". Comincia un forte movimento di popolazione dal Sud al Nord, dalle campagne alle città e dall'agricoltura all'industria.

4 Un decennio di grandi trasformazioni Nasce la televisione, che subito si identifica come strumento di sviluppo e di unificazione culturale, ma che ben presto diviene anche una "stanza dei giochi" senza eguali per gli utenti di ogni età, che si stringono attorno agli apparecchi televisivi per seguire entusiasti Lascia o raddoppia? Il Musichiere, Carosello. Anche nella musica leggera il progresso avanza: dalle note languide e appassionate di Grazie dei fiori del primo Sanremo, il Festival passa a proporre, verso la fine del decennio, i terzinati di Domenico Modugno che trionfa con Volare e Ciao ciao bambina.

5 Un decennio di grandi trasformazioni Sul fronte politico interno, dopo un periodo di compatta e aspra opposizione delle sinistre contro i partiti di governo, verso la metà del decennio la presa di distanza tra il PSI e PCI sui fatti di Ungheria crea le prime premesse di quel lento processo che (dopo un lungo travaglio dei socialisti, fatto anche di scissioni e ricomposizioni) sfocerà, nei primi anni del decennio successivo, nei governi di centro- sinistra.

6 Un decennio di grandi trasformazioni Sul piano internazionale, l'ammissione all'ONU e il sostanziale apporto dato alla creazione della Mercato Comune Europeo sanciscono, dopo un buio che durava dalla metà degli anni Trenta, il rientro a pieno titolo dell'Italia sullo scenario politico mondiale.

7 1951 All'inizio del decennio il totale della popolazione italiana ammonta a abitanti, di cui maschi e femmine. L'incremento medio annuo è del 7,4%. Rispetto al censimento del 1936 c'è stata una crescita complessiva di unità e rispetto al censimento del 1931 di unità. La città più popolosa d'Italia è Milano, con abitanti; segue Roma con e Napoli con

8 1951 Dal censimento risulta che la tipologia familiare più diffusa è il nucleo composto da 3 elementi (20,7%); seguono i nuclei formati da 4 (19%) e da 2 componenti (17,4%). Sono comunque ancora largamente rappresentate tipologie più numerose: le famiglie composte da 5 elementi costituiscono il 13,3% del totale, mentre i nuclei che comprendono 7 o più persone ammontano all'11,7%. Vengono celebrati matrimoni, il 97,6% dei quali con rito religioso e il 2,4% con rito civile. Sono le separazioni.

9 Matrimoni A partire dai primi anni Settanta il numero di matrimoni celebrati in Italia ha visto una continua diminuzione: da circa celebrati nel 1972 si è passati a meno di celebrati nel 2010.

10 Divorzi e separazioni Nel 2009 le separazioni sono state e i divorzi , con un incremento rispettivamente del 2,1 e dello 0,2% rispetto allanno precedente. Si tratta, soprattutto nel caso dei divorzi, di incrementi molto più contenuti rispetto a quelli registrati tra 2007 e 2008 (3,4% per le separazioni e 7,3% per i divorzi).

11 Divorzi e separazioni I due fenomeni sono tuttavia in costante crescita: se nel 1995,ogni matrimoni si sono registrati 158 separazioni e 80 divorzi, nel 2009 si arriva a 297 separazioni e 181 divorzi. La durata media del matrimonio risulta pari a 15 anni per le separazioni e a 18 anni per i divorzi.

12 1951 I laureati nel 1951 sono : il 20,4% ha conseguito una laurea in materie scientifiche, il 20% in materie letterarie, il 19,7% in medicina e il 17,6% in giurisprudenza. Seguono, più staccate le lauree in ingegneria (10,3%), in scienze economiche (6,2%) e in scienze agrarie (4,2%). Il tasso di analfabetismo della popolazione italiana è del 12,9%.

13 1951 I disoccupati sono stimati in unità. Il settore economico che impiega più lavoratori è ancora l'agricoltura (oltre 8 milioni di unità). Uva e frumento sono i principali prodotti agricoli (rispettivamente e quintali). Le autostrade costituiscono ancora una parte limitata delle vie di comunicazione (479 km). Le importazioni superano di circa 220 miliardi di lire le esportazioni.

14 Telefoni e telefonini Gli apparecchi telefonici sono I telefonini sono sempre più diffusi nel nostro paese: nel 2008 circolano 155,77 sim card ogni cento persone, contro le 97,66 registrate nel 2003.

15 1952 A partire da quest'anno comincia ad accentuarsi la capacità di esportazione dell'economia italiana. Vi è un forte movimento di popolazione dal Sud al Nord, dalle campagne alle città e dal l'agricoltura all'industria.

16 1952 Diminuisce leggermente il numero degli espatriati ( ): la Francia e la Svizzera sono i Paesi verso cui maggiormente si dirigono gli emigrati. Dalla Svizzera provengono anche il maggior numero dei rimpatriati, a testimonianza del fatto che il fenomeno dell'immigrazione verso quel Paese ha carattere periodico.

17 1953 Il 29 marzo viene approvata quella che, dalle opposizioni, verrà chiamata la "legge truffa", che prevede, per le elezioni della Camera dei deputati, l'adozione di un sistema "misto" tra il proporzionale e il maggioritario. Messa alla prova alle elezioni politiche del 7 giugno, la riforma elettorale rimarrà comunque inoperante, dal momento che DC, PSDI, PRI e PLI raggiungeranno soltanto il 49,85% dei voti, non ottenendo quindi il "premio di maggioranza". Notevoli le avanzate del PCI, del MSI e del Partito Monarchico.

18 1953 Il 16 luglio il nuovo governo monocolore democristiano presieduto da De Gasperi non ottiene la fiducia del Parlamento A un mese di distanza, il 16 agosto, Giuseppe Pella guida un governo monocolore (con alcuni tecnici e indipendenti), appoggiato da democristiani, repubblicani, liberali e monarchici, con l'opposizione di socialisti e comunisti e l'astensione di socialdemocratici e missini.

19 1954 Il 10 febbraio Mario Scelba forma un governo con democristiani, liberali e socialdemocratici con l'appoggio esterno dei repubblicani; la stabilità del governo viene messa in forse, prima dalla morte per avvelenamento nel carcere di Palermo di Gaspare Pisciotta, ex luogotenente di Salvatore Giuliano, poi dallo scandalo Montesi che coinvolge il figlio del ministro degli Esteri Attilio Piccioni. Il 3 gennaio la RAI inizia regolari trasmissioni televisive, in regime di monopolio.

20 1955 Il 29 aprile l'esponente della sinistra democristiana Giovanni Gronchi, anche grazie ai voti favorevoli dei socialisti e dei comunisti, viene eletto Presidente della Repubblica. Il 14 dicembre l'Italia viene ammessa all'ONU.

21 1955 Boom dell'affluenza di pubblico nelle sale cinematografiche: vengono venduti 819 milioni di biglietti, contro i 661 di cinque anni prima. L'afflusso di pubblico, ancora sostenuto nel 1960 (744 milioni di biglietti venduti), comincerà a ridursi progressivamente a partire dagli anni Settanta.

22 La crisi del cinema CINEMA: nel 2011 sono stati circa i biglietti venduti

23 1956 In seguito alle rivelazioni di Krusciov al XX congresso del PCUS sui crimini di Stalin e all'invasione dell'Ungheria da parte delle truppe sovietiche il PCI attraversa un periodo di grave crisi, che si ripercuote sia nei suoi rapporti con la CGIL, sia a livello di iscritti, con l'uscita dal partito di molti intellettuali. Palmiro Togliatti, segretario del Partito comunista, sollecita quindi un ripensamento critico sullo stalinismo e auspica una "via italiana al socialismo".

24 1956 Gli abbonati al telefono sfiorano quest' anno i 2 milioni, cioè il doppio rispetto al 1950 e quasi il quadruplo rispetto al periodo della guerra. Il numero delle autovetture circolanti in Italia supera il milione, con 21 veicoli ogni abitanti. Sale anche il numero degli incidenti stradali, che passano dai dell'anno precedente ai di quest'anno; di essi sono mortali.

25 1957 In febbraio, al congresso di Venezia, il PSI prende le distanze dal PCI in seguito agli avvenimenti ungheresi del Il 25 marzo vengono firmati i trattati di Roma istitutivi della Comunità Economica europea (CEE) e dalla Comunità europea nell'energia atomica (EURATOM), con l'adesione di Francia, Repubblica Federale Tedesca, Italia, Belgio, Paesi Bassi e Lussemburgo.

26 1958 Il 1° luglio il segretario della Democrazia Cristiana, Amintore Fanfani, forma un governo di coalizione DC-PSDI con cauti propositi di apertura verso i socialisti. Il 9 ottobre muore papa Pio XII e gli succede il 28 il cardinale Angelo Giuseppe Roncalli, con il nome di Giovanni XXIII. Il numero dei passeggeri delle società di navigazione aeree italiane supera abbondantemente il mezzo milione, dimostrando che ormai il trasporto aereo è una realtà anche in Italia.

27 1959 Il 25 gennaio papa Giovanni XXIII annuncia la convocazione del Concilio Ecumenico Vaticano II. In ottobre il nuovo segretario della DC, Aldo Moro, durante il congresso del partito, pone le premesse per la costituzione di un governo di centro-sinistra.

28 Speranze Gli anni Cinquanta sono anche gli anni della Vespa e della Lambretta, di Coppi e di Bartali, Togliatti e De Gasperi; gli anni di Pasolini, Gadda, Bassani, Moravia; lItalia di Carosello e delle utopie industriali.

29 Anni sì di scommesse e di incertezze, ma soprattutto anni di speranze: il baratro della guerra e delloccupazione nazista ce lo eravamo lasciato alle spalle e si guardava avanti ad un paese da ricostruire, a bisogni da inventare e da soddisfare, ponendo le basi dellesplosione economica e culturale del decennio successivo.

30 La Mafia Rapporti tra politica e criminalità organizzata

31 LItalia diventa grande Sono gli anni nei quali lItalia povera ma bella scommette sulla propria creatività e diventa grande. Negli anni Cinquanta larte e lindustria si fondono dando vita ad un connubio magico: nellurgenza della ricostruzione postbellica è vivo il bisogno di una rigenerazione dei costumi e delle forme e si crea allora uno spazio dove lutopia e la ricerca sperimentale sposano le rinnovate esigenze della produzione industriale.

32 LItalia diventa grande Grazie alla lungimiranza di una classe di capitani dindustria illuminati e personalità artistiche capaci di intercettare i cambiamenti epocali della società, come Giacosa e la sua Cinquecento, come Castiglioni, Ponti, Sottsass, il ludico Munari, Albe Steiner, Zanusso, bellezza, praticità, funzionalità diventano le parole dordine.

33 LItalia diventa grande E anche portatile: la radio portatile, la macchina da scrivere davvero portatile, la Olivetti lettera 22, davvero leggera e anche bella con le sue linee tese e pulite - in un mondo in trasformazione, dove dallosteria si passa al bar sport e ci si muove a bordo di un sogno comprato a rate, lutilitaria, con cui magari cento allora non li fai, ma ottanta sì: il disegno industriale perde la maschera dellanonimato e diventa design, vera e propria arte al servizio della società; arte e industria non sono più due mondi separati.

34 LItalia diventa grande Come in un nuovo Rinascimento, luomo e gli spazi dove vive e si muove e lavora sono al centro della ricerca e della sperimentazione tanto tecnologica quanto artistica. Lo spazio lavorativo, per larchitettura e lo spazio abitativo, catalizzatore dei consumi, per il design diventano i luoghi dove dare vita a una sofisticata ricerca progettuale, una ricerca proiettata in avanti, verso il moderno inteso come superamento del passato

35 LItalia diventa grande Sono gli anni della sperimentazione sui materiali, gli anni della plastica e della morbidezza delle forme futuribili e un giradischi da salotto è più vicino a unastronave da fumetto che non al vecchio imponente massiccio mobile radio di prima della guerra, ma allo stesso tempo una ricerca responsabile verso la tradizione, alla quale si guarda cercandone una rilettura critica.

36 LItalia diventa grande Euforia creativa, spazi e mondi da ricostruire dal nulla, grandi convergenze e grandi divisioni, su tutti i fronti, in politica come nellarte, questultima con i suoi nuovi realismi, i suoi concetti spaziali, i nuovi fronti, gli in- formalismi: Fontana, Burri, Capogrossi, Afro, Pirandello, Manzù, Guttuso, Pomodoro, Manzoni, Rotella per nominare solo i maggiori esponenti delle arti plastiche e visive di questo decennio.

37 LItalia diventa grande Un nuovo rinascimento, si diceva, dove luomo torna al centro: luomo e i suoi bisogni, reali o indotti, luomo e i suoi consumi. La donna e i suoi bisogni e consumi: arrivano in quegli anni in Italia i primi elettrodomestici con il loro sapore doltreoceano, la lavatrice, il frigorifero, la televisione. Televisione per pochi, almeno allinizio, la trovi nei bar e se sei fortunato cè qualcuno nel palazzo che ce lha già e allora ci si riunisce la sera, tutto il condominio, a guardare Lascia o Raddoppia? e Il Musichiere.

38 LItalia diventa grande Altrimenti si va al cinema: nel 1955 si toccano cifre mai raggiunte – e purtroppo mai più ripetute – con più di sale cinematografiche sparse per la penisola per un totale di 819 milioni di biglietti staccati. Si va al cinema e si cerca uno specchio dove rivedere se stessi, tanto nella produzione di genere quanto in quella dautore, nelle commedie di Totò e Fabrizi come nei grandi melodrammi, tanto nei sogni di Fellini quanto nei primi romanzi già della crisi di Antonioni.

39 LItalia diventa grande Consumo, commercio, pubblicità: gli anni Cinquanta sono gli anni di Carosello in tv; gli anni dellesplosione della grafica, della pubblicità come scienza, la pubblicità come arte. E anche questa nuova arte ha i suoi autori e si muovono anchessi in un terreno tra sperimentazione autonoma e confronto con la tradizione.

40 LItalia diventa grande Cè Franco Grignani con i suoi dinamismi di sapore futurista, e i suoi retini (marchio Pura Lana Vergine); cè Armando Testa, elegante affabulatore, capace di sintesi iconografiche ormai entrate a far parte dellimmaginario collettivo proprio non solo di chi quegli anni li ha vissuti (Caffè Lavazza, digestivo Antonetto, olio Sasso, Pirelli, Simmenthal, Martini & Rossi).

41 GLI ANNI SESSANTA IL MIRACOLO ECONOMICO

42 1960 Il 24 febbraio si dimette il governo Segni, sostituito il 25 marzo da un monocolore democristiano guidato da Tambroni. In luglio si svolgono violente manifestazioni di piazza per impedire il congresso del MSI a Genova; negli scontri con le forze dell'ordine muoiono 6 persone a Reggio Emilia e in Sicilia. Il 19 luglio Tambroni si dimette; lo sostituisce il 26 Fanfani, a capo di un governo monocolore democristiano appoggiato da socialdemocratici, repubblicani e liberali.

43 1960 Gli abbonati al telefono sono oltre 3 milioni, contro i 2 milioni del 1956 e il milione del La mortalità infantile per nati vivi è di 52,7 (decennio '51-'60), inferiore di circa la metà rispetto al decennio precedente. Negli ultimi 10 anni il reddito nazionale è aumentato del 47%. Il totale degli occupati nel settore industriale supera per la prima volta quello del settore agricolo.

44 1960 Nel decennio '51 '60 il consumo medio annuo di tutti i generi alimentari (cereali, prodotti ortofrutticoli, carni e altri) aumenta costantemente. Il prodotto lordo delle attività industriali (estrattive, manifatturiere, elettriche, acqua e gas, costruzioni) è circa il doppio rispetto al La rete autostradale subisce un'impennata passando dai 747 km dell'anno precedente a km, grazie all'inaugurazione dell'Autostrada che collega ininterrottamente Milano con Napoli.

45 1960 Nei primi anni degli anni sessanta l'economia italiana giunge al suo massimo livello di espansione, dando luogo al fenomeno noto come il "miracolo economico". L'imponente ripresa espansiva italiana, che a partire dal 1956 aveva avuto come principale elemento propulsore le esportazioni, si caratterizza attraverso una sostanziale stabilità dei prezzi e una quasi totale assenza di squilibri nella bilancia dei pagamenti.

46 1960 Naturalmente non si tratta di un fenomeno esclusivamente italiano, ma di una congiuntura internazionale particolarmente favorevole che si manifesta proprio nel momento in cui l'apparato produttivo italiano sta entrando in piena efficienza. Rispetto ad altri Paesi, tuttavia, la situazione italiana si distingue per un grado di accelerazione nell'incremento del prodotto interno lordo assolutamente fuori del comune. Il reddito nazionale netto, a valori costanti, tra il 1959 e il 1964, avrà un incremento del 32,3%.

47 1960 Sul piano sociale, verso la fine del decennio si manifestano i sintomi di un profondo cambiamento che giungerà alla sua piena maturazione nei primi anni del decennio successivo. Non si tratta di una semplice evoluzione verso forme di vita più moderne, ma di una rapida irruzione di nuovi elementi culturali e ideologici, che invadono il tessuto sociale trovando la loro più vigorosa espressione nelle scelte e negli atteggiamenti dell'universo giovanile.

48 1960 Oltre ad accedere a una progressiva "presa di coscienza" della propria appartenenza a un contesto sociale e politico e della possibilità di interagire concretamente con esso, i giovani sintetizzano gli elementi pacifisti della cultura hippy con i più acuti accenti politici mutuati dal mondo comunista, tanto sovietico quanto cinese.

49 1960 Attuano un movimento di contestazione del "Sistema" di portata molto ampia e influendo notevolmente, oltre che sul sostrato politico della società, anche sul linguaggio, sulla musica, sulla letteratura, sull'arte, sull'atteggiamento nei confronti dei costumi sessuali e del ruolo della donna nella società.

50 1960 Trattandosi di fenomeni scaturiti principalmente nelle scuole e nelle università, non c'è dubbio che su di essi abbiano notevolmente influito l'aumento del livello medio di istruzione della popolazione e il conseguente aumento della lettura. Il sempre più accentuato consumismo (attestato, per esempio, dalla larghissima diffusione di elettrodomestici di ogni genere e applicazione e dall'enorme aumento della produzione di rifiuti urbani) sottolinea la tendenza della nostra società a uniformarsi a un modello di vita tipico del capitalismo occidentale, e in particolare americano.

51 1961 Il 21 gennaio viene formata a Milano la prima giunta comunale di centro-sinistra (con raccordo tra democristiani e socialisti), cui seguiranno, in febbraio e marzo quelle di Genova e di Firenze. Il 14 luglio papa Giovanni XXIII promulga l'enciclica Mater et magistra, in cui si chiedono l'attuazione di una maggiore giustizia sociale e il riconoscimento dei diritti delle nazioni sottosviluppate del Terzo Mondo.

52 1961 All'inizio del decennio il totale della popolazione italiana ammonta a abitanti, di cui maschi e femmine. L'incremento medio annuo del 6.4%. Rispetto al censimento del 1951 c'è stata una crescita complessiva di unità, e rispetto al censimento del 1931 di unità. La tipologia familiare più rappresentata ormai stabilmente è il nucleo composto da tre elementi(22,4%), che precede il nucleo di quattro (20,4%) e due (19.6%) elementi; in calo i nuclei composti da cinque o più elementi.

53 1961 Sono i laureati in Italia. In crescita, e in testa, risulta il gruppo giuridico, che con il 21,5% scavalca il gruppo letterario ( 19,3 %) ; gli indirizzi scientifici perdono oltre il 3% rispetto al decennio precedente, inaugurando un trend negativo, che porterà a un progressivo assottigliamento in percentuale dei laureati in materie scientifiche sul totale dei laureati. Dai dati del censimento risulta anche che il tasso di analfabetismo è sceso all'8,3%.

54 1961 La disoccupazione scende ai livelli più bassi del dopoguerra: dai disoccupati del 1951 si passa ora a La rete autostradale passa dai 479 km del 1951 ai km di quest'anno. Anche il traffico aereo subisce un'impennata notevole, il numero dei passeggeri imbarcati, passano dai del 1951 a di quest'anno. La rete telefonica passa da apparecchi del 1951 a

55 1962 Dopo nove scrutini e un lungo ballottaggio con Saragat, il 6 maggio Antonio Segni viene eletto Presidente della Repubblica. Succede a Giovanni Gronchi. Il totale delle nascite ( ) continua ad aumentare costantemente. La speranza di vita alla nascita è di 67,2 per gli uomini e di 72.3 per le donne.

56 1962 Gli studenti iscritti alla scuola media inferiore ( ) e a quella superiore ( ) sono circa il doppio rispetto a dieci anni prima. Crolla dal 28.8 % del 1952 al 17,8% la percentuale di iscritti ai licei ginnasi rispetto al totale degli iscritti alle scuole secondarie superiori, mentre inizia un vero e proprio boom degli istituti tecnici, le cui percentuali passano dal 32% al 42,8%. Sostanziale tenuta dei licei scientifici (da 9,6% a 8,1%). Forte aumento anche nelle iscrizioni all'università, che raggiungono la cifra record di 312,000.

57 1962 Continuano ad aumentare la produzione e la vendita di autovetture; nel 1962 ne circolano , quasi mezzo milione in più rispetto all'anno precedente, con un tasso di 59 autovetture per abitanti. Moderato, invece, l'aumento degli incidenti stradali, anche in conseguenza del nuovo codice della strada. La RAI effettua le prime trasmissioni via satellite, con collegamenti diretti con gli Stati Uniti.

58 1963 In gennaio viene approvata la legge di riforma scolastica che istituisce la scuola media unica e prolunga sino ai 14 anni la frequenza scolastica obbligatoria. Il 3 giugno muore Giovanni XXIII; il 21 gli succede il cardinale Giovanni Battista Montini, Paolo VI.

59 1963 Il 9 ottobre la frana nel bacino della diga del Vajont, presso Longarone (Belluno), e la successiva inondazione provocano la scomparsa di numerosi centri abitati e la morte di circa persone in una vasta area tra le province di Belluno e di Udine. Il 4 dicembre Moro forma il primo governo di centro-sinistra, con la partecipazione di DC, PSI. PSDI e PRI.

60 1963 L'autunno 1963 segna l'acme del fenomeno noto come "Miracolo economico". Il "boom" modifica anche le abitudini alimentari degli italiani: per esempio, continua a crescere costantemente il consumo medio annuo di carne bovina(17,8 chilogrammi per abitante). Lo sviluppo dell'industria automobilistica italiana conosce la sua prima crisi dal La crisi durerà fino al 1965 per attenuarsi poi gradualmente fino a dare luogo a una nuova ripresa, che sarà interrotta bruscamente dallo shock petrolifero del 1973.

61 1964 L'ala sinistra del PSI si scinde per formare il PSIUP, Partito Socialista Italiano di Unità Proletaria. Il 6 agosto Moro da vita a un nuovo governo quadripartito (DC-PSI-PSDI-PRI). Il Presidente della Repubblica Segni viene colpito da un grave malattia che gli impedisce l'esercizio delle proprie funzioni; lo sostituisce, ad interim. Cesare Merzagora, Presidente del Senato. 6 dicembre, dimissioni di Segni, il 28 il socialdemocratico Giuseppe Saragat viene eletto Presidente della Repubblica.

62 1965 Dal 10 al 14 novembre si tiene a Roma il XXXVI congresso nazionale del PSI, dove prevale la tesi di Nenni, De Martino e Mancini, favorevoli a una riunificazione con i socialdemocratici. Soltanto 436 persone emigrano in Argentina, la cifra più bassa di tutti i tempi. La nazione sudamericana era un tempo la terra maggiormente presa in considerazione dagli emigrati italiani, che nel 1949 furono addirittura Gli abbonati al telefono sono 4 milioni e mezzo, contro i 3 milioni del 1960.

63 1965 Nel biennio che comprende quest'anno e il successivo, gli economisti fanno iniziare il declino del boom produttivo. Tuttavia i dati relativi ai principali parametri economici sono ancora ampiamente lusinghieri. Le esportazioni registrano una vistosa espansione, passando da miliardi (I960) a 4,500 miliardi (1965). Il maggior centro aeroportuale italiano è Roma con il nuovo aeroporto di Fiumicino ( i passeggeri imbarcati e sbarcati nel 1965).

64 1966 Il 22 gennaio si dimette il governo Moro; lo stesso Moro formerà un nuovo gabinetto di centro-sinistra organico. Il 30 ottobre viene sancita la riunificazione tra socialisti e socialdemocratici e la nascita del Partito Socialista Unificato. Il 4 novembre l'Arno in piena inonda Firenze, mentre in varie zone del Paese avvengono disastri analoghi. Il numero complessivo dei morti è di 113.

65 1966 La percentuale agricola sul totale del prodotto interno lordo continua a scendere, attestandosi sul 12,7% contro il 15,4% del La FIAT conclude un accordo con l'URSS per la produzione di auto del modello "124" in uno stabilimento presso Togliattigrad. La RAI inizia le prime trasmissioni in "mondovisione"

66 1967 Il 28 marzo papa Paolo VI emana l'enciclica Populorum progressio. Negli ultimi mesi prende avvio un vasto movimento studentesco che dilagherà l'anno successivo in tutto il paese.

67 1968 Tra il 14 e il 15 gennaio un violento terremoto colpisce la valle del Belice, nella Sicilia occidentale, provocando la distruzione di molti centri abitati e la morte di 236 persone. I senza tetto sono oltre Il 31 gennaio l'occupazione dell'Università di Trento apre in Italia la stagione della "contestazione studentesca". Nel giro di tre mesi il numero delle università occupate supererà la trentina. In marzo durissimi scontri tra studenti e polizia si verificano a Valle Giulia, a Roma nei pressi della facoltà di Architettura, con incendi di auto e alcune centinaia di feriti.

68 1968 Sempre in marzo, gravi scontri avvengono anche a Milano, con decine di feriti e numerosi arresti. Il 24 giugno in seguito ai risultati negati vi conseguiti nelle elezioni politiche del 19 maggio, i socialisti decidono di non entrare a far parte di un nuovo governo di centro- sinistra; Giovanni Leone forma un governo monocolore democristiano. Il 29 luglio papa Paolo VI emana l'enciclica Humanae vitae, condannando qualsiasi metodo di controllo artificiale delle nascite.

69 1968 Il 12 dicembre, dopo le dimissioni di Leone, Mariano Rumor forma un governo di centro- sinistra organico. La vita media degli uomini sale a 69 anni, quella delle donne a 75. Ogni abitanti vi sono 156 autovetture.

70 Il sessantotto La contestazione Il movimento studentesco Le lotte operaie

71 1969 L'ala destra del PSI abbandona il partito dando vita al Partito Socialista Unitario. In settembre, lo sciopero generale dei metalmeccanici da il via al famoso "autunno caldo" del La lunga vertenza si concluderà tre mesi dopo con il nuovo contratto nazionale della categoria.

72 1969 Il 12 dicembre si verificano a Milano (Banca dell'Agricoltura) e a Roma (Altare della Patria) due gravissimi attentati; il primo provoca 16 morti e un centinaio di feriti: è l'inizio di quella che verrà definita la "strategia della tensione". 12 dicembre lanarchico Giuseppe Pinelli viene fermato e interrogato a lungo in Questura ed il 15 dicembre, dopo tre giorni di interrogatori, Pinelli precipita dal quarto piano della questura milanese e muore. Le cause della morte di Pinelli non verranno mai del tutto chiarite.

73 Il 16 dicembre viene arrestato anche un altro anarchico, Pietro Valpreda, indicato dal tassista Rolandi come luomo che era sceso quel pomeriggio dal suo taxi in piazza Fontana recando con sé una grossa valigia: il giorno dopo il Corriere della Sera titolò che il mostro era stato catturato. Nasce, su iniziativa di alcuni dirigenti comunisti in posizione critica con la linea politica del PCI, Il manifesto, diretto inizialmente da Lucio Magri e Rossana Rossanda.

74 1969 La rete autostradale continua ad accrescersi, raggiungendo i km. La densità abitativa sul territorio è di 180 abitanti per kmq, con un valore massimo di 379 in Campania e un minimo di 33 in Valle d'Aosta. Nel quinquennio salgono spesa e disavanzo pubblici, che raggiungono rispettivamente il 36,9 e il 3,8% del prodotto interno lordo.


Scaricare ppt "GLI ANNI CINQUANTA Un decennio di grandi trasformazioni."

Presentazioni simili


Annunci Google