La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Latomo: da Democrito al CERN breve storia di come nasce la scienza. Claudio Luci Università di Roma La Sapienza e INFN sezione di Roma Monticelli. 31 marzo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Latomo: da Democrito al CERN breve storia di come nasce la scienza. Claudio Luci Università di Roma La Sapienza e INFN sezione di Roma Monticelli. 31 marzo."— Transcript della presentazione:

1 Latomo: da Democrito al CERN breve storia di come nasce la scienza. Claudio Luci Università di Roma La Sapienza e INFN sezione di Roma Monticelli. 31 marzo 2006

2 Sommario Che cosa è la scienza Le radici del pensiero scientifico Galileo Galilei Di cosa sono fatte le cose Democrito ed i chimici La scoperta dellelettrone: latomo si è rotto Come è fatto latomo Gli acceleratori di particelle La nascita del CERN Il Modello Standard Il Nobel di Rubbia

3 Che cosa è la scienza? Definizione di scienza (De Mauro, dizionario online Insieme di conoscenze rigorosamente controllate e sistematicamente ordinate che consente di giungere a verità obiettive intorno ad un determinato ordine di fenomeni o di concetti La scienza è la ricerca del perché delle cose. Questa ricerca è innata nelluomo. Pensate ai mille perché dei bambini. Vedremo però quali perché cadono sotto il dominio della scienza e quali no. Perché un sasso cade? Come funziona il sole? Perché il cielo è blu? La scienza esiste perché luomo è in grado di pensare e non è soltanto puro istinto. Rodin: il pensatore (1880)

4 Riflessioni sulla scienza La curiosità dei bambini si attenua man mano che crescono. Forse perché subentrano altre necessità? Cibo, vestiti, … Lo scienziato è caratterizzato dal conservare anche da adulto la curiosità del bambino. La ricerca non è un lavoro, è un gioco. La società dovrebbe avere verso la scienza la stessa cura della mamma verso il neonato, senza chiedersi: a cosa serve?

5 Le radici del pensiero scientifico J. Burnett. Early Greek Phylosophy …una buona descrizione della scienza è dire che essa è la maniera di pensare dei greci. Ed è questa la ragione per la quale la scienza è esistita solo presso quei popoli che sono venuti sotto linfluenza della Grecia Tratto dal libro Spaccare latomo Ci troviamo nellantica Grecia (circa 400 a.c.): un posto veramente fantastico per viverci, ma attenzione, sempre che tu non sia uno schiavo o una donna! I greci, quelli ricchi naturalmente, hanno così tanti schiavi al loro servizio, che la maggior parte di essi ha un sacco di tempo per oziare, chiacchierare, bere vino e … pensare. N.B. … ma non tutti quelli che oziano sono scienziati o filosofi !!!

6 Le radici del pensiero scientifico Talete di Mileto (circa 624 ac ac) Predisse un eclisse; misurò laltezza delle Piramidi (teorema di Talete); predisse un ottimo raccolto di olive e affittò in anticipo i frantoi facendo un grande affare (Consiglio sul somaro, il sale e le spugne). "l'acqua è principio di tutto". L'originalità di questa sua tesi (sbagliata) consiste nel tentativo di spiegare i fenomeni osservabili in virtù di un principio naturale (osservabile) e senza ricorrere al soprannaturale e al divino fenomeni Molti abitanti di Mileto cominciarono a cercare sempre più spesso la causa di tutte le cose, nei principi materiali e nell'argomentazione razionale piuttosto che negli Dei, nella Magia o nel Mito. A questo tipo di esercizio intellettuale Talete diede il nome di filosofia DeiMagiaMitofilosofia Nasce latteggiamento scientifico verso la natura, che continuerà in tutta la civiltà greca. Talete può essere considerato come il primo dei filosofi. N.B. Non cè ancora distinzione tra filosofia e scienza (Galileo).

7 I filosofi greci (solo alcuni) a.c. Talete Lacqua è la sostanza base a.c. Pitagora La terra è sferica. Con la matematica si comprende lintero universo a.c. Anassagora Il cambiamento della materia è dovuto al riordine di particelle indivisibili a.c. Empedocle Terra, aria, fuoco e acqua a.c. Democrito Introduce il concetto di atomi a.c. Socrate So di non sapere a.c. Platone Il mito della caverna: idee platoniche a.c. Aristotele Riassume tutte le idee precedenti ed il suo pensiero domina per duemila anni a.c. Aristarco Teoria eliocentrica, respinta perché non conforme con le idee di Aristotele a.c. Archimede Principio di Archimede (idrostatica)

8 La scuola di Atene (Raffaello ; musei vaticani) (N.B. Oltre ai precedenti, ci sono anche Eraclito, Diogene, Zoroastro, Euclide, Tolomeo)

9 Tolomeo e Copernico Per i Greci larmonia del Cosmo deve comportare moti armonici dei corpi celesti, cerchi percorsi con velocità costante Il modello geocentrico di Tolomeo ( dC) è un perfezionamento di quello di Ipparco. Le sue tavole permetteranno di calcolare le posizioni dei pianeti per quattordici secoli ed oltre Copernico ( dc): modello eliocentrico La Terra è sferica. La Terra ed i pianeti seguono dei moti circolari uniformi intorno al sole. La Terra ha un movimento di rotazione attorno a se stessa.

10 Galileo Galilei ( ) Galileo nasce a Pisa nel Studia medicina per volere del padre Durante gli studi si appassiona alla fisica e alla matematica e abbandona gli studi di medicina. Nel 1588 ottiene una cattedra di matematica a Pisa. In questo periodo studia la caduta dei corpi. Nel 1592 ottiene una cattedra di matematica a Padova. Comincia a studiare il moto dei corpi celesti e perfeziona il telescopio, inventato in Olanda. Scopre le lune di Giove. Si avvicina alla teoria di Copernico pubblica: Dialogo sui due massimi sistemi del mondo 1633: viene processato dalla Santa Inquisizione per eresia. Viene imprigionato e minacciato di tortura e viene costretto ad abiurare pubblicamente alle sue teorie. Muore, malato e ormai cieco, ad Arcetri (Firenze) nel 1642.

11 Galileo: il metodo sperimentale Galileo è storicamente riconosciuto come il fondatore della moderna scienza sperimentale. Ogni fatto, evento o fenomeno naturale va compreso e analizzato in rapporto alla tecnica dellesperimento. Il risultato dellesperimento deve essere riproducibile da chiunque, dovunque ed in qualsiasi momento. Solo in questo modo si può affermare di aver capito il fenomeno. Dal risultato di un esperimento si possono trarre delle leggi generali (Metodo Induttivo) Oppure si può fare un modello teorico dal quale trarre delle conseguenze particolari (Metodo Deduttivo) In ogni caso le ipotesi scientifiche vanno poste al vaglio dellesperimento, che sarà il solo giudice della validità delle ipotesi.

12 Galileo: natura e matematica il Grande libro della Natura è scritto nel linguaggio della matematica, e non possiamo capirla se prima non ne capiamo i simboli Galileo Galilei

13 Quali sono i perché ai quali risponde la Scienza? Quando ci chiediamo:perché accade una certa cosa, vi sono due interpretazioni della domanda: – Quali precedenti circostanze hanno causato il fenomeno? (Come funziona? Di che cosa è fatto? Cosa cè dentro?) Esempio: perché i pianeti girano intorno al sole? La scienza risponde a questo tipo di domande – A quale scopo il fenomeno accade? (Questa cosa a che serve?) Esempio: a cosa servono i pianeti? Perché esistono? Per rispondere a questa domanda occorre avere una causa finale. La scienza non sa e non può rispondere a questa domanda. È il campo della filosofia e/o della religione.

14 Quali sono i costituenti elementari della materia? Quali sono le forze che controllano il loro comportamento al livello fondamentale?

15 Di cosa sono fatte le cose: dal complesso al semplice Partendo dagli stessi componenti elementari: Tutti gli edifici sono fatti di: mattoni, cemento, sabbia, acqua, ferro, legno mattonicementosabbia e acquaferrolegno Si può avere Tufo

16 Dal complesso al semplice E di cosa sono fatti i mattoni, il cemento, la sabbia, lacqua, il ferro, il legno? Democrito ipotizzò che il mattone elementare comune a tutte le cose fosse latomo (indivisibile). I filosofi greci (Empedocle) ipotizzarono che tutte le cose fossero formate da quattro elementi: acqua, terra, fuoco e aria.

17 Democrito di Abdera: 460 – 370 a.c. Democrito fu allievo di Leucippo, importante filosofo di Mileto Democrito ritiene che suddividendo la materia in pezzettini sempre più piccoli, prima o poi si deve arrivare ad una particella fondamentale, indistruttibile, che chiamò àtomos (indivisibile, in greco antico). Altrimenti, se il processo di divisione potesse andare avanti allinfinito, le cose si dissolverebbero nel nulla (Aristotele non era daccordo con questa teoria). Gli atomi di Democrito sono eterni ed immutabili, esistono in varie forme e sono animati da un continuo movimento nello spazio vuoto: quando si avvicinano si incastrano tra loro e formano i corpi, quando si allontano causano la disgregazione della materia. Per Democrito tutto luniverso è fatto di due entità opposte: gli atomi e il vuoto La teoria di Democrito fu ripresa da Epicuro 100 anni dopo, ma latomismo cadde in disgrazia perché in disaccordo con Aristotele e, più tardi, con la religione Cristiana.

18 I chimici: Boyle( ); Gay-Lussac ( ) : studio delle proprietà dei gas Proust ( ): proporzioni costanti Lavoisier ( ): conservazione della massa Dalton( ): pesa gli atomi Avogadro( ): molecole Dalton, eseguendo degli esperimenti su delle reazioni chimiche, ed utilizzando i risultati precedenti di altri ricercatori, formula la teoria seguente: La materia è formata da particelle indivisibili e indistruttibili: gli atomi Atomi di elementi diversi sono diversi tra loro e hanno masse diverse I composti sono sostanze pure formate da due o più atomi diversi che si combinano secondo un rapporto definito Avogadro: le reazioni chimiche avvengono tra molecole e non tra atomi. (La molecola è la più piccola aggregazione di atomi di una stessa sostanza).

19 Mendeleyev ( ) Tutte le sostanze possono essere descritte in termini di diverse composizioni di soli 105 atomi. A intervalli regolari si presentano elementi con proprietà chimiche analoghe

20 E gli atomi? A fine 800 si pensava che gli atomi fossero indivisibili. Latomo più leggero è latomo di idrogeno. Nel 1897, studiando i raggi catodici, J.J. Thomson scoprì che erano costituiti da una particella di carica negativa di massa circa 2000 volte inferiore alla massa dellatomo di idrogeno: lelettrone. La materia è neutra. Da dove viene lelettrone? Lelettrone deve essere contenuto allinterno dellatomo. Ma allora nellatomo devono esistere anche delle cariche positive in modo che latomo nel suo complesso sia neutro. Latomo è stato diviso! Tubo catodico I raggi catodici sono elettroni che possono essere deviati da campi elettrici e magnetici Modello di Thomson dellatomo. Un panettone di carica positiva dove gli elettroni sono come luva passa. Il modello è corretto? Soltanto la verifica sperimentale può dirlo!

21 Problema: come facciamo a vedere gli atomi? Gli atomi sono troppo piccoli per essere visti con gli occhi. Si bombardano con delle particelle più piccole e si osserva come rimbalzano quando colpiscono latomo.

22 Perché accelerare le particelle Visione con una lampada e gli occhi. Visione con un acceleratore ed un rivelatore di particelle. Aumentando lenergia della particella migliora la risoluzione con la quale si vede loggetto Attenzione: se si aumenta molto lenergia del proiettile avviene anche unaltra cosa: si creano nuove particelle (vedi dopo)

23 Esperimento di Rutherford (1911) Rutherford, Geiger e Mardsen bombardarono con particelle α (nuclei di elio) una sottile lamina doro ed osservarono le particelle α deflesse Sorgente di α Lamina doro microscopio una volta su le α avevano un angolo di diffusione > di 90º Con latomo di Thomson questo non doveva accadere !

24 Latomo di Rutherford elettrone nucleo Il modello planetario dellatomo spiega i risultati della diffusione delle particelle α Problema: latomo di Rutherford è instabile. Non può esistere. Soluzione: meccanica quantistica (1927). Tutta la massa dellatomo è concentrata nel nucleo con gli elettroni che ruotano intorno ad esso legati dalla forza elettromagnetica. Dimensioni dellatomo ~ m Dimensioni del nucleo ~ m Gli atomi si distinguono tra loro dal numero di elettroni che hanno

25 E il nucleo? Il nucleo deve avere tanti protoni quanti sono gli elettroni Il nucleo contiene la massa di tutto latomo (m p =1836 m e) Rutherford scopre il protone (1919) NON VA BENE! Il nucleo sarebbe troppo leggero. La massa dei protoni è circa la metà della massa dellatomo Deve esserci qualcosaltro dentro il nucleo IPOTESI: particella simile al protone ma senza carica: il neutrone. 1932: scoperta del neutrone (Chadwick). Il nucleo è composto da protoni e neutroni. DOMANDA: che cosa tiene insieme i protoni dentro il nucleo? La forza elettrostatica respinge i protoni uno dallaltro. RISPOSTA: forza forte.

26 Decadimento β: il sogno di Cagliostro β) Un nucleo si trasforma in un altro emettendo un elettrone (radiazione β) Problema: non si conserva lenergia, la quantità di moto e il momento angolare. Soluzione: W.Pauli ipotizzò che unaltra particella neutra, senza massa, venisse emessa insieme con lelettrone (1930). β E.Fermi : formulò teoria del decadimento β e chiamò la nuova particella neutrino. Il fenomeno elementare è il decadimento del neutrone. La forza responsabile del decadimento è la forza debole.

27 Dove eravamo nel ~1935? Gli atomi sono formati da tre particelle elementari: elettrone, protone e neutrone. Ipotesi del neutrino (rivelato sperimentalmente nel 1954) Vi sono 4 forze fondamentali tramite le quali le particelle interagiscono: - forza forte: agisce sui nucleoni (adroni). Range ~ m - forza e.m.: agisce sulle particelle cariche. Range infinito. - forza gravitazionale: agisce su tutte le particelle. Range infinito. - forza debole: agisce su tutte le particelle. Range ~ m Scoperta del positrone (anti-elettrone) nel 1932, ipotizzato da Dirac nel Scoperta del mesotrone, particella prevista da Yukawa nella teoria della forza forte. AVEVAMO CAPITO TUTTO (O QUASI!) Forte Elettromagnetica Gravitazionale Debole

28 E poi? E poi successero tante brutte cose. Le leggi razziali in Italia (1938). Inizio della seconda guerra mondiale (1939). Molti scienziati europei scapparono in America Fissione dellatomo (1938). Nel 1942 Fermi realizzò a Chicago la prima reazione a catena controllata (pila atomica) E infine nel 1945: Dopo la guerra, gran parte degli scienziati europei restarono in America. Si tornò alla ricerca fondamentale, abbandonando il nucleo.

29 Ma non è finita!! Protone e neutrone non sono particelle fondamentali, ma sono composte da altre particelle (quark). La ricerca continua.

30 Come si creano nuove particelle Quando due particelle elementari (elettrone, protone, pione, etc…) urtano tra di loro ed hanno energia sufficiente, possono produrre nuove particelle che prima dellurto non esistevano. E = mc 2 Esempio: p + n p + p + π - (il neutrone si trasforma in un protone ed un pione negativo) N.B. Nellurto vanno rispettate alcune leggi di conservazione: energia, carica, momento angolare, numero barionico, numero leptonico, parità, etc…

31 I raggi cosmici Furono scoperti da V.Hesse nel Sono costituiti da 86% protoni, 12% α ed il restante 2% da altri nuclei. Scoperta del positrone (1932) Scoperta del mesotrone (1937) identificato poi da Conversi, Pancini e Piccioni nel 1947 essere in realtà il muone, una replica pesante dellelettrone e Scoperta del π nel 1947, seguita dalla scoperta di particelle strane, qualcuna più pesante del protone. Studiare i raggi cosmici era difficile: esperimenti in alta quota, flusso ed energia non controllati. Si volle riprodurre allora linterazione primaria in laboratorio accelerando protoni (o elettroni) e facendoli collidere con dei bersagli fissi. Chi lo ha ordinato?

32 Acceleratori: principio di funzionamento Campo elettrico: accelera. Campo magnetico: curva Unita di misura energia: eV Raggio di ciclotrone Primo ciclotrone costruito da E.Lawrence a Berkeley nel Particelle α decadimenti radioattivi: 1÷5 MeV : ciclotrone 1.5 m di diametro: 19 MeV. -Massima energia di un ciclotrone: 25 MeV - Prossimo passo: sincrotrone

33 E luomo creò i raggi cosmici 1952: BNL (Brookhaven National Laboratory, Long Island), COSMOTRONE Protoni da 3 GeV Ton. di ferro. 20 m di diametro. Conferma la produzione associata delle particelle strane. 1954: LBL (Lawrence-Berkeley Laboratory, California), BEVATRONE Protoni da 6 GeV Ton. di ferro. E. Segrè scopre lantiprotone (premio Nobel nel 1959). 1957: Dubna, SINCROFASATRONONE. 10 GeV, Ton. di ferro! Per andare ad energie più alte occorreva unidea per ridurre la quantità di ferro dei magneti. Livingston inventa il focheggiamento forte (1952). (Sempre nel 1952 D.Glaser inventa la camera a bolle.)

34 E lEuropa? Nel dopoguerra lEuropa era in rovina. I fisici erano stati dispersi. Le conoscenze scientifiche e le capacità tecniche erano passate negli USA. Nel dicembre 1949, ad una conferenza culturale dellONU, Louis de Broglie, raccomandò un laboratorio di ricerca internazionale. Nel 1950 LUNESCO approva una risoluzione di I.Rabi e nel 1952, 11 paesi europei partecipano al CERN (Consiglio Europeo per la Ricerca Nucleare). P.Auger e E.Amaldi sono i padri spirituali del CERN. Come sito del laboratorio fu scelto Meyrin, un paese vicino Ginevra Il 29 settembre 1954 nasce lOrganizzazione Europea per la Ricerca Nucleare (CERN)

35 Gli stati membri del CERN oggi Tutti i risultati delle ricerche svolte al CERN sono pubblicate. Vi è il libero scambio di informazioni. Si svolge soltanto ricerca di base, e non cè nessuna ricerca militare o industriale I paese membri contribuiscono in base al PIL

36 Il più grande laboratorio del mondo Il più grande laboratorio del mondo

37 Il CERN entra in gioco 1959: CERN, ProtoSincrotrone PS, 24 GeV, 3200 Ton., diametro 200 m 1960: BNL, AGS, 33 GeV, 4000 Ton., diametro 257 m Inizia il boom economico anche per la fisica delle particelle. Dapprima nei raggi cosmici, e poi con i nuovi acceleratori, vengono scoperte molte nuove particelle, troppe. Cè molto lavoro anche per i fisici teorici. E.Fermi ad un suo studente (L.Lederman): ragazzo, se fossi in grado di ricordare il nome di tutte queste particelle, sarei diventato un botanico. La prima risonanza scoperta da Fermi nel 1953 a Chicago, la Δ, suggerisce che il protone potrebbe non essere una particella fondamentale Altri fenomeni importanti: scoperta del neutrino mu nel 1962 allAGS, violazione della parità nel 1958, violazione di CP nel 1964 allAGS.

38 E vennero... i quark! Per mettere ordine nello zoo di particelle, Gell-Mann e Neeman, proposero uno schema di classificazione basato su delle simmetrie (SU(3)), che chiamarono : la via dellottetto. La via dellottetto prevedeva una nuova particella (1962), Ω -, scoperta nel Per spiegare la simmetria, Gell-Mann e Zweig, ipotizzarono che le particelle soggette allinterazione forte fossero composte da particelle elementari. Gell-Mann chiamò le nuove particelle: quark. Three quarks for Muster Mark – James Joices Finnegans Wake quarkcaricastranezza up+2/3 e0 down-1/3 e0 strange-1/3 e I quark sono oggetti molto bizzarri con carica frazionaria. Cera molta riluttanza nellaccettarli. Barioni: 3 quark Mesoni: un quark ed un antiquark n p

39 La scoperta dei quark A SLAC, un laboratorio vicino San Francisco, entra in funzione nel 1967 il mostro, un acceleratore lineare di elettroni da 20 GeV lungo 2 miglia. Con un esperimento simile a quello di Rutherford, ma usando come proiettili gli elettroni, si dimostrò sperimentalmente che dentro protoni e neutroni dovevano essere presenti delle particelle puntiformi. (Risultato poi confermato al CERN con un fascio di neutrini) Le particelle fondamentali sono (nel 1968): Leptoni: e -, e, -, Quark: up, down, strange Relative antiparticelle

40 Il Modello Standard Nel 1967 Weinberg e Salam (e Glashow) formularono una teoria unificata delle interazioni elettromagnetiche e delle interazioni deboli. Si tratta di una teoria di campo quantistica che supera le difficoltà teoriche insite nella teoria del decadimento β di Fermi. La teoria prevede come mediatori delle interazioni deboli due bosoni massivi carichi, W e W, e un bosone massivo neutro, Z, mentre il fotone, bosone neutro e senza massa, è il mediatore delle interazioni e.m. + - Per spiegare la massa non nulla delle particelle, la teoria utilizza il meccanismo di Higgs (rottura spontanea della simmetria locale). Tale meccanismo necessita lesistenza di un altro bosone neutro, il famigerato bosone di Higgs, H. Comincia la caccia ai bosoni W, Z e H 1973: prima evidenza sperimentale del Modello Standard. Scoperta al CERN delle correnti neutre nelle interazioni neutrino-nucleone, spiegabili con lo scambio di uno Z.

41 I mediatori delle forze La forza forte agisce solo sui quark ed è mediata dai gluoni. La teoria che descrive linterazione forte è la cromodinamica quantistica (QCD) [1973]

42 Gli anni magici: 1974÷ : scoperta del charm. Ting a BNL e Richter a SLAC. Qualche settimana dopo fu scoperto anche a Frascati spingendo oltre i propri limiti Adone (collider elettrone-positrone di 3 GeV) (Nella vita ci vuole fortuna ) 1970: Glashow, Iliopoulos e Maiani propongono lesistenza di un quarto quark, il charm (fascino), carica +2/3 e.~3500 maggiore di quella dellelettrone e vita media 0.3 ps. 1975: scoperta a SLAC di un terzo leptone carico, il τ, di massa 1977: scoperta a FNAL (Chicago) di un quinto quark, il bottom o beauty (bellezza), carica –1/3 e. Il bottom fu scoperto ad un nuovo acceleratore di protoni di 500 GeV, 2 km di diametro. Per ragioni di simmetria, il Modello Standard prevede lesistenza di un terzo neutrino, il neutrino τ, scoperto a FNAL nel 2000 e di un sesto quark, il top o truth (verità), scoperto a FNAL nel 1995, con una massa ~280m p

43 Lo stato attuale (Visto!)

44 Il Nobel di Rubbia Nel 1976 entrò in funzione al CERN lSPS, un acceleratore di protoni da 400 GeV, 2 km di diametro. Lenergia non era però sufficiente per produrre W e Z, la cui massa stimata era di 80÷90 GeV. Lidea di Rubbia fu di trasformare lSPS in un Collisore protone-antiprotone, seguendo quanto era stato fatto a Frascati con Adone, il collisore e + e - dove particella e antiparticella girano nello stesso anello in senso contrario. Il problema era avere un numero sufficiente di antiprotoni idonei da far collidere con i protoni (risolto da S.van der Meer con il raffreddamento stocastico). Nel 1978 parte il progetto SppS ( GeV). - Nel 1983 furono prodotti i primi W e Z rivelati nei detector UA1 (Rubbia) e UA : premio Nobel a Rubbia e van der Meer

45 Il LEP Nel 1981 il CERN decide di costruire il più grande acceleratore del mondo: il LEP. Si tratta di un collisore elettrone-positrone di 27 km di circonferenza. Gli elettroni, al contrario dei protoni, sono delle particelle elementari, quindi linterazione elettrone-positrone è molto più pulita di quella protone-antipro- tone. Lo stato iniziale è perfettamente noto e le previsioni teoriche del Modello Standard possone essere verificate con maggiore accuratezza. Nel 1983 inizia lo scavo del tunnel. La galleria ha un diametro di 3.8 m e si trova a circa 100 m sotto il livello del suolo. Nel 1988 lo scavo del tunnel è terminato. Allepoca era la galleria più lunga dEuropa, superata ora solo dal tunnel sotto la manica. Tutta lenergia del centro di massa è disponibile per creare nuove particelle: E=mc 2

46 LEP: vista aerea 9 km LEP SPS Lake of Geneva Jura Francia Svizzera CERN aereoporto L3 Aleph Opal Delphi

47 LEP: il tunnel. quadrupoloTubo a vuoto dipolo

48 Il rivelatore L3

49 Sala controllo dellesperimento L3

50 LEP: i risultati Il 14 luglio 1989 circola il primo fascio di elettroni nel LEP. Il 15 agosto si ha la prima collisione e + e -. Lenergia del centro di massa è uguale a m Z (~91 GeV). Dal 1989 al 1995 vengono prodotti circa 17 milioni di Z nei 4 esperimenti. Questo ha permesso di misurare la massa dello Z con una precisione dello 0.02 e di verificare laccuratezza delle previsioni del MS al meglio del percento. Tramite leffetto delle correzioni radiative è stata prevista la massa del top di 181±10 GeV. Il valore misurato a FNAL è di 174±5 GeV. Dal 1995 al 2000 lenergia del LEP è aumentata fino a 208 GeV. È continuata la ricerca del bosone di Higgs e di nuove particelle. Il MS è più solido che mai! LHiggs, se esiste, ha una massa maggiore di 115 GeV. La ricerca continua a LHC.

51 Il numero di famiglie di neutrini Il Modello non prevede il numero di famiglie e prima dellavvento del LEP, una quarta famiglia non era esclusa. Dalla larghezza della risonanza dello Z e dal metodo del fotone singolo: Il Modello Standard organizza le particelle elementari in famiglie. LEP :N =2.984±0.008 L3:N =2.98±0.10 Le famiglie di neutrini leggeri sono 3!

52 LHC Nel dicembre 1994 il CERN approva ufficialmente la costruzione di LHC. (Large Hadron Collider). Si tratta di un collisore protone-protone con magneti superconduttori di 8 T, da istallare nel tunnel del LEP. Lenergia del centro di massa sarà di 14 TeV, 7 volte maggiore del Tevatron (il collisore protone-antiprotone attualmente in funzione a FNAL). I fasci si incroceranno con una frequenza di 40 MHz (ogni 25 ns). LHC è una sfida tecnologica a tutti i livelli, pari al progetto Manhattan o allo sbarco sulla Luna, ma con mezzi e organizzazione completamente diversi. Sul collisore vi sono due esperimenti principali, Atlas e CMS (più LHCb e Alice), anchessi spinti al limite della tecnologia. LHC dovrebbe entrare in funzione nel LHC darà sicuramente delle risposte importanti alle nostre domande

53 I dipoli di LHC Le bobine superconduttrici sono raffreddate a 1.9 K (la radiazione di fondo cosmica è a 2.7 K). LHC sarà il punto più freddo delluniverso dipoli principali 14.3 m di lunghezza ognuno 8.33 Tesla (max nel ferro 2 T) 11.7 kA (bobina superconduttrice)

54 ATLAS 25 m 46 m Per la costruzione di ATLAS partecipano circa 1800 fisici di 170 istituti Precisione meccanica nella costruzione e allineamento delle camere a muoni: 20 μm!

55 ATLAS: fotomontaggio

56 Conclusioni I costituenti fondamentali della materia sono i leptoni e i quark! Le interazioni fondamentali sono 4: forte, e.m., debole e gravitazionale. Linterazione e.m e linterazione debole sono descritte dalla medesima teoria, il Modello Standard (le interazioni forti sono descritte dalla QCD). Molte domande ancora senza risposte, ad esempio: - lorigine delle masse, - luguaglianza della carica elettrica del protone e dellelettrone, - perché esistono tre famiglie di particelle - perché vi è una netta separazione tra fermioni e bosoni - dove è finita lantimateria Il Modello Standard è probabile che non sia la teoria finale. Una estensione del MS è la supersimmetria (SUSY). Questa prevede molte nuove particelle che non sono state ancora trovate. LHC sarà in grado di rispondere a molte di queste domande, in particolare trovare il bosone di Higgs e, se esistono, le particelle supersimmetriche!


Scaricare ppt "Latomo: da Democrito al CERN breve storia di come nasce la scienza. Claudio Luci Università di Roma La Sapienza e INFN sezione di Roma Monticelli. 31 marzo."

Presentazioni simili


Annunci Google