La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Attualità in tema di screening dei tumori del colon-retto Romano Sassatelli Responsabile Screening Reggio Emilia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Attualità in tema di screening dei tumori del colon-retto Romano Sassatelli Responsabile Screening Reggio Emilia."— Transcript della presentazione:

1 Attualità in tema di screening dei tumori del colon-retto Romano Sassatelli Responsabile Screening Reggio Emilia

2 Attualità(?) in tema di screening dei tumori del colon-retto Attualità(?) in tema di screening dei tumori del colon-retto Romano Sassatelli Responsabile Screening Reggio Emilia

3 Tassi di mortalità su abitanti Alta Media Bassa Nessun dato disponibile Parkin D.M. Doll R.

4 LEPIDEMIOLOGIA DEI TUMORI DEL COLON-RETTO INCIDENZA: SIR (M+F) tutte età

5 Incidenza e mortalità Incidenza Mondiale 2002: – (M) (F) –20.1 (M) 14,6 (F) / (st) Incidenza Italiana 2002: –20457 (M)17276 (F) –39.3 (M) 26.6 (f) / (st) Mortalità Italiana 2002: –9061 (M) 7909 (F) Prevalenza Italiana 2002: –59513 (M) (F) Fonte: IARC

6 Percentuale attesa dei soggetti che si ammalano in Italia di cancro del colon-retto entro i 75 anni 4%5%

7

8

9

10 MALATTIA METASTATICA

11 LEPIDEMIOLOGIA DEI TUMORI DEL COLON-RETTO SOPRAVVIVENZA A 5 ANNI: per stadio Differenza significativa

12 Quindi… Identificare forme precoci di tumori maligni Identificare e rimuovere tumori benigni Ridurre la mortalità Ridurre lincidenza

13 Lo screening To screen

14 Gli approcci disponibili

15

16 FOBT E FIT

17

18 Riduzione della mortalità dal 15 al 33%

19

20

21 Sigmoidoscopia Il 65-70% dei cancri sono localizzati nel retto-sigma La presenza di cancri o polipi nel retto- sigma aumenta la probabilità di cancri o polipi al colon destro No evidenze di grado A (grossi RCTs, end point mortalità) Riduzione della mortalità del 60%

22 LimitatezzaLimitatezza InvasivitàInvasività EvidenzeEvidenze

23

24 Colonscopia Gold standard diagnostico No evidenze di grado A Fattibilità - accettabilità Riduzione della mortalità del 70-80% (90?)

25 The National Polyp Study Cumulative % incidence cancer years Mayo St. Marks SEER NPS* * 76 to 90% reduction vs expected incidence Winawer et al, 1993

26 InvasivitàInvasività EvidenzeEvidenze Fattibilità/ sostenibilitàFattibilità/ sostenibilità

27 Raccomandiamo che gli uomini e le donne di età superiore ai 50 anni aderiscano allo screening dei tumori del colon-retto. Scientific Review JAMA 2003; 289 : … al momento non esiste uno screening ideale per il cancro del colon-retto OMS

28 Le evidenze/1 Case Reports, serie di casi RCTs, Linee Guida, Metanalisi

29 Le evidenze/2 minore efficacia (FOBT) Maggiore efficacia (sigmoido-colonscopia)

30 Le evidenze e la fattibilità Efficacia buona, prove poche, scarsa accettabilità (approccio endoscopico diretto) Efficacia modesta, RCTs, ottima accettabilità (FOBT)

31 Situazione pre-screening dei tumori colon-retto nelle AUsl dellEmilia-Romagna: ricerca sangue occulto o colonscopia negli ultimi 2 anni RER: 6.8 (IC ) Sono indicati i valori medi

32

33

34 Lo screening per noi Intervento di sanità pubblicaIntervento di sanità pubblica Chiamata attivaChiamata attiva Criteri di selezioneCriteri di selezione Equità da garantireEquità da garantire Qualità da garantireQualità da garantire Percorso da garantirePercorso da garantire Monitoraggio degli esitiMonitoraggio degli esiti MiglioramentoMiglioramento

35 SCREENING DEL CARCINOMA COLORETTALE Approccio in Italia Programmi regionali attivi Programmi aziendali o comunali attivi Programmi regionali In progettazione Chatillon e Saint Vincente Cremona Milano città Sigmoidoscopia/FOBT Bolzano Colonscopia FOBT biennale

36 Programmi regionali copertura PARZIALE Programmi regionali copertura TOTALE Distribuzione pop. bersaglio per Regione Valle dAosta 0.1% Piemonte 5.1% Lombardia 19.3% Veneto 18.7% Emilia-Romagna 33.8% Toscana 18.4% Basilicata 4.5% ESTENSIONE DEI PROGRAMMI

37 Lo screening secondo Riki I signori che chiamiamo Lorganizzazione dello screening papi I signori che tornano a casa felici col cerotto sul naso Riki S., 4 anni

38 Benefits and adverse effects of low- and high- quality Effect Extent of use Adverse effects Benefits HIGH Extent of use Effect Adverse effects Benefits LOW Donabedian, 1980

39 Emilia-Romagna 21 marzo 2005 –20 marzo 2006

40 Totale inviti: Periodo considerato: 21 marzo 05 – 20 marzo 06

41 % estensione teorica

42 Periodo considerato: invitati entro 31 dicembre 2005

43 Tutte le età: uomini 7,5 donne 5,0 totale 6,1

44 Nel 27,3% di tutte le persone che hanno eseguito la colonscopia è stata riscontrata la presenza di polipi ad alto rischio di degenerazione, e nel 7,3% è stata fatta diagnosi di carcinoma. Il programma ha quindi permesso di identificare 313 tumori maligni tra le persone che hanno effettuato gli accertamenti (183 negli uomini e 130 nelle donne). Di questi oltre la metà è risultato ad uno stadio precoce di evoluzione, tale da permettere di intervenire con cure meno invasive (e quindi con verosimile miglior prognosi).

45 Lapprofondimento tramite colonscopia ha accertato la presenza polipi ad alto rischio in persone. Poiché si stima che, se non curate, il 25% di queste lesioni possono progredire verso forme maligne, si può dire che il programma di screening ha permesso di prevenire la formazione di circa 300 tumori del colon-retto che, in assenza di intervento, si sarebbero manifestati clinicamente negli anni successivi.

46 E per il futuro?

47

48

49

50

51 Conclusioni Lo screening dei tumori del colon-retto è giustificato dalla dimensione del problema, dalla storia naturale di questi tumori, dal ruolo dellendoscopia Al momento non vi sono approcci ideali; il FIT è il test più fattibile e con maggiori evidenze E fondamentale la garanzia di qualità, unico modo per verificare la trasferibilità dei trial nella realtà Le nuove tecnologie non hanno ancora un ruolo nello screening di questi tumori

52

53

54 Aphoristic warnings on screening Screening programmes shown to be efficacious in a research setting require an obsession with quality to be effective in a service settingScreening programmes shown to be efficacious in a research setting require an obsession with quality to be effective in a service setting Muir-Gray, 1997

55 Aphoristic warnings on screening All screening programmes do harm; some can do good as wellAll screening programmes do harm; some can do good as well The harm from a screening programme starts immediately; the good takes longer to appearThe harm from a screening programme starts immediately; the good takes longer to appear Muir-Gray, 1997

56 Aphoristic warnings on screening For the distressed patient seeking help, the clinician does what s/he can; for the healthy person recruited to screening, only the best service will sufficeFor the distressed patient seeking help, the clinician does what s/he can; for the healthy person recruited to screening, only the best service will suffice Muir-Gray, 1997

57 Aphoristic warnings on screening Screening programmes should be run with firm management. If quality falls, a screening programme that was doing more good than harm may then to more harm than good If a screening programme is not supported by a quality assurance system, it should be stopped. Quality assurance encompasses the essentials: standards, information and authority to act Muir-Gray, 1997

58 If a quality assurance programme is not generating at least one major public enquiry every 3 years, it is ineffective At best, screening is a zero gratitude business Aphoristic warnings on screening Muir-Gray, 1997


Scaricare ppt "Attualità in tema di screening dei tumori del colon-retto Romano Sassatelli Responsabile Screening Reggio Emilia."

Presentazioni simili


Annunci Google