La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Paolo Boldrini Dipartimento di Riabilitazione-Lungodegenza Azienda ULSS 9 – Treviso- Italia Ospedale Riabilitativo di Alta Specializzazione Motta di Livenza.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Paolo Boldrini Dipartimento di Riabilitazione-Lungodegenza Azienda ULSS 9 – Treviso- Italia Ospedale Riabilitativo di Alta Specializzazione Motta di Livenza."— Transcript della presentazione:

1 Paolo Boldrini Dipartimento di Riabilitazione-Lungodegenza Azienda ULSS 9 – Treviso- Italia Ospedale Riabilitativo di Alta Specializzazione Motta di Livenza (TV) INTRODUZIONE ALLA GIORNATA DEDICATA ALLA MULTIPROFESSIONALITA E ALLA ACCETTAZIONE/CONOSCENZA DEL MALATO: IL RUOLO DI OGNI PROFESSIONISTA DELLA RIABILITAZIONE NELLA VALUTAZIONE/RICERCA DEL CONTATTO CON LAMBIENTE

2

3 MODELLO MULTIPROFESSIONALE MODELLO INTERPROFESSIONALE

4 NON E COMPITO MIO Questa è la storia di un piccolo gruppo di persone, dove cerano Ognuno, Qualcuno, Ciascuno e Nessuno. Cera un lavoro importante da fare, e Ognuno era sicuro che Qualcuno lo avrebbe fatto. Ciascuno avrebbe potuto farlo, ma Nessuno lo fece. Finì che Ognuno incolpò Qualcuno che Nessuno fece cio che Ciascuno avrebbe potuto fare.

5 AccessoAccoglimento Valutazioni di ingresso (paziente/famiglia) Elaborazione del progetto riabilitativo individuale Realizzazione del progetto ReinserimentoFollow-up Organizzazione del processo riabilitativo

6 FASE DELLACCOGLIMENTO E LA TAPPA DEL PERCORSO-PAZIENTE CHE VA DAL MOMENTO DELLACCESSO ALLA FORMULAZIONE DEL PROGETTO RIABILITATIVO IL PAZIENTE E LA FAMIGLIA SI PRESENTANO AL TEAM PROFESSIONALE; IL TEAM SI PRESENTA AL PAZIENTE E ALLA FAMIGLIA CRITERI GUIDA: SICUREZZACONTINUITARELAZIONALITA

7 FASE DELLACCOGLIMENTO VALUTAZIONI DI INGRESSO INFORMAZIONE ED ORIENTAMENTO AL PAZIENTE/FAMIGLIA PIANIFICAZIONE ATTIVITA

8 VISITA DI TEAM Il giorno dopo lingresso Scheda visita di team Medico, Fisioterapista, Infermiere (Logopedista se LCF>4)

9 FATTORI DA CONSIDERARE NELLA VALUTAZIONE DELLE PERSONE IN STATO DI BASSA RESPONSIVITA FATTORI DA CONSIDERARE NELLA VALUTAZIONE DELLE PERSONE IN STATO DI BASSA RESPONSIVITA Condizioni cliniche generali Effetto di farmaci Deficit sensoriali Postura Situazione ambientale Comportamento spontaneo (finalizzato? comunicativo?) Latenza di risposta Tempo (tempi) per la valutazione Luogo (luoghi) per la valutazione Variabilità della risposta Variazione degli stimoli Variazione degli esaminatori

10 MODALITA ADOTTATE NELLA VALUTAZIONE DELLE PERSONE IN STATO DI BASSA RESPONSIVITA MODALITA ADOTTATE NELLA VALUTAZIONE DELLE PERSONE IN STATO DI BASSA RESPONSIVITA Osservazione non strutturata da parte di tutti i componenti (professionali e non) del team, e confronto in sede di riunione Osservazione strutturata con strumenti standardizzati (es. EFA) Soministrazione di scale di valutazione con stimoli standardizzati (es. CNC) Studio individualizzato di singolo caso con stimoli personalizzati

11 EFA Early Function Abilities 4 aree di osservazione per un totale di 20 items -area del sistema nervoso autonomo (stabilita vegetativa, vigilanza, posture,eliminazione) -area delle funzioni oro/facciali (stimolazione oro/facciale, deglutizione, movimenti della lingua, mimica) -area delle funzioni sensomotorie (tono, controllo del capo, controllo del tronco, trasferimenti, stazione eretta, motricita volontaria, locomozione) area delle funzioni cognitive (informazioni tattili, visive,acustiche,comunicazione, abilita di cura di se) La struttura di punteggio e a 5 categorie (20-100)

12 Un approccio piu individualizzato prevede la ricerca di situazioni facilitanti che possono essere le piu varie e che vanno proposte al pz dopo aver raccolto adeguate informazioni sul suo passato, sulle sue preferenze, sulle sue abituali modalita di entrare in relazione con gli altri. Un approccio piu individualizzato prevede la ricerca di situazioni facilitanti che possono essere le piu varie e che vanno proposte al pz dopo aver raccolto adeguate informazioni sul suo passato, sulle sue preferenze, sulle sue abituali modalita di entrare in relazione con gli altri.

13 STIMOLAZIONE/VALUTAZIONE DEL PAZIENTE A BASSA RESPONSIVITA LIGIENE QUOTIDIANA RAPPRESENTA UN MEZZO ECCELLENTE PER: CONTATTARE IL PAZIENTE, FACILITARE LA PRESA DI CONTATTO CON LAMBIENTE ESTERNO, RICERCARE UN CANALE COMUNICATIVO

14 STIMOLAZIONE/VALUTAZIONE DEL PAZIENTE A BASSA RESPONSIVITA PROBLEMI APERTI: Stimolare cosa? (arousal?awareness?motivazione?) Stimolare come? (unimodale?multimodale?)

15 La famiglia nella valutazione della persona a bassa responsività Colloquio di ingresso con i vari componenti del team Colloquio/indagine sulle caratteristiche famigliari Riunioni famigliari periodiche Periodi di osservazione/affiancament o-addestramento con diversi componenti del team

16 La famiglia Colloqui di supporto Incontri-conferenze Gruppi di auto-aiuto delle famiglie Colloqui di follow-up Supporto allassociazionismo

17 GRAZIE! Paolo Boldrini Dipartimento di Riabilitazione-Lungodegenza Azienda ULSS 9 – Treviso- Italia Ospedale Riabilitativo di Alta Specializzazione Motta di Livenza (TV)


Scaricare ppt "Paolo Boldrini Dipartimento di Riabilitazione-Lungodegenza Azienda ULSS 9 – Treviso- Italia Ospedale Riabilitativo di Alta Specializzazione Motta di Livenza."

Presentazioni simili


Annunci Google