La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Implicazioni della malattia e delle cure sulla sessualità e sulla fertilità nelluomo Reggio Emilia 15 ottobre 2010 La Radioterapia Alessandro Muraglia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Implicazioni della malattia e delle cure sulla sessualità e sulla fertilità nelluomo Reggio Emilia 15 ottobre 2010 La Radioterapia Alessandro Muraglia."— Transcript della presentazione:

1 Implicazioni della malattia e delle cure sulla sessualità e sulla fertilità nelluomo Reggio Emilia 15 ottobre 2010 La Radioterapia Alessandro Muraglia

2 Ogni anno sono sottoposte a radioterapia circa persone (censimento AIRO 2007) Ruolo fondamentale della radioterapia nellapproccio multidisciplinare della patologia oncologica

3 13,2 % dei pazienti sottoposti a radioterapia sono affetti da neoplasia della prostata. Trattamento radioterapico che impatta maggiormente sulla sessualità maschile

4 Negli ultimi anni si è rilevato un aumento dell'incidenza del carcinoma prostatico, che attualmente, in molti Paesi occidentali, rappresenta il secondo tumore più frequente nel sesso maschile. Tale evenienza si spiega essenzialmente con l'aumentato uso, in questi Paesi, della determinazione dell'antigene prostatico specifico (PSA), in forma di screening e la conseguente diagnosi di un numero molto elevato di carcinomi asintomatici e preclinici.

5

6

7 43000 nuove diagnosi di tumore della prostata Circa pazienti affetti da tumore della prostata trattati con radioterapia nel 2007

8 La radioterapia viene utilizzata a scopo: radicale (con lintento di eradicare la malattia clinicamente localizzata) adiuvante (dopo intervento chirurgico, pT3,r+) di salvataggio (dopo intervento chirurgico, mancato azzeramento del PSA) in palliazione (metastasi ossee)

9 Percorso del paziente Prima visita Preparazione TC –simulazione Trattamento dalle 28 alle 39 sedute Follow-up

10 Prima visita radioterapica spiegare al paziente indicazione, alternative terapeutiche, effetti collaterali consigli alimentari appuntamento per simulazione

11 Tc-simulazione (TSRM, medico, fisico) acquisizione dei parametri necessari per lesecuzione del trattamento individuazione dellisocentro e tatuaggi (per pianificazione e riproducibilità del trattamento)

12 Posizionamento

13 TC: Acquisizione dei parametri geometrici

14 Tatuaggi

15 Definizione dei volumi (medico. In base a parametri clinici)

16 Piano di cura (fisico)

17 DVH (dose ricevuta dai tessuti in relazione al volume)

18 Terapia (TSRM, medico) dalle 28 alle 39 sedute (60-78 Gy) tutti i giorni dal lunedì al venerdì impegno quotidiano 30 minuti (6-8 settimane). Visite in trattamento, programmate e al bisogno.

19 Anatomia e strutture vicine

20 Effetti collaterali acuti In genere dopo la terza, quarta settimana di terapia: cistite: infiammazione della vescica, accompagnata da uno stimolo più frequente a urinare e talvolta da una sensazione di bruciore; problemi intestinali: possono comprendere incontinenza fecale, diarrea, urgenza rettale anche in assenza di feci, bruciore o fastidio anale,, in casi rari sanguinamento rettale; fatigue: senso di debolezza generale.

21 Follow-up prima visita di controllo a tre mesi dal termine della radioterapia poi visite ogni 6 mesi (con esami di sangue ogni 3 mesi)

22 Effetti collaterali tardivi disfunzione erettile: incapacità di raggiungere e/o mantenere una valida erezione e, quindi, di avere rapporti sessuali soddisfacenti;diminuzione o scomparsa del liquido seminale; irritazione dellintestino o della vescica: lirradiazione può indebolire i vasi sanguigni che irrorano la vescica e il retto con conseguente comparsa di tracce di sangue o di vero e proprio sanguinamento nelle urine e nelle feci; modificazione delle abitudini intestinali: comparsa di meteorismo e perdita di muco, oppure svuotamento dellintestino anche più volte al giorno.

23 Leziopatogenesi delle DE dopo RTE è verosimilmente riconducibile ad un fenomeno assai complesso e multifattoriale, in cui probabilmente entrano in gioco danni neurologici, vascolari (sia venosi che arteriosi) nonché cause psicogene. Secondo stime attendibili, disfunzioni erettili (DE) di vario grado insorgono nel 36-59% dei pazienti trattati con RT a fasci esterni (RTE) per un CaP Conseguenze sullattività sessuale

24 Pre-requisiti necessari affinché avvenga lerezione peniena : 1.flusso arterioso attraverso le arterie pudende ed accessorie 2.tessuti erettili ben funzionanti, che assicurino un adeguato intrappolamento ematico a livello penieno (il cosiddetto meccanismo veno-occlusivo) necessario affinché lerezione, una volta raggiunta, venga mantenuta 3.apporto di ossido nitrico (NO) da parte dei nervi cavernosi ai tessuti penieni.

25 Diverse sono quindi le strutture anatomiche potenzialmente coinvolte nelleziopatogenesi della DE radio-indotta. I tentativi sin qui condotti di correlare in modo univoco linsorgenza di DE dopo RTE con la dose erogata al bulbo penieno (BP), ai fasci neurovascolari, alla crura e/o alle arterie pudende interne, hanno dato risultati contradditori.

26 Correlazione fra dose al bulbo penieno e insorgenza delle disfunzioni

27 Mack Roach III et al. analizzando nel 2004 il rischio di impotenza nei 158 pazienti potenti allatto dellarruolamento nel protocollo di dose-escalation RTOG 9406, avevano individuato in una dose mediana al BP 52.5 Gy il parametro maggiormente predittivo del rischio attuariale a 5 anni di impotenza post-irradiazione

28

29 Più recentemente, i ricercatori del Medical Research Council (MRC) hanno individuato una correlazione statisticamente significativa tra dose al BP ed alla crura (r = 0.82, p < ), osservando inoltre come una dose 50 Gy erogata a 90% del bulbo (D90) risultasse indipendentemente predittiva del rischio di DE

30 Crura

31

32 STUDIO –DUE Identificare le strutture implicate nellinsorgenza delleffetto collaterale e le dosi oltre le quali può insorgere correlazioni tra variabili fisico-dosimetriche e cliniche e rischio di insorgenza di DE dopo RTE

33 Progressi tecnologici in radioterapia Consentono di eseguire trattamenti sempre più efficaci in termini di controllo di malattia e meno tossici (mediante laumento della dose al bersaglio radioterapico e la riduzione della dose ai tessuti sani, IMRT, IGRT)

34 Acceleratore lineare

35 TomoTherapy (IMRT-IGRT)

36 Piano Tomo (IMRT)

37 IGRT

38

39 Non ci può essere amore per la scienza se non cè amore per luomo. Ippocrate

40 Grazie per lattenzione


Scaricare ppt "Implicazioni della malattia e delle cure sulla sessualità e sulla fertilità nelluomo Reggio Emilia 15 ottobre 2010 La Radioterapia Alessandro Muraglia."

Presentazioni simili


Annunci Google