La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Regione Emilia Romagna - Tavolo Regionale sui Disturbi dei Comportamenti Alimentari RACCOMANDAZIONI PER LA DEFINIZIONE DI UN PIANO ATTUATIVO DELLE POLITICHE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Regione Emilia Romagna - Tavolo Regionale sui Disturbi dei Comportamenti Alimentari RACCOMANDAZIONI PER LA DEFINIZIONE DI UN PIANO ATTUATIVO DELLE POLITICHE."— Transcript della presentazione:

1 Regione Emilia Romagna - Tavolo Regionale sui Disturbi dei Comportamenti Alimentari RACCOMANDAZIONI PER LA DEFINIZIONE DI UN PIANO ATTUATIVO DELLE POLITICHE REGIONALI SOCIALI E SANITARIE SUI DCA Castelnuovo Monti, maggio

2 1.Epidemiologia 2. Stato ed evoluzione dei servizi 3. Valori ed obiettivi 4. Attori 5. il sistema di cura 6. Obiettivi ed organizzazione del sistema di cura 7. Politica dellaccesso 8. La rete dei servizi 9. Professioni, competenze, lavoro déquipe 10. Formazione 11. Ricerca ed innovazione 12. Il sistema di comunità 13. Promozione della salute

3 0.Introduzione Dca sia priorità per RER e conseguentemente per Ausl: Ci vuole un piano regionale; Confrontare le Carte dei servizi, dallindagine RER 2005; Percorsi Q, accompagnarli come RER Accreditamento: fissare la commissione regionale per stabilire i criteri;

4 1.Epidemiologia Importanza dello sviluppo di un Sistema Informativo Regionale DCA integrato col resto per il monitoraggio sia diagnostico sia clinico a partire dai sistemi informativi esistenti utilizzando indicatori standard condivisi Attenzione ai pazienti mascherati e alla dimensione del privato Studio Epidemiologico Prospettico: valutazione nuovi casi, latenza di trattamento Studio Pilota con lutilizzo di una Scheda informatizzata di rilevazione (Almeno 3 centri coinvolti) per verificare la possibilità di applicazione diffuso in tutta la regione

5 2. Stato ed evoluzione dei servizi La presenza di servizi DCA è Molto maggiore del conosciuto; Non siamo la 1° regione: cè chi conosce di più; Effetto dellassenza di un disegno regionale forte che conosca, programmi, verifichi; con risorse. Precarietà frequente dei servizi attuali Obesità rientra tra i ns. compiti Relazione con endocrinologi, nutrizionisti…; Fare rete già in RER e nelle Ausl, DSP, DCP; Servizi che non si conoscono; Quando e come collaborare: cosa diamo e cosa ci aspettiamo da loro. Rivisitare con loro i sistemi di classificazione; Durata della malattia Intervento precoce Ridurre i pz pluritrattati

6 3. Finalità generali ed obiettivi Verificabilità (Q & q) Flessibilità Valorizzazione delle differenti culture e competenze Personalizzazione (paziente al centro, qualità percepita) Continuità (età, cura, territorio) Reciprocità (chiarezza e rispetto dei ruoli)

7 4. Attori Come interessarli? Condividono una classificazione. Strumenti di screening. Formazione. Dedicare risorse: dai DSMDP…; Rilevare la composizione e funzionalità dei presidi esistenti nelle Ausl; Nellequipe minima vanno garantite le competenze di : Psichiatria dellinfanzia e delladulto Psicologia, psicoterapia Dietologia, Nutrizione Medicina interna Stabilito e stabile, formato appositamente su DCA, riconosciuto, supervisionato (esternamente), in rete

8 5. il sistema di cura È formato da differenti livelli: di base (MMG e PdLS, vari specialisti: odontoiatra, fisiatra. ginecologo….) - identificarli, ingaggiarli, formarli, dotarli di strumenti di screening, discutere casi assieme, dotarsi di specialisti competenti. B: ambulatoriali dedicati, A1 Assessment abilitato per tutte le filiere (il pz non viene risottoposto a valutazione ma si usa la stessa cartella in rete; è il punto di accordo della prevalenza dei pz arrivati dalle varie porte di accesso) A2 trattamento ambulatoriale, C. urgenza (dedicare letti e… personale collaborativo; porta daccesso per pz in urgenza organica); D. di ricovero (residenziale e semi) - fare un gruppo regionale di miglioramento (?) su CT. Replicare il modello per linfanzia e la prima adolescenza: (si è in fase di programmazione più arretrata). Riordino dei servizi globale: altrimenti non si reperiscono le risorse: quesito globale alle direzioni aziendali. dare visibilità al bisogno: uscire dalla precarietà; Percorsi diagnostici e terapeutici strutturati Identificazione di indicatori di percorso Identificazione di indicatori di risultato a breve e a lungo termine Equipe multi-disciplinare Aree vaste? Ambulatori dedicati (distinti infanzia e adulti): Diffusi in proporzione alla domanda attesa; E in proporzione al tempo professionale dedicato; Di libero accesso e/o del MMG e del PdLS; In carico MMG il dca lieve, v. Leggieri?;

9 6. Obiettivi ed organizzazione del sistema di cura La cultura e punti di forza del gruppo: Gruppo come Team e come sistema di riferimento della rete Caratteristiche: Economizzazione delle risorse Valorizzazione delle diverse culture e saperi individuali Valorizzazione della reciprocità Azione sinergica nei percorsi terapeutici Attivazione della mente gruppale come rete sociale di sostegno Alleanza terapeutica e condivisione dei percorsi con la famiglia Strutture residenziali

10 7. Politica dellaccesso Costruire una porta dingresso della rete dei servizi che fa da ponte fra strutture dedicate ai DCA e i gli MMG e i PLS attraverso anche la definizione dei graduali impegni e delle reciproche competenze Diagnosi strutturate basate su: Età Tipologia del disturbo al momento della richiesta terapeutica Diagnosi di rischio fisico Gravità ed intensità della sintomatologia (abbuffate, condotte di eliminazione, digiuni) Comorbilità psichiatrica Multitrattamento Definizione della presa in carico con invio al team dedicato che deve disporre di più competenze diversificate e idonee al singolo paziente come 1° passo per percorso personalizzato. con lobiettivo di migliorare i risultati sia per il paziente che per la struttura (diminuzione dei drop-out e shopping terapeutico) utilizzare in modo razionale tutte le risorse disponibili

11 8. La rete dei servizi esigenza di avere partner socialmente credibili: empowerment e strumento di pressione dotarsi di web del Tavolo

12 9. Professioni, competenze, lavoro déquipe

13 10. Formazione Itinerante Come confronto Vengono identificati 2 livelli di specializzazione: 1) Gruppo di comunità di apprendimento (learning community) dei professionisti del tavolo 2)Formazione delle équipe in base ai bisogni identificati da un check-up déquipe

14 11. Ricerca ed innovazione La cultura e punti di forza del gruppo Gruppo terapeutico Caratteristiche: Economizzazione delle risorse Azione sinergica nei percorsi terapeutici Attivazione della mente gruppale come rete sociale di sostegno Risonanza e rispecchiamento

15 12. Il sistema di comunità Strutture residenziali (da approfondire) Valorizzazione del privato sociale (associazioni e volontariato formato)

16 13. Promozione della salute Corretta comunicazione con operatori, medici di fase, scuola e contesto sociale OMS : innovative care in chronic illness (multidisciplinarietà e alleanza con le famiglia) Mass media: educazione alla lettura e allo smascheramento dei messaggi dei media Lotta allo stigma; Empowerment dei cittadini pz. Brochure, web… Chiunque può svolgere iniziative scolastiche: ahi! le autonomie…Indicare le buone pratiche della promozione della salute.


Scaricare ppt "Regione Emilia Romagna - Tavolo Regionale sui Disturbi dei Comportamenti Alimentari RACCOMANDAZIONI PER LA DEFINIZIONE DI UN PIANO ATTUATIVO DELLE POLITICHE."

Presentazioni simili


Annunci Google