La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Azienda USL Viterbo Dipartimento di Salute Mentale 1/8 Ottobre 2009 ATTUALITA SCIENTIFICHE NELLESORDIO PSICOTICO I PRODROMI DELL ESORDIO PSICOTICO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Azienda USL Viterbo Dipartimento di Salute Mentale 1/8 Ottobre 2009 ATTUALITA SCIENTIFICHE NELLESORDIO PSICOTICO I PRODROMI DELL ESORDIO PSICOTICO."— Transcript della presentazione:

1 Azienda USL Viterbo Dipartimento di Salute Mentale 1/8 Ottobre 2009 ATTUALITA SCIENTIFICHE NELLESORDIO PSICOTICO I PRODROMI DELL ESORDIO PSICOTICO

2 Razionale Numeri, strumenti e modalità di valutazione delle fasi prodromiche Strumenti di intervento nelle fasi prodromiche Conclusioni 29 gennaio I Prodromi

3 29 gennaio 2014 I Prodromi (…) la qualità della prevenzione e dellintervento precoce sono fattori che influenzano in modo determinante la prognosi di una patologia (…) Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) … UN PRINCIPIO FONDAMENTALE 3 Razionale (I)

4 Razionale (II) 29 gennaio 2014 I Prodromi 4 Mrazek P. J. & Haggerty R. J …LA PREVENZIONE

5 Razionale (III) L attività di prevenzione e di intervento precoce sono direttamente proporzionali all idea che abbiamo della malattia in questione (…) McGorry et al Issues for DSM-V: clinical staging: a heuristic pathway to valid nosology and safer, more effective treatment in psychiatry. Am. J. psychiatry 164 (6). 29 gennaio 2014 I Prodromi 5

6 Razionale (IV) 29 gennaio 2014 I Prodromi 6 Il modello Kraepeliniano

7 Razionale (V) 29 gennaio 2014 I Prodromi 7 Il modello complesso- 1

8 Razionale (VI) 29 gennaio 2014 I Prodromi 8 Vulnerabilità Resilienza Sensitivizzazione Il modello complesso - 2

9 Razionale (VII) Nelle fasi prodromiche di una malattia le tipologie di intervento e i contesti in cui esse vengono praticate non possono essere le stesse delle fasi acute o croniche (…) Birchwood M. et al., Early Intervention in psychosis:keeping faith with evidence-based health care. Psychol. Med. 24 (3). 29 gennaio I Prodromi

10 Razionale (VIII) 29 gennaio 2014 I Prodromi 10 VariabileCampione totLow stressMedium stressHigh stress Esigenza di supporto Si No 44.2% 55.8% 39.2% 60.8% 66.9% 33.1% 68.2% 31.8% Richiesta di supporto Si No 43.8% (N=184) 56.2% (N=236) 42.9% 57.1% 47.1% 52.9% 46.7% 53.3% Domanda inespressa56.2%57.1%52.9%53.3% Armando et al Mental uneasiness, perceived stress and help-seeking in a non-resident university student sample. Epidemiology and Social Psychiatry, 18 (2). PAURACOSTOSFIDUCIADISINFORMAZIONE LOW-STRESS 16,2%30,0%33,2%20,5% MEDIUM- STRESS 19,8%43,0%27,9%9,3% HIGH-STRESS 13,5%43,2%21,6% TOTALE 17%33%31.5%18.5%

11 Razionale (IX) 29 gennaio 2014 I Prodromi 11 Klosterkotter J., Basic Symptoms and UHRCriteria: Symptom Development in the Initial Prodromal State. Schizophrenia Bulletin 35 (5)

12 Numeri, strumenti e modalità di valutazione delle fasi prodromiche (I) 29 gennaio 2014 I Prodromi 12 PSICOSI UHR APS/BLIPS BASIC SYMPT/SELF DISORDERS SNT ASPECIFICI/ RIDUZIONE VGF POPOLAZIONE GENERALE Distribuzione dell accesso ai Servizi % Prevalenza degli esordi (PPV) % (1.4) (10-20) (30-50) 10 anni

13 Numeri, strumenti e modalità di valutazione delle fasi prodromiche (II) SINTOMI PRODROMICI Sintomi Psicotici Brevi Intermittenti Sintomi Psicotici Attenuati Sintomi Di Base Disturbi Del Sé Aspecifici VALUTAZIONE DEI SINTOMI E DEL RISCHIO CAARMS SIPS/SOPS SPI-A /BSABS-P EASE ERIRAOS UHR EPOS COOPER/COGDIS 29 gennaio 2014 I Prodromi 13

14 Numeri, strumenti e modalità di valutazione delle fasi prodromiche (III) TIPOLOGIA DI SINTOMI PRODROMICI Sintomi Psicotici Brevi Intermittenti Sintomi Psicotici Attenuati Sintomi di Base Disturbi del Sé Aspecifici 29 gennaio 2014 I Prodromi 14 PREDITTIVITA

15 Numeri, strumenti e modalità di valutazione delle fasi prodromiche (IV) 29 gennaio 2014 I Prodromi 15 Concentrazione e attenzione ridotte Ridotta energia e motivazione, anergia Umore depresso Disturbi del sonno Ansia Ritiro sociale Sospettosità Deterioramento nel funzionamento di ruolo Irritabilità Riduzione VGF Variabili e non specifiche SINTOMI ASPECIFICI

16 Numeri, strumenti e modalità di valutazione delle fasi prodromiche (V ) SINTOMIPRESENZA (%) Ideazioni magiche51.0 Esperienze percettive insolite45.6 Isolamento/ritiro sociale18.4 Funzionamento di ruolo marcatamente deteriorato 41.1 Affettività coartata, appiattita o inappropriata21.7 Divagazioni e iperelaborazioni delleloquio21.7 Spiccata mancanza di iniziativa o di energia39.7 Comportamento bizzarro25.2 Evidente trascuratezza delligiene personale8.1 Frequenza dei sintomi prodromici della schizofrenia secondo il DSM-III in sedicenni australiani 29 gennaio I Prodromi

17 Numeri, strumenti e modalità di valutazione delle fasi prodromiche (VI) 29 gennaio 2014 I Prodromi 17 SINTOMI DI BASE: SENSAZIONI ANOMALE DISTURBANTI AUTOPERCEPITE, PREVALENTEMENTE DI NATURA COGNITIVA, PRESENTI IN MANIERA FLUTTUANTE SOPRATTUTTO NELLE FASI PRODROMICHE DELLA SCHIZOFRENIA DISTURBI DEL SE: SOTTILI ANOMALIE ESPERIENZIALI O SOGGETTIVE CONSIDERATE DISTURBI DELLA COSCIENZA DI SÉ ELEMENTARE APS: PRESENZA ALMENO DI UNO DEI SEGUENTI SINTOMI: IDEE DI RIFERIMENTO, CONVINZIONI ERRATE O PENSIERI MAGICI, DISTURBI DELLA PERCEZIONE, IDEAZIONE PARANOIDE, PENSIERI ED ELOQUIO BIZZARRI, COMPORTAMENTO E ASPETTO BIZZARRO IN PIÙ DI UN OCCASIONE E PER PIÙ DI UNA SETTIMANA BLIPS: PRESENZA DI ALMENO UNO DEI SINTOMI APS CON INTENSITA MAGGIORE E CON UNA DURATA INFERIORE AD UNA SETTIMANA

18 Numeri, strumenti e modalità di valutazione delle fasi prodromiche (VII) STRUMENTI DI VALUTAZIONE CAARMS SIPS/SOPS SPI-A /BSABS-P EASE ERIraos 29 gennaio 2014 I Prodromi 18

19 Numeri, strumenti e modalità di valutazione delle fasi prodromiche (VIII) SINTOMATOLOGIA POSITIVE SYMPTOMS COGNITIVE CHANGE ATTENTION/CONCENTRATION EMOTIONAL DISTURBANCE NEGATIVE SYMPTOMS BEHAVIOURAL CHANGE MOTOR/PHYSICAL CHANGES GENERAL PSYCHOPATHOLOGY FATTORI DI STATO E TRATTO FAMILIARITA PER DISTURBO PSICOTICO DISTURBO SCHIZOTIPICO DI PERSONALITA DETERIORAMENTO FUNZIONALE 29 gennaio I Prodromi Comprehensive Assessment of At Risk Mental State (CAARMS)

20 Numeri, strumenti e modalità di valutazione delle fasi prodromiche (IX) MEASURES SCALE OF PRODROMAL SYMPTOMS SCHIZOTYPAL PERSONALITY DISORDER CHECKLIST {DSM-IV) FAMILY HISTORY QUESTIONNAIRE GLOBAL ASSESSMENT OF FUNCTIONING SCALE SCALE OF PRODROMAL SYMPTOMS (SOPS) POSITIVE SYMPTOMS NEGATIVE SYMPTOMS DISORGANIZATION SYMPTOMS GENERAL SYMPTOMS SLEEP DISTURBANCE CRITERIA PRESENCE OF PSYCHOTIC SYNDROME CRITERIA OF PRODROMAL SYNDROMES BRIEF INTERMITTENT PSYCHOTIC SYMPTOM SYNDROME ATTENUATED POSITIVE SYMPTOM SYNDROME GENETIC RISK AND DETERIORATION SYNDROME 29 gennaio 2014 I Prodromi 20 Structured Interview for Prodromal Syndromes (SIPS)

21 29 gennaio 2014 I Prodromi 21 VALUTAZIONE DELLE ANOMALIE DELL ESPERIENZA DEL SE Cognitività e flusso di coscienza Coscienza di Sé e Presenza Vissuti corporei Demarcazione Transitivismo Riorientamento Esistenziale Numeri, strumenti e modalità di valutazione delle fasi prodromiche (X)

22 Numeri, strumenti e modalità di valutazione delle fasi prodromiche (XI) CRITERI DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO UHR COOPER/COGDIS EPOS 29 gennaio 2014 I Prodromi 22

23 INDIVIDUI AD ALTO RISCHIO DI PSICOSI (UHR) SINTOMI PSICOTICI ATTENUATI SINTOMI PSICOTICI BREVI e/o LIMITATI e/o INTERMITTENTI (BLIPS) FATTORI DI STATO O TRATTO STORIA FAMILIARE DI DISTURBO PSICOTICO PRESENZA DISTURBO SCHIZOTIPICO DI PERSONALITA DETERIORAM. FUNZION. MENTALE Numeri, strumenti e modalità di valutazione delle fasi prodromiche (XII) 29 gennaio 2014 I Prodromi 23 CRITERI ULTRA HIGH RISK

24 Criteri di inclusione UHR Sintomi psicotici attenuati (APS) Presenza almeno di uno dei seguenti sintomi: idee di riferimento convinzioni errate o pensieri magici disturbi della percezione ideazione paranoide pensieri ed eloquio bizzarri comportamento e aspetto bizzarro Unusual Thought Content scale (UTC-scale): 2 o 3 Hallucination scale (H-scale): 1 o 2 Suspiciousness scale (S-scale): 2 o 3 Conceptual Disorganization scale (CD-scale) - del BPRS: 1 o 3 Comprehensive Assessment of Symptoms and History (CASH): M McGorry et al.,1988 Andreasen et al..,1992 Cambiamento nello stato mentale è presente per almeno una settimana e non più di 5 anni. Frequenza dei sintomi: almeno diverse volte alla settimana. Sintomi psicotici brevi limitati intermittenti (BLIPS) presenza di almeno uno dei seguenti sintomi: idee di riferimento pensieri magici disturbi della percezione ideazione paranoide pensieri ed eloquio bizzarri 4+ nella UTC-scale; 3+ nella H-scale 4+ nella S-scale 3 o più nella scala di valutazione CASH 4+ nella CD-scale della BPRS Durata dellepisodio meno di una settimana. I sintomi si risolvono spontaneamente. Il BLIPS deve essere comparso durante lanno precedente Tratti e fattori di stato a rischio Parente di primo grado con una diagnosi di disturbo psicotico o di personalità schizotipica (secondo il DSM-IV) Diminuzione significativa nel funzionamento dello stato mentale mantenuta per almeno un mese e non più di cinque anni (GAF-Global Assessment Functional- scale di 30 punti dal livello premorboso).. La diminuzione della funzionalità deve essere comparsa durante lanno precedente. Yung AR et al. Psychosis prediction: 12-month follow up of a high-risk (prodromal group. Schizophrenia Research 2003; pag gennaio I Prodromi

25 Sintomi di base Cognitivo-Percettivi (COPER) High-risk criterion, Disturbi Cognitivi (COGDIS) 1 sintomo di base 3 negli ultimi tre mesi: pensieri interferenti pensieri perseveranti pressione dei pensieri blocco del pensiero disturbo recettivo del linguaggio ridotta capacità di discriminare tra idee e percezioni e tra fantasie e ricordi idee di riferimento incostanti derealizzazione disturbo della percezione visiva disturbo della percezione uditiva 2 sintomi di base negli ultimi tre mesi: incapacità di suddividere lattenzione pensieri interferenti pressione dei pensieri blocco dei pensieri disturbo recettivo del linguaggio disturbo espressivo del linguaggio idee di riferimento incostanti disturbo dellinterpretazione simbolica tendenza a fissare lattenzione su piccoli dettagli del campo visivo Numeri, strumenti e modalità di valutazione delle fasi prodromiche (XIII)

26 Criteri dinclusione per il gruppo EPOS Sintomi positivi attenuati (APS) Presenza di almeno uno dei seguenti sintomi SIPS (Structured Interview for Prodromal Syndromes) con un punteggio tra 3 e 5 e una comparsa di diverse volte per settimana per un periodo di almeno una settimana: Insoliti contenuti di pensiero/ convinzioni errate (delusional ideas) Sospettosità/idee persecutorie Grandiosità Dispercezioni/allucinazioni Comunicazione disorganizzata Comportamento o aspetto bizzarro Sintomi psicotici brevi limitati intermittenti (BLIPS) Presenza di almeno uno dei seguenti sintomi PANSS (Positive and Negative sindrome Scale) che si risolve spontaneamente in 7 giorni e un intervallo tra episodi con questi sintomi di almeno una settimana (due episodi di BLIPS separati da meno di una settimana sono considerati come un episodio; se la durata totale è più di una settimana il criterio di transizione è soddisfatto) Allucinazioni (PANSS P3 punteggio 4) Convinzione errata (delusion) (PANSS P1, P5, P6, punteggio 4) Disordini formali del pensiero (PANSS P2 punteggio 4)

27 Criteri dinclusione per il gruppo EPOS Rischio familiare funzionalità ridotta Un cambiamento nello stato mentale o nelle funzioni principali a una riduzione del 30% o più della scala di valutazione globale del funzionamento (GAF, Global Assessment of Functioning scale) per almeno un mese nellultimo anno comparato al più alto livello di funzionamento precedente, più almeno uno dei seguenti indicatori di rischio: Storia di un disturbo psicotico da DSM-IV in parenti di I o II grado (non dovuto a fattori medici o indotto da sostanza) Un disturbo schizotipico di personalità così come è nel DSM-IV Sintomi di base Presenza di almeno due dei seguenti sintomi dal gruppo disturbi cognitivi per più di un anno, con un punteggio BSABS-P 3 (Scala di Bonn per la valutazione dei sintomi di base, lista predittiva) durante gli ultimi tre mesi: Inabilità a dividere (separare, divergere) lattenzione Interferenze nel pensiero Pressione del pensiero Blocchi del pensiero Disturbi nel discorso ricettivo Disturbi nel discorso espressivo Disturbi nel pensiero astratto (concretismo) Instabili idee di riferimento (centrismo soggettivo) Catturamento dellattenzione da dettagli del campo visivo Cfr. Klösterkötter et al. The European Prediction of Psychosis Study (EPOS): integrating early recognition and intervention in Europe. Research Report. 2005; pag.162.

28 Strumenti di intervento nelle fasi prodromiche PAZIENTE CBT Problem-solving Recupero delle funzionalità Terapie farmacologiche a basso dosaggio sintomo- specifiche Omega-3 AMBIENTE Sensibilizzazione Informazione Destigmatizzazione Interventi sulle famiglie Interventi sul gruppo dei pari 29 gennaio 2014 I Prodromi 28

29 LINEE GUIDA OTTOBRE gennaio I Prodromi

30 Conclusioni POTENZIALI RISCHI Eterostigmatizzazione Medicalizzazione Distrazione di fondi e risorse POTENZIALI VANTAGGI Non traumaticità dell intervento Riduzione della domanda inespressa Miglioramento della prognosi Riduzione della stigmatizzazione iatrogena e autostigmatizzazione Maggiore motivazione degli operatori 29 gennaio 2014 I Prodromi 30

31 LINEE GUIDA OTTOBRE gennaio I Prodromi

32 Conclusioni (I) 29 gennaio 2014 I Prodromi 32


Scaricare ppt "Azienda USL Viterbo Dipartimento di Salute Mentale 1/8 Ottobre 2009 ATTUALITA SCIENTIFICHE NELLESORDIO PSICOTICO I PRODROMI DELL ESORDIO PSICOTICO."

Presentazioni simili


Annunci Google