La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Assistenza Domiciliare Ematologica UOC di Ematologia AUSL Viterbo / AIL Viterbo Viterbo, 15 Novembre 2012 Dr. Marco Montanaro Direttore UOC di Ematologia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Assistenza Domiciliare Ematologica UOC di Ematologia AUSL Viterbo / AIL Viterbo Viterbo, 15 Novembre 2012 Dr. Marco Montanaro Direttore UOC di Ematologia."— Transcript della presentazione:

1 Assistenza Domiciliare Ematologica UOC di Ematologia AUSL Viterbo / AIL Viterbo Viterbo, 15 Novembre 2012 Dr. Marco Montanaro Direttore UOC di Ematologia ASL Viterbo

2 Gli inizi: il ruolo esclusivo dellAIL Inizia in provincia di Viterbo nel 1996 con il progetto AIL - 30 ore per la vita ; Integrale finanziamento AIL delle attività di cure domiciliari nel decennio ; Medici ed Infermieri in prevalenza della U.O.C. di Ematologia in regime di convenzione Tipologia di prestazioni: prelievi, medicazioni, visite mediche domiciliari Evoluzione/Istituzionalizzazione: collaborazione AIL-AUSL Nel 2006 assegnazione di un Dirigente Medico Nel 2007 e 2008: due Infermieri. Nel 2007 l AD diventa attività istituzionale della U.O.C. di Ematologia ASL Viterbo, ampliando la gamma dei disordini trattati e la tipologia delle prestazioni erogate. La registrazione delle attività assistenziali erogate è confluita nei flussi informativi aziendali SIO con lapertura di cartelle cliniche di Trattamento Domiciliare e SIAS dellattività ambulatoriale Lindividuazione di un centro di costo/assegnazione di un codice di magazzino ha consentito lapprovvigionamento (e quindi la somministrazione domiciliare) di farmaci anche appartenenti alla tipologia H Hosp2. Assistenza domiciliare specialistica ematologica

3 Criteri di assistibilità in AD 1. Portatori di problematiche legate alla condizione socio-sanitaria e/o alla condizione avanzata di malattia Anziani Utenti fortemente delocalizzati rispetto alle sedi della U.O.C. Utenti con rilevanti problemi sociali e/o di mobilità Utenti in condizioni avanzate e debilitanti di malattia. 2. Utenti precocemente dimissibili dalla degenza ordinaria. Dopo ricoveri nei quali sono state erogate chemioterapie ordinarie e/o mobilizzanti le cellule staminali; Dopo autotrapianto e non ancora in possesso di una completa restitutio midollare (piastinopenie e leucopenie di moderata entità, apiretici, senza comorbilità). Infezioni virali (CMV) e fungine necessitanti di prosecuzione di terapia specifica

4 Prestazioni erogate in AD Visite mediche Visite infermieristiche Educazione sanitaria al paziente e al caregiver da parte del medico e dellinfermiere Prelievi ematici Prelievi per emocolture Esecuzione tamponi colturali Procedure invasive: Biopsia osteomidollare, mieoloaspirato, aspirato del grasso periombelicale. Gestione Catetere Venoso Centrale (medicazione, infusione di liquidi e farmaci, irrigazione, prelievo ematico, disostruzione) Infusione/Iniezione di farmaci antiblastici Somministrazione di altri farmaci non antiblastici Terapia del dolore Trasfusione di sangue e di emoderivati ( in situazioni eccezionali quale supporto al S.I.T.) Enteroclisma Applicazione e gestione sondino naso gastrico Cateterismo vescicale nelluomo e nella donna

5

6

7 Tipologia e modalita di somministrazione dei farmaci antineoplastici a domicilio (1) Analizzata: la normativa professionale medica e infermieristica, i codici deontologici del medico e dellinfermiere, le schede tecniche dei farmaci con particolare riferimento agli effetti indesiderati/collaterali ed alle eventuali reazioni avverse; In base a considerazioni rischio - beneficio è stato stilato lelenco completo dei farmaci antineoplastici suddividendoli in: farmaci non erogabili a domicilio, farmaci che richiedono la compresenza medico-infermieristica farmaci che linfermiere può somministrare autonomamente, previa valutazione medica del paziente e prescrizione scritta.

8 Farmaci Antiblastici: per via EV, SC, Endorachide Non erogabili Compresenza medico infermiere Infermiere in autonomia (previa prescrizione e valutazione medica del paziente) BortezomibX Ciclofosfamide fino a 500 mg/mqX Citosina-arabinoside a dosi intermedio- basse X DacarbazinaX DaunorubicinaX Derivati del platinoX DesametasoneX Desossicoformicina 1° somministrazione X Desossicorfomicina somministrazioni successive X Doxorubicina liposomialeX Somministrabilità farmaci antineoplastici a domicilio (2)

9 Chemio/immunoterapia domiciliare: anni 2010/2011 PatologiaPazienti trattatiN° accessi per chemioterapie LNH a grandi cellule 636 LNH follicolare 442 LNH linfocitico 114 LNH mantellare 323 LNH marginale 218 Mieloma 24312

10 UOC di Ematologia Assistenza Domiciliare

11 Convenzione tra AUSL Viterbo e AIL

12 UOC di Ematologia Assistenza Domiciliare: il ruolo dellAIL 4695

13 UOC di Ematologia Assistenza domiciliare – anno 2011 Pazienti assistiti, suddivisi per gruppi di patologie N. Pazienti = 258

14 UOC di Ematologia Assistenza Domiciliare – anno 2011 Carico assistenziale (n. accessi per gruppi nosologici) Totale accessi: 4595

15 Sopravvivenza dalla diagnosi dei Pazienti inseriti in AD

16 Dopo inserimento in AD SM: 13 mesi

17 Mieloma multiplo: assistenza domiciliare AD: n.35 SM= 52.2 m No AD: n. 147 SM= 36 m. p < 0.05

18 Curve di sopravvivenza: analisi limitata ai pazienti viventi a 31 mesi dalla diagnosi AD: n.18 SM: 65,7 m NO AD: n. 60 SM: 47,5 m p = 0,0758

19 Un ringraziamento Dr. Marco Morucci (Medico full time in AD) Dr.ssa Michela Tarnani (Medico part time in AD) Sig.ra Vincenza Innocenti (Infermiera full time in AD Sig.ra Silvia Bertelli (Infermiera full time in AD) Sig.ra Simonetta Paoletti (Coordinatrice Infermieristica UOC) Sig.ra Cristina Mastini (AIL Viterbo) Sig. Luigi Marziali (AIL Viterbo) Tutti gli Infermieri e i Medici della UOC di Ematologia in convenzione AIL-AUSL Viterbo per lAD


Scaricare ppt "Assistenza Domiciliare Ematologica UOC di Ematologia AUSL Viterbo / AIL Viterbo Viterbo, 15 Novembre 2012 Dr. Marco Montanaro Direttore UOC di Ematologia."

Presentazioni simili


Annunci Google