La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI SETTORE VETERINARIA I regolamenti europei in materia di sicurezza alimentare e i controlli ufficiali.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI SETTORE VETERINARIA I regolamenti europei in materia di sicurezza alimentare e i controlli ufficiali."— Transcript della presentazione:

1

2 REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI SETTORE VETERINARIA I regolamenti europei in materia di sicurezza alimentare e i controlli ufficiali Dott. Enzo Secco Genova 19 maggio 2010

3 1951 Belgio Germania occ. Lussemburgo Francia Italia Paesi Bassi paesi paesi

4 U.E. oltre 3 milioni chilometri quadrati oltre 500 milioni di abitanti Popolazione su scala mondiale terza dopo Cina e India INDUSTRIA ALIMENTARE maggior produttore al mondo di alimenti e bevande 600 miliardi di fatturato 2,6 milioni di addetti (30% in piccole e medie imprese) terzo datore di lavoro della U.E. Export : 50 miliardi anno SETTORE AGRICOLO 220 miliardi anno 7,5 milioni addetti

5 Diritto derivato e politiche originano dal triangolo istituzionale costituito da: 1.Consiglio 2.Parlamento 3.Commissione La Commissione ha il monopolio della iniziativa legislativa si avvale di 40 Direzioni Generali 1995 XXIV DG Pubblic healt, food safety e consumers office (DG SANCO – FVO)

6 Fonti del diritto derivato (art.249 del Trattato ) A carattere normativo vincolante Regolamenti Direttive Decisioni A carattere non vincolante raccomandazioni pareri

7 Le direttive sono: vincolanti solo negli obiettivi; si tratta di strumenti ad azione indiretta; indicano il risultato da raggiungere, richiedono un completamento del quadro normativo da parte dei singoli Stati membri; prive del carattere di immediata applicabilità, devono formare oggetto di provvedimenti nazionali di recepimento, altrimenti non possono produrre né diritti né doveri. Possono essere di carattere: generale, quando si indirizzano a tutti gli Stati membri; individuale o particolare, quando si indirizzano a uno o più Stati membri. La loro efficacia di regola non è immediata

8 I regolamenti sono gli strumenti più completi ed efficaci a disposizione delle istituzioni. Sono: di portata generale, cioè applicabili a categorie di destinatari astrattamente determinate; obbligatori in tutti i loro elementi, nel senso che gli Stati membri hanno lobbligo della loro integrale applicazione; direttamente applicabili in ogni Stato membro, nel senso che esplicano tutti i loro effetti negli Stati membri, nei confronti delle loro istituzioni e rispetto ai privati, senza che sia necessario un atto di attuazione o recepimento da parte degli Stati membri stessi. I regolamenti vengono pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale delle Comunità europee ed in linea di principio entrano in vigore decorsi 20 giorni dalla loro pubblicazione. Le decisioni sono atti normativi concreti di carattere amministrativo: atti obbligatori in tutti i loro elementi, ma solo per i destinatari da esse designati; possono essere rivolte sia agli Stati membri che ai privati. Le decisioni entrano in vigore o dalla data di pubblicazione

9 Le raccomandazioni e i pareri sono strumenti dazione non vincolante e in quanto tali, vengono utilizzati dalle istituzioni in maniera indifferente, anche se con il parere listituzione intende far conoscere al destinatario - unaltra istituzione, uno Stato membro o un privato - la propria opinione in modo da orientarne il comportamento, mentre le raccomandazioni sono di solito inviti più incisivi rivolti da unistituzione comunitaria ad un singolo Stato membro, per richiamarlo a determinati comportamenti. Questi strumenti, per le loro caratteristiche di non essere vincolanti, possono essere utilizzati anche quando i Trattati non lo prevedano espressamente

10 BSE DIOSSINA 2001AFTA ( 33 miliardi di euro ) 2001INFLUENZA AVIARE (650 milioni) ….SUDAN ROSSO…e altri

11 2000LIBRO BIANCO SICUREZZA ALIMENTARE 2002Regolamento 178/2002 ….procedure di sicurezza alimentare 2004 Direttiva 2004/41 Regolamento CE 852..igiene dei prodotti alimentari Regolamento CE norme aspecifiche alimenti o.a. Regolamento CE 854..controlli ufficiali prodotti o.a. Regolamento CE controlli ufficiali mangimi/alimenti..salute e benessere animale… Reg. 2073/2005 sui criteri microbiologici applicabili ai prodotti alimentari Reg. 2074/2005 relativo alle modalità attuative dei controlli Reg. 2076/2005 relativo ad alcune disposizioni transitorie

12 Reg. 178/02 CE Analisi del rischio Principio precauzione mangimi = alimenti Responsabilità operatori Rintracciabilità in tutte le fasi Ritiro dal mercato e informazione AESA CNSA ALARM SYSTEM ALIMENTI A RISCHIO Dannosi per la salute Inadatti al consumo umano APPROCCIO DI FILIERA

13 Obblighi operatori del settore alimentare OSA notifica garantisce rispetta predispone *registratiReg. 852 *riconosciutiReg Reg. 853

14 Osa registrati Reg. 882/2004 Osa riconosciuti Reg. 882/2004 Reg. 854/2004

15 REGOLAMENTO (CE) N. 882/2004 relativo ai controlli ufficiali intesi a verificare la conformità alla normativa in materia di mangimi e di alimenti e alle norme sulla salute e sul benessere degli animali regole generali per lesecuzione dei controlli ufficiali 1.prevenire, eliminare o ridurre a livelli accettabili i rischi per gli esseri umani e gli animali, siano essi rischi diretti o veicolati dallambiente; 2.garantire pratiche commerciali leali per i mangimi e gli alimenti e tutelare gli interessi dei consumatori, comprese letichettatura dei mangimi e degli alimenti e altre forme di informazione dei consumatori.

16 STRUMENTI MonitoraggioMonitoraggio SorveglianzaSorveglianza VerificaVerifica IspezioneIspezione CampionamentoCampionamento AuditAudit controllo documentalecontrollo documentale controllo di identitàcontrollo di identità controllo materialecontrollo materiale blocco ufficialeblocco ufficiale

17 Caratteristiche periodici senza preavviso efficaci appropriati imparziali coerenti coordinati documentati

18 REGOLAMENTO (CE) N. 854/2004 che stabilisce norme specifiche per lorganizzazione di controlli ufficiali sui prodotti di origine animale destinati al consumo umano Carni fresche Molluschi bivalvi Prodotti della pesca Latte e prodotti lattieri Requisiti strutturali locali e attrezzature Materie prime e ingredienti Prodotti finiti e modalità di conservazione Igiene della lavorazione e del personale Prerequisiti Sistema HACCP Sottoprodotti e MSR Bollatura sanitaria e/o di identificazione Benessere animale al macello Anagrafe animale al macello Campioni ambientali o di prodotti ove necessario

19 art. 54 reg. CE 882/04 Azioni in caso di non conformità alla normativa limposizione di procedure di igienizzazione o di qualsiasi altra azione ritenuta necessaria per garantire la sicurezza del mangime e degli alimenti o la conformità alla normativa la restrizione o il divieto dellimmissione sul mercato, dellimportazione o dellesportazione di mangimi, alimenti o animali; il monitoraggio e, se necessario, la decisione del richiamo, del ritiro e/o della distruzione di mangimi o alimenti; lautorizzazione delluso di mangimi o di alimenti per fini diversi da quelli originariamente previsti; la sospensione delle operazioni o la chiusura in toto o in parte dellazienda interessata per un appropriato periodo di tempo; la sospensione o il ritiro del riconoscimento dello stabilimento;

20 notifica scritta della sua decisione concernente lazione da intraprendere con relative motivazioni informazioni sui diritti di ricorso avverso tali decisioni

21 D.Lgs. 6 novembre 2007, n. 193 Attuazione della direttiva 2004/41/CE relativa ai controlli in materia di sicurezza alimentare e applicazione dei regolamenti comunitari nel medesimo settore Ministero della salute Indirizzo generale e coordinamento in materia di sicurezza alimentare PNI supervisione Regione indirizzo e coordinamento delle attività territoriali delle ASL elaborazione e adozione dei piani regionali di controllo individuazione degli standard di funzionamento dei Servizi delle ASL supervisione sulle attività delle ASL. ASL pianificazione programmazione esecuzione dei controlli ufficiali

22 Macell. prep. carne stabilimenti non riconosciuti 6 mesi-1 annoMacell. prep. carne stabilimenti non riconosciuti 6 mesi-1 anno Attività in stabilimenti non riconosciuti Attività in stabilimenti non riconosciuti Mancata notifica attività Mancata notifica attività Mancato rispetto requisiti produzione primaria Mancato rispetto requisiti produzione primaria all.II all.II Omissione procedure haccp Omissione procedure haccp Mancato adempimento prescrizioni Mancato adempimento prescrizioni Mancata applicazione procedure Mancata applicazione procedure Omissione etichetta Omissione etichetta

23 Provvedimenti regionali DGR n. 547 del 23/05/2008 Piano Regionale dei Controlli integrati in materia di sicurezza alimentare DGR n del 30/12/2008 Adeguamento delle procedure di riconoscimento degli stabilimenti che operano ai sensi del regolamento CE/853/2004 e del Regolamento CE/1774/2002 DGR n. 740 del 5/6/2009 Integrazione PRCI in materia di sicurezza alimentare programmazione 2009 indicazioni e direttive alle AASSLL DGR n. 937 del 10/07/2009 Direttive per la gestione operativa e del Piano di emergenza sicurezza alimenti e mangimi DGR n del 21/09/2009 Adozione Linee guida in materia di applicazione del Regolamento (CE) n. 183/05 che stabilisce i requisiti per l'igiene dei mangimi. DGR n. 342 del 09/02/2010 Reg. CE 882/04 - "Piano Regionale controlli integrati in materia di sicurezza alimentare "Programmazione Decreto n. 123 del 29/03/2010 Linee guida ed indirizzi programmazione 2010


Scaricare ppt "REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI SETTORE VETERINARIA I regolamenti europei in materia di sicurezza alimentare e i controlli ufficiali."

Presentazioni simili


Annunci Google