La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

REACH e CLP: prime esperienze di vigilanza e controllo Giulio Andrea TOZZI, ASL3 Genovese s.c. PSAL – s.s. Ponente Regione Liguria, Confindustria,Genove,17.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "REACH e CLP: prime esperienze di vigilanza e controllo Giulio Andrea TOZZI, ASL3 Genovese s.c. PSAL – s.s. Ponente Regione Liguria, Confindustria,Genove,17."— Transcript della presentazione:

1 REACH e CLP: prime esperienze di vigilanza e controllo Giulio Andrea TOZZI, ASL3 Genovese s.c. PSAL – s.s. Ponente Regione Liguria, Confindustria,Genove,17 Ottobre, 2012

2 Il quadro normativo (3-4) Il Sistema REACH (5-8) Il sistema pubblico integrato per l'applicazione del REACH (9-10) Sistema di vigilanza – gli attori operativi (11-13) Il sistema sanzionatorio REACH e CLP (14-18) Ricadute sugli utilizzatori di agenti chimici (19-22) REACH ENFORCE 1 (23-24) REACH ENFORCE 2 (25-27) Programmazione dei controlli in Lombardia (28) Prime esperienze in Liguria (29) Attività in corso (30) Riferimenti utili (31) Indice degli argomenti

3 Regolamento CE del , 1907/ REACH Dir 2006/121/CE sostanze (modifica dir 67/548/CEE) Regolamenti 793/93/CEE e 1488/94/CEE Valutazione,controllo dei rischi di sostanze esistenti. DLgs 52/97 classificazione, imballaggio, etichettatura sostanze pericolose DM (dir 2004/73/CE (XXIX adeguamento dir 67/548/CEE)) DLgs 65/03 e DLgs 260/04 classificazione, imballaggio, etichettatura preparati pericolosi Il quadro normativo (1) Circ. Min San n.13, Circ. Min Sal DM (dir 2001/58/CE) REGOLAMENTO CE n. 1272/ CLP DPR n.904 (dir 76/769/CEE) DLgs n.145 Regolamento 453/2010 UE (all.II-VI) DLgs n.133 DLgs n. 186 DL n.10, convertito in Legge n.46 (Allegato, art.5-bis) D.Interministeriale (Piano di attività e utilizzo Risorse Finanziarie) Regolamento 689/2008 in/out

4 Regolamento Reach L.46/07 DM Accordo Stato/ Regioni 181/09 Regione Liguria DGR 397/10 DD 3082/11 DGR xxxx DLgs 145/08 Decreto Tariffe DLgs 133/09 Decreto Sanzioni Piano Nazionale Controlli Regolamento CLP DLgs 186/11 Decreto Sanzioni Il quadro normativo (2)

5 Il sistema REACH (1) Sostanze presenti sul mercato tra e SOSTANZE ESISTENTI EINECS Sostanze notificate e immesse sul mercato dopo il SOSTANZE NUOVE ELINCS Sostanze classificate come PERICOLOSE Gruppi di sostanze soggette a restrizioni sostanze circa Sostanze prioritarie valutate dagli SM in base al Regolamento 793/93/CEE Sostanze phase-in: già prodotte e/o immesse sul mercato al per le quali l'obbligo di registrazione è scaglionato nel tempo in funzione dei quantitativi. Sostanze non phase-in: sostanze nuove, per le quali vale il principio, no registration no market. 141 OGGI (dal ) IERI (fino al ) Assenza informazioni di base sulle proprietà fisico- chimiche, sugli aspetti tossicologici e ambientali NLP Art. 3.20

6 Il sistema REACH (2) Fabbricanti / Importatori Dossier di Registrazione Raccolta dati Valutazione della sicurezza Classificazione, Etichettatura Proposta di test Utilizzatori a valle - Esposizione - Valutazione dei rischi (pre - Registrazione) Registrazione - Inventario delle Classificazioni ed Etichettature - Data Base REACH-IT (ECHA) Valutazione dei dossier e delle sostanze (ECHA e Stati Membri) Autorizzazione (ECHA) Restrizione (ECHA) INDUSTRIA AUTORITA' CMR 1-2, PBT, vPvB - All.XIV All. XVII (SIEF) da Documents pour le Médecin du Travail n.109, 1° semestre 2007

7 ECHA Registration Statistics – Il sistema REACH (4) Dimensione aziende Stati Membri Totali Registrazioni e Sostanze NONS, notified substances to MS Competent Athority under Dir 67/548/EEC)

8 Il sistema REACH (3) ITALIA Registrazioni (%EEA) Sostanze Uniche (%EEA) Totale (7.3) 932 (20.1) Phase-in (7.3) 881 (22.5) Non Phase- in 111 (7.5) 51 (7.2) NONS* 855 (8.6) 587 (11.1) Genova (RIPE) Registranti: 30 Fabbricanti: 6 Importatori: 13 OR: 11 Sostanze: 16 ECHA Registration Statistics – Totali Registrazioni e Sostanze (*) NONS, sostanze notificate alle Autorità Competenti degli Stati Membri sulla base della Dir 67/548/EEC

9 Livello nazionale (AC) Livello regionale Livello Europeo CTC ECHA Forum Liguria DGR 397/10 Decr 3082/11 CIP-GT Accordo Stato Regioni 29 Ottobre 2009 Livello Internazionale Convenzioni Stoccolma - Rotterdam OECD UNEP-SAICM Il sistema pubblico integrato per l'applicazione del REACH (1)

10 Il sistema pubblico integrato per l'applicazione del REACH (2) DOGANE ISPESL, USMAF Sindaci dei Comuni AC ACR - Regione Sanità/Ambiente ASL GT CTC CIP CSC/ISS Ministero Sviluppo Economico Ministero Ambiente Commissione, altre Istituzioni Europee ed Internazionali Help desk ISPRA ARPA

11 oLe Regioni e le Province Autonome, individuano lAutorità per i controlli sul REACH nellambito della propria organizzazione e legislazione Amministrazioni dello Stato : oUSMAF, NAS, corpo ispettivo di cui al decreto 27 gennaio 2006 del Ministro della salute dipendenti dal Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali; oAgenzia delle dogane, NOE. LIVELLO NAZIONALE 19 Regioni + 2 Province autonome: 21 Autorità per i controlli oIndividuano le articolazioni organizzative territoriali che effettuano i controlli e sono titolari dell eventuale iter sanzionatorio amministrativo oDanno comunicazione sullattività allAutorità competente nazionale Sistema di vigilanza - Attori operativi (1) LIVELLO REGIONALE

12 La Regione Liguria ha recepito lAccordo individuando: AC Regionale (ACR): Dipartimento Salute regionale; Articolazioni territoriali che effettuano la vigilanza: ASL; Laboratorio di riferimento per le analisi: ARPAL; Supporto dell'ACR: Gruppo Tecnico di esperti provenienti da diversi enti regionali (3 ASL, 1 Arpal, 1 Dip. Ambiente, 1 Dip. Salute, altri – 1 IST) Coordinamento Interregionale della Prevenzione. Decreto n.3082 del DGR 397 del 05/03/2010 Sistema di vigilanza - Attori operativi (2) REGIONE Liguria

13 Sistema di vigilanza - Attori operativi (3) - RIPE RIPE

14 Il sistema sanzionatorio - REACH (1) DLgs , n.133 Prevede: sanzioni amministrative pecuniarie da un minimo di a un massimo di , salvo che il fatto costituisca reato; A carico di: Fabbricante, Importatore, Rappresentante esclusivo, Produttore o Importatore di articoli, Fornitore di sostanza e/o miscela, Distributore, Utilizzatore a valle, Titolare di unautorizzazione, Proprietario di uno studio (art.9), Datore di lavoro (art.10.8: , mentre lart.227.1d/DLgs 81 prevede larresto fino a 6 mesi o lammenda da a e lapplicazione del DLgs 758/94); La persona giuridica è obbligata in solido con lautore della violazione al pagamento della sanzione; E escluso il pagamento in misura ridotta (art.19); Sono previste sanzioni accessorie; Sono previste la confisca facoltativa e la confisca obbligatoria con lordinanza-ingiunzione di pagamento; E prevista lopposizione del trasgressore o obbligato in solido con ricorso al giudice; Si può procedere al sequestro cautelare delle cose che possono essere oggetto di confisca amministrativa. L.R n.45 L.R n.11 L n.689

15 Prevede: due nuove fattispecie di reato (art.14 (autorizzazioni) e art.16 (restrizioni) con arresto fino a 3 mesi o ammenda da a A carico di: Fabbricante, Importatore, Rappresentante esclusivo, Utilizzatore a valle. Sono previste pene accessorie. Il giudice in caso di condanna può disporre la confisca facoltativa; Il giudice anche se non è stata pronunciata sentenza deve disporre la confisca obbligatoria; Lautore del reato prima del dibattimento può estinguere il reato mediante pagamento della metà del massimo dellammenda oltre le spese del procedimento; Lautorità giudiziaria può applicare il sequestro preventivo o il sequestro conservativo. Il sistema sanzionatorio - REACH (2) DLgs , n.133

16 Il sistema sanzionatorio - REACH (3) DLgs , n.133 Art.6. Il dichiarante di una sostanza soggetta a registrazione in quantità pari o superiori a 10 T/anno che non effettua (...) la valutazione della sicurezza chimica e non compila (…) la relazione sulla sicurezza chimica (violazione art.14.1 e 14.2 REACH). Sanzione amministrativa pecuniaria da a Art.8.1. Il dichiarante che effettua esperimenti su animali vertebrati in casi di non assoluta necessità e senza adottare disposizioni per limitare le ripetizioni inutili di altri test (violazione art.25.1 REACH). Sanzione amministrativa pecuniaria da a L.R n.45 L.R n.11 L n.689 Art.14 (violazione art.56 del REACH). Il fabbricante, limportatore, il rappresentante esclusivo o lutilizzatore a valle che immette sul mercato o utilizza una sostanza inclusa nellAllegato XIV al di fuori dei casi di cui all'art.56 Arresto fino a 3 mesi o ammenda da e a Art.16 (violazione art.67 del REACH)

17 Il sistema sanzionatorio - CLP (1) DLgs n.186 Prevede Sanzioni amministrative pecuniarie, per Fabbricante, Importatore e Utilizzatore a valle salvo che il fatto costituisca reato che vanno da un minimo di a un massimo di Sanzione penale (art.5.3),salvo che il fatto costituisca più grave reato, per chiunque effettua prove sugli esseri umani (violazione art.7.3 CLP), con arresto fino a tre mesi o ammenda da a Indica dei criteri per la decurtazione delle sanzioni (art.11): in alcuni casi la sanzione è diminuita da un terzo alla metà se la condotta è posta in essere dallautore in difformità alle prescrizioni indicate dalle medesime disposizioni. Definisce (art.2.2) Autorità Competente Nazionale e Autorità Competenti Locali quelle definite dallAccordo Stato-Regioni del nelle more delle designazioni dell AUTORITA COMPETENTE o delle AUTORITA COMPETENTI di cui allart.43 del Regolamento. Collaborano con Agenzia delle Dogane, Guardia di Finanza e USMAF (art.12). ? L n.689 L.R n.45 L.R n.11

18 Accertamento illecito amministrativo (L. 689/81 Art. 13) Rapporto all Ente competente (L. 689/81 art. 17) Contestazione illecito amministrativo (L. 689/81 Art. 14) Relazione di notifica (L. 689/81 art. 14) Notifica di accertamento e di contestazione (L. 689/81 art. 14) Entro 360 gg se sede legale trasgressore è in Stato estero (L. 689/81 art. 14) Entro 90 gg se sede legale è in Italia (L. 689/81 art.14) Conclusione istruttoria e proposta di adozione provvedimenti sanzionatori o di archiviazione Emissione ordinanza - ingiunzione (di pagamento o archiviazione) (L. 689/81 art. 18) Contestazione non immediata Processo verbale di contestazione (L. 689/81 Art. 14) Ricezione rapporto, svolgimento audizioni e completamento istruttoria (L. 689/81 art. 17, D.lgs 507/99 art. 103) l ASL che ha accertato lillecito, effettua una comunicazione all ASL ove ha sede legale limpresa. Processo verbale di accertamento (L. 689/81 Art. 13) Il sistema sanzionatorio - Le sanzioni Amministrative Opposizione Memoria difensiva Tribunale

19 Ricadute sugli utilizzatori di agenti chimici (1) PSAL (1) Ministero del Lavoro. CCPSSL, Prime indicazioni esplicative in merito alle implicazioni del REACH, del CLP e del Regolamento UE 453/2010 sul Titolo IX DLgs 81/08.

20 PSAL (2) TITOLO IX DLgs 81/08 DLgs 52/97 DLgs 65/03 Responsabile dell'immissione sul mercato art.223.1b, art.223.4, art SDS con CSR se >10 T/y Fornitore Fabbricante Importatore Distributore Utilizzatore a valle Articoli Dà Informazioni sufficienti se SVHC>0,1% peso/peso * REACH CLP Sostanza o Miscela Pericolosa PBT, vPvB SVHC candidate listAll.XIV SDS Miscele non pericolose contenenti Sostanze pericolose in % < class. Frasi H Frasi P Agente chimico art.222.1a Agente chimico pericoloso art.222.1b.1 –1. b.2 art.222.1b.3 Agente cancerogeno art.234.1a Agente mutageno art.234.1b.1 e b.2 Datore di Lavoro art * DLgs 81/08 Categoria 2 Categoria 1A, 1B Frasi R Frasi S Cancerogeni e Mutageni Categoria 1 e 2 9 nuovi pittogrammi Ricadute REACH – CLP sugli utilizzatori di agenti chimici (2)

21 Le nuove SDS potrebbero evidenziare nuove classi di pericolo e quindi richiedere modifiche della valutazione dei rischi; Qualora gli usi e gli scenari siano diversi da quelli indicati dal fornitore occorre comunicarli al fornitore o darne comunicazione allECHA (art.37, 38, 39 REACH); Fino al imballaggi diversi dello stesso prodotto possono avere etichettature diverse, secondo la vecchia o la nuova normativa; Le sostanze devono essere classificate secondo i criteri del CLP dal ; le miscele dal ; E necessario aggiornare la formazione e linformazione di lavoratori,preposti, dirigenti e RLS. PSAL (3) Ricadute sugli utilizzatori di agenti chimici (3)

22 PSAL (4) Devono essere sottoposti ad accertamenti sanitari (art.229 – fatto salvo art DLgs 81) i lavoratori esposti agli agenti chimici pericolosi per la salute classificati secondo CLP come: a)Tossici acuti (Categorie 1, 2, 3, 4); Corrosivi (1A, 1B, 1C); Irritanti per la pelle (2); Irritanti per gli occhi con gravi danni agli occhi (1, 2); Tossici specifici di organo bersaglio (STOT)-esposizione singola (1, 2); Tossici specifici di organo bersaglio con effetti narcotici e di irritazione respiratoria (STOT)- esposizione singola (3); Tossici specifici di organo bersaglio (STOT)-esposizione ripetuta (1, 2); Sensibilizzanti respiratori (1); Sensibilizzanti cutanei (1); Cancerogeni e Mutageni (2)°; Tossici riproduttivi (1A, 1B, 2);Tossici con effetto sullallattamento; Tossici in caso di aspirazione (1). b)Cancerogeni e/o Mutageni (1A, 1B)°. (°) La Categoria 2 del CLP corrisponde alla Categoria 3 della precedente normativa. Le Categorie 1A e 1B del CLP corrispondono alle Categorie 1 e 2 della precedente normativa Ricadute sugli utilizzatori di agenti chimici (4)

23 Vigilanza su REACH - Enforce 1 (1) Art.5, No data no market Art.6, Obbligo registrazione Art.31.1, Presenza SDS Art.31.5, Lingua SDS Art.31.6, Presenza 16 voci in ordine Art.31.7, Scenari esposizione con SDS Comunicazione Importatori, Fabbricanti di sostanze phase in

24 ECHA – Forum, Results of the Forum coordinated REACH enforcement project on registration, pre-registration and safety data sheets, May 2010 In 378 aziende (24%) si sono riscontrate le violazioni: - 38 pre-registrazione SDS (non erano disponibili le SDS di 1446 su prodotti controllati) altre Vigilanza su REACH - Enforce 1 (2)

25 Forum per lo scambio d'informazioni sull'applicazione del regolamento REACH – ENFORCE 2 Manuale del progetto sull'applicazione degli obblighi degli utilizzatori A valle – responsabili della formulazione di miscele nel 2010/2011 Febbraio 2011 Vigilanza su REACH - Enforce 2 (1) 1. Introduzione 2. Descrizione del progetto 3. Calendario del progetto 4. Gruppi obiettivo 5. Legislazione 6. Gli attori del progetto 7. Formazione 8. Preparazione essenziale per l'attuazione del progetto a livello nazionale 9. Raccolta dei dati, elaborazione e rendiconto 10. Comunicazione Allegati 1. Questionario sul progetto del Forum REACH-EN-FORCE /2011 comprendente le istruzioni per la compilazione e le spiegazioni 2. Elenco degli atti giuridici comunitari citati all'interno del manuale o del questionario Utilizzatori a valle che formulano miscele Reach Titolo V Art.5, Art.6 Art.31 – SDS, ES, eSDS, Art.32 - Informazioni se non è prescritta SDS, Art.35 – Accesso dei lavoratori alle informazioni, Art.36 – Obbligo di conservare le informazioni, Art.37.5 – Applicazione di misure per controllare i rischi, Art.37.6 – Se non fa CSR, misure gestione rischi. Art.40 - Notifica classificazione ed etichettatura, Art.49 – Obbligo conservazione informazioni per 10 aa CLP REACH Comunicazione

26 - Piano nazionale dei controlli 2011 Gruppo bersaglio (ECHA): utilizzatori a valle nella formulazione di miscele: Aziende che producono pitture, lacche e vernici; Aziende che formulano detergenti e prodotti per la pulizia; Sostanze soggette a restrizioni nei settori trasporti e costruzioni scelte in base alla pericolosità (CMR cat.1 e 2 e pericolose per lambiente) e al tonnellaggio. Vigilanza su REACH - Enforce 2 (2) Ministero della Salute P-05/07/2011 (Cr (VI) nel cemento, IPA nei pneumatici)

27 - Obiettivi Verifica pre-registrazione e registrazione; Verifica della correttezza SDS in particolare: completezza dei dati riportati (scenari di esposizione, misure di gestione del rischio), conformità alle condizioni di produzione, importazione, uso ed immissione sul mercato della sostanza in quanto tale, contenuta in miscele o in articoli; Verifica dell'avvenuta comunicazione delle informazioni lungo la catena di approvvigionamento; Verifica sostanze soggette a restrizioni, nel settore trasporti e costruzioni scelte in base alla pericolosità (CMR cat.1 e 2 e pericolose per lambiente) e al tonnellaggio. CLP, limitatamente agli artt 40 e 49. Obiettivo minimo 20 ispezioni, almeno una per Regione nel 2011 Vigilanza su REACH - Enforce 2 (3)

28 Programmazione dei controlli in Lombardia Linee guida per leffettuazione dei controlli previsti dai Regolamenti REACH e CLP in Regione Lombardia, Milano Regione ASL - DPM - Controllo e Vigilanza (audit/ispezione) - Funzioni amministrative irrogazione sanzioni - Proventi sanzioni ARPA Laboratorio rischio chimico Piano controlli Individuazione target: ATECO 2007 cod Estrazione campione da e tra soggette agli artt. 6 o 8 del DLgs 334/1999 (RIR). ACN Ministero salute Questionario Aziende DG Sanità Schede anonimizzate Elenco priorità Aziende selezionate da ispezionare, di competenza territoriale. Ulteriori controlli autonomi o integrativi Controlli analitici e ambiente ECHA 2 15 Enforcement 2

29 Piano nazionale di vigilanza Direzione Regionale delle Dogane Ministero della Salute Agenzia delle Dogane Regione Liguria DD 3082/2011 ITC - CNR ASL 3/PSAL Genovese Ufficio delle Dogane di Genova Sopralluogo impianto betonaggio utilizzatore Dati su Cemento importato > 100T (2009) Regione Piemonte Invio questionario ai tre principali importatori di Cemento DGR 397/2010 ARPAL Approfondimento documentale e ispezioni sull impianto del principale importatore Analisi Campionamento Prime esperienze in Liguria ( ). Restrizione CrVI nei Cementi

30 Attività in corso Indirizzi e Programmazione dell'attività Regione/GTR - Asl Collocazione nei Dip. Prev. ASL dellEnte competente e delle funzioni di vigilanza su REACH – CLP Ispettori REACH specializzati: professione, formazione e aggiornamento Metodologia di individuazione target, aziende e modalità ispezione Approfondimento DLgs Sanzioni REACH e CLP Approfondimento aspetti sanzionatori amministrativi Decreto Tariffe per le ispezioni Messa in opera Rete Nazionale dei Laboratori Informazione e Assistenza ai soggetti interessati

31 Regione Lombardia, Linee guida per leffettuazione dei controlli previsti dai Regolamenti REACH e CLP, Milano Ministero del Lavoro, Prime indicazioni esplicative in merito alle implicazioni del REACH (...), del (…) CLP, del Regolamento 453/2010 UE, nell'ambito della normativa vigente in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro (…), Riferimenti utili


Scaricare ppt "REACH e CLP: prime esperienze di vigilanza e controllo Giulio Andrea TOZZI, ASL3 Genovese s.c. PSAL – s.s. Ponente Regione Liguria, Confindustria,Genove,17."

Presentazioni simili


Annunci Google