La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Seconda Università degli Studi di Napoli Facoltà di Medicina e Chirurgia Giuseppe Izzo Il trattamento delladenocarcinoma gastrico Nostra esperienza VIII.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Seconda Università degli Studi di Napoli Facoltà di Medicina e Chirurgia Giuseppe Izzo Il trattamento delladenocarcinoma gastrico Nostra esperienza VIII."— Transcript della presentazione:

1 Seconda Università degli Studi di Napoli Facoltà di Medicina e Chirurgia Giuseppe Izzo Il trattamento delladenocarcinoma gastrico Nostra esperienza VIII Chirurgia Generale e Fisiopatologia Gastroenterologica (Direttore: Prof. Natale Di Martino) Dipartimento di Geriatria Gerontologia e Malattie del Metabolismo

2 Casistica VIII Chirurgia - SUN Dir.: Prof. Natale Di Martino (2002 – 2007) Pz osservati: 104 Pz studiati: 94 (62M – 32F; Età 62.2±11.6anni – Range 37-80) Follow-up medio 22.1±15.8 mesi Pz operati: 103 (I.O.: 99%) Pz resecati: 97 (I.R.: 94.2%) Gastrectomie totali: 97.9% (92/94) Resezioni: 2.1% (2/94%) Terzo superiore: 21.2% (20/94) Terzo medio: 53.2% (50/94) Terzo inferiore: 17.1% (16/94) Moncone: 8.5% (8/94) D 1 : 21.3% (20/94) D 2 : 55.3% (52/94) D 3 : 23.4% (22/94) ADENOCARCINOMA GASTRICO Mortalità: 3 (3.1%) RO: 84%

3 Distribuzione per Stadi ADENOCARCINOMA GASTRICO

4 Sopravvivenza globale ADENOCARCINOMA GASTRICO 56% n: 94pz

5 COMPLICANZE MORBILITÀ: 22/94 (23.4%) MORTALITÀ: 3/97 (3.1%) Morbilità non chirurgiche: 14/94 (14.9%) 8 Versamenti pleurici: 8.5% 3 Atelettasie: 3.2% 3 Infezioni urinarie: 3.2% Morbilità chirurgiche: 8/94 (8.5%) 2 Deiscenza anastomosi esofago-digiunale: 2.1% (trattate conservativamente) 2 Infezioni di parete: 2.1% 1 Perforazione intestinale*: 1% 1 Occlusione intestinale*: 1% 1 Deiscenza moncone duodenale: 1% (trattata conservativamente) 1 Fistola pancreatica: 1% (trattata conservativamente) * REINTERVENTI Giorni di degenza: 16.7±13.8 range (9-72)

6 ADENOCARCINOMA GASTRICO Tumor size/N 0 -N + ø (n pz)N0 N+ <3cm Range cm22/94 (23.4%)14/22 (63.6%)8/22 (36.4%) >3cm Range 3-17cm72/94 (76.6%)16/72 (22.2%)56/72 (77.8%) p< OR 6.125

7 CARATTERISTICHE DEI PAZIENTI D1D2D3TOT n. pz20/94 (21.3%)52/94 (55.3%)22/94 (23.4%)94 Gastr. Tot.18/20 (90%)52 (100%)22 (100%)92/94 (97.9%) Res. Gastr.2 (10%)--2/94 (2.1%) Splenectomia4/20 (20%)6/52 (11.5%)10/22 (45.4%)20/94 (21.3) Linfonodi Media+D.S. Range 336 (16.8±3.6) (14-26) 1594 (30.6±9.9) (13-57) 916 (41.6±8.4) (28-55) 2846 (30.27±11.93) (13-57) Positivi % 42/336 (12.5%) 222/1594 (13.9%) 140/916 (15.2%) 404/2846 (14.2%) Node Ratio Trasfusioni10/20 (50%)28/52 (53.8%)6/22 (27.3%)44/94 (46.8%) Chemio-post-34/52 (65.4%)16/22 (72.7%)50/94 (53.2%) ADENOCARCINOMA GASTRICO Estensione della linfadenectomia

8

9 ADENOCARCINOMA GASTRICO Rapporto T 1-4 /N 0 -N + T(n pz)n LN N+Node Ratio pT pT pT pT Totale

10 Sopravvivenza per T 100% 43.5% 70.7% ADENOCARCINOMA GASTRICO T 1 : 6pz – T 2 : 36pz – T 3 : 44pz – T 4 : 8pz p<0.05

11 83.3% 39.3% 83.3% 50.8% Sopravvivenza per N ADENOCARCINOMA GASTRICO N 0 : 30pz – N + : 64pz N1: 42pz – N2: 18pz – N3: 4pz p<0.001

12 Sopravvivenza per D ADENOCARCINOMA GASTRICO D 1 : 20pz – D 2 : 52pz – D 3 : 22pz 31.2% 59% 58.3% P=0.9

13 Osservazioni conclusive La diagnosi tardiva è la principale causa della prognosi sfavorevole del cancro gastrico. (Stadi II-IIIa-IIIb-IV: >75% nel ns studio) La gastrectomia totale con linfadenectomia D 2 è risultata essere nella nostra esperienza fattibile, sicura, dal buon risultato oncologico e con morbilità e mortalità contenute ed in linea con esperienze di altri centri Specializzati. (Sopravvivenza attuariale globale: 56%) La positività linfonodale ed il numero dei linfonodi positivi influiscono negativamente sulla sopravvivenza a distanza La positività linfonodale è direttamente proporzionale alle dimensioni della lesione (OR 6.125) ed allinteressamento di parete (NR 0.04 – 0.20).

14 CANCRO GASTRICO TRATTAMENTO CHIRURGICO Migliorare la diagnostica precoce Standardizzazione trattamento Creazione di Centri Specilistici Multidisciplinari Obiettivi da perseguire

15 CANCRO GASTRICO TRATTAMENTO CHIRURGICO Ruolo della linfadenectomia > D1 Efficacia del trattamento mininvasivo Validità dello studio del linfonodo sentinella ed i suoi risvolti clinici Il significato della RTC preoperatoria Problematiche da definire

16


Scaricare ppt "Seconda Università degli Studi di Napoli Facoltà di Medicina e Chirurgia Giuseppe Izzo Il trattamento delladenocarcinoma gastrico Nostra esperienza VIII."

Presentazioni simili


Annunci Google