La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Giovanni Calvini Presidente Confindustria Genova.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Giovanni Calvini Presidente Confindustria Genova."— Transcript della presentazione:

1

2 Giovanni Calvini Presidente Confindustria Genova

3 Dante Campioni Direttore Area Liguria e Piemonte Sud Intesa Sanpaolo

4 Accordo Confindustria Piccola Industria e Intesa Sanpaolo 2011 - 2012
Rinnovato l’Accordo Intesa Sanpaolo e Confindustria Piccola Industria con un ampliamento dell’offerta di servizi e prodotti per essere più vicini alle nuove esigenze delle imprese 6 principali aree di intervento: Crescita dimensionale Reti d’impresa e altre forme di alleanza Innovazione e ricerca INTERNAZIONALIZZAZIONE Capitale Umano Efficienza energetica ed eco-sostenibilità Sostenere il percorso di rafforzamento e crescita delle PMI anche mediante la valorizzazione delle specificità territoriali

5 Agenda Il quadro economico Le fasi di approccio ai mercati esteri
Soluzioni per l’export Le reti d’impresa per l’internazionalizzazione 5

6 Investimenti diretti esteri
Focus internazionalizzazione Il quadro economico: Esportazioni Investimenti diretti esteri 6

7 Buoni risultati sui mercati esteri per le export...
Nell’ultimo decennio buona difesa delle quote di mercato al pari della Germania. In difficoltà, invece, le altre principali economie avanzate. Quote di export sui mercati internazionali (tra parentesi le differenze ) (-0,8%) (-1,8%) (-2,0%) (-2,9%) (-3,8%) Fonte: ISTAT e ICE

8 Produttività delle imprese italiane manifatturiere:
... grazie all’alta competitività di chi esporta ... Produttività delle imprese italiane manifatturiere: valore aggiunto per addetto (migliaia di euro) Fonte: Istat

9 Export italiano per fasce di prezzo/qualità
... e al riposizionamento su prodotti a più alta qualità Export italiano per fasce di prezzo/qualità (composizione %) Fonte: Intesa Sanpaolo, su dati BACI

10 Chi innova è più presente all’estero
Il 61,4% delle imprese con brevetti esportano (vs. il 28,8% delle imprese che non brevettano). Imprese che esportano e con partecipate estere (in % imprese con brevetti o senza brevetti) imprese manifatturiere con almeno 1 milione di euro di fatturato nel 2008 Fonte: Intesa Sanpaolo su bilanci aziendali, EPO, Reprint e Centrale Rischi

11 In molti “nuovi” mercati siamo più attivi dei tedeschi...
Peso dei “nuovi” mercati sul totale dell’export (%) 30 35 40 45 2000 2009 Germania Italia Paesi che pesano di più sull’export italiano Paesi che pesano di più sull’export tedesco Nuovi mercati: tutti i paesi tranne UE15, Svizzera, Norvegia, Usa, Canada e Giappone Fonte: Intesa Sanpaolo, su dati BACI Paesi avanzati o per i quali non si dispone delle informazioni statistiche 11

12 Principali nuovi mercati
…e comunque in crescita Principali nuovi mercati (in % export totale italiano) Fonte: Intesa Sanpaolo su Istat

13 Esportazioni in % valore aggiunto, 2010
Bassa la propensione a esportare della Liguria… Esportazioni in % valore aggiunto, 2010 Fonte: Istat

14 Esportazioni in % valore aggiunto, 2010
…anche della provincia di Genova Esportazioni in % valore aggiunto, 2010 Fonte: Istat

15 Esportazioni della Liguria di prodotti manufatti nei nuovi mercati
Il peso dei nuovi mercati nella regione... Esportazioni della Liguria di prodotti manufatti nei nuovi mercati (principali nuovi mercati; in % export totale della Liguria) Fonte: Intesa Sanpaolo su Istat

16 (principali nuovi mercati; in % export totale di Genova)
…e nella provincia di Genova Esportazioni della provincia di Genova di prodotti manufatti nei nuovi mercati (principali nuovi mercati; in % export totale di Genova) Egitto: soprattutto Meccanica ed Elettrotecnica Siria: principalmente Meccanica Cina: Meccanica, Apparecchi per tlc Fonte: Intesa Sanpaolo su Istat

17 Evoluzione delle esportazioni di prodotti manufatti
Genova: tra il 2006 e il 2011 forte crescita dell’export… Tra il 2006 e il 2011 significativa crescita dell’export di prodotti manufatti della provincia di Genova (+74,4%). Tra il 2006 e il 2011: Italia +13,3% Liguria +57,4% Genova +74,4% Evoluzione delle esportazioni di prodotti manufatti (variazione % a prezzi correnti) Fonte: Intesa Sanpaolo su Istat

18 …grazie al traino di meccanica, metallurgia, cantieristica ed elettrotecnica
Esportazioni di prodotti manufatti della provincia di Genova (milioni di euro) Altri mezzi di trasporto: soprattutto navi e imbarcazioni. Fonte: Intesa Sanpaolo su Istat

19 (variazione % tendenziale a prezzi correnti)
Inversione di tendenza nella prima parte del 2012 Nel primo semestre dell’anno lieve calo dell’export (-3,7%) nella provincia di Genova a causa del forte arretramento delle vendite estere di navi e imbarcazioni e di meccanica. Evoluzione delle esportazioni di prodotti manufatti nel primo semestre del 2012 (variazione % tendenziale a prezzi correnti) Fonte: Intesa Sanpaolo su Istat

20 Investimenti diretti esteri
Focus internazionalizzazione Il quadro economico: Esportazioni Investimenti diretti esteri 20

21 Progressi sul fronte dell’internazionalizzazione
Stock di investimenti diretti esteri in uscita (mld di USD) 926 898 542 129 180 1.720 1.652 1.378 646 578 400 800 1.200 1.600 2.000 Francia Regno Unito Germania Spagna Italia 2000 2009 Fonte: Unctad

22 Investimenti diretti esteri in entrata e in uscita, 2010
A livello regionale bene Lombardia, Piemonte e Lazio. Liguria poco presente con partecipate all’estero Investimenti diretti esteri in entrata e in uscita, 2010 Fonte: Intesa Sanpaolo-SRM su dati ISTAT e ICE-REPRINT 22

23 Numero di imprese estere a partecipazione italiana
La presenza all’estero con investimenti delle regioni Numero di imprese estere a partecipazione italiana Non sono indicate le regioni con meno di 50 partecipate estere (Basilicata, Calabria, Molise, Valle d'Aosta) Fonte: Ice-Reprint

24 Imprese estere partecipate da operatori della provincia, 2009
Investimenti all’estero per le province della regione Imprese estere partecipate da operatori della provincia, 2009 Fonte: Ice-Reprint

25 In sintesi….. Il sistema imprenditoriale italiano è riuscito nell’ultimo decennio a difendere la quota complessiva di export sui mercati internazionali e a espandersi sui mercati emergenti La produttività delle imprese esportatrici risulta largamente superiore alla media, grazie alla polarizzazione su produzioni di fasce di prezzo e qualità medio-alte, frutto anche di maggiori investimenti in R&D La propensione ad esportare della Liguria e della Provincia di Genova è mediamente bassa, con una quota rilevante di questa verso i nuovi mercati; negli ultimi anni il trend complessivo di crescita é superiore al resto del Paese, grazie al traino di Meccanica, Metallurgia, Elettronica, Chimica e Cantieristica Per Genova si assiste ad un’inversione di tendenza nella prima parte del 2012 soprattutto nella Cantieristica Navale e Meccanica La Provincia di Genova, quanto ad internazionalizzazione (IDE in entrata e in uscita) evidenzia performance largamente superiori al resto della Liguria

26 (to try to see something good in a bad situation)
….tanto da fare… e un segreto da ricordare: Look on the bright side (to try to see something good in a bad situation)

27 Maria Cristina Bertellini
Vice Presidente Piccola Industria Confindustria

28 Gianluca Corrias Responsabile Servizio Internazionalizzazione Imprese
Direzione Marketing Imprese, Intesa Sanpaolo

29 Agenda Il quadro economico Le fasi di approccio ai mercati esteri
Soluzioni per l’export Le reti d’impresa per l’internazionalizzazione 29

30 … per rispondere concretamente alle esigenze delle imprese
Una rete domestica e internazionale … … per rispondere concretamente alle esigenze delle imprese Intesa Sanpaolo mette a disposizione strutture specialistiche dedicate alle imprese per assisterle – a fianco del gestore - nelle attività relative: al commercio con l’estero ai processi di internazionalizzazione E il momento di realizzare l’ambizione di diventare regional bank la “testa” dell’area internazionale della Divisione Corporate & Investment Banking si sta trasferendo nella City. E’ l’evoluzione naturale per la nostra attività. Dopo esserci consolidati come Banca per il Paese, è il momento di realizzare la nostra ambizione di diventare una Regional Bank, perché dovremmo imparare a considerare domestico il mercato globale e accompagnare le nostre aziende sullo stesso percorso. L’Europa in senso lato e il Mediterraneo sono la prima area geografica di riferimento naturale per l’Italia e siamo convinti, con questa scelta, di offrire un’importante opportunità in più ai nostri clienti. Una rete internazionale che vuole essere vicina alle imprese come afferma questa slide 30

31 Il supporto territoriale del Gruppo Intesa Sanpaolo Il network domestico
31

32 Il supporto territoriale del Gruppo Intesa Sanpaolo in Italia Consulenza e prossimità
Imprese fino a 150 mln Imprese oltre 150 mln 411 Punti Operativi 533 Specialisti Estero Merci presso le Filiali Imprese 41 Specialisti Estero presso le Aree Territoriali 27 Centri Corporate 22 Specialisti Estero sul territorio Nucleo di Sede Centrale a supporto degli Specialisti Estero di Area e Filiale 32

33 Il supporto territoriale del Gruppo Intesa Sanpaolo Il network internazionale
33

34 12 Filiali (Italian Desk) 15 Uffici Rappresentanza
Il supporto territoriale del Gruppo Intesa Sanpaolo all’estero Consulenza e prossimità 12 Filiali (Italian Desk) 15 Uffici Rappresentanza 12 Banche (Italian Desk) 2 Banche Corporate e inoltre: 4.200 rapporti con banche corrispondenti In più di 40 PAESI 34

35 SPECIALISTI SVILUPPO INTERNAZIONALE
Servizio Internazionalizzazione Imprese: un ponte verso le strutture estere del Gruppo 5 DESK GEOGRAFICI Investimenti italiani all’estero – Accordi e collaborazioni EST EUROPA CINA SPECIALISTI SVILUPPO INTERNAZIONALE EMEA AMERICHE ASIA Un gruppo di professionisti con consolidata esperienza operativa all’estero assistono a 360° la clientela nell’operatività ordinaria e straordinaria nei mercati internazionali in stretto raccordo con gli specialisti presenti su tutto il territorio 35

36 Assistenza Operazione Commerciale
Le fasi di approccio ai mercati esteri Scouting Mercati Assistenza Operatività Commerciale Pianificazione Investimento Estero Realizzazione Gestione Consociate Estere Assistenza Operazione Commerciale 36

37 Scouting mercati Cercare opportunità di business in nuovi mercati
Conoscere i mercati esteri Ricercare controparti commerciali Acquisire informazioni sulle controparti commerciali 37 37

38 Gestire i rischi del commercio internazionale
Assistenza operatività commerciale – 1/3 Gestire i rischi del commercio internazionale Rischio Paese Rischio Banca Rischio di Cambio Rischio Controparte Rischio Commerciale 38

39 Assistenza operatività commerciale – 2/3
Alcuni strumenti di copertura: Rischio Paese e Rischio Banca CREDITO DOCUMENTARIO CONFERMATO L’esportatore, nel momento in cui presenta alla Banca confermante (di norma la sua Banca di relazione in Italia) documenti conformi a quanto richiesto nel testo del credoc, ha la certezza che la Banca confermante eseguirà la prestazione richiesta dal credoc stesso (es. pagamento) sollevandolo dal rischio banca emittente e dal rischio paese Anche sul portale... Le alternative..... SILENT CONFIRMATION STAR DEL CREDERE 39

40 Assistenza operatività commerciale – 3/3
Alcuni strumenti di copertura: Rischio di Cambio CAMBIO A TERMINE Al momento della stipula del contratto viene stabilito il cambio d’acquisto/vendita di una determinata quantità di divisa ad una precisa data futura. L’impresa viene sollevata dal rischio di oscillazione cambio tra la data di stipula e quella a scadenza. Possibilità di gestire eventuali sfasamenti temporali Anche sul portale... Altre opzioni ..... FINANZIAMENTO IN DIVISA ESTERA OPZIONI VALUTARIE attivando il servizio ... 40

41 Pianificazione investimento estero – 1/2
La Banca offre alle Imprese interessate ai mercati esteri, dove il Gruppo è presente con la propria Rete internazionale, un servizio di consulenza che prevede: Incontri con l’impresa individuata per discutere, valutare e definire il progetto di internazionalizzazione Supporto e assistenza per la preparazione del business plan e dello studio di fattibilità connessi all’investimento Supporto e assistenza per la preparazione del piano finanziario Assistenza nell’individuazione dell’eventuale partner straniero, in ipotesi di Joint Venture Contatti con Uffici Legali e consulenti fiscali/commercialisti nel Paese dell’investimento/progetto Disponibilità ad accompagnare l’impresa in missioni e incontri nel Paese oggetto dell’investimento 41

42 Pianificazione investimento estero – 2/2
SIBAC: l’assistenza ad hoc per il mercato Cina Società di diritto cinese, in opera dal 2005, creata da Intesa Sanpaolo in joint venture con SIMEST e Bank of China Coordinata dal Servizio Internazionalizzazione Imprese, offre assistenza alle imprese italiane (principalmente PMI) che intendono sviluppare attività industriali e commerciali in Cina, autonomamente o in partnership con operatori cinesi I SERVIZI Intelligence preliminare su mercati e operatori in Cina Informazioni sulla normativa cinese (investimento estero, fiscale e valutaria) Consulenza e assistenza nella scelta di partner per l’investimento, sito industriale o commerciale, struttura dell’investimento e tipologia (produzione, commercio, servizi) Preparazione di studi di fattibilità Preparazione di contratti di joint venture e di statuti societari di imprese a capitale estero Assistenza nella procedura di costituzione di società a capitale estero Modifiche atti societari, espansione scopo sociale, aumento capitale 42

43 Realizzazione investimento estero – 1/2
INTERNATIONAL + Finanziamento a MLT di Mediocredito Italiano per lo sviluppo dell’attività all’estero, rivolto a imprese di qualsiasi settore e dimensione Copertura del costo totale del progetto fino all’80%, con importo minimo pari a 500 mila euro Durata tra i 3 e i 10 anni, comprensivi di eventuale preammortamento fino a 2 anni Assistenza finanziaria personalizzata di alto profilo e analisi completa da parte di un team di specialisti dello scenario internazionale, dei mercati esteri di sbocco, degli impatti e delle reali prospettive dell'investimento all'estero 43

44 Realizzazione investimento estero – 2/2
INTERNATIONAL + con garanzia SACE Finanziamento a MLT assistito da garanzia SACE (Società di Assicurazione per il Commercio Estero) a supporto delle spese propedeutiche o strumentali al processo di internazionalizzazione Destinato a imprese con fatturato fino a € 250 milioni di cui almeno il 10% prodotto all’estero Copertura del costo totale del progetto fino all’80%, con importo compreso tra € 250 mila e € 5 milioni Durata 3, 4 o 5 anni, comprensivi di eventuale preammortamento fino a 2 anni e erogazione in un’unica soluzione Assistenza della garanzia SACE fino al 70% dell’importo del finanziamento, senza chiedere garanzie reali e con vantaggi concreti in termini di pricing Possibilità di accedere a un’assistenza personalizzata sul progetto di sviluppo all’estero da parte di un team di specialisti 44

45 Apertura conto corrente
Gestione consociate estere – 1/2 Apertura conto corrente WORLDWIDE ACCOUNT Apertura direttamente dall'Italia di conti correnti per la clientela Imprese presso Filiali estere Intesa Sanpaolo, Banche Estere del Gruppo Informazioni fornite dalla filiale in Italia: elenco servizi disponibili e modalità di apertura del conto, lista documenti richiesti ed altre informazioni utili, tariffario Open Horizons partnership per ampliare l’offerta EUROPA Albania* Bosnia Erz. Croazia Fed. Russa * Francia Germania Gran Bretagna Olanda Rep.Ceca Romania Serbia Slovacchia Slovenia Spagna Ucraina* Ungheria MEDIO ORIENTE - ASIA Em. Arabi Uniti Hong Kong Giappone Shanghai* Singapore  32 banche in partnership 54 Paesi coperti da accordi di collaborazione Advisory e Banking dedicati alle imprese Approccio condiviso e in regime di reciprocità Welcoming Unit dedicata alla cura di Incoming business AMERICA Stati Uniti * Per questi Paesi non è possibile aprire il conto dall’Italia per limitazioni poste dalle norme locali. E’ possibile visualizzare nella filiale italiana l’offerta e la lista della documentazione che il cliente dovrà presentare direttamente alla filiale / Banca Estera ed ogni altra informazione propedeutica all’apertura di un conto in loco AFRICA Egitto 45

46 Gestione consociate estere – 2/2
CASH MANAGEMENT INTERNAZIONALE E’ un insieme di strumenti che la Banca mette a disposizione per: Ottimizzare i flussi di cassa Gestire in tempo reale i flussi monetari Automatizzare i processi e ridurre il carico amministrativo Contenere l’indebitamento e ridurre i relativi costi centralizzando le linee di credito Contenere i costi di riconciliazione e di monitoraggio 46

47 Paola Miranda Trade Estero e Cash Management Internazionale Intesa Sanpaolo

48 EXPORT FACILE. Assistenza operatività commerciale
Quando commerci con l’estero, tu riduci le distanze. Noi, gli imprevisti. 48

49 Assistenza operatività commerciale
EXPORT FACILE Acquisto pro soluto di crediti esteri, rappresentati da fatture con scadenza non superiore a 150 giorni Assegnazione di un plafond di rischio per ogni debitore estero ceduto Copertura al 100% del rischio di insolvenza del debitore estero, per i crediti acquistati pro soluto, nel limite del plafond assegnato Migliore capacità di valutazione dei debitori esteri, sia preventiva, sia continuativa Smobilizzo anticipato del credito tramite finanziamento non segnalato in Centrale Rischi Trasparenza costi 49

50 Guida agli strumenti per il commercio internazionale
Una guida pratica che aiuta le aziende italiane a orientarsi nella scelta degli strumenti per il commercio internazionale 50

51 Guida all’internazionalizzazione
Una Guida per supportare le aziende italiane nella scelta degli strumenti agevolati e delle migliori soluzioni nelle fasi del processo di internazionalizzazione Una utile Guida per supportare le aziende italiane nella scelta degli strumenti agevolati e delle migliori soluzioni nelle fasi del processo di internazionalizzazione (disponibile con una pen driver e prossimamente stiamo pensando di caricarla sul sito internet con aggiornamenti periodici 51

52 Enzo Colombo Coordinatori Desk Reti e Ricerca Mediocredito Italiano

53 Sommario Osservatorio Nazionale sulle Reti di Impresa
L’approccio del Gruppo Intesa Sanpaolo 53 53 53

54 Le Reti di impresa nelle regioni italiane
29 Al 30 giugno contratti di Rete registrati in Camera di commercio Coinvolte imprese, di cui il 50 sono micro e il 30% sono piccole Il 70% delle reti è monoregionale 70 506 226 106 230 24 405 119 39 Numero di imprese per Regione 136 89 11 64 95 56 65 26 Nota: 30 imprese in 2 contratti; 4 imprese in 3 contratti; 2 in 4 contratti; 1 impresa in 5 contratti Fonte: Intesa Sanpaolo e Mediocredito Italiano su Cerved-Databank 21

55 Italia: numero di contratti di Rete registrati per mese
Si tratta di un fenomeno in crescita utile soprattutto per potenziare il livello di innovazione e l’accesso ai mercati da parte delle imprese Italia: numero di contratti di Rete registrati per mese Finalità dei Contratti di rete, (in % 356 reti) Fonte: Intesa Sanpaolo e Mediocredito Italiano su dati Cerved-Databank

56 Le aziende aderenti alle Reti: più internazionalizzazione, innovazione e certificazioni
Imprese manifatturiere con partecipazioni estere, attività di export, brevetti e certificazioni ambientali e dei sistemi di gestione di qualità (in % totale imprese) (a) 527 imprese manifatturiere che appartengono a Reti di imprese con più di 500 mila euro di fatturato. (b) imprese manifatturiere italiane con almeno 500 mila di euro di fatturato (escluse le imprese coinvolte in Reti di imprese). Fonte: Intesa Sanpaolo e Mediocredito Italiano su bilanci aziendali, EPO, Accredia, Reprint, Cerved-Databank

57 Sommario Osservatorio Nazionale sulle Reti di Impresa
L’approccio del Gruppo Intesa Sanpaolo 57 57 57

58 Anche per l’internazionalizzazione delle PMI, le reti rappresentano quindi una grande opportunità …
Strategia di internazionalizzazione Vantaggi della partecipazione a Reti di Impresa Prevede una strategia di lungo periodo volta alla conquista stabile di nuovi mercati Le imprese, pur preservando la propria individualità, raggiungono dimensioni paragonabili a quelli dei propri competitor europei Viene condiviso tra i partecipanti un “Programma di Rete” che definisce gli obiettivi e le azioni di medio - lungo termine Permette di sviluppare sinergie tra produzioni complementari per l’acquisizione di commesse “complesse” Consente la condivisione di know-how e competenze nell’ambito della distribuzione, della promozione e marketing e del network relazionale Fornisce l’opportunità di mettere a fattor comune le proprie infrastrutture informatiche, gestionali e logistiche Si realizzano con maggiore facilità risparmi nell’acquisizione dei fattori produttivi Comporta un processo di revisione e affinamento continuo del proprio modello di business per salvaguardare la propria capacità competitiva Presuppone la creazione di una efficace rete di contatti a tutti i livelli: politico-istituzionali, economici e sociali

59 … per questo proponiamo un approccio specialistico completo a supporto della collaborazione in rete... Percorsi di sviluppo in Rete Offerta specialistica dedicata a supportare i due principali driver di alleanza e collaborazione in rete: internazionalizzazione e innovazione Offerta specialistica dedicata alle reti che nascono in settori strategici per l’Italia (es. agroalimentare, turismo, meccanica, sistema casa) Desk specialistico e nuclei territoriali dedicati alle Reti d’Impresa e altre forme di alleanza e collaborazione Monitoraggio dell’evoluzione normativa Analisi del Contratto di Rete Ricerca di partner industriali Assistenza nell’ambito della finanza agevolata Servizi non finanziari per accelerare la realizzazione del programma di rete (es. tutela proprietà intellettuale, consulenza su piani di internazionalizzazione) Assistenza specialistica Rete di Impresa Servizi bancari di base Apertura di conto corrente diretto alla Rete d’Impresa Servizi bancari trasversali rispetto ai percorsi di sviluppo in Rete (es. smobilizzo dei crediti infra-rete) Finanziamento delle filiere produttive

60 … che permette di favorire lo sviluppo delle imprese in rete sui mercati internazionali
Bisogno Prodotto/Servizio Assistenza specialistica Un gruppo di professionisti con consolidata esperienza operativa all’estero assistono a 360° la clientela nell’operatività ordinaria e straordinaria nei mercati internazionali (America, EMEA, Est Europa, Asia, Cina) in stretto raccordo con gli specialisti presenti su tutto il territorio Scouting Mercati Predisposizione di analisi e studi sui singoli Paesi Ricerca e acquisizione di informazioni su controparti commerciali Assunzione di rischi su Paesi, Banche e Cambio Strumenti di gestione del commerciale e controparte Approccio integrato al finanziamento del ciclo produttivo per supportare le imprese che hanno commesse e forniture continuative Acquisto pro-soluto di crediti estero con assegnazione di un plafond di rischio per ogni debitore ceduto (factoring estero) Operatività commerciale Linea di finanziamento a medio - lungo termine che tiene conto delle opportunità e dei benefici prospettici prodotti dal progetto di internazionalizzazione promosso dalla rete Viene facilitato l’accesso al credito anche grazie alla garanzia SACE e specifica provvista BEI dedicata alle imprese che formalizzano un contratto di rete Realizzare investimento estero

61 Caso 1 – Valorizzazione del Made in Italy
Descrizione Le imprese partecipanti operano in comparti fortemente legati all’immagine del “Made in Italy”, come il settore vitivinicolo, dolciario, design, moda, nautico, orafo, essenze e profumi, tessile Settore / attività Profilo della Rete Costituita nel settembre 2011 da 14 aziende i cui prodotti e brand sono di gamma alta Fatturato complessivo dei partecipanti 570 mln € Presenza di un’impresa capofila forte Quasi totalità delle imprese partecipanti con sede in Piemonte Affiancamento all’organo comune di un comitato di indirizzo Individuare nuove sinergie commerciali ed opportunità di mercato sui comparti di competenza Condividere le strategie di promozione commerciale e valorizzazione dei marchi nei mercati esteri Obiettivi Effettuare confronti intersettoriali e condividere informazioni ed esperienze sul campo Coordinare nuove iniziative commerciali, quali la partecipazione a eventi e la creazione di spazi retail (corners , temporary shops) da utilizzare in comune Definire un nuovo marchio unico di rete - e di un nuovo dominio - al fine di identificare dall’esterno il gruppo di imprese come un unico interlocutore Progetto

62 Caso 2 – Distretto calzaturiero di Fermo
Descrizione Le imprese operano nel settore delle calzature nell’ambito del Distretto Calzaturiero di Fermo Opportunità di crescita in uno scenario che vede la domanda estera di calzature ancora vivace nel prossimo biennio Settore / attività Profilo della Rete Favorire lo sviluppo commerciale nei Paesi con maggiori potenzialità quali Cina, Brasile, India , Russia Evidenziare i legami esistenti tra i prodotti offerti ed il territorio, utilizzando anche i marchi promossi dalla Regione ("Marche, the excellence of made in Italy“) Sviluppare infrastrutture informatiche comuni di e-commerce compatibili con le normative dei singoli Paesi target Costituita nel settembre 2011 da 11 aziende con sede nella Regione Marche Fatturato complessivo dei partecipanti 84 mln € La rete formalizza una collaborazione già in essere Obiettivi Progetto Organizzare incontri e missioni all’estero per far conoscere imprese e prodotti Organizzare e realizzare iniziative di formazione del personale dedicato al programma di rete Valutare la realizzazione all’estero di show-room, punti vendita diretti e strutture di servizio comuni 62

63 Antonio Nucci Direttore Regionale Piemonte Liguria e Valle d’Aosta Intesa Sanpaolo

64 AVVERTENZA. Questo documento ha finalità di illustrare - per scopo pubblicitario e promozionale - le caratteristiche essenziali dei prodotti e servizi dedicati, indicando alcune delle principali caratteristiche. Per un’informazione completa circa le condizioni contrattuali dei prodotti, si invita a consultare i relativi FOGLI INFORMATIVI della Banca e di terzi disponibili in Filiale e sul sito internet della Banca. La Banca può modificare in qualsiasi momento le caratteristiche e le condizioni contrattuali dei prodotti offerti. La concessione del finanziamento è subordinata alla valutazione della Banca. 64

65 Contatti Da inserire nelle cartelline partecipanti

66 EMEA Europe Middle East Africa RAPPORTI ISTITUZIONI E TERRITORIO
Ufficio Sviluppo Internazionalizzazione – Contatti Desk Responsabile: Andrea Fiori Tel ASIA Augusto Scaglione - Tel CINA Massimiliano Toti Tel Paola Barba - Tel Leonardo Dini – Tel AMERICHE Paolo Ciancio Tel Daniele Marcheselli Tel EMEA Europe Middle East Africa Giuseppe Gradi - Tel Giancarlo Cirillo – Tel Leonardo Zuin – Tel EST EUROPA Daniele Bordina - Tel Alessandra Barbetti Tel Roberto Gallo – Tel Cecilia Ventura – Tel RAPPORTI ISTITUZIONI E TERRITORIO Gianni Berno Tel Roberto Colombo Tel 66

67 I nostri Specialisti Estero e Internazionalizzazione sul vostro territorio
AREA LIGURIA E PIEMONTE SUD Specialista Trade Estero: Bruna Manganaro Monforte tel ai quali si aggiungono i Gestori Imprese che operano nelle Filiali Imprese 67


Scaricare ppt "Giovanni Calvini Presidente Confindustria Genova."

Presentazioni simili


Annunci Google