La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

MOBILITA SANITARIA:DATI E RIFLESSIONI CONFINDUSTRIA GENOVA 21-MAGGIO-2008 DOTT. ALBERTO PIACENTINO STUDIO RADIOLGICO CENTOCANNONI- ALESSANDRIA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "MOBILITA SANITARIA:DATI E RIFLESSIONI CONFINDUSTRIA GENOVA 21-MAGGIO-2008 DOTT. ALBERTO PIACENTINO STUDIO RADIOLGICO CENTOCANNONI- ALESSANDRIA."— Transcript della presentazione:

1 MOBILITA SANITARIA:DATI E RIFLESSIONI CONFINDUSTRIA GENOVA 21-MAGGIO-2008 DOTT. ALBERTO PIACENTINO STUDIO RADIOLGICO CENTOCANNONI- ALESSANDRIA

2 Lo Studio Radiologico Centocannoni è nato dal progetto di alcuni medici radiologi degli Ospedali della provincia di Alessandria negli anni 80. I medici a tempo definito potevano operare sia come dipententi che come liberi professionisti. Lobiettivo era poter usufruire di atrezzature ad alto contenuto tecnologico, in strutture convenzionate

3 Le nuove normative e soprattutto la legge 616 della Regione Piemonte ha permesso di ipotizzare una struttura di diagnostica radiologica di eccellenza in regime di accreditamento, senza costi aggiuntivi per i pazienti

4 La nostra scommessa con i colleghi ed amici che non credevano realizzabile e soprattutto ipotizzavano un bilancio fallimentare di una struttura così grande e decentrata, è iniziata nel 2003 con lacquisto del terreno in zona industriale.

5 Il vecchio Studio Radiologico era situato nel centro città, vicino a piazza Garibaldi con un discreto parcheggio a disposizione. La nuova struttura è localizzata nella zona industriale, e come dicono i miei detrattori, in mezzo al deserto.

6 Ma era vicino alla tangenziale ed ai caselli autostradali, con ampi parcheggi gratuiti

7 La struttura è stata realizzata in meno di 8 mesi, senza chiudere il vecchio studio radiologico, e quindi senza disagio per i pazienti

8 Lo studio radiologico si estende su una superficie di 2500 mq. ed è caratterizzato da una accettazione molto ampia con unarea centrale dedicata alle segretarie, mentre le zone di diagnostica sono disposte perifericamente con ampie sale di attesa dedicate.

9 La comunicazione e lintrattenimento con i pazienti avviene attraverso ampi monitor lcd così come gli altoparlanti sono centralizzati. E presente una navetta di proprietà che permette ai pazienti ed al personale di raggiungere la vecchia sede in centro città. La struttura è dotata di un ampio bar e di una tavola calda (100 posti a sedere)

10

11 La struttura è caratterizzata dalle apparecchiature radiologiche di ultima generazione esasperando leccellenza tecnologica: 2 Rmn ad alto campo (1,5 tesla) 1 Tc multibanco 7 ecografi multidisciplinari Mammografia digitale 6 sale di diagnostica rx

12

13 Nel 2007 abbiamo eseguito indagini di diagnostica su circa pazienti e speriamo questanno di raggiungere i centomila. Questo volume di pazienti così importante è possibile solo grazie alla mobilità.( Alessandria non raggiunge centomila abitanti).

14 Nel 2005 la Ragione Piemonte ha introdotto i budget per singola struttura, con un riconoscimento della produzione extra-budget ed un aumento del tetto anche per lanno successivo.

15 DETERMINA REGIONALE 2005 Radiologia tradizionale 0-10% 10-30% +30% -22.5% -35% -40% Anno successivo 60% 50% 40% Tac, RMN 0-10% 10-30% +30% -22.5% -35% -40% Anno successivo 70% 60% 50% Ultrasuoni 0-10% 10-30% +30% -22.5% -30% -35% Anno successivo 70% 60% 50%

16 Latto radiologico avviene in una unica seduta: Accettazione (eventuale ticket) Esecuzione dellesame Ritiro referto

17 La filosofia dello studio è di offrire : La prenotazione per via telefonica o Web esami ad alto contenuto tecnologico in regime di accreditamento con referto immediato. Personale specializzato dedicato allaccoglienza

18 Le procedure burocratiche ed amministrative sono velocizzate da numerosi videoterminali e da programmi dedicati (RIS e PACS), che consentono di eseguire completamente latto radiologico in circa 1 ora (Genova e ritorno con referto in circa 2,30 ore)

19

20

21

22

23

24 Il flusso dei pazienti esaminati nel 2007 può essere così suddiviso : 50% residenti ( vecchia ASL ) 27% Piemonte 23% Italia ( esiste una piccolissima percentuale di (STP) [extracomunitari ]

25 La nostra struttura progredisce grazie a fattori tra loro correlati: Nomenclatore regionale ( tariffario) grandi e continui investimenti finanziari Elevato numero di pazienti Stimata professionalità dei medici radiologi

26 Questo tipo di impostazione rischia di rendere meno professionale lattività di diagnostica per immagini, con possibilità di errori sia diagnostici che amministrativi. Solo una costante e continua ricerca della qualità permette di contenere questo enorme rischio che comporta lindustrializzazione della professione.


Scaricare ppt "MOBILITA SANITARIA:DATI E RIFLESSIONI CONFINDUSTRIA GENOVA 21-MAGGIO-2008 DOTT. ALBERTO PIACENTINO STUDIO RADIOLGICO CENTOCANNONI- ALESSANDRIA."

Presentazioni simili


Annunci Google