La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Corso di diritto commerciale avanzato Prof. Mario Campobasso SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI DIRITTO COMMERCIALE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Corso di diritto commerciale avanzato Prof. Mario Campobasso SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI DIRITTO COMMERCIALE."— Transcript della presentazione:

1 Corso di diritto commerciale avanzato Prof. Mario Campobasso SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI DIRITTO COMMERCIALE AVANZATO anno accademico 2012/2013 Prof. Mario Campobasso Società per azioni LAmministrazione 1

2 Corso di diritto commerciale avanzato Prof. Mario Campobasso A) POTERE DI GESTIONE: Funzioni degli amministratori B) POTERE DI RAPPRESENTANZA: C) IMPULSO DELLATTIVITÀ ASSEMBLEARE D) TENUTA DELLA CONTABILITÀ F) PREVENGONO IL COMPIMENTO DI ATTI DANNOSI PER LA SOCIETÀ DI CUI SONO A CONOSCENZA (art. 2392, 2°) 2

3 Corso di diritto commerciale avanzato Prof. Mario Campobasso Rapporti fra assemblea e amministratori 2380-bis. (Amministrazione della società). La gestione dellimpresa spetta esclusivamente agli amministratori, i quali compiono le operazioni necessarie per lattuazione delloggetto sociale (Assemblea ordinaria nelle società prive di consiglio di sorveglianza). Nelle società prive di consiglio di sorveglianza, lassemblea ordinaria: […] 5) delibera sugli altri oggetti attribuiti dalla legge alla competenza dellassemblea, nonché sulle autorizzazioni eventualmente richieste dallo statuto per il compimento di atti degli amministratori, ferma in ogni caso la responsabilità di questi per gli atti compiuti; 3

4 Corso di diritto commerciale avanzato Prof. Mario Campobasso Clausole di NOMINA DEGLI AMMINISTRATORI Clausole di nomina extrassembleare: -art. 2449: allo Stato ed enti pubblici soci; -Art. 2450: allo Stato ed enti pubblici non soci -Art. 2351, 5° comma, ai possessori di strumenti finanziari (amministratore indipedente); -Ai titolari di azioni speciali ? Art. 2449, 1° comma (modificato dalla legge 43/2008). Se lo Stato o gli enti pubblici hanno partecipazioni in una società per azioni che non fa ricorso al mercato del capitale di rischio, lo statuto può ad essi conferire la facoltà di nominare un numero di amministratori e sindaci, ovvero componenti del consiglio di sorveglianza, proporzionale alla partecipazione al capitale (d.l. 10/2007); 4

5 Corso di diritto commerciale avanzato Prof. Mario Campobasso Clausole di NOMINA DEGLI AMMINISTRATORI Alle società che fanno ricorso al capitale di rischio si applicano le disposizioni del sesto comma dellart Il consiglio di amministrazione può altresì proporre allassemblea, che delibera con le maggioranze previste per lassemblea ordinaria, che i diritti amministrativi previsti dallo statuto a favore dello Stato o degli altri enti pubblici siano rappresentanti da una particolare categoria di azioni. A tal fine è in ogni caso necessario il consenso dello Stato o dellente pubblico a favore del quale i diritti amministrativi sono previsti. 5

6 Corso di diritto commerciale avanzato Prof. Mario Campobasso NOMINA ASSEMBLEARE DEGLI AMMINISTRATORI Art. 2368, 1° comma: […] Per la nomina alle cariche sociali lo statuto può stabilire norme particolari. Art. 2369, 4° comma: Lo statuto può prevedere maggioranze più elevate [per lassemblea di seconda convocazione] tranne che per lapprovazione del bilancio e per la nomina o la revoca delle cariche sociali. 6

7 Corso di diritto commerciale avanzato Prof. Mario Campobasso Art. 147-ter (Elezione e composizione del consiglio di amministrazione) 1. Lo statuto prevede che i componenti del consiglio di amministrazione siano eletti sulla base di liste di candidati e determina la quota minima di partecipazione richiesta per la presentazione di esse, in misura non superiore a un quarantesimo del capitale sociale o alla diversa misura stabilita dalla Consob con regolamento tenendo conto della capitalizzazione, del flottante e degli assetti proprietari delle società quotate. […] Lo statuto può prevedere che, ai fini del riparto degli amministratori da eleggere, non si tenga conto delle liste che non hanno conseguito una percentuale di voti almeno pari alla metà di quella richiesta dallo statuto per la presentazione delle stesse. Società quotate: Lamministratore della minoranza Corso di diritto commerciale avanzato Prof. Mario Campobasso 7

8 Corso di diritto commerciale avanzato Prof. Mario Campobasso (Cause di ineleggibilità e di decadenza). Non può essere nominato amministratore, e se nominato decade dal suo ufficio, l'interdetto, l'inabilitato, il fallito, o chi è stato condannato ad una pena che importa l'interdizione, anche temporanea, dai pubblici uffici o l'incapacità ad esercitare uffici direttivi. NOMINA DEGLI AMMINISTRATORI Cause di incompatibilità. Fissate da leggi speciali. 8

9 Corso di diritto commerciale avanzato Prof. Mario Campobasso Requisiti amministratori (Requisiti di onorabilità, professionalità e indipendenza). Lo statuto può subordinare lassunzione della carica di amministratore al possesso di speciali requisiti di onorabilità, professionalità ed indipendenza, anche con riferimento ai requisiti al riguardo previsti da codici di comportamento redatti da associazioni di categoria o da società di gestione di mercati regolamentati. Si applica in tal caso lart

10 Corso di diritto commerciale avanzato Prof. Mario Campobasso Requisiti amministratori Società chiuse: ---- Società quotate: Onorabilità: stessi requisiti dei sindaci (R.M.Giustizia) Professionalità:solo per particolari attività (banche, assicurazioni) Indipendenza: 1 su 7 (2 su 8) Stessi requisiti dei sindaci. 10

11 Corso di diritto commerciale avanzato Prof. Mario Campobasso ART. 148, 3° comma, Tuf. Non possono essere eletti sindaci e, se eletti, decadono dall'ufficio: a) [coloro che si trovano nelle condizioni previste dall'articolo 2382 del codice civile]; b) il coniuge, i parenti e gli affini entro il quarto grado degli amministratori della società, o di altre società del gruppo, nonché gli amministratori di queste ultime; c) coloro che sono legati alla società o ad altre società del gruppo, ovvero agli amministratori della società e ai soggetti di cui alla lettera b) da rapporti di lavoro autonomo o subordinato ovvero da altri rapporti di natura patrimoniale o professionale che ne compromettano l'indipendenza LAMMINISTRATORE INDIPENDENTE REQUISITI DI INDIPENDENZA 11

12 Corso di diritto commerciale avanzato Prof. Mario Campobasso 12 EQUILIBRIO DI GENERE QUOTE ROSA Art. 147-ter TUF Introdotto dalla L. 120/2011 Almeno un terzo degli amministratori e dei sindaci deve essere riservato al genere meno rappresentato (un quinto alla prima applicazione).

13 Corso di diritto commerciale avanzato Prof. Mario Campobasso REVOCA (Art. 2383, 3° comma) CESSAZIONE DALLA CARICA RINUNCIA (Art. 2385, 1° comma): Prorogatio DECADENZA E MORTE (Art. 2386): Cooptazione SCADENZA (Art. 2385, 2° comma): Prorogatio Clausola simul stabunt simul cadent (art. 2383, 4° comma) 13

14 Corso di diritto commerciale avanzato Prof. Mario Campobasso (Compensi degli amministratori). I compensi spettanti ai membri del consiglio di amministrazione e del comitato esecutivo sono stabiliti all'atto della nomina o dall'assemblea. Essi possono essere costituiti in tutto o in parte da partecipazioni agli utili o dallattribuzione del diritto di sottoscrivere a prezzo predeterminato azioni di futura emissione. La rimunerazione degli amministratori investiti di particolari cariche in conformità dello statuto è stabilita dal consiglio di amministrazione, sentito il parere del collegio sindacale. Se lo statuto lo prevede, lassemblea può determinare un importo complessivo per la remunerazione di tutti gli amministratori, inclusi quelli investiti di particolari cariche. 14


Scaricare ppt "Corso di diritto commerciale avanzato Prof. Mario Campobasso SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI DIRITTO COMMERCIALE."

Presentazioni simili


Annunci Google