La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

DIDA_GEN_MOD_DIDA_20041. 2 La didattica generale è disciplina di grande importanza e di grande significatività. Il suo studio è pertanto prioritario ai.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "DIDA_GEN_MOD_DIDA_20041. 2 La didattica generale è disciplina di grande importanza e di grande significatività. Il suo studio è pertanto prioritario ai."— Transcript della presentazione:

1 DIDA_GEN_MOD_DIDA_20041

2 2 La didattica generale è disciplina di grande importanza e di grande significatività. Il suo studio è pertanto prioritario ai fini della formazione di tutti gli insegnanti. Nella pedagogia tradizionale la didattica viene relegata ad una funzione esclusivamente prassica. La didattica in quanto sola prassi è subalterna alla teoria.

3 DIDA_GEN_MOD_DIDA_20043 Una didattica come scienza necessita di un duplice approccio epistemologico: metodo induttivoil metodo induttivo, che fonda la propria logica formale sul presupposto che i fatti educativi precedono sempre la teoria: la generalizzazione è a posteriori. metodo deduttivoil metodo deduttivo che fonda la propria logica formale sulla tesi che la teoria dovrebbe sempre precedere i fatti educativi. La didattica dovrebbe, dunque, avere per dirla alla Frabboni, una testa teorica ed un corpo empirico, operativo.

4 DIDA_GEN_MOD_DIDA_20044 Le differenti teorie della didattica si articolano secondo determinate propensioni. Avremo così teorie didattiche orientate verso: teorie della scuolale teorie della scuola; teorie dellistruzionele teorie dellistruzione; teorie dellinsegnamentole teorie dellinsegnamento; teorie dellapprendimentole teorie dellapprendimento. metateoria Le quattro teorie della didattica qui individuate vanno contestualizzate allinterno di particolari modelli didattici. Ciascun modello didattico è leffetto di un modello culturale, filosofico, epistemologico, che agisce come una metateoria del modello didattico.

5 DIDA_GEN_MOD_DIDA_20045 Modello filosofico-disciplinare: Modello filosofico-disciplinare: la sua metateoria è lidealismo (Gentile); la teoria della scuola e dellinsegnamento che ne derivano si fondano sullatto dellinsegnante e sulle discipline scolastiche.

6 DIDA_GEN_MOD_DIDA_20046 Modello attivistico: Modello attivistico: la sua metateoria risiede nel pragmatismo (Dewey); si sviluppa entro una teoria dellistruzione, che vede il ragazzo al centro di ogni attività ed esperienza formative.

7 DIDA_GEN_MOD_DIDA_20047 Modello cibernetico – tecnologico: Modello cibernetico – tecnologico: la sua metateoria abita nel comportamentismo (Skinner); prevede una teoria dellapprendimento istituita sulla relazione stimolo-risposta e sui rinforzi.

8 DIDA_GEN_MOD_DIDA_20048 Modello strutturalista: Modello strutturalista: la sua metateoria deriva dallo strutturalismo (C. Lèvi Strass e F. de Saussure); sul piano didattico i saperi sono colti per i loro elementi nonché per le relazioni da questi sviluppate allinterno delle strutture.

9 DIDA_GEN_MOD_DIDA_20049 Modello cognitivista: Modello cognitivista: la sua metateoria prende corpo dalla psicologia cognitivista (J. Piaget e J.S. Bruner); al centro dellintervento didattico si pongono una teoria dellapprendimento e una teoria dellistruzione, istituite sulla correlazione tra le strutture cognitive della mente e le strutture interne delle singole discipline.

10 DIDA_GEN_MOD_DIDA_ Modello dialettico–sociologico. Modello dialettico–sociologico. La sua metateoria è data dalla teoria critica, di origine francofortese (M. Horkheimer, F. Adorno); questa veicola una teoria della scuola orientata a innestare elementi di critica sociale e di critica delle ideologie.

11 DIDA_GEN_MOD_DIDA_ Modello scientifico-sperimentale: la sua metateoria è offerta dalla spiegazione scientifica (di matrice neopositivista), ossia dal modello induttivo-deduttivo proprio della ricerca empirica e quantitativa; organizza sia teorie dellapprendimento sia teorie dellistruzione in senso tassonomico e curricolare.

12 DIDA_GEN_MOD_DIDA_ Modello sistemico: Modello sistemico: la sua metateoria richiama la teoria dei sistemi (N. Luhmann) ; la teoria della scuola che se ne ricava si fonda sullidea di interdipendenza tra i sottosistemi sociali.

13 DIDA_GEN_MOD_DIDA_ Modello ermeneutico: Modello ermeneutico: la sua metateoria affonda nellermeneutica (Gadamer) e la teoria dellinsegnamento ad essa ispirata conferisce particolare valore alla pratica dellinterpretazione.

14 DIDA_GEN_MOD_DIDA_ Modello narratologico: Modello narratologico: la sua metateoria si richiama tanto alla linguistica, alla semiotica e allermeneutica quanto alla narratologia; la teoria dellistruzione che deriva da questo modello si poggia su una cultura dei linguaggi narrativi.

15 DIDA_GEN_MOD_DIDA_ Modello pedagogico Modello pedagogico : la sua metateoria presuppone lidea di formazione (Bildung) e si inserisce nelle scienze dello spirito; la didattica si articola come una teoria della formazione, includendo una teoria della scuola e una teoria dellinsegnamento dove la cultura e la conoscenza sono sinonimi della formazione delluomo.

16 DIDA_GEN_MOD_DIDA_ In sintesi si può affermare che la didattica prevede piani differenti di ricerca: quello pratico deriva da quello teorico, che si istituisce in ragione di quello metateorico.

17 DIDA_GEN_MOD_DIDA_ Dalla connessione efficace di teoria e pratica la didattica assume un propria dignità e una collocazione pertinente nelle scienze delleducazione. Se la pedagogia è la scienza che orienta i processi centrali della formazione umana, la didattica diventa la scienza che si occupa della traduzione della paideia in didassi e del confluire dellinsegnamento nellapprendimento.

18 DIDA_GEN_MOD_DIDA_ La dignità della didattica nasce dalla sua capacità di essere scienza nel senso di sistema di saperi senza escludere lapporto del metodo di ricerca empirico, proprio delle scienze sperimentali. Nel caso in cui la didattica si abbandoni completamente al metodo quantitativo della spiegazione, i rischi di oggettivismo, scientismo, e metodologismo si rendono preoccupanti proprio perché lo studio della maturazione del soggetto si appiattirebbe sulle dinamiche di un apprendimento troppo estraneo alla formazione globale.

19 DIDA_GEN_MOD_DIDA_ Quando la didattica non si articola nei sistemi di saperi con cui la conoscenza viene costruendosi e trasformandosi, il pericolo di riduttivismo, formalismo e prassismo si fa altrettanto incombente. E il caso di soffermare, allora, lo sguardo su unipotesi che, non prevedendo la dicotomia tra teoria e pratica e ancor meno quella tra insegnamento e apprendimento, intenda la didattica non tanto come meccanica derivazione dalla pedagogia (e questa a sua volta come derivazione dalla filosofia), ma la consideri integrata circolarmente nel processo stesso della conoscenza e della formazione.

20 DIDA_GEN_MOD_DIDA_ Fra le problematiche emerse nel dibattito sul discorso didattico, il tempo e lo spazio occupano una posizione preminente. Il riferimento al tempo si giustifica nella suddivisione dellanno scolastico, della settimana, della giornata stessa. Una scuola senza classi, ma costruita secondo gruppi di livello apprenditivo assai mobili, prevede unorganizzazione profondamente diversa da quella pensata per una scuola rigidamente istituita sulle classi scolastiche, in cui il passaggio da un grado allaltro avviene secondo un modello poco flessibile e fortemente selettivo.

21 DIDA_GEN_MOD_DIDA_ Ragionando intorno allorganizzazione temporale si profila la questione dello spazio. Ogni ambiente, per essere davvero educativo, deve porsi il problema della sua organizzazione spaziale, procedendo allo studio delle dinamiche prossemiche che regolano linsegnamento e lapprendimento, la comunicazione educativa e quella didattica. Ledifico scolastico, le aule, i laboratori, gli spazi allaperto, larredamento sono i primi e concreti aspetti che influiscono sia sullorganizzazione educativa sia sulla realizzazione del curricolo.

22 DIDA_GEN_MOD_DIDA_ Linsegnamento, anziché direttivo, deve presentarsi come propositivo, attento alle dinamiche dei bisogni, degli interessi, delle motivazioni che orientano le diverse dinamiche apprenditive. La scuola si propone come un luogo di ricerca, come un punto di incontro tra culture, come un ambiente intellettualmente stimolante.

23 DIDA_GEN_MOD_DIDA_ Il mondo dellextrascuola offre un profilo assai più variegato e sinuoso: si intravedono i caratteri mutevoli di esperienze sociali e ricreative, il moltiplicarsi di proposte regolate prevalentemente dalla stessa natura economica che ne condiziona laccesso, la sovrabbondante frammentazione del tempo libero. Si pensi, inoltre, a quelle agenzie educative che prevedono una più regolare e regolata diffusione di servizi nel campo formativo: biblioteche, musei, teatri, ecc.

24 DIDA_GEN_MOD_DIDA_ Lidentità professionale dellinsegnante si decide nella sua formazione pedagogica e nella potenzialità metodologico-didattica del suo operare educativo. Se la ratio docendi si è conformata nel passato attorno allazione e alle parole, è stato J. Dewey il primo a introdurre nellistruzione la metodologia della ricerca. Con Dewey il metodo didattico diviene metodo di ricerca, per cui lattenzione si sposta dallinsegnamento allesperienza, allattività induttivo-deduttiva, al ricercare.

25 DIDA_GEN_MOD_DIDA_ Lo studio della didattica intesa quale pratica, o opera, è solitamente il risultato di una microanalisi. Ciò evidentemente perché si tratta di unindagine sul micros, ossia sulle dimensioni più piccole dellinsegnamento-apprendimento: quelle proprie di una scala ridotta qual è, ad esempio, la classe scolastica. La didattica si spinge, inoltre, nei territori della macroanalisi; in questo caso si darà luogo ad una macrodidattica.

26 DIDA_GEN_MOD_DIDA_ Tra gli uffici che spettano alla macrodidattica vè lo studio dei progetti di riforma. La microdidattica, prevedendo un accentuato restringimento di campo, consente di passare dallanalisi dei programmi didattici nazionali allelaborazione delle programmazioni educative e didattiche. La prospettiva della programmazione rappresenta lincipit di quella curricolare. Infatti, stabiliti collegialmente i caratteri educativi e formativi della didattica, è compito degli insegnanti procedere allelaborazione dei curricoli.

27 DIDA_GEN_MOD_DIDA_ Il curricolo comporta lorganizzazione di tutte le potenzialità didattiche della scuola e integra linsegnamento con lapprendimento. Con la dinamica curricolare, finalizzata alla gestione delle opportunità educative e formative per il soggetto in corso di formazione, si affermano almeno tre strategie didattiche.

28 DIDA_GEN_MOD_DIDA_ Le didattiche disciplinari: sono centrate sulle discipline. I curricoli elaborati inseguono lapprendimento dei fondamenti disciplinari di ogni area o settore, ma avviano anche alla ricerca dei significati di tali fondamenti in modo che il loro apprendimento sia lesito di una scoperta e non il risultato di uno sforzo mnemonico.

29 DIDA_GEN_MOD_DIDA_ Le didattiche specifiche: sono centrate non già su aree o settori disciplinari, ma su contesti culturali specifici, con forte carica integrativa(ad esempio, la didattica delleducazione extrascolastica, la didattica dei mass media, la didattica del tempo libero, ecc.).

30 DIDA_GEN_MOD_DIDA_ Le didattiche speciali sono centrate sulle problematiche proprie di unutenza scolastica disomogenea, caratterizzata da situazioni individuali e sociali di disagio, di atipicità, di handicap, di emarginazione.

31 DIDA_GEN_MOD_DIDA_ In conclusione il carattere fondamentale della didattica si decide nel suo proporsi come formativa. La didattica coinvolge, infatti, un complesso di eventi, un sistema di segni, una stratificazione di esperienze, la ricerca di conoscenze che contribuiscono alla formazione culturale dellallievo sotto il profilo eteroformativo e autoformativo.

32 DIDA_GEN_MOD_DIDA_ Un apprendimento è formativo quando può essere parte di quel processo di conoscenza, coscienza e cultura che si inscrive nellitinerario di Bildung, a cui una didattica formativa risulta coessenziale. Insegnare non significa lasciare un segno su qualcuno, ma aiutare un soggetto a possedere un orientamento di senso nel costruire un mondo di segni. Da qui il compito di ogni didattica: essere anche una teoria dellinterpretazione.


Scaricare ppt "DIDA_GEN_MOD_DIDA_20041. 2 La didattica generale è disciplina di grande importanza e di grande significatività. Il suo studio è pertanto prioritario ai."

Presentazioni simili


Annunci Google