La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il progetto di Ecofor Service A Gello di Pontedera 1 nuova discarica per rifiuti speciali da 1.400.000 metri cubi di stoccaggio.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il progetto di Ecofor Service A Gello di Pontedera 1 nuova discarica per rifiuti speciali da 1.400.000 metri cubi di stoccaggio."— Transcript della presentazione:

1

2 Il progetto di Ecofor Service A Gello di Pontedera 1 nuova discarica per rifiuti speciali da metri cubi di stoccaggio 1 impianto di dissociazione molecolare capace di trattare a regime ton/anno di rifiuti speciali, pericolosi e non... Che cos'è un DISSOCIATORE MOLECOLARE???

3

4

5 Che differenza cè con un inceneritore? Nessuna

6 GASSIFICAZIONECOMBUSTIONE RIFIUTI CENERI SYNGAS FUMI IN ATMOSFERA ARIA DISSOCIATORE MOLECOLARE (GASSIFICATORE)

7 GASSIFICAZIONE COMBUSTIONE RIFIUTI CENERI FUMI IN ATMOSFERA ARIA....CONSIDERIAMO LE DUE SCATOLE UNA SCATOLA SOLA... MA QUESTO ALLORA CHE COSE ???

8 INCENERIMENTO RIFIUTI CENERI FUMI IN ATMOSFERA ARIA INCENERITORE

9 GLI IMPIANTI DI DISSOCIAZIONE MOLECOLARE SONO CONSIDERATI DALLA LEGGE A TUTTI GLI EFFETTI INCENERITORI E RIENTRANO NEL CAMPO DI APPLICAZIONE DEL D.LGS. 133/05 Attuazione della direttiva 2000/76/CE in materia di incenerimento dei rifiuti

10 Non esistono informazioni scientifiche circa una minore tossicità delle emissioni generate da impianti di combustione di questo tipo.

11 Non esistono informazioni scientifiche circa una minore tossicità delle emissioni generate da impianti di combustione di questo tipo. La maggiore complessità di questi impianti rispetto agli inceneritori "tradizionali" comporta la possibilità di emissioni incontrollate dovute a cattiva gestione dei parametri di processo.

12 Non esistono informazioni scientifiche circa una minore tossicità delle emissioni generate da impianti di combustione di questo tipo. La maggiore complessità di questi impianti rispetto agli inceneritori "tradizionali" comporta la possibilità di emissioni incontrollate dovute a cattiva gestione dei parametri di processo. L'assenza di referenze industriali, e quindi di esperienza di gestione, comporta la possibilità di funzionamento reale diverso rispetto alle specifiche di progetto.

13

14 Principali critiche al progetto Ecofor 1 – allidea base del progetto Costruire un dissociatore molecolare e una nuova discarica non è il superamento delle discariche Il dissociatore molecolare non fa scomparire i rifiuti, anzi produce il 25%-30% di ceneri e il resto passa per il camino e finisce in atmosfera Niente si crea, niente si distrugge, tutto si trasforma Il quantitativo totale di residui prodotti è inoltre maggiore di quelli trattati, perché serve comunque un combustibile ausiliario (gasolio), oltre a prodotti chimici per il trattamento di fumi e reflui liquidi Tutto questo senza considerare la CO 2 prodotta…

15

16 Principali critiche al progetto Ecofor 2 – allimpianto Impianto in discontinuo, molto difficile da gestire anche per lelevato numero di celle in parallelo

17

18

19 Principali critiche al progetto Ecofor 2 – allimpianto Impianto in discontinuo, molto difficile da gestire anche per lelevato numero di celle in parallelo 1 sola referenza in Europa, in Scozia: – in collaudo da oltre 1 anno – ha fatto registrare 170 sforamenti dei limiti di legge delle emissioni in 160 giorni – è stato fermo per 3 mesi per la rottura della caldaia, che a oggi non è ancora stata riparata – a oggi lavora ancora al 30% della capacità prevista, con scarico diretto in atmosfera del gas in uscita dalle celle di gassificazione – non ha ancora prodotto 1 solo KWh di energia elettrica

20

21 Principali critiche al progetto Ecofor 3 – alle tipologie di rifiuti che saranno trattati 30% car-fluff (residuo della rottamazione auto) 30% rifiuti pericolosi ad alto potere calorifico: – Pneumatici – rifiuti ospedalieri 40% sovvallo (residuo del trattamento dei rifiuti solidi urbani)

22 Principali critiche al progetto Ecofor 4 – alle alternative proposte Ecofor non ha considerato alcuna alternativa al progetto del dissociatore (cioè o quello o nulla) Il Coordinamento Gestione Corretta Rifiuti Valdera ha presentato al Tavolo Tecnico un progetto di alternative: – Possibilità di lavorare a freddo i rifiuti che il progetto destina allincenerimento – Possibilità di usare le discariche esistenti come miniera per il recupero di materie prime seconde – Possibilità di creare un polo deccellenza per il trattamento sostenibile dei rifiuti – Più posti di lavoro – Investimento molto più contenuto

23 Principali pericoli per la salute CENERI Le ceneri prodotte (oltre t/anno nella prima fase di realizzazione e oltre t/anno a regime) sono in parte pericolose e tossiche

24 rifiuti prodotti (par S.I.A.)quantità CER – ceneri e scorie da gassificazione t/anno CER – metalli ferrosi e non ferrosi1.400 t/anno CER – PSR prodotti sodici residui (rifiuto pericoloso) t/anno CER – rifiuti liquidi di processo5.300 mc/anno (gas irrespirabili e nocivi e polveri fini disperse in atmosfera non quantificati) rifiuti trattati t/anno

25 Principali pericoli per la salute CENERI Le ceneri prodotte (oltre t/anno nella prima fase di realizzazione e oltre t/anno a regime) sono in parte pericolose e tossiche Il progetto fa lassunzione che limpianto, pur bruciando anche rifiuti pericolosi, comunque produca ceneri non pericolose Le ceneri prodotte sono movimentate ancora calde dagli operatori e comunque in parte fuoriescono durante le fasi di scarico delle celle

26 Principali pericoli per la salute EMISSIONI Come tutti gli inceneritori limpianto Ecofor emetterà in atmosfera sostanze altamente tossiche e pericolose per luomo e lambiente Diossine Furani Polveri ultrafini Metalli pesanti Nano particelle

27 per saperne di più: contatti:


Scaricare ppt "Il progetto di Ecofor Service A Gello di Pontedera 1 nuova discarica per rifiuti speciali da 1.400.000 metri cubi di stoccaggio."

Presentazioni simili


Annunci Google