La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ESEMPI DI PRIMITIVE. Richiesta/Apertura di connessione (N) - fornitore di servizio di servizio (N + 1) - entità (N) - CONNECT REQUEST CONFIRM INDICATION.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ESEMPI DI PRIMITIVE. Richiesta/Apertura di connessione (N) - fornitore di servizio di servizio (N + 1) - entità (N) - CONNECT REQUEST CONFIRM INDICATION."— Transcript della presentazione:

1 ESEMPI DI PRIMITIVE

2 Richiesta/Apertura di connessione (N) - fornitore di servizio di servizio (N + 1) - entità (N) - CONNECT REQUEST CONFIRM INDICATION RESPONSE (N) - SAP (N) - CONNECT

3 Richiesta / Trasferimento dati (N) - fornitore di servizio di servizio (N + 1) - entità (N) - DATA REQUEST INDICATION (N) - SAP

4 Chiusura di connessione iniziata dallutente iniziata dallutente (N) - fornitore di servizio di servizio (N + 1) - entità (N) - DISCONNECT REQUEST INDICATION (N) - SAP

5 Sistema A Sistema B (N) - servizio (N+1) - protocollo (N) - protocollo (N) - strato (N+1) - entità (N) - entità (N) - SAP (N+1) - entità (N) - entità …riprendiamo ora il discorso generale : entità, protocolli, SAP

6 Sistema A Sistema B Sistema C Sistema D mezzi trasmissivi percorso delle informazioni

7 (N) - entità (N - 1) - entità (N) - Strato (N - 1) - Strato (N - 1) - SAP (N) - titolo (N - 1) -indirizzo

8 Una N-entità è identificata con un titolo globale, che la individua in modo univoco in tutto linsieme dei sistemi interconnessi. Una N-entità che accede ad uno specifico (N-1)- SAP a livello locale è identificata attraverso due funzioni: funzione guida o directory funzione di corrispondenza di indirizzo (address mapping)

9 (N) - entità (N) - titolo Funzioni di identificazione (N) - directory (N) - directory (N) - mapping (N) - mapping

10 (N) - entità (N) – titolo locale Funzioni di identificazione (N) - directory (N) - directory (N) - mapping (N) - mapping Questa traduce i titoli globali delle N-entità negli (N-1)-indirizzi dei SAP ai quali sono connesse e attraverso i quali possono essere raggiunte

11 Funzioni di identificazione (N) - directory (N) - directory (N) - mapping (N) - mapping (N) - entità (N) - SAP (N - 1) - SAP (N) - indirizzo (N - 1) - indirizzo

12 Funzioni di identificazione (N) - directory (N) - directory (N) - mapping (N) - mapping (N) - entità (N) - SAP (N - 1) - SAP (N) - indirizzo (N - 1) - indirizzo Fornisce la corrispondenza tra gli N-indirizzi serviti da una N-entità e gli (N- 1)-indirizzi utilizzati per accedere agli (N-1)-servizi utilizzati dalla N-entità

13 (N) - entità A B C (N) - strato (N - 1) - strato (N-1) - connessioni (N - 1) - SAP

14 (N) - entità A B C (N) - strato (N - 1) - strato connessione punto - multipunto connessioni punto - punto (N - 1) - SAP

15 (N) - entità A B C (N) - strato (N - 1) - strato (N - 1) - CEP (N - 1) - CEP (N - 1) - SAP

16 (N) - entità A B C (N) - strato (N - 1) - strato (N - 1) - CEP.id (N - 1) - CEP.id (N - 1) - SAP (N - 1) - CEP (N - 1) - CEP

17 Connection End Point Connection End Point Una (N+1)-entità può gestire simultaneamente una molteplicità di connessioni con altre (N+1)-entità. In questo caso su di uno stesso N-SAP si attesterà più di una N-connessione. Il punto terminale di ognuna di queste è detto Punto Terminale di una N-connessione: N-CEP (Connectio End Point). Allinterno di uno stesso N-SAP ciascun N-CEP è individuato da uno specifico identificatore.

18 Accordo tra tre parti (N + 1) - entità (N) - fornitore di servizio Le tre parti

19 Si può avere la multiplazione di (N) - connessioni su una (N - 1) - connessione (N+1) - strato (N) - strato (N) - SAP (N) - CEP (N) - CEP

20 Si può avere la suddivisione di una (N) - connessione su più (N - 1) - connessioni (N) - strato (N) - SAP (N) - CEP (N) - CEP

21 Accordo tra tre parti (N + 1) - entità (N) - fornitore di servizio Le tre parti

22 Nel caso di trasferimento di informazioni senza connessione è sufficiente un accordo tra due parti Le due parti (N + 1) - entità (N) - fornitore di servizio Le due parti parti

23 Funzione di Trasferimento dellUnità Dati Funzione di Trasferimento dellUnità Dati Una funzione molto importante realizzata da un generico strato N appartenente al Sistema A è il trasferimento di una sua Unità Dati al livello corrispondente di un Sistema B. Quando il trasferimento dellUnità Dati avviene (anche se solo logicamente) in maniera diretta tra strati equivalenti, si chiama Protocol Data Unit (PDU). Quando avviene da uno strato N+1 al suo strato sottostante N per operare il trasferimento fisico dellUnità Dati, si chiama Service Data Unit (SDU). In realtà il trasferimento di una PDU si realizza da parte di uno strato N+1 attraverso la richiesta allo strato N sottostante del servizio Trasferimento fornendo come parametro della richiesta la propria Unità Dati che prende il nome di SDU N.

24 Le Unità Dati dei Livelli OSI Le Unità Dati dei Livelli OSI TrasportoMessaggio RetePacchetto Collegamento DatiFrame o Trama FisicoBit

25 Richiesta di unentità del livello Rete Richiesta di unentità del livello Rete Supponiamo che il livello Rete del Sistema A voglia trasferire un pacchetto, la sua PDU (Network PDU), al livello corrispondente del Sistema B. La richiesta è avanzata da una sua Entità, Utente del livello Data-Link, trasferendo il pacchetto come parametro (Data-Link SDU). Il pacchetto è poi corredato di opportuni codici di controllo (PCI) e rappresenta la PDU del livello Data-Link(PDU Data-Link). Il discorso si ripete per il livello Data-Link, dove la situazione è un po più complessa e la vedremo più avanti in maggior dettaglio.

26 (N) - livello (N) - livello interfaccia interfaccia (N-1) - livello (N - 1) - SDU (N - 1) - PCI (N - 1) - SDU (N - 1) - PDU SAP (N) - PDU

27 Possibilità di segmentazione segmentazione concatenazione concatenazione di unità dati

28 Sistema A Sistema B Sistema C Sistema D mezzi trasmissivi percorso delle informazioni

29 ApplicazionePresentazioneSessioneTrasportoReteCollegamentoFisico ApplicazionePresentazioneSessioneTrasportoReteCollegamentoFisicoTrasmettitore Ricevitore dati AH dati PH APDU SH PPDU TH SPDU NH TPDU DH NPDU DT bit o simboli

30 applicazionepresentazionesessionetrasportoretecollegamentofisico mezzi trasmissivi Protocollo di applicazione Protocollo di presentazione Protocollo di sessione Protocollo di trasporto Protocollo di rete Protocollo di collegamento Protocollo di strato fisico I sette livelli dellOSI applicazionepresentazionesessionetrasportoretecollegamentofisico

31 applicazionepresentazionesessionetrasportoretecollegamentofisico mezzi trasmissivi Inform. Codificata per la tx Dialogo tra applicativi Connessione end-to-end applicazionepresentazionesessionetrasportoretecollegamentofisico Com.fra processi utente Sistemi Intermedi Sistemi Intermedi

32 ApplicazionePresentazioneSessioneTrasportoReteCollegamentoFisico ApplicazionePresentazioneSessioneTrasportoReteCollegamentoFisico sistemi terminali (A e B) sistemi terminali (A e B) sistemi intermedi (di rilegamento o relay) sistemi intermedi (di rilegamento o relay) SISTEMA A RELAY SYSTEM SISTEMA B ReteColleg.Fisico mezzi trasmissivi

33 strati di trasferimento trasferimento utilizzazione apparecchioterminale nodo di accesso transito sezione di accesso sezione di rete interna protocolli di utilizzazione strati di trasferimento protocolli di accesso accesso protocolli di rete rete Modello di riferimento di un processo di comunicazione

34 Da un punto di vista modellistico gli apparecchi terminali possono essere trattati come sistemi terminali e possono essere visti come organizzati in tanti strati quanti ne sono previsti nellarchitettura di comunicazione considerata. I nodi sono invece trattati come sistemi di rilegamento : ciascuno comprenderà un sottoinsieme di detti strati che partendo dal livello più basso arriva fino a quello più alto che include una funzione di rilegamento. Questo sottoinsieme è indicato come strati di trasferimento. I rimanenti strati dellarchitettura sono invece detti strati di utilizzazione.

35 i protocolli di accesso regolano le interazioni tra un apparecchio terminale e la relativa terminazione di rete; essi appartengono agli strati di trasferimento fino a quello di ordine più elevato tra questi che è presente nellinterfaccia utente-rete i protocolli di rete interna definiscono le regole di interazione tra nodi di accesso e nodi di transito; essi appartengono agli strati di trasferimento fino a quello di ordine più elevato che è presente nellinterfaccia nodo-nodo i protocolli di utilizzazione riguardano gli strati omonimi e vengono gestiti da estremo a estremo, nel senso che le entità alla pari interagenti per il loro tramite risiedono negli apparecchi terminali

36 Livello 1 - fisico linsieme dei dispositivi per il collegamento dei vari sistemi (cavi, modem, apparecchiature di tx e rx)linsieme dei dispositivi per il collegamento dei vari sistemi (cavi, modem, apparecchiature di tx e rx) fornisce i mezzi meccanici, fisici, funzionali e procedurali per attivare, mantenere e disattivare le connessioni fisichefornisce i mezzi meccanici, fisici, funzionali e procedurali per attivare, mantenere e disattivare le connessioni fisiche ha il compito di effettuare il trasferimento delle cifre binarie scambiate dalle entità di livello di collegamento ha il compito di effettuare il trasferimento delle cifre binarie scambiate dalle entità di livello di collegamento le unità dati sono bit o simboli le unità dati sono bit o simboli

37 Livello 2 collegamento o data-link fornisce i mezzi funzionali e procedurali per il trasferimento delle unità dati tra entità di livello rete e per fronteggiare malfunzionamenti del livello fisico fornisce i mezzi funzionali e procedurali per il trasferimento delle unità dati tra entità di livello rete e per fronteggiare malfunzionamenti del livello fisico funzioni fondamentali: - rivelazione e recupero degli errori di tx; funzioni fondamentali: - rivelazione e recupero degli errori di tx; - controllo di flusso - controllo di flusso E quindi responsabile della tx dei dati in trame attraverso funzioni di sincronizzazione e può rilevare loccorenza di errori in tx nello strato fisico. Regola la tx tra sistemi adiacenti.

38 Livello 3 - rete fornisce i mezzi per instaurare, mantenere e fornisce i mezzi per instaurare, mantenere e abbattere le connessioni di rete tra entità di abbattere le connessioni di rete tra entità di livello trasporto livello trasporto fornisce i mezzi funzionali e procedurali per lo fornisce i mezzi funzionali e procedurali per lo scambio di informazioni tra entità di livello trasporto scambio di informazioni tra entità di livello trasporto funzioni fondamentali: funzioni fondamentali: instradamento instradamento controllo di flusso e di congestione controllo di flusso e di congestione tariffazione tariffazione

39 Livello 3 - rete (continua) Livello 3 - rete (continua) E responsabile della trasmissione di informazioni in pacchetti e del loro instradamento a partire da un sistema terminale di inizio tx ad un sistema terminale di rx passando attraverso i sistemi intermedi di rilegamento

40 Livello 4 - trasporto fornisce alle entità di livello sessione le fornisce alle entità di livello sessione le connessioni di livello trasporto connessioni di livello trasporto colma le deficienze della qualità di servizio delle colma le deficienze della qualità di servizio delle connessioni di livello rete connessioni di livello rete ottimizza luso del servizio di livello rete ottimizza luso del servizio di livello rete 5 classi di servizio 5 classi di servizio è il livello più basso con significato da estremo a è il livello più basso con significato da estremo a estremo estremo multiplazione e suddivisione di connessioni multiplazione e suddivisione di connessioni frammentazione di messaggi in pacchetti frammentazione di messaggi in pacchetti

41 Livello 4 - trasporto (continua) Livello 4 - trasporto (continua) Sviluppa le funzioni necessarie a verificare lintegrità dei messaggi trasmessi. Può verificare la velocità di trasmissione per evitare la congestione della rete. Può formulare le operazioni di duplicazione di un messaggio; di recupero di un messaggio perso; di controllo sullintegrità del messaggio.

42 Livello 5 - sessione assicura alle entità di presentazione una connessione di sessione assicura alle entità di presentazione una connessione di sessione organizza il colloquio tra le entità di presentazione organizza il colloquio tra le entità di presentazione struttura e sincronizza lo scambio di dati in modo da poterlo sospendere, riprendere e terminare ordinatamente struttura e sincronizza lo scambio di dati in modo da poterlo sospendere, riprendere e terminare ordinatamente maschera le interruzioni del servizio trasporto maschera le interruzioni del servizio trasporto E responsabile del dialogo tra gli applicativi e dello scambio dei dati. Fissa diversi tipi di interazione ai programmi : a due vie alternata; a due vie simultanea; ad una via.

43 Livello 6 - presentazione risolve i problemi di compatibilità per quanto risolve i problemi di compatibilità per quanto riguarda la rappresentazione dei dati da riguarda la rappresentazione dei dati da trasferire trasferire risolve i problemi relativi alla trasformazione risolve i problemi relativi alla trasformazione della sintassi dei dati della sintassi dei dati può fornire servizi di cifratura delle può fornire servizi di cifratura delle informazioni informazioni

44 Livello 7 - applicazione fornisce ai processi applicativi i mezzi per fornisce ai processi applicativi i mezzi per accedere allambiente OSI accedere allambiente OSI i possibili elementi di servizio dello strato applicazione sono i possibili elementi di servizio dello strato applicazione sono suddivisi in : suddivisi in : - elementi di servizio CASE (Common Application Service Elements) - elementi di servizio CASE (Common Application Service Elements) - elementi di servizio SASE (Specific Application Service Elements) - elementi di servizio SASE (Specific Application Service Elements) i CASE forniscono le potenzialità utilizzate da tutte le applicazioni i CASE forniscono le potenzialità utilizzate da tutte le applicazioni i SASE si concretizzano negli elementi aggiuntivi rispetto ai CASE per i SASE si concretizzano negli elementi aggiuntivi rispetto ai CASE per la definizione di servizi particolari la definizione di servizi particolari

45 Livello 7 - applicazione (continua) elementi CASE :elementi CASE : - instaurazione di connessioni tra processi applicativi e la loro identificazione - la verifica della disponibilità delle risorse necessarie alla comunicazione - la verifica della disponibilità delle risorse necessarie alla comunicazione - la determinazione della qualità di servizio richiesta dalle applicazioni - la determinazione della qualità di servizio richiesta dalle applicazioni - la determinazione di una sintassi di trasferimento - la determinazione di una sintassi di trasferimento - il trasferimento delle informazioni - il trasferimento delle informazioni - labbattimento delle connessioni - labbattimento delle connessioni esempio di servizio : il trasferimento e la manipolazione di archivi - FTAM (File Transfer and Manipulation), che consente laccesso ad archivi remoti per scrivere o leggere informazioni; tutti gli elementi usati in questo servizio e diversi da quelli citati per linsieme CASE fanno parte dellinsieme SASEesempio di servizio : il trasferimento e la manipolazione di archivi - FTAM (File Transfer and Manipulation), che consente laccesso ad archivi remoti per scrivere o leggere informazioni; tutti gli elementi usati in questo servizio e diversi da quelli citati per linsieme CASE fanno parte dellinsieme SASE


Scaricare ppt "ESEMPI DI PRIMITIVE. Richiesta/Apertura di connessione (N) - fornitore di servizio di servizio (N + 1) - entità (N) - CONNECT REQUEST CONFIRM INDICATION."

Presentazioni simili


Annunci Google