La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Claudio Gagliardi Centro Studi Unioncamere

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Claudio Gagliardi Centro Studi Unioncamere"— Transcript della presentazione:

1 Le medie imprese industriali del Nord-Est: ASSETTI ORGANIZZATIVI E STRATEGIE DI CRESCITA
Claudio Gagliardi Centro Studi Unioncamere Reggio Emilia, 27 gennaio 2006

2 LE CARATTERISTICHE STRUTTURALI
E GLI ORIENTAMENTI STRATEGICI DELLE “NUOVE” MEDIE IMPRESE (quelle che sono passate dalla piccola alla media dimensione tra il 1999 e il 2002) ORGANIZZAZIONE DELLA COMPAGINE AZIONARIA E RELAZIONI DI GRUPPO attraverso i dati dell’Osservatorio Bilanci e dell’Osservatorio sui Gruppi d’impresa L’INVESTIMENTO IN CAPITALE UMANO REALIZZATO DALLE IMPRESE grazie all’indagine “Excelsior” di Unioncamere sui fabbisogni professionali delle imprese INTERNAZIONALIZZAZIONE ALLARGATA DELLE IMPRESE (IDE) utilizzando il database REPRINT, ICE- Politecnico di Milano L’INNOVAZIONE ATTRAVERSO LA BREVETTAZIONE DI NUOVE INVENZIONI sulla base dei dati disponibili presso l’EPO di Monaco

3 diventate medie tra il 1999 e il 2002
LE DETERMINANTI DELLA CRESCITA: UN CONFRONTO TRA LE DIVERSE TIPOLOGIE DI IMPRESA Piccole società di capitale (10-49 add.) Piccole imprese diventate medie tra il 1999 e il 2002 Le altre medie imprese L’assetto proprietario e organizzativo delle Medie Imprese del NORD-EST 22,5 Età media dell’impresa: N. Imprese 425 16,7 10.247 28,7 1.057 1.482 RE: 68 (6,4%) pari al 39% e al 36,7% del totale italiano RE: 638 (6,2%) RE: 26 (6,1%) “Nuove” medie imprese Altre medie imprese 4,5 49,9 7,5 38,1 4,8 48,7 8,7 37,7 Trentino Alto Adige Veneto Friuli Venezia Giulia Emilia Romagna LE 425 NUOVE MEDIE IMPRESE PER REGIONE... Claudio Gagliardi, “Le medie imprese industriali del Nord-Est: assetti organizzativi e strategie di crescita”, Reggio Emilia, 27 gennaio 2006

4 diventate medie tra il 1999 e il 2002
LE DETERMINANTI DELLA CRESCITA: UN CONFRONTO TRA LE DIVERSE TIPOLOGIE DI IMPRESA Piccole società di capitale (10-49 add.) Piccole imprese diventate medie tra il 1999 e il 2002 Le altre medie imprese L’assetto proprietario e organizzativo delle Medie Imprese del NORD-EST 22,5 Età media dell’impresa: N. Imprese 425 16,7 10.247 28,7 1.057 1.482 Alimentari, bevande e tabacco Tessile, abbigliamento e calzature Legno, mobile e beni per la casa Carta, stampa ed editoria Chimica Gomma e materie plastiche Minerali non metalliferi Metalli Meccanica e mezzi di trasporto Elettriche, elettroniche e medicali 8,5 12,5 10,6 6,1 4,9 6,6 9,2 13,2 21,6 6,8 14,3 13,1 4,1 3,4 5,1 9,0 11,4 21,2 6,0 “Nuove” medie imprese Altre medie imprese …E PER SETTORE Claudio Gagliardi, “Le medie imprese industriali del Nord-Est: assetti organizzativi e strategie di crescita”, Reggio Emilia, 27 gennaio 2006

5 diventate medie tra il 1999 e il 2002
LE DETERMINANTI DELLA CRESCITA: UN CONFRONTO TRA LE DIVERSE TIPOLOGIE DI IMPRESA L’assetto proprietario e organizzativo delle Medie Imprese del NORD-EST Piccole società di capitale (10-49 add.) Piccole imprese Le altre medie imprese diventate medie tra il 1999 e il 2002 1.482 N. Imprese 10.247 425 1.057 Numero medio azionisti per impresa: 3,9 5,0 5,5 Età media degli azionisti: 49,8 50,7 53,0 Imprese il cui controllo si raggiunge con la sola prima quota 44,3% 42,0% 46,6% - di cui: con azionista di maggioranza con oltre 65 anni di età 17,5% 19,2% 34,5% Imprese in gruppo: 32,1% 52,2% 62,7% - di cui come capogruppo 46,0% 68,0% 60,8% Claudio Gagliardi, “Le medie imprese industriali del Nord-Est: assetti organizzativi e strategie di crescita”, Reggio Emilia, 27 gennaio 2006

6 L’articolazione, nel 2003, delle
LA MAPPA DEI GRUPPI IMPRENDITORIALI GENERATI DALLE MEDIE IMPRESE INDUSTRIALI DEL NORD-EST 172 imprese non rientrano da sole nei criteri definitori delle medie imprese ma lo diventano considerandole a capo di un gruppo (91,4 addetti e 21,4 mln € di fatturato) L’articolazione, nel 2003, delle 1.482 MEDIE IMPRESE del 2002 6.540 gruppi 885 medie imprese in gruppo 6.540 gruppi 597 medie imprese senza legami 347 medie imprese con capogruppo persone fisiche 37 medie imprese con capogruppo società di persone 29 medie imprese con capogruppo finanziarie di famiglia 207 medie imprese a capo di un gruppo formale 4 medie imprese in gruppo dal 2003 Di cui 212 con capogruppo una persona fisica Di cui 135 con capogruppo una famiglia 94 medie imprese singole consolidate da Medie imprese 13 medie imprese con capogruppo piccole imprese industriali 94 medie imprese con capogruppo imprese estere (anche finanziarie di famiglia) 59 medie imprese in gruppi informali 1 medie imprese con capogruppo enti e istituzioni Claudio Gagliardi, “Le medie imprese industriali del Nord-Est: assetti organizzativi e strategie di crescita”, Reggio Emilia, 27 gennaio 2006

7 LA GOVERNANCE DELLE MEDIE IMPRESE DEL NORD-EST
INCIDENZA % AZIONISTI SU TOTALE DELLE CARICHE 61,3 38,7 49,0 51,0 25,5 74,5 15,9 84,1 0,1 99,9 0,3 99,7 31,9 68,1 26,9 73,1 Nelle medie imprese si contano cariche totali per persone con cariche Piccole imprese diventate medie tra il 1999 e il 2002 Le altre medie imprese Azionisti Non azionisti 9,1 90,9 18,9 81,1 CdA Management Collegio sindacale Totale cariche Altre cariche Amministratori unici Consiglieri e amministratori delegati Consiglieri e Amministratori Presidenti e vicepresidenti CdA Azionisti nel CdA delle “nuove” MI 51,2% 67,4% 71,7% 65,0% 43,8% 57,5% 61,2% 42,7% Azionisti nel CdA delle “altre MI” 713 medie imprese del Nord-Est (il 48,1% del totale) non hanno indicato una scelta di amministrazione in base ai criteri offerti dal nuovo diritto societario. La maggioranza ha confermato l’adozione del sistema “tradizionale” (638, il 43%) ma appena 8 (0,5%) hanno optato per il sistema monistico e nessuna per quello dualistico. Claudio Gagliardi, “Le medie imprese industriali del Nord-Est: assetti organizzativi e strategie di crescita”, Reggio Emilia, 27 gennaio 2006

8 diventate medie tra il 1999 e il 2002
LE DETERMINANTI DELLA CRESCITA: UN CONFRONTO TRA LE DIVERSE TIPOLOGIE DI IMPRESA Piccole società di capitale (10-49 add.) Piccole imprese Le altre medie imprese diventate medie tra il 1999 e il 2002 INDICATORI DI PERFORMANCE (variazione % media annua ) 1.482 Fatturato per impresa 8,0 14,7 7,2 Valore Aggiunto per impresa 6,9 13,3 5,3 Immobiliz . mat. per impresa 8,6 13,5 8,2 IL FINANZIAMENTO DELLA CRESCITA (media , in %) Indebitam. a m/l termine/Tot. impieghi 15,3% 15,6% 17,6% Indebitam. corrente/Tot.impieghi 61,5% 61,7% 53,2% INVESTIMENTI ESTERI (al ) Imprese “multinazionali” sul totale (%) 2,2 14,8 28,0 - di cui: IDE industriali (in %) 1,1 6,1 14,0 - di cui: IDE commerciali (in %) 1,2 11,5 20,5 INVESTIMENTI NEL CAPITALE UMANO ( ) Variaz.% media dipendenti +1,7% +3,2% +0,7% Dirigenti per assunzioni 4,4 5,4 6,0 Laureati per assunzioni 63,7 74,6 71,9 PROPENSIONE A BREVETTARE ( ) Imprese brevettanti sul totale (%) 3,5 13,6 17,4 Claudio Gagliardi, “Le medie imprese industriali del Nord-Est: assetti organizzativi e strategie di crescita”, Reggio Emilia, 27 gennaio 2006

9 GLI INVESTIMENTI DIRETTI ESTERI (IDE) DELLE MEDIE IMPRESE DEL NORD-EST (dati al 1.1.2005)
Imprese con IDE industriali e 359 medie imprese del Nord-Est hanno realizzato 850 IDE (271 impianti industriali e 579 piattaforme commerciali all’estero), generando un’occupazione aggiuntiva di addetti Per ogni 100 addetti in Italia ne vengono creati altri 46 nelle sedi all’estero commerciali 22,6% 81 Imprese con soli IDE commerciali 93 Imprese con soli IDE industriali 185 51,5% 25,9% Solo 78 (il 22%) sono in aree distrettuali ma mostrano una maggiore propensione a delocalizzare in industria (55,1% vs. 48,5% della media) 24,2% 359 129 imprese (il 36%) sono in Emilia Romagna e 14 a RE Quota di IDE con controllo azionario da parte della media impresa del Nord-Est: 79% IDE industriali e 90% IDE commerciali Anno di fondazione delle sedi estere (in media): (quelle commerciali sono in media 1 anno più “giovani”) 1.123 75,8% Medie imprese che investono all'estero Medie imprese che non investono all'estero Claudio Gagliardi, “Le medie imprese industriali del Nord-Est: assetti organizzativi e strategie di crescita”, Reggio Emilia, 27 gennaio 2006

10 LA PRESENZA DELLE MEDIE IMPRESE DEL NORD-EST NEL MONDO Gli investimenti industriali delle medie imprese... Ue a 15 e Paesi dell’AEE LE PRINCIPALI AREE GEOPOLITICHE DI DESTINAZIONE DEGLI IDE Europa Centro-Orientale 27,0% 18,7% 37,1% 41,8% IDE JOBS I PRIMI 10 PAESI DI DESTINAZIONE DEGLI IDE INDUSTRIALI (57% del totale) v.ass. % 1 ) 2 3 4 5 6 7 8 9 10 IDE Medie Imprese investitrici Addetti medi Romania 40 14,3 36 105,0 Francia 21 7,5 16 46,7 Cina 5,7 110,5 Spagna 14 34,4 Stati Uniti 15 5,4 54,4 Ungheria 13 4,6 48,1 Brasile 12 4,3 11 69,8 Repubblica Slovacca 3,6 125,2 Tunisia 3,2 144,1 Germania 2,9 106,6 Totale complessivo 271 100,0 174 79,2 IDE industriali Claudio Gagliardi, “Le medie imprese industriali del Nord-Est: assetti organizzativi e strategie di crescita”, Reggio Emilia, 27 gennaio 2006

11 LA PRESENZA DELLE MEDIE IMPRESE DEL NORD-EST NEL MONDO …e gli investimenti commerciali
Ue a 15 e Paesi dell’AEE LE PRINCIPALI AREE GEOPOLITICHE DI DESTINAZIONE DEGLI IDE America settentrionale 56,0% 67,8% 15,2% 11,6% IDE JOBS I PRIMI 10 PAESI DI DESTINAZIONE DEGLI IDE COMMERCIALI (72% del totale) v.ass. % 1 ) 2 3 4 5 6 7 8 9 10 IDE Medie Imprese investitrici Addetti medi Francia 78 13,4 70 5,3 Stati Uniti 77 13,2 75 5,0 Germania 71 12,2 67 7,7 Regno Unito 69 11,8 59 15,8 Spagna 44 7,5 41 Brasile 21 3,6 3,4 Austria 13 2,2 4,1 Cina 3,3 Hong Kong 12 2,1 11 3,0 Belgio 1,7 5,5 Canada 4,3 Totale complessivo 579 100,0 266 6,4 IDE commerciali Claudio Gagliardi, “Le medie imprese industriali del Nord-Est: assetti organizzativi e strategie di crescita”, Reggio Emilia, 27 gennaio 2006

12 DOVE INVESTONO LE MEDIE IMPRESE DEL NORD-EST
DOVE INVESTONO LE MEDIE IMPRESE DEL NORD-EST? Destinazione degli IDE per settore di attività dell’impresa investitrice…. Primo Paese di destinazione % su tot. IDE addetti medi Alimentari e bevande Francia 19,0 41,3 Tessile, abbigliamento e calzature Romania 28,8 143,7 Legno e arredamento Romania 21,4 49,2 Chimica, gomma e plastica Spagna 16,0 25,5 Minerali non metalliferi Brasile 16,7 23,3 Metalli Francia 13,8 31,7 Meccatronica Francia 13,6 55,2 Commercio Francia 13,4 5,3 in % ...e per macro-area di appartenenza UE (a 15) e AEE Altri Paei industrializzati Europa Centro-Orientale Mediterraneo e Africa Cina India e Asia Sud-Est America Centr. E Merid. 5 10 15 20 25 30 35 40 50 60 70 NORD-OVEST NORD-EST Veneto Emilia-Romagna 45 IDE industriali IDE commerciali 48% 36,4% 20,2% 11,7% 49,6% 38,7% 17,4% 16,4% Claudio Gagliardi, “Le medie imprese industriali del Nord-Est: assetti organizzativi e strategie di crescita”, Reggio Emilia, 27 gennaio 2006

13 L’IMPATTO DEGLI INVESTIMENTI ESTERI SULL’OCCUPAZIONE
57 89 125 230 62 287 Imprese che investono solo nei paesi ad alto costo Imprese che investono solo nei paesi a basso costo Imprese che investono nei ad alto e a basso costo IDE commerciali IDE industriali Le 359 Medie Imprese del Nord-Est hanno effettuato delocalizzazioni produttive e commerciali per il 46% nei paesi ad alto costo (166) e per il 29% nei paesi a basso costo (104). Il flusso maggiore di investimenti (412 IDE) si riferisce però a quel 25% (89) che delocalizza sia negli uni che negli altri Addetti skilled Addetti un-skilled Totale occupazione La variazione % ( ) degli addetti è negativa solo per le imprese che investono nei paesi a basso costo, che espellono addetti un-skilled. Lo skill upgrading è tanto più elevato quanto più differenziata è la strategia di presenza all’estero delle MI 6,8 6,4 9,2 4,0 5,7 2,5 3,4 -3,7 -0,4 Imprese che investono solo nei paesi ad alto costo Imprese che investono solo nei paesi a basso costo Imprese che investono nei paesi ad alto e a basso costo Claudio Gagliardi, “Le medie imprese industriali del Nord-Est: assetti organizzativi e strategie di crescita”, Reggio Emilia, 27 gennaio 2006

14 L’IMPATTO DEGLI INVESTIMENTI ESTERI SULLA DOMANDA DI CAPITALE UMANO
LE FIGURE LOW SKILLS PIÙ RICHIESTE (assunz. totali ) LE FIGURE HIGH SKILLS PIÙ RICHIESTE (assunz. totali ) Manovali industriali e addetti all'assemblaggio 420 Tecnici e responsabili della logistica 380 Addetti alle macchine utensili 410 e della distribuzione Assemblatori di macchinari meccanici 370 Tecnici dell'amministrazione, della 290 contabilità e affini Addetti alla movimentazione del magazzino 300 Tecnici e responsabili commerciali, Confezionatori e assemblatori di prodotti 230 230 del marketing e delle vendite Specialisti aziendali in promozione 150 e marketing Tecnici dei sistemi di automazione 140 industriale Assunzioni di High Skills e Low Skills sul totale (incid. % media ) 76,3 72,9 82,7 79,8 High Skills 23,7 27,1 17,3 20,2 Low Skills Medie imprese con Medie imprese con Medie imprese investim. industriali investim. commerciali non investitrici all'estero Totale all'estero all'estero Claudio Gagliardi, “Le medie imprese industriali del Nord-Est: assetti organizzativi e strategie di crescita”, Reggio Emilia, 27 gennaio 2006

15 L’ATTIVITA’ BREVETTUALE DELLE MEDIE IMPRESE DEL NORD EST
Piccole società di capitale (10-49 add.) Piccole imprese Le altre medie imprese diventate medie tra il 1999 e il 2002 N. IMPRESE 10.247 425 1057 Imprese che brevettano RE: 19 360 58 242 184 Imprese brevettanti/totale imprese 3,5% 13,6% 17,4% Brevetti RE: 45 662 136 679 Brevetti per impresa 1,8 2,3 3,7 242 MI, pari al 16,3% del totale Medie imprese del Nord-Est, hanno brevettato, presso l’European Patent Office (EPO), negli anni agosto 2002. I brevetti sviluppati nel periodo agosto 2002, e pubblicati nel periodo 1999-agosto 2005, sono 815, in media 3,4 brevetti per impresa. La loro capacità brevettuale è più elevata: nel Nord Ovest ha brevettato una percentuale di MI leggermente superiore (16,8%) ma con un numero medio di brevetti pari a 2,8 Claudio Gagliardi, “Le medie imprese industriali del Nord-Est: assetti organizzativi e strategie di crescita”, Reggio Emilia, 27 gennaio 2006

16 I BREVETTI DELLE MEDIE IMPRESE DEL NORD EST PER AMBITO TECNOLOGICO
(1999-agosto 2005) COMPONENTISTICA PER BICICLETTE E MOTOCICLI 10,0% 2,9% MACCHINE AUTOMATICHE PER IL PACKAGING (Prodotti alimentari, farmaceutici e cosmetici) E AUTOMAZIONE ROBOTIZZATA 7,6% 14,0% 6,2% BIOMEDICALE 14,7% LINEE AUTOMATICHE LAVORAZIONE METALLO 5,0% 0,7% Altre medie imprese (679 brevetti) Nuove medie imprese (136 brevetti) 4,2% CUCINE, ELETTRODOMESTICI E COMPONENTI PER MOBILI 3,9% CALZATURE 3,7% Le nuove medie imprese del Nord-Est mostrano una maggiore capacità brevettuale nei prodotti a maggior contenuto tecnologico e/o ad alta specializzazione: - biomedicale (20 brevetti, 14,7% del totale) - elementi elettrici e tecniche elettriche di comunicazione (15 brevetti, 11,1% del totale) Più contenuta è invece la capacità brevettuale in alcuni prodotti “tradizionali” del Nord-Est - componentistica per biciclette - macchinari per la lavorazione del metallo e della ceramica - cucine ed elettrodomestici 3,8% MACCHINE E IMPIANTI PER LAVORAZIONE CERAMICA 1,5% 3,8% DISPOSITIVI PER ANIMALI DA CORTILE; MECCANIZZAZIONE AVANZATA 1,5% PRODOTTI PER IRRIGAZIONE E DISPENSATORI PER LIQUIDI 3,1% 6,6% 2,9% AUTOMOTIVE EQUIPMENT 5,9% 1,9% ELEMENTI ELETTRICI DI BASE (Accessori e interruttori per trasformatori) 7,4% 1,6% TECNICHE ELETTRICHE DI COMUNICAZIONE 3,7% 0,7% MATERIALI PER COSTRUZIONI 3,7% 0,6% MECCANISMI DI APERTURA, CHIUSURA E SCORRIMENTO PORTONI, PORTE E FINESTRE 4,4% LINEE DI TAGLIO AUTOMATICHE PER TESSUTI O MAGLIERIE 4,4% Claudio Gagliardi, “Le medie imprese industriali del Nord-Est: assetti organizzativi e strategie di crescita”, Reggio Emilia, 27 gennaio 2006

17 A livello territoriale...
LA PROSSIMA GENERAZIONE DI MEDIE IMPRESE NEL NORD-EST Le caratteristiche delle 199 “potenziali medie imprese” tra il 2003 e il 2004 Trentino Alto Adige Veneto Friuli Venezia Giulia Emilia Romagna Nord-Est Nord-Ovest Centro NEC Centro-Sud e Isole Totale 0,4 0,7 1,0 1,2 0,6 7 88 67 18 86 164 497 199 Incidenza % delle piccole imprese che potrebbero diventare medie sul totale delle piccole società di capitale (10-49 addetti) 1,3 0,8 1,6 1,8 1,9 2,2 1,1 A livello territoriale... 437 4.891 5.651 962 3.957 8.447 14.616 38.961 10.247 entro il 2003 entro il 2004 Alimentari, bevande e tabacco Tessile, abbigliamento e calzature Legno, mobile e beni per la casa Carta, stampa ed editoria Chimica Gomma e materie plastiche Minerali non metalliferi Metalli Meccanica e mezzi di trasporto Elettriche, elettroniche e medicali Totale 2,6 1,6 0,9 1,8 3,3 1,9 2,2 0,8 5,0 553 781 1.235 260 1.356 1.924 569 660 879 2.033 10.247 5 20 13 22 42 10 7 38 199 …e settoriale Claudio Gagliardi, “Le medie imprese industriali del Nord-Est: assetti organizzativi e strategie di crescita”, Reggio Emilia, 27 gennaio 2006

18 I risultati dell’applicazione di un modello di regressione logistica
LE VARIABILI CHE POSSONO INFLUIRE SUL PASSAGGIO DA PICCOLA A MEDIA IMPRESA I risultati dell’applicazione di un modello di regressione logistica -1 1 2 3 4 5 Appartenenza a un distretto industriale Indice di dipendenza finanziaria (totale debiti/ capitale investito, media 99-02) Incremento del ROI 99-02 ROI medio 99-02 Numero medio assunzioni ( ) Presenza di spese in ricerca e sviluppo Numerosità degli azionisti superiore alla media Incremento incid. acquisti beni e servizi / fatturato (inserimento in filiera) Media incid. acquisti beni e Realizzazione di investimenti diretti esteri Claudio Gagliardi, “Le medie imprese industriali del Nord-Est: assetti organizzativi e strategie di crescita”, Reggio Emilia, 27 gennaio 2006

19 Centro Studi Unioncamere
Internet:


Scaricare ppt "Claudio Gagliardi Centro Studi Unioncamere"

Presentazioni simili


Annunci Google