La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

DIRITTO AMMINISTRATIVO CORSO CGIL – CISL 9/11/2009 Dott. Adriano OCCHIPINTI.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "DIRITTO AMMINISTRATIVO CORSO CGIL – CISL 9/11/2009 Dott. Adriano OCCHIPINTI."— Transcript della presentazione:

1 DIRITTO AMMINISTRATIVO CORSO CGIL – CISL 9/11/2009 Dott. Adriano OCCHIPINTI

2 I PRINCIPI DELLATTIVITA AMMINISTRATIVA Principi costituzionali (art. 97 Cost.): - -Principio di legalità: tale principio afferma la corrispondenza tra lattività amministrativa e le prescrizioni di legge; - -Principio di imparzialità: la P.A. deve svolgere la propria attività nel pieno rispetto della giustizia; tale principio assume una valenza assolutamente positiva, come obbligo di identificare e valutare, da parte della P.A. procedente, tutti gli interessi potenzialmente coinvolti; - -Principio di buona amministrazione: il principio in parola, implica lobbligo di svolgere lattività amministrativa secondo le modalità più idonee e opportune al fine della efficacia, efficienza, speditezza ed economicità dellazione amministrativa. I principi di cui sopra hanno trovato codifica normativa nella legge 241/90 e successive modifiche.

3 I principi sanciti dalla legge 241/90 Lart. 1 della legge 241, al comma 1, prevede: L'attività amministrativa persegue i fini determinati dalla legge ed è retta da criteri di economicità, di efficacia e di pubblicità secondo le modalità previste dalla presente legge e dalle altre disposizioni che disciplinano singoli procedimenti. Dal combinato disposto dellart. 97 Cost. e dellart. 1 legge 241 discende quindi che lazione amministrativa deve essere uniformata ai seguenti principi: - -economicità: ovvero ottimizzazione dei risultati in rapporto ai mezzi a disposizione; - -efficacia: ovvero la capacità di conseguire gli obiettivi assegnati; - -efficienza: ovvero la capacità di conseguire gli obiettivi in rapporto ai mezzi a disposizione (produttività); - -pubblicità: lenunciazione pone in evidenza un altro dei principi cardine cui deve essere uniformata lazione amministrativa, ovvero il principio di trasparenza

4 La pubblica amministrazione non può aggravare il procedimento se non per straordinarie e motivate esigenze imposte dallo svolgimento dell'istruttoria. Lart. 2 L. 241/90 prevede: Al comma 1: Ove il procedimento consegua obbligatoriamente ad una istanza, ovvero debba essere iniziato d'ufficio, la pubblica amministrazione ha il dovere di concluderlo mediante l'adozione di un provvedimento espresso.; il citato comma sancisce lobbligo per la PA di concludere il procedimento mediante ladozione di un provvedimento finale espresso sia quando il procedimento consegua ad una istanza, sia quando sia iniziato dufficio; Al comma 2: Le pubbliche amministrazioni determinano per ciascun tipo di procedimento, in quanto non sia già direttamente disposto per legge o per regolamento, il termine entro cui esso deve concludersi. Tale termine decorre dall'inizio di ufficio del procedimento o dal ricevimento della domanda se il procedimento è ad iniziativa di parte Al comma 3: Qualora le pubbliche amministrazioni non provvedano ai sensi del comma 2, il termine è di novanta giorni

5 Gli strumenti dellattività della P.A. Fra gli atti emanati dalla PA, che possono assumere forme e contenuti diversi (es. di natura privatistica, normativa ecc.), occupano posizione di rilevanza gli atti amministrativi ovvero tutti quegli atti aventi natura pubblicistica attraverso i quali la PA manifesta la propria volontà. In assenza di una specifica disposizione legislativa, sono state dottrina e giurisprudenza a dare contenuto a questo concetto. Quella che possiamo definire teoria tradizionale, ha esteso in maniera notevole la portata del concetto facendovi rientrare tutti gli atti di natura pubblicistica emessi dalla PA.

6 Le caratteristiche dellattività amministrativa Tralasciando quella che è stata levoluzione storica, la dottrina più recente ricostruisce la tematica dellatto amministrativo in base alle due tendenze principali cui si ispira la moderna attività amministrativa: funzionalizzazione; che si concretizza nel provvedimento amministrativo caratterizzato dalla manifestazione di volizione e dalla imperatività. Questultima costituisce lidoneità del provvedimento efficace, anche se invalido, a produrre unilateralmente la costituzione, modificazione o estinzione di situazioni giuridiche indipendentemente dalla volontà dei destinatari; procedimentalizzazione; ovvero uno degli schemi principali attraverso il quale si esplica lattività della PA.. Infatti, di regola, la PA utilizza una serie di atti concatenati e coordinati, finalizzati allemanazione di un atto finale: il provvedimento come espressione concreta della funzione amministrativa. E quindi possibile operare una distinzione tra meri atti amministrativi o atti strumentali del procedimento come proposte, pareri e istanze che hanno una rilevanza unicamente interna al procedimento e provvedimento come atto finale che esprime la volontà della PA.

7 Le tipologie di atti amministrativi Degli atti amministrativi esistono, in dottrina, varie classificazioni: In relazione alla natura dellattività esercitata: -atti di amministrazione attiva: diretti a soddisfare immediatamente gli interessi della PA (provvedimenti); -atti di amministrazione consultiva(pareri); -atti di amministrazione di controllo (controlli). In relazione allelemento psichico: -atti consistenti in manifestazione di volontà; -atti consistenti in manifestazione di conoscenza; -atti consistenti in manifestazione di giudizio. In relazione allefficacia: -atti costitutivi, che creano, modificano o estinguono un rapporto giuridico preesistente (avviso di accertamento); -atti dichiarativi, che si limitano ad accertare una determinata situazione senza influire su di essa; tutti gli atti dichiarativi non sono provvedimenti.

8 STRUTTURA DELLATTO AMMINISTRATIVO Caratteristiche Un atto amministrativo è: un atto unilaterale, in quanto ha efficacia indipendentemente dalla volontà del soggetto cui è destinato (a cui può anche essere imposto); un atto emanato da una autorità amministrativa (atto soggettivamente amministrativo); un atto emanato da un'autorità amministrativa nell'esercizio delle sue funzioni amministrative (atto oggettivamente amministrativo); un atto esterno, dato che non sono considerati atti amministrativi quegli atti posti in essere dall'autorità amministrativa nei confronti di sé stessa (detti atti meramente interni, come le circolari). un atto nominativo, in quanto ciascuna tipologia di atto è prevista nominativamente dalla legge.

9 STRUTTURA DELLATTO AMMINISTRATIVO Struttura Un atto amministrativo, nella generalità dei casi, presenta una struttura formale composta da: intestazione (indica l'autorità da cui promana l'atto) preambolo motivazione (valuta comparativamente gli interessi, indicando le ragioni per le quali si preferisce soddisfare un interesse in luogo di un altro) dispositivo (è la parte precettiva, che costituisce l'atto di volontà della Pubblica Amministrazione)Pubblica Amministrazione luogo data sottoscrizione (contiene la firma dell'autorità che emana l'atto o di quella delegata)

10 STRUTTURA DELLATTO AMMINISTRATIVO Contenuto Rispetto al contenuto dell'atto amministrativo si distinguono: elementi – essenziali (la capacità del soggetto,la dichiarazione,l'oggetto, la causa, la motivazione,la forma ) essenzialicapacità del soggettodichiarazionecausamotivazioneforma - accidentali (termine, condizione, il modo) accidentali requisiti (di legittimità, di efficacia) La mancanza di un elemento essenziale determina la nullità dell'atto amministrativo, mentre la mancanza di un requisito determina l'annullabilità dell'atto, cioè la possibilità che sia annullato, su istanza di parte d'ufficio da parte della Pubblica Amministrazione.nullità Gli elementi accidentali si possono applicare soltanto agli atti amministrativi negoziali; infatti rispetto agli atti amministrativi gli elementi accidentali non hanno ragion d'essere (si pensi, ad esempio, all'assurdo di una certificazione di nascita sottoposta a condizione sospensiva). Gli elementi accidentali devono essere possibili e leciti. Gli elementi accidentali illeciti o impossibili non comportano la nullità o l'annullabilità dell'atto amministrativo, ma si considerano come non apposti.

11 STRUTTURA DELLATTO AMMINISTRATIVO Elementi essenziali Sono elementi essenziali dell'atto amministrativo: la capacità del soggetto che emana l'attocapacità del soggetto la dichiarazionedichiarazione l'oggetto, ossia la res su cui l'atto amministrativo incide la causacausa la motivazionemotivazione la formaforma Capacità del soggetto Il soggetto che emana l'atto amministrativo deve avere la capacità, ovvero la competenza, ad emanarlo. Se l'atto è emanato da un soggetto che non è organo della pubblica amministrazione, non si è in presenza di un atto amministrativo.pubblica amministrazione In casi particolari espressamente previsti dalla legge, l'attività posta in essere da un privato può qualificarsi come amministrativa e ci si riferisce al privato come ad un funzionario di fatto; un esempio è il caso di un cittadino che in presenza di catastrofi naturali svolga volontariamente attività di natura pubblica. Dichiarazione La dichiarazione è l'atto con cui la Pubblica Amministrazione rende conoscibile al suo esterno la propria volontà. In alcuni casi il silenzio può assumere la valenza di una dichiarazione di volontà come per il slienzio-assenso o il silenzio-rifiuto. Causa La causa è la finalità tipica di pubblico interesse prevista dall'ordinamento per l'atto. Ad esempio, la causa dell'espropriazione consiste nel trasferimento coattivo del bene da un privato alla Pubblica Amministrazione, dietro il corrispettivo di un indennizzo. Alla pubblica amministrazione non è attribuito un generico potere di porre in essere tutti quegli atti che realizzino l'interesse pubblico; al contrario sono attribuiti tanti poteri specifici, ciascuno dei quali realizza uno specifico interesse pubblico, rappresentato dalla causa.pubblica amministrazione

12 STRUTTURA DELLATTO AMMINISTRATIVO Motivazione La motivazione si collega sia alla dichiarazione che alla forma dell'atto amministrativo. Per l'articolo 3 della legge 241 del 1990, ad esclusione degli atti normativi e di quelli a contenuto generale, deve riportare:1990 i presupposti di fatto le ragioni giuridiche che hanno determinato le ragioni dell'amministrazione La motivazione non può consistere in una formula stereotipata o generica, come ad esempio per motivi di servizio. Ovviamente è superflua, e quindi non è necessaria, la motivazione in un atto di mera certificazione (es. un certificato di nascita) o in un atto che sia dovuto, cioè che la Pubblica Amministrazione è obbligata, per disposizione di legge, a rilasciare. Forma La forma è un elemento che si lega alla dichiarazione, determinato per legge. Nel diritto amministrativo la forma degli atti è tendenzialmente libera, potendo l'atto amministrativo rivestire sia la forma scritta (es. un verbale) sia la forma orale (es. un atto iussivo) sia la forma simbolica o per immagini (es. un segnale stradale, che dai più si ritiene essere un atto di natura iussiva). In genere è la legge che stabilisce quale forma l'atto debba assumere, in ossequio ai principi di tipicità e nominatività degli atti. In difetto, occorre valutare il grado di incidenza dell'atto sulle situazioni giuridiche dei destinatari e la natura degli interessi in gioco, richiedendosi preferibilmente la forma scritta nel caso di provvedimenti limitativi della sfera giuridica altrui.

13 STRUTTURA DELLATTO AMMINISTRATIVO Elementi accidentali Sono elementi accidentali: il termine; che indica il giorno dal quale l'atto deve iniziare o terminare di produrre gli effettitermine la condizione; che è un fatto futuro incertocondizione il modomodo la riserva, allorché la pubblica amministrazione nel provvedere su una data materia, si riserva di adottare future determinazioni in ordine all'oggetto stesso Termine Il termine rappresenta un avvenimento futuro e certo. Allo scadere del termine l'avvenimento acquisisce o perde la sua efficacia. Condizione La condizione rappresenta un avvenimento futuro ed incerto. Può trattarsi di una condizione sospensiva, per cui gli effetti dell'atto di realizzano al verificarsi dell'avvenimento, o di una condizione risolutiva, per cui gli effetti dell'atto cessano al verificarsi dell'avvenimento. Modo Il modo può essere apposto ad un atto amministrativo solo nei casi previsti dalla legge; ad esempio la licenza di guida può comportare un modo (l'uso degli occhiali) per il privato.

14 STRUTTURA DELLATTO AMMINISTRATIVO Requisiti dellatto amministrativo Essi incidono sostanzialmente sulla efficacia e validità dellatto. Si distinguono in: - requisiti di legittimità, la cui mancanza determina lannullabilità dellatto (firma del responsabile, quorum costitutivo); - requisiti di efficacia, necessari affinché latto possa concretamente esplicare i suoi effetti (pubblicazione allalbo; necessità di formale notifica al destinatario).

15 Efficacia del provvedimento amministrativo Lefficacia consiste nellattitudine dellatto a produrre i suoi effetti. Latto amministrativo diviene produttivo di effetti a seguito del produttivo completamento della fase dellintegrazione dellefficacia (controllo e comunicazione allinteressato). Gli effetti dellatto possono essere: - -costitutivi: se creano una situazione giuridica ex novo, o modificano una situazione preesistente o la estinguono; - -dichiarativi: se accertano o chiariscono una situazione già esistente; - -ampliativi: se favorevoli al destinatario. Latto ampliativo non è necessariamente costitutivo, potendo essere, appunto, ampliativo di posizioni giuridiche preesistenti; - -restrittivi; se sfavorevoli al destinatario. Ai sensi dellart. 21 bis della legge 241/90, introdotto dalla legge 15/95, il provvedimento limitativo della sfera giuridica dei privati acquista efficacia nei confronti di ciascun destinatario con la comunicazione allo stesso effettuata nelle forme previste dal codice di procedura civile

16 Inizio dellefficacia degli atti amministrativi Per gli atti non ricettizi gli effetti si producono dal momento stesso in cui latto è posto in essere. Per gli atti ricettizi gli effetti decorrono solo dalle comunicazioni nelle forme precedentemente esaminate. Sospensione dellefficacia Ai sensi dellart. 21 quater della legge 241/90, i provvedimenti amministrativi efficaci sono eseguiti immediatamente salvo che sia stabilito diversamente dalla legge o dal provvedimento medesimo. Sotto questo profilo, vengono in due rilievo due figure: - La proroga: è listituto che differisce ad un momento successivo, rispetto a quello previsto dallatto, i termini di scadenza dello stesso deve intervenire necessariamente prima della scadenza e deve essere adottata con le stesse modalità dellatto da prorogare; - La sospensione: è un provvedimento con cui si sospende lesecuzione di un precedente provvedimento; essa si verifica per gravi ragioni e per il tempo strettamente necessario; viene disposta dallorgano che ha emesso latto o da altro organo previsto dalla legge

17 CESSAZIONE DELLEFFICACIA Le cause di cessazione dellefficacia possono essere: - fatti naturali: vi rientrano la scadenza del termine il cui verificarsi esaurisce latto; il verificarsi della condizione risolutiva, ovvero la morte dellinteressato (dalla quale sorge talvolta il diritto degli eredi a mantenere latto stesso); - atti del destinatario; vi rientra la rinunzia da parte del soggetto la quale, per poter essere operativa, deve essere accettata dalla P.A. che ha emesso latto; - atti della P.A.; quali atti di controllo successivo con esito negativo, atti di ritiro (annullamento, revoca, abrogazione), pronuncia di decadenza.

18 ESECUTORIETA DELLATTO AMMINISTRATIVO Il provvedimento amministrativo, in quanto dotato del carattere di autorietà, ha lidoneità a produrre, unilateralmente, modificazioni favorevoli o sfavorevoli nella sfera giuridica del destinatario. La modificazione può operare semplicemente, senza che occorrano atti di esecuzione. In questo caso, si parla di provvedimenti autoesecutivi. Il più delle volte, tuttavia, è necessario procedere ad una attività di esecuzione al fine di adeguare la situazione di fatto alla situazione di diritto disposta con il provvedimento. Per i provvedimenti comportanti obblighi per i destinatari, ove costoro non vi ottemperino, la P.A. può, nelle ipotesi e con le modalità previste dalla legge, previa diffida, provvedere allesecuzione coattiva degli stessi provvedimenti. Lesecuzione può aver luogo o attraverso il compimento di atti materiali o attraverso ladozione di provvedimenti amministrativi. Alla luce, peraltro, della legge 241/90, lincidenza negativa che gli atti di cui sopra presenta nella sfera soggettiva dei destinatari rende opportuna la partecipazione di questi ultimi alle fasi di un eventuale procedimento.

19 REVOCA DEL PROVVEDIMENTO AMMINISTRATIVO Si tratta di un provvedimento motivato con cui la P.A. ritira, con efficacia non retroattiva, un atto inficiato da vizi di merito in base ad una nuova valutazione degli interessi. Anche in tema di revoca è intervenuto il legislatore con lintroduzione nellambito della legge 241/90 di un nuovo art. 21 quinquies, il quale prevede che il provvedimento amministrativo ad efficacia durevole può essere revocato da parte dellorgano che lo ha emanato ovvero da altro organo previsto dalla legge nel caso di sopravvenuti motivi di pubblico interesse, di mutamento della situazione di fatto, ovvero a seguito di nuova valutazione dellinteresse pubblico originario. La revoca determina linidoneità del provvedimento a produrre ulteriori effetti nonché leventuale obbligo di risarcimento degli eventuali pregiudizi verificatisi in danno dei soggetti direttamente interessati. La disposizione attribuisce infine al G.A. le controversie in materia di determinazione e corresponsione del suddetto risarcimento.

20 PRESUPPOSTI DELLA REVOCA Lesercizio del potere di revoca presuppone: una mancanza attuale di rispondenza dellatto alle esigenze pubbliche dedotta unilateralmente dalla P.A. in base a: - una nuova valutazione dellinteresse pubblico originario e degli elementi che furono alla base dellatto da revocare; - la constatazione che non risultano più sussistenti le ragioni di opportunità che legittimavano latto al momento della sua emanazione. TIPOLOGIE DI REVOCA A) autorevoca; da parte della stessa autorità che ha emanato latto; B) la revoca gerarchica; da parte dellautorità gerarchicamente superiore.

21 LANNULLABILITA DEL PROVVEDIMENTO AMINISTRATIVO L'articolo 21 octies della legge dell'11 febbraio 2005 n.15, recante modifiche ed integrazioni alla legge del 7 agosto 1990 n. 241, concernenti norme generali sull'azione amministrativa" recita:11 febbraio2005n.157 agosto1990n. 241 « È annullabile il provvedimento amministrativo adottato in violazione di legge o viziato da eccesso di potere o da incompetenza. »L'atto amministrativo è annullabille: per difetto relativo di attribuzione, anche detta incompetenza relativa di legge;incompetenza relativa di legge per eccesso di potere.eccesso di potere per violazione di legge;violazione di legge Incompetenza relativa di legge L'incompetenza di legge può riguardare il soggetto che ha posto in essere l'atto amministrativo o la materia su cui questo dispiega i suoi effetti.atto amministrativo L'incompetenza può essere assoluta, nel qual caso l'atto è nullo, o relativa, nel qual caso l'atto è annullabile (o nel caso sanabile).nullo Normalmente l'incompetenza relativa si ha quando il soggetto che ha posto in essere l'atto non ha il grado, inteso come livello gerarchico, per porre in essere lo stesso.

22 ANNULLABILITA DELLATTO AMMINISTRATIVO Eccesso di potere L'eccesso di potere è un vizio della causa dell'atto amministrativo, che deve essere quella pre- determinata dalla legge.causa Mentre l'eccesso di potere attiene la causa dell'atto, l'incompetenza, relativa od assoluta, attiene l'autorità da cui promana l'atto. Perché si possa parlare di eccesso di potere occorre che si verifichino le seguenti condizioni: l'atto sia discrezionale (dato che gli atti vincolati hanno un contenuto predeterminato non possono essere invalidati per eccesso di potere); l'atto realizzi un fine diverso da quello previsto dalla legge; l'eccesso di potere sia provato. Rispetto l'eccesso di potere, la dottrina ha elaborato delle figure sintomatiche dello sviamento di potere, che rappresentano un indizio che l'atto sia viziato da eccesso di potere.figure sintomatiche Violazione di legge La violazione di legge è data dalla difformità dell'atto amministrativo rispetto alle norme di legge. L'articolo 21 octies della legge dell'11 febbraio 2005 n.15 al secondo comma introduce due importanti eccezioni rispetto alla violazione di legge:11 febbraio2005 « Non è annullabile il provvedimento adottato in violazione di norme sul procedimento o sulla forma degli atti qualora, per la natura vincolata del provvedimento, sia palese che il suo contenuto dispositivo non avrebbe potuto essere diverso da quello in concreto adottato. Il provvedimento amministrativo non è comunque annullabile per mancata comunicazione dell'avvio del procedimento qualora l'amministrazione dimostri in giudizio che il contenuto del provvedimento non avrebbe potuto essere diverso da quello in concreto adottato. »

23 ANNULLABILITA DELLATTO AMMINISTRATIVO Con il primo inciso dell articolo 21 octies della legge dell'11 febbraio 2005 n.15 al secondo comma si indicano quelle violazioni di legge che seppur presenti non comportano comunque l'annullabilità dell'atto amministrativo; il legislatore ha introdotto la categoria dei vizi meramente formali (per la natura vincolata del provvedimento, sia palese che il suo contenuto dispositivo non avrebbe potuto essere diverso da quello in concreto adottato), peraltro già prevista da parte della dottrina. Per questo tipo di vizi il legislatore ha ritenuto che prevalga la sostanza rispetto gli aspetti formali richiesti dalle leggi, e quindi ne ha escluso l'annullabilità.11 febbraio2005 Per il secondo inciso, l'amministrazione può provare in giudizio, che la mancata comunicazione dell'avvio del procedimento, non rappresenta di per se stessa causa di annullabilità, se riesce a dimostrare che i destinatari sono comunque venuti a conoscenza dell'atto amministrativo o che anche quando ne fossero venuti a conoscenza questo non avrebbe potuto essere diverso da quello posto in essere dall'amministrazione. Effetti L'atto amministrativo annullabile è: giuridicamente esistente; efficace; sanabile. L'annullabilità non si verifica di diritto, ma solo nel caso sia fatta valere da chi ne abbia interesse (il privato ma anche la pubblica amministrazione stessa) ed a seguito di un altro atto della pubblica amministrazione o di una sentenza. L'atto amministrativo annullabile può anche essere sanato o soggetto a consolidazione.

24 NULLITA DELLATTO AMMINISTRATIVO La nullità dell'atto amministrativo è una causa grave di invalidità dello stesso, che oltre a determinarne l'inabilità a produrre gli effetti per cui era stato posto in essere, ne determina l'insanabilità.atto amministrativoinvalidità L'articolo 21 septies della legge dell'11 febbraio 2005 n.15, recante modifiche ed integrazioni alla legge del 7 agosto 1990 n. 241, concernenti norme generali sull'azione amministrativa" recita:11 febbraio20057 agosto1990 « È nullo il provvedimento amministrativo che manca degli elementi essenziali, che è viziato da difetto assoluto di attribuzione, che è stato adottato in violazione o elusione del giudicato, nonché negli altri casi espressamente previsti dalla legge. » L'atto amministrativo è nullo: quando manca di uno degli elementi essenziali dell'atto amministrativo;elementi essenziali per difetto assoluto di attribuzione, anche detta incompetenza assoluta di legge; quando è prodotto in elusione o violazione di una sentenza;sentenza nei casi previsti dalla legge.legge

25 NULLITA DELLATTO AMMINISTRATIVO A lungo in dottrina si era dibattuto sull'esistenza o meno di questa categoria di vizi dell'atto amministrativo. Per lungo tempo si era ritenuto come giuridicamente rilevante solo l'annullabilità dell'atto amministrativo e non anche la nullità dell'atto. Da ultimo è intervenuto il legislatore che ha previsto esplicitamente la categoria degli atti amministrativi nulli, all'interno della legge n.15 del 2005, che ha riformato profondamente diversi istituti relativi al provvedimento amministrativo, per come erano stati previsti dalla storica legge 241 del 1990.legislatore Incompetenza assoluta di legge L'incompetenza può riguardare il soggetto che pone in essere l'atto amministrativo o l'oggetto da questo considerato. L'incompetenza assoluta comporta la nullità dell'atto. L'incompetenza relativa comporta l'annullabilità dello stesso, è può riguardare:annullabilità il grado, inteso come grado gerarchico, del soggetto che ha posto in essere l'atto; la materia dellatto, che non rientra tra quelle di competenza dell'organo che ha posto in essere l'atto. L'incompetenza è assoluta, allorché l'organo che emana l'atto non ha assolutamente la competenza per emanarlo, in quanto si tratta di un organo appartenente ad un potere, o settore dell'amministrazione pubblica, completamente diversi. Si pensi, ad esempio, ad una sentenza emanata da un Ministro. L'incompetenza è relativa, quando l'organo che emana l'atto, pur facendo parte del settore dell'amministrazione competente per quel tipo di materia, non è legittimato all'emanazione di esso. Si pensi, ad esempio, ad un provvedimento in materia scolastica, emanato dal Provveditore agli studi, mentre le leggi stabiliscono che esso deve essere emanato dal superiore gerarchico, e cioè dal Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca.

26 NULLITA DELLATTO AMMINISTRATIVO Effetti L'atto amministrativo nullo è: inesistente; inefficace; insanabile. Per gli effetti della nullità dell'atto amministrativo il terzo che era obbligato dall'atto nullo (ad un fare come ad un non fare) può legittimamente rifiutarsi di adempiere alle previsioni dell'atto. Inoltre la nullità dell'atto può essere fatta valere da chiunque, non solo da chi sia leso in un suo diritto soggettivo o in un suo interesse legittimo. Infine, se in relazione all'atto amministrativo nullo siano state modifica delle situazioni giuridiche, sorge l'obbligo per chi le ha poste in essere di ripristinare la situazione esistente antecedente all'atto amministrativo nullo.diritto soggettivointeresse legittimo Competenza La nullità può essere fatta valere davanti al giudice ordinario nel caso l'atto amministrativo leda dei diritti; nel caso sia lesivo di interessi legittimi la competenza è del giudice amministrativo, al quale sono devoluti come competenza esclusiva (quindi anche per i casi di lesioni del diritto soggettivo, i casi di elusione o violazione del giudicato (il così detto giudizio di ottemperanza).giudice ordinariogiudice amministrativodiritto soggettivogiudizio di ottemperanza

27 ANNULLAMENTO D UFFICIO DELL ATTO AMMINISTRATIVO Lannullamento, è un provvedimento amministrativo con il quale viene ritirato, con efficacia retroattiva, ossia dalla data della sua emanazione, un atto amministrativo inficiato dalla presenza di uno o più vizi di legittimità originari dellatto. Il nuovo art. 21 nonies introdotto dalla legge 15/2007 di riforma sul procedimento amministrativo, dispone che il provvedimento amministrativo illegittimo (perché adottato in violazione di legge o viziato da eccesso di potere o incompetenza o perchè adottato in violazione di norme sostanziali sul procedimento o sulla forma degli atti) può essere annullato dufficio dallo stesso organo che lo ha emanato, ovvero da altro organo previsto dalla legge, sussistendone le ragioni di pubblico interesse, entro un termine ragionevole e tenendo conto degli interessi dei destinatari e dei controinteressati. La disposizione fa salva la possibilità di convalida del provvedimento annullabile, sussistendone le ragioni di interesse pubblico. Per procedere, quindi, lamministrazione competente allannullamento dufficio ha lobbligo di verificare:

28 ANNULLAMENTO D UFFICIO DELLATTO AMMINISTRATIVO - la giuridica esistenza di un provvedimento amministrativo; - la ricorrenza di uno dei vizi di legittimità del provvedimento (violazione di legge, eccesso di potere, incompetenza); - la sussistenza di ragioni di interesse pubblico.

29 LA CONVALIDA DELLATTO AMMINISTRATIVO E un provvedimento nuovo, autonomo, costitutivo, che elimina i vizi di legittimità di un atto invalido precedentemente emanato dalla stessa autorità. Il provvedimento di convalida deve contemplare: - latto che si deve convalidare; - lindividuazione del vizio di cui è affetto; - la volontà di rimuovere il vizio invalidante. La convalida può riguardare soltanto: - atti annullabili (non nulli in quanto non si può mantenere in vita un atto inesistente); - che non siano stati precedentemente annullati; - atti in relazione ai quali lautorità abbia ancora potere; - il cui vizio inficiante possa essere sanato (non attenga ad invalidità sostanziale)

30 Il R.u.p Il responsabile unico del procedimento è una figura di notevole importanza. La legge 241/90 impone alle pubbliche amministrazioni la nomina di un responsabile unico del procedimento per ogni opera di loro competenza attraverso un'unità organizzativa della stessa. L'articolo 7 comma 1 della legge 109/94 specifica che tale responsabile sia unico. Il nominativo del responsabile unico del procedimento è fornito "ai soggetti nei confronti dei quali il provvedimento finale è destinato a produrre effetti diretti ed a quelli che per legge debbono intervenirvi e a chi possa ricevere pregiudizio da tale procedimento, salvo esistano esigenze particolari di celerità del procedimento. I compiti del responsabile unico del procedimento. L'articolo 6 della legge 241/90 impone al responsabile unico del procedimento i seguenti compiti: valutare le condizioni di ammissibilità, i requisiti di legittimazione e i presupposti rilevanti per il procedimento; disporre il compimento degli atti necessari e adotta le misure necessarie ad un celere svolgimento dell'istruttoria;istruttoria proporre l'indizione o, se dotato dei requisiti necessari, indice la conferenza di servizi;conferenza di servizi curare le comunicazioni, le pubblicazioni e le notificazioni previste dalla legge; adottare dove ne abbia competenza il provvedimento finale o trasmettere gli atti all'organo competente.

31 LA CONFERENZA DEI SERVIZI La conferenza dei servizi (art. 14) costituisce una forma di cooperazione tra pubbliche amministrazioni alla quale lamministrazione procedente ricorre qualora sia opportuno un esame contestuale dei vari interessi pubblici coinvolti nel procedimento (conferenza istruttoria; art. 14 comma 1) oppure quando sia necessaria lacquisizione di intese, nulla osta o assensi di diverse amministrazioni con conseguente adozione di una determinazione finale (conferenza decisoria; art. 14 comma 2).

32 LOBBLIGO A PROVVEDERE DELLA P.A. E LA FATTISPECIE DEL SILENZIO Ai sensi dellart. 2 della legge 241/90, la P.A. è obbligata a concludere il procedimento amministrativo con un provvedimento finale espresso. Lobbligo di conclusione esplicita rileva, quindi, ai fini del legittimo affidamento ingenerato dai comportamenti della P.A. nei confronti del destinatario del provvedimento il quale si può trovare di fronte una amministrazione che lasci decorrere il termine di conclusione senza adottare alcun atto. In tale ipotesi si parla di silenzio – rifiuto o inadempimento caratterizzato dallinerzia della P.A. A tal proposito, la legge 80/2005 di conversione, con modificazioni, del decreto legge 14 marzo 2005 n. 35, ha riformulato lart. 2 della legge 241/90, introducendo una nuova disciplina per la conclusione del procedimento. Loriginario art. 2 attribuiva a ciascuna amministrazione il potere di individuare autonomamente il termine finale dei procedimenti. Solo nel caso di mancata fissazione, la legge prevedeva il termine di trenta giorni.

33 LOBBLIGO A PROVVEDERE DELLA P.A. E LA FATTISPECIE DEL SILENZIO Il nuovo testo di legge, così come modificato, prevede un termine di fissazione della conclusione dei procedimenti maggiormente centralizzato nel quale i termini di competenza delle Amministrazioni statali, ove non siano direttamente previsti dalla legge, vengono determinati non più dalle singole amministrazioni, ma dal Governo, su proposta del ministro competente di concerto con il Ministro per la funzione pubblica. Il regolamento governativo, tuttavia, fissa i termini solo per le Amministrazioni dello Stato. Agli enti pubblici nazionali diversi dallo Stato la norma riconosce, invece, il potere di fissare secondo i propri ordinamenti, i termini entro i quali devono concludersi i procedimenti i propria competenza. Altra novità riguarda il termine da applicare in caso di mancata emanazione dei regolamenti governativi per le Amministrazioni statali e di inerzia da parte degli enti pubblici nazionali: il termine sussidiario non è più di trenta giorni, ma è stato aumentato a novanta giorni.

34 LA PROCEDURA DI IMPUGNAZIONE DEL SILENZIO INADEMPIMENTO Lintervento modificatore della legge 15/2005 ha portato chiarezza circa la procedura di impugnazione del silenzio – inadempimento (nuovo comma 5, dellart. 2, legge 241/90. La nuova previsione consente di impugnare il comportamento omissivo protrattosi oltre il termine conclusivo senza necessità di diffida alla amministrazione inadempiente e comunque entro un anno dalla scadenza del termine finale del procedimento. Inoltre, anche una volta scaduto il suddetto termine di un anno, linteressato può presentare una ulteriore istanza volta ad ottenere il provvedimento richiesto, sempre che naturalmente ne sussistano ancora i presupposti. Un accenno merita il profilo attinente alla tutela penale del soggetto nelle ipotesi di silenzio inadempimento. Con la modifica dellart. 2 della 241/90, ad opera della legge 80/2005, che prevede il termine di 90 giorni, alla scadenza del suddetto termine si forma il silenzio inadempimento della P.A. e si configura anche il reato di cui allart. 328 del c.p., con possibilità per il privato di ottenere tutela anche nel procedimento penale con conseguente diritto al risarcimento del danno pervia costituzione di parte civile.

35 SILENZIO ASSENSO Tra le novità introdotte, con la legge di conversione n. 80/2005 spicca la modifica dellart. 20 della legge n. 241/1990 in materia di silenzio assenso. In particolare, fatto salvo il precedente articolo 19 ove si parla di dichiarazione di inizio di attività ( con procedura specifica), si afferma che nei procedimenti amministrativi ad istanza di parte per il rilascio di provvedimenti amministrativi, il silenzio dellamministrazione competente equivale provvedimento di accoglimento della domanda, senza necessità di ulteriori istanze o diffide, se lamministrazione non comunica entro il termine previsto (stabilito con procedura regolamentare o, in difetto, entro 90 giorni). LAmministrazione competente può, entro 30 giorni dalla presentazione dellistanza, convocare una conferenza di servizi, tenendo conto delle eventuali posizioni giuridiche dei contro interessati In caso di silenzio accoglimento lAmministrazione competente può assumere determinazioni in via di autotutela, ai sensi degli articoli 21 – quinquies e 21 – nonies della legge n. 241/1990. Le disposizioni previste dal nuovo articolo 20 non si applicano alle amministrazioni indicate dal nuovo art. 19, comma 1, quale risulta modificato dal Decreto Legge n. 35/05 (difesa nazionale, pubblica sicurezza, immigrazione, amministrazione della giustizia, amministrazione delle Finanze, tutela della salute e della pubblica incolumità, patrimonio paesaggistico e culturale, atti imposti dalla normativa comunitaria), nonché a prestazioni sociali condizionate allaccertamento di un requisito di carattere sanitario ed ai casi in cui la legge qualifica il silenzio dellamministrazione come rigetto dellistanza.

36 LACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI La legge 241/90, nella versione integrata e modificata dalla legge 15/2005 ha interamente ridisegnato il diritto di accesso elevandolo a rango di principio generale dellattività amministrativa vincolante anche per le Regioni e gli Enti locali. La legge 15/2005 ha completamente riscritto lart. 22 della legge 241/90 che, nella precedente formulazione, si limitava ad enunciare le finalità perseguite dalla normativa sullaccesso, identificate nellassicurazione della trasparenza e nella garanzia dello svolgimento imparziale dellattività amministrativa. Nellattuale formulazione, lart. 22 specifica che laccesso ai documenti amministrativi costituisce principio generale dellattività amministrativa al fine di favorire la partecipazione ed assicurarne limparzialità e la trasparenza. I Titolari del diritto di accesso: Il nuovo art. 22, definito il diritto di accesso come il diritto degli interessati di prendere visione ed estrarre copia di documenti amministrativi, individua come interessati, tutti i soggetti privati, compresi quelli portatori di interessi pubblici o diffusi, che abbiano un interesse diretto, concreto ed attuale…

37 LACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI … corrispondente ad una situazione giuridicamente tutelata e collegata al documento per il quale è chiesto laccesso. Oggetto del diritto di accesso: Il legislatore italiano non ha ritenuto di dover addivenire ad una elencazione tipologica di documenti accessibili, ma ha preferito darne una elencazione generale: è considerato documento amministrativo ogni rappresentzione grafica, fotocinematografica, elettromagnetica, o di qualunque altra specie, del contenuto di atti, anche interni, o non relativi ad uno specifico procedimento, detenuti da una pubblica amministrazione e concernenti attività di pubblico interesse, indipendentemente dalla natura pubblicistica e privatistica della loro disciplina sostanziale (art. 22, comma 1, lett. d). Il nuovo art. 22, comma 1, lett. e), specifica altresì che ai fini dellaccesso sintende per pubblica amministrazione tutti i soggetti di diritto pubblico e i soggetti di diritto privati limitatamente alla loro attività di pubblico interesse.

38 LACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Sono obbligati a consentire il diritto di accesso in base allart. 23 legge 241/90: - le pubbliche amministrazioni, nonchè gli altri soggetti come pocanzi definiti; - gli enti pubblici; - gestori di pubblici servizi, ovvero i soggetti privati legittimati allo svolgimento di attività pubbliche; - autorità di garanzia e vigilanza; - amministrazione comunitaria; - imprese di assicurazione; sono obbligate a consentire ai loro assicurati laccesso agli atti a conclusione dei procedimenti di valutazione dei danni che li riguardano. Limiti tassativi: Lart. 24, interamente novellato dalla legge 15/2005 prevede due categorie di limiti al diritto di accesso: limiti tassativi e limiti facoltativi. I primi sono sanciti direttamente dal legislatore senza che residui in capo alla P.A. alcun margine discrezionale di apprezzamento.

39 LACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Ove ricorra uno di tali limiti, finalizzati alla salvaguardia di interessi pubblici fondamentali, la P.A. dovrà necessariamente negare laccesso. I limiti di cui sopra riguardano: - i documenti coperti da segreto di stato; - i documenti coperti da segreto o divieto di divulgazione espressamente previsti dalla legge; - i procedimenti tributari per i quali rimangono ferme le articolari norme che li regolano; - lattività della pubblica amministrazione diretta allemanazione di atti normativi; - i procedimenti selettivi con particolare riferimento ai documenti contenenti informazioni di carattere psico – attitudinale; - i documenti esclusi dal diritto di accesso per mezzo del regolamento governativo di cui al comma 6 dellart. 24. Premesso quanto sopra, tuttavia, il legislatore ha sentito il bisogno di inserire il comma 7 con cui si precisa che Deve comunque essere garantito ai richiedenti laccesso ai documenti amministrativi la cui conoscenza sia necessaria per curare o per difendere i propri interessi giuridici. Nel caso di documenti contenenti dati sensibili e giudiziari, laccesso è consentito nei limiti in cui sia strettamente indispensabile e nei termini previsti dall'articolo 60 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, in caso di dati idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale".

40 LACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI I limiti facoltativi: Il nuovo art. 24 prevede, al comma 4, che laccesso ai documenti amministrativi non può essere negato ove sia sufficiente far ricorso a potere di differimento. La possibilità di differire laccesso ai documenti consente ai soggetti passivi dello stesso di evitarne lostensione sino a quando la conoscenza di essi possa impedire o gravemente ostacolare lazione amministrativa. Modalità di esercizio del diritto di accesso: La richiesta informale: Qualora in base alla natura del documento richiesto non risulti la presenza di controinteressati, diritto di accesso può essere esercitato in via informale mediante richiesta anche verbale allamministrazione competente a formare latto conclusivo e a detenerlo stabilmente. La richiesta formale: La pubblica amministrazione cui è indirizzata la richiesta, qualora individui la presenza di controinteressati, è tenuta a darne comunicazione agli stessi. Entro dieci giorni dalla ricezione della comunicazione, i contrinteressati possono presentare motivata opposizione. Decorso tale termine, la P.A. provvede in relazione alla richiesta.

41 LACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI I termini e il potere di differimento Art. 25 comma 4:Decorsi inutilmente trenta giorni dalla richiesta, questa si intende respinta. In caso di diniego dell'accesso, espresso o tacito, o di differimento dello stesso ai sensi dell'articolo 24, comma 4, il richiedente può presentare ricorso al tribunale amministrativo regionale ai sensi del comma 5, ovvero chiedere, nello stesso termine e nei confronti degli atti delle amministrazioni comunali, provinciali e regionali, al difensore civico competente per ambito territoriale, ove costituito, che sia riesaminata la suddetta determinazione. Qualora tale organo non sia stato istituito, la competenza è attribuita al difensore civico competente per l'ambito territoriale immediatamente superiore. Nei confronti degli atti delle amministrazioni centrali e periferiche dello Stato tale richiesta è inoltrata presso la Commissione per l'accesso di cui all'articolo 27. Il difensore civico o la Commissione per l'accesso si pronunciano entro trenta giorni dalla presentazione dell'istanza. Scaduto infruttuosamente tale termine, il ricorso si intende respinto. Se il difensore civico o la Commissione per l'accesso ritengono illegittimo il diniego o il differimento, ne informano il richiedente e lo comunicano all'autorità disponente. Se questa non emana il provvedimento confermativo motivato entro trenta giorni dal ricevimento della comunicazione del difensore civico o della Commissione, l'accesso è consentito. Qualora il richiedente l'accesso si sia rivolto al difensore civico o alla Commissione, il termine di cui al comma 5 decorre dalla data di ricevimento, da parte del richiedente, dell'esito della sua istanza al difensore civico o alla Commissione stessa. Se l'accesso è negato o differito per motivi inerenti ai dati personali che si riferiscono a soggetti terzi, la Commissione provvede, sentito il Garante per la protezione dei dati personali, il quale si pronuncia entro il termine di dieci giorni dalla richiesta, decorso inutilmente il quale il parere si intende reso. Qualora un procedimento di cui alla sezione III del capo I del titolo I della parte III del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, o di cui agli articoli 154, 157, 158, 159 e 160 del medesimo decreto legislativo n. 196 del 2003, relativo al trattamento pubblico di dati personali da parte di una pubblica amministrazione, interessi l'accesso ai documenti amministrativi, il Garante per la protezione dei dati personali chiede il parere, obbligatorio e non vincolante, della Commissione per l'accesso ai documenti amministrativi. La richiesta di parere sospende il termine per la pronuncia del Garante sino all'acquisizione del parere, e comunque per non oltre quindici giorni. Decorso inutilmente detto termine, il Garante adotta la propria decisione".

42 Legge 18 giugno 2009, n. 69 Modifiche alla Legge sul procedimento amministrativo Legge 18 giugno 2009, n. 69 Modifiche alla Legge sul procedimento amministrativo (come da appunti della Segreteria Generale della Provincia di Torino) A pochi anni dalla novella sul procedimento amministrativo varata con la L. n. 15 del 2005, il legislatore italiano torna ad occuparsi della materia, predisponendo – in occasione della recente Legge sulla competitività n. 69 del 18 giugno 2009 (pubblicata in G.U. del 19 giugno 2009), recante Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile (Collegato alla manovra economica 2008) – nuove ed incisive modifiche alla L. n. 241 del 1990, in vigore dal 4 luglio 2009, in gran parte ispirate al principio della semplificazione dellazione amministrativa. In particolare, con lart. 7 (Certezza dei tempi di conclusione del procedimento), lart. 8 (Certezza dei tempi di conclusione del procedimento), lart. 9 (Conferenza di servizi e silenzio assenso) e lart. 10 (Tutela degli interessi nei procedimenti amministrativi di competenza delle regioni e enti locali), la riforma è intervenuta non solo dando espresso riconoscimento a principi ormai fatti propri da dottrina e giurisprudenza – si pensi in tal senso allinnesto del principio di imparzialità nel tessuto dellart. 1 della L. n. 241/1990 –, ma disegnando i nuovi tratti di alcuni degli istituti chiave dellattività amministrativa, quale quello relativo ai tempi di conclusione del procedimento amministrativo disciplinato dallart. 2 della L. n. 241/1990, oggi riformulato, appunto, dallart. 7 della L. n. 69/2009. Rilevano, in tale ottica: il riconoscimento espresso della categoria del danno da mero ritardo in riferimento allattività della P.A.; - il potenziamento dellistituto della conferenza di servizi, perseguito mediante il ricorso alla telematica e ad un più significativo coinvolgimento dei privati; - la predisposizione di norme atte alla semplificazione delle procedure di rilascio dei pareri e della DIA; - nonché le modifiche apportate alla delicata disciplina del silenzio-assenso e, soprattutto, a quella dettata in tema di accesso ai documenti amministrativi Infine, ma certo non meno importante, appare determinante il nuovo assetto dei rapporti fra legislazione statale e autonomie regionali e locali.

43 Articolo 7 (Certezza dei tempi di conclusione del procedimento) La disposizione in esame modifica lart. 2 della L. n. 241/1990, ed inserisce nellarticolato della legge lart. 2-bis, ai cui testi così come, rispettivamente, riformulato e inserito si rinvia. A) A)Novità rilevante appare, in primo luogo, senzaltro la previsione, allart. 2, comma 2, di un nuovo termine di conclusione dei procedimenti amministrativi assai più breve rispetto a quello stabilito nella precedente formulazione, e specificatamente il termine fissato è di trenta giorni a fronte dei novanta, previsti dal vecchio art. 2, comma 3. Come già nel precedente testo legislativo, tale termine può essere modificato dalle Amministrazioni, attraverso ladozione di specifici atti ordinamentali interni, ma non può in ogni caso risultare superiore ai novanta giorni; solo qualora, tenendo conto della sostenibilità dei tempi sotto il profilo dellorganizzazione amministrativa, della natura degli interessi pubblici tutelati e della particolare complessità del procedimento, risulti indispensabile per la conclusione del procedimento, è possibile derogare allulteriore termine dei novanta giorni, e, comunque, non possono essere superati i centottanta giorni; gli unici procedimenti che non sottostanno a tale ultimo termine sono, ai sensi del nuovo comma 4 dellart. 2, quelli di acquisto della cittadinanza e quelli riguardanti limmigrazione B) B) Viene, altresì, introdotta una riduzione del termine di sospensione dei procedimenti per lacquisizione di informazioni o certificazioni relative a fatti, stati o qualità non attestati in documenti già in possesso dellAmministrazione stessa o non direttamente acquisibili presso altre Pubbliche Amministrazioni; sospensione che non può essere superiore a trenta giorni, a fronte dei novanta giorni previsti dalla precedente formulazione legislativa (oltre a non poter essere concessa più di una volta, come già era stabilito).

44 C) Occorre poi evidenziare come lart. 7 in esame apporti anche unimportante modifica allart. 1 della Legge n. 241 del 1990, cioè alla disposizione contenente i principi generali cui deve ispirarsi la P.A. nello svolgimento dellattività amministrativa; in particolare, per effetto del recente intervento legislativo in commento, larticolo 1 della legge n. 241/1990 – come già accaduto con la riforma del 2005 – si arricchisce di un ulteriore richiamo ad un criterio fondamentale posto a presidio dellazione amministrativa. Infatti, così come con la legge n. 15 del 2005, nel primo comma del citato articolo, accanto ai riferimenti ai criteri di economicità, efficacia e pubblicità aggiungeva il richiamo alla trasparenza, oggi il legislatore richiama – ribadendo i primi – la necessità che lazione amministrativa sia imparziale. D) Viene, inoltre, aggiunto un comma (il comma 9) allart. 2, relativo alla responsabilità dirigenziale in caso di mancata emanazione del provvedimento finale nei termini previsti dalla legge o dagli atti ordinamentali interni; in tali ipotesi, la mancata emanazione costituisce elemento di valutazione della responsabilità dirigenziale. In realtà, sul punto, lo stesso art. 7, comma 2, della L. n. 69/2009, in commento, prevede che il rispetto dei termini per la conclusione dei procedimenti rappresenti un elemento di valutazione dei dirigenti, nel senso che di esso si tiene conto al fine della corresponsione della retribuzione di risultato. Il Ministro per la Pubblica Amministrazione e lInnovazione, di concerto con il Ministro per la Semplificazione normativa, adotta le linee di indirizzo per lattuazione della disposizione in parola e per i casi di grave e ripetuta inosservanza dellobbligo di provvedere entro i termini fissati per ciascun procedimento. E) Ma vè molto di più. Sempre in argomento, come già ricordato, lart. 7 in commento introduce un nuovo articolo alla Legge n. 241/1990, lart. 2-bis – Conseguenze per il ritardo dellamministrazione nella conclusione del procedimento, che prevede unipotesi di responsabilità – civile - dellAmministrazione, tipicizzandola, in caso di inosservanza del termine di conclusione del procedimento, di cui conosce il giudice amministrativo in sede di giurisdizione esclusiva; ipotesi, peraltro, già oggetto di attenzione da parte della giurisprudenza prima dellodierna codificazione. La nuova disposizione ha la ratio di salvaguardare il cittadino in caso di inerzia patologica della P.A. Evidentemente la modernizzazione dellapparato amministrativo si attua anche attraverso la previsione di nuovi meccanismi repressivi, quali la tutela risarcitoria del danno da ritardo, che, se da un lato favorisce lampliamento delle garanzie del privato nei confronti della P.A., dallaltro costituisce anche uno stimolo per la stessa a superare le proprie carenze e i malfunzionamenti interni.

45 In particolare, la nuova norma stabilisce, al comma 1, che le Pubbliche Amministrazioni e i soggetti privati preposti allesercizio di attività amministrative sono tenuti al risarcimento del danno ingiusto causato dallinosservanza dolosa o colposa dei termini procedimentali. Il comma 2, poi, demanda alla giurisdizione esclusiva del giudice amministrativo le controversie relative a questa nuova fattispecie di danno, specificando che il diritto al risarcimento si prescrive in cinque anni Risulta di immediata evidenza la portata innovativa di tale disposizione, che intende garantire il privato in presenza di uninerzia ingiustificata dellAmministrazione, approntando dei rimedi espressi e prevedendo una tutela risarcitoria in ambito giurisdizionale; si tratta, in effetti, di una vera e propria (nuova) ipotesi di responsabilità per danno da ritardo in capo alla P.A. F) Con riferimento alla prima questione, e rinviando sul punto al più organico commento dellart. 10 della L. n. 69, si deve subito evidenziare come lart. 29, comma 1, della L. n. 241/1990, riformulato, stabilisca espressamente che, fra le altre, la disposizione di cui allart. 2-bis si applica a tutte le Amministrazioni pubbliche, mentre al comma 2-bis dello stesso articolo si prevede che, fra le altre, le disposizioni della nuova L. n. 241 concernenti gli obblighi della P.A. di concludere il procedimento entro il termine prefissato, nonché quelle relative alla durata massima dei procedimenti attengono ai livelli essenziali delle prestazioni di cui allart. 117, comma 2, lett. m), Cost.

46 Articolo 8 (Certezza dei tempi in caso di attività consultiva e valutazioni tecniche) Lart. 8 in commento novella lart. 16 della Legge n. 241 del 1990, concernente lacquisizione di pareri nellambito dellistruttoria del procedimento amministrativo. In particolare, lart. 16, come rinnovellato, prevede tutta una serie di novità atte a rendere più veloce la fase consultiva nei procedimenti. A) Gli organi consultivi delle Pubbliche Amministrazioni sono, infatti, tenuti a rendere i pareri ad essi obbligatoriamente richiesti entro venti giorni dal ricevimento della richiesta; in caso di decorrenza del termine senza che sia stato comunicato il parere obbligatorio o senza che lorgano adito abbia rappresentato esigenze istruttorie, è in facoltà dellAmministrazione richiedente di procedere indipendentemente dallespressione del medesimo. In caso, invece, di parere facoltativo, una volta decorso il termine senza che lo stesso sia stato comunicato (termine che, anche in questo caso, non può superare i venti giorni dal ricevimento della richiesta) o senza che lorgano adito abbia rappresentato esigenze istruttorie, lAmministrazione richiedente dovrà procedere tout court indipendentemente dallespressione del medesimo. B) La disposizione, poi, stabilisce che, salvo il caso di omessa richiesta del parere, il responsabile del procedimento non può essere chiamato a rispondere degli eventuali danni derivanti dalla mancata espressione dei pareri in parola; inoltre, questi ultimi, sempre per unesigenza di semplificazione e celerità, e nella prospettiva dellinformatizzazione della P.A., sono trasmessi con mezzi telematici. Viene, comunque, fatto salvo dallapplicazione di tali nuove regole il caso di pareri che debbano essere rilasciati da Amministrazioni preposte alla tutela ambientale, paesaggistica, territoriale e della salute dei cittadini; tutti interessi, cioè, con riferimento ai quali – per la loro delicatezza e importanza – non pare possibile prescindere dai diversi pareri previsti dalle normative di settore.

47 Articolo 9 (Conferenza di servizi e silenzio assenso) Lart. 9 in commento modifica gli artt. 14-ter e 19 della L. n. 241 del 1990, rispettivamente in materia di conferenza di servizi, di dichiarazione di inizio attività e di silenzio assenso. A) In particolare, in materia di conferenza di servizi, lart. 14-ter citato, così come riformulato, prevede che la conferenza di servizi possa svolgersi anche per via telematica; poi, in tema di partecipazione al procedimento, si prevede che alla conferenza di servizi siano convocati i soggetti proponenti il progetto dedotto in conferenza, alla quale gli stessi partecipano senza diritto di voto; alla conferenza possono partecipare, senza diritto di voto, altresì i concessionari e i gestori di pubblici servizi, nel caso in cui il procedimento amministrativo o il progetto dedotto in conferenza implichi loro adempimenti ovvero abbia effetto diretto o indiretto sulla loro attività. Agli stessi è inviata, anche per via telematica e con congruo anticipo, comunicazione della convocazione della conferenza di servizi. Rispetto alle modifiche apportate alla disciplina in parola, può evidenziarsi come queste, oltre a delineare una P.A. sempre più attenta alle opportunità concesse dal progresso tecnologico ammettendo lo svolgimento per via telematica della conferenza, equiparano concessionari, incaricati e gestori di pubblici servizi alla P.A., in quanto a essa si sostituiscono nella materiale gestione dei servizi pubblici; in effetti, la sfera di interessi coperta dallattività di tali gestori è di tale rilevanza ed ampiezza da non giustificare rapporti con lutenza fondati su garanzie meno intense di quelle assicurate nellambito del procedimento amministrativo. B) In materia, invece, di dichiarazione di inizio attività (DIA), lart. 19 della L. n. 241/1990, nel testo modificato, dispone che nei casi in cui la legge prevede la dichiarazione di inizio attività per lesercizio di attività di impianti produttivi di beni e di servizi e di prestazione di servizi), compresi gli atti che dispongono liscrizione in albi o ruoli o registri ad efficacia abilitante o comunque a tale fine eventualmente richiesta, lattività può essere iniziata dalla data della presentazione della dichiarazione allAmministrazione competente.Quanto a tale materia, il legislatore, nei casi specificati, ha dunque introdotto un ulteriore strumento di semplificazione, consentendo linizio immediato dellattività, e precisamente dalla data di presentazione della dichiarazione allAmministrazione competente e senza, quindi, attendere i trenta giorni attualmente previsti per tutti gli altri casi. Naturalmente, la P.A. conserva il potere di adottare, nel termine di trenta giorni dal ricevimento della comunicazione di inizio di attività, motivati provvedimenti di divieto di prosecuzione della stessa e di rimozione dei suoi effetti, in caso di accertata carenza delle condizioni, modalità e fatti legittimanti, e salvo che, ove ciò sia possibile, linteressato provveda a sanare la situazione entro un termine fissato dallAmministrazione, in ogni caso non inferiore a trenta giorni.

48 C) Larticolo in commento, poi, ritocca il comma 5 dellart. 19 stabilendo che sono ricorribili innanzi al giudice amministrativo, avente competenza esclusiva in materia di dichiarazione di inizio attività, gli atti di assenso formati in virtù delle norme sul silenzio assenso previste dallart. 20 della Legge n. 241/1990, ossia gli atti di assenso tacito, operando – sembrerebbe (ma sul punto occorre aspettare linterpretazione giurisprudenziale) – una scelta di campo circa la qualificazione giuridica della DIA come sorta di provvedimento tacito assimilabile appunto al silenzio assenso piuttosto che come forma di liberalizzazione delle attività (secondo quanto, pure, la più recente giurisprudenza del Consiglio di Stato aveva affermato: v. Cons. Stato, n. 717 del 2009). D) Rispetto, ancora, alla materia del silenzio assenso, il quale, come è noto, consiste appunto in una qualificazione formale dellinerzia della P.A. intesa quale accoglimento dellistanza del privato in seguito al decorso del termine prescritto senza che lautorità amministrativa si sia pronunciata, e ferme le deroghe enunciate dal comma 4 dellart. 20, può dirsi, ora, completata a tutti gli effetti quella equiparazione del silenzio allazione della P.A., così come sancita dal citato art. 20, essendo stata espressamente prevista, secondo quanto sopra già ricordato, la ricorribilità innanzi al G.A. anche degli atti di assenso formati in virtù delle norme sul silenzio assenso. E) Le modifiche apportate dallart. 9 in commento, poi, escludono lapplicabilità della dichiarazione di inizio attività e del silenzio assenso ai procedimenti amministrativi riguardanti la cittadinanza, introducendo così unulteriore fattispecie alle ipotesi derogatorie già previste dalla disciplina previgente.

49 La giustizia amministrativa Col termine giustizia amministrativa si fa riferimento allinsieme di mezzi che l'ordinamento giuridico predispone a tutela delle situazioni giuridiche dei soggetti nei confronti della pubblica amministrazione.ordinamento giuridicosituazioni giuridichesoggettipubblica amministrazione I mezzi così predisposti sono detti garanzie giustiziali in quanto sono posti a tutela dei singoli ed operano per iniziativa dei medesimi. Questo li distingue dalle garanzie politiche, che comprendono i controlli esercitati dal parlamento sul potere esecutivo, e dalle garanzie amministrative, che comprendono i controlli esercitati d'ufficio sull'operato degli organi amministrativi da parte di altri organi amministrativi.parlamentopotere esecutivo L'esistenza di un sistema di giustizia amministrativa è una delle caratteristiche essenziali dello stato di diritto poiché, in questo modo, si rende effettiva la sottoposizione della pubblica amministrazione alla legge, secondo il principio di legalità.stato di dirittoprincipio di legalità I mezzi di tutela La tutela delle situazioni giuridiche nei confronti della pubblica amministrazione può essere demandata ad un organo della stessa pubblica amministrazione, adito dal soggetto leso mediante un ricorso amministrativo, oppure ad un giudice investito della controversia a seguito dell'esercizio di un'azione da parte del soggetto leso.ricorso amministrativogiudiceazione Ricorsi amministrativi I ricorsi amministrativi possono essere rivolti allo stesso organo che ha emanato l'atto con il quale è stata lesa la situazione giuridica (opposizione), al suo superiore gerarchico (ricorso gerarchico) o ad altro organo. In particolare, rientrano in quest'ultima categoria i ricorsi agli organi del contenzioso amministrativo, presenti in alcuni ordinamenti: si tratta di organi amministrativi collegiali che, peraltro, possono unire alle competenze in materia di ricorsi anche altre competenza amministrative.competenze

50 Tutela giurisdizionale L'ordinamento italiano ha adottato un peculiare criterio di ripartizione delle giurisdizione, imperniato sulla natura della situazione giuridica soggettiva lesa: se è un diritto soggettivo sussiste la giurisdizione ordinaria, se invece è un interesse legittimo sussiste la giurisdizione amministrativa (questo criterio generale è peraltro integrato da quello basato sulla materia, nei casi eccezionali di giurisdizione esclusiva).diritto soggettivointeresse legittimogiurisdizione esclusiva L'elenco delle materie attibuite in via esclusiva alla competenza del giudice amministrativo è fornito in primo luogo dall'art. 7 della "legge T.A.R". Le materie più importanti sono quelle costituite dalle procedure di evidenza pubblica e dalle concessioni di beni e servizi pubblici; la competenza su rapporti di lavoro di natura pubblica gli è stata tolta a vantaggio del giudice del lavoro (ordinario). Altri casi di giurisdizione esclusiva sono stati inseriti nell'ordinamento successivamente alla legge T.A.R.. Per interesse legittimo si intende quella situazione soggettiva di vantaggio riconosciuta dal legislatore come intimamente connessa ad una norma che garantisce in via primaria l'interesse generale, di modo che quest'ultimo prevale ove l'amministrazione utilizzi correttamente il suo potere. Il diritto soggettivo invece è una situazione soggettiva di vantaggio riconosciuta automaticamente come degna di tutela nei riguardi sia dei privati sia della pubblica amministrazione.diritto soggettivo

51 Il ricorso gerarchico proprio Il ricorso gerarchico proprio è un ricorso amministrativo prodotto da chi vuole tutelare un proprio diritto o interesse legittimo, contro atti della pubblica amministrazione che è presentato all'organo gerarchicamente superiore di quello che ha prodotto l'atto verso il quale si vuole ricorrere.ricorso amministrativodiritto interesse legittimopubblica amministrazione Il ricorso gerarchico proprio può essere proposto in un unico grado all'organismo gerarchicamente superiore; se ad esempio esiste una gerarchica di organi della pubblica amministrazione, per la quale A è gerachicamente sovraordinato a B che a sua volta è gerarchicamente sovraordinato a C, per un atto prodotto da C, si può proporre un ricorso amministrativo gerarchico a B, ma poi, contro la decisione di B (decisione che è anch'essa un atto amministrativo), non si può poi ricorrere ad A. Si può ricorrere contro un atto amministrativo se questo è viziato per motivi di legittimità o di merito. il rapporto con il ricorso giurisdizionale: se nei confronti dello stesso atto viene proposto ricorso gerarchico e ricorso giurisdizionale, secondo la giurisprudenza prevarrebbe sempre quest'ultimo,con la conseguenza che il ricorso gerarchico, sarebbe inammissibile. Incompatibilità che emerge dall'art. 20 II comma legge tar.atto amministrativoviziato Notifica: Il ricorso può essere presentato all'organo che ha emesso l'atto per il quale si ricorre, che poi lo deve comunicare all'organo gerarchicamente superiore, o direttamente a questo. Il ricorso deve essere presentato entro 30 giorni da quando l'atto è stato notificato al ricorrente, o nel caso in cui non vi si stata notifica, il termine decorre da quando il ricorrente ne ha avuto notizia. Esito: L'esito del ricorso deve essere comunicato al ricorrente entro 90 giorni dal suo ricevimento; in caso di assenza di risposta da parte della pubblica amministrazione il ricorso si intende respinto.pubblica amministrazione Nel caso in cui il ricorso sia stato respinto, il ricorrente può ricorrere al giudice amministrativo, ma può anche esperire il ricorso straordinario al Presidente della Repubblica; queste due ultime opzioni sono però alternative, per cui se si ricorre al giudice non si può più effettuare il ricorso straordinario al Presidente della Repubblica, e viceversa.giudice amministrativoricorso straordinario al Presidente della Repubblica

52 ricorso gerarchico improprio Il ricorso gerarchico improprio è un ricorso amministrativo prodotto da chi vuole tutelare un proprio diritto o interesse legittimo, contro atti della pubblica amministrazione, presentato ad un organo della pubblica amministrazione che non ha alcun rapporto di tipo gerarchico con l'organo che ha prodotto l'atto verso il quale si vuole ricorrere.ricorso amministrativodirittointeresse legittimo pubblica amministrazione Caratteri Questo tipo di ricorso è previsto nel caso in cui non esista alcun organo gerarchicamente sovraordinato a quello che ha emanato l'atto che si intende impugnare, e ciò può verificarsi: quando l'atto è stato deliberato da un organo amministrativo collegiale, (per definizione gli organi collegiali non sono sottoposti a rapporti gerarchici); quando l'atto è stato deliberato da un organo di vertice della pubblica amministrazione, dato che a seguito della riforma della pubblica amministrazione tra i ministri e gli alti dirigenti dei ministeri esiste un rapporto di direzione e non di gerarchia.pubblica amministrazione ministriministeri Sembrerebbe logico ritenere che questo tipo di ricorso debba essere ammesso soltanto all'interno di una medesima Amministrazione, o per lo meno tra Amministrazioni legate da un qualche vincolo funzionale. Tuttavia, il CdS non ha recepito quest'opinione, ritenendo invece legittima la possibilità di ricorsi che investano Amministrazioni totalmente diverse, prive di ogni collegamento funzionale; giustificando questa scelta con un obiettivo di "garanzia" del cittadino, da riconoscersi nella neutralità dell'Amministrazione adita. Nei diversi casi l'organo a cui ricorrere è determinato per legge. Si può ricorrere contro un atto amministrativo se si ritiene che questo sia viziato, per motivi di legittimità o di merito.atto amministrativoviziato

53 Il ricorso in opposizione Il ricorso in opposizione è un ricorso amministrativo prodotto da chi vuole tutelare un proprio diritto o interesse legittimo, contro atti della pubblica amministrazione che è presentato allo stesso organo amministrativo che ha prodotto l'atto verso il quale si vuole ricorrere. È un rimedio eccezionale che può essere utilizzato solo nei casi previsti dalla legge. Ciò è dovuto dal fatto che l'autorità che ha emanato l'atto non è in grado di giudicare da sè il proprio operato. Esso può essere proposto sia per motivi di legittimità che sia di merito, a tutela sia di diritti soggettivi sia di interesse legittimi.ricorso amministrativodirittointeresse legittimo pubblica amministrazione Caratteri Si può ricorrere contro un atto amministrativo se questo è viziato per motivi di legittimità o di merito, unicamente nei casi previsti dalla legge; per esempio, nel settore del pubblico impiego, è possibile esperire questo tipo di ricorso nel caso della compilazione di graduatorie di merito o per l' attribuzione di incarichi.atto amministrativoviziato

54 Ricorso straordinario al Presidente della Repubblica Il ricorso straordinario al Presidente della Repubblica è un ricorso amministrativo prodotto da chi vuole tutelare un proprio diritto o interesse legittimo, contro atti della pubblica amministrazione che è presentato al Presidente della Repubblica Italiana. Benché formalmente riferito al Presidente il ricorso è in verità deciso dal Consiglio di Stato.ricorso amministrativodirittointeresse legittimopubblica amministrazionePresidente della Repubblica Italiana Caratteri Le caratteristiche che rendono ancora attuale questa tipologia di ricorso sono essenzialmente il fatto che il termine per ricorrere è più ampio di quello previsto per il ricorso giudiziale e che non è necessario il patrocinio legale. Si può ricorrere contro un atto amministrativo se questo è viziato per soli motivi di legittimità (art. 8 d.p.r ), se si tratta di un atto definitivo o se non è possibile ricorrere contro l'atto per via gerarchica.atto amministrativoviziato Il ricorso straordinario al capo dello stato è alternativo alla via giudiziaria, per cui se si utilizza questo strumento, poi non si può più ricorrere ai T.A.R. o al Consiglio di Stato, come se si ricorre a questi, poi non è più esperibile il ricorso amministrativo straordinario al capo dello stato.T.A.R.Consiglio di Stato Procedura Il ricorso va proposto entro 120 giorni dalla notificazione o piena conoscenza del provvedimento. Va notificato entro il termine predetto ad almeno uno dei controinteressati (coloro che hanno un interesse contrario a quello del ricorrente, il quale impugna latto e ne chiede lannullamento mentre il controinteressato che ha un vantaggio da quellatto ha una posizione che collima con quella dellamm.ne, cioè difende latto perché gli dà un vantaggio) e presentato con la prova della notifica all'organo che ha emanato l'atto o al ministero competente. Se presentato all'organo questo lo trasmette immediatamente al Ministero competente.

55 I controinteressati possono entro 60 g.g. presentare deduzioni e documenti. I controinteressati possono accettare la sede giudiziaria scelta dal ricorrente o proporre opposizione per chiedere la trasposizione del giudizio in sede giurisdizionale davanti al Tribunale Amministrativo Regionale. Nel caso quest'ultimo non abbia giurisdizione poiché l'oggetto della domanda riguardi diritti soggettivi il giudizio continua presso la sede originaria allo scopo di non far perdere la tutela al ricorrente. Terminata l'istruttoria del Ministero entro 120 g.g. dal termine per presentare le deduzioni da parte dei controinteressati, il gravame viene trasmesso al Consiglio di Stato per il parere. La decisione viene emanata sotto forma di dpr del Presidente della Repubblica su proposta del Ministero e sentito il parere del Consiglio di Stato.Presidente della Repubblica Effetti La decisione può essere di vario contenuto: il ricorso può essere accolto, vi può essere la dichiarazione di inammissibilità se si riconosce che il ricorso non poteva essere proposto, ad esempio latto non era definitivo, salva la facoltà della assegnazione di un breve termine per presentare allorgano competente il ricorso proposto, per errore ritenuto scusabile, contro atti non definitivi. Se si presenta contro atti non definitivi un ricorso straordinario, il ricorso è inammissibile. scusabile Possono essere dedotti i seguenti vizi dell'atto amministrativo : incompetenza relativa, eccesso di potere e violazione di legge, se sono infondati, il ricorso viene rigettato mentre in caso contrario si ha laccoglimento. Nel caso in cui viene riconosciuto fondato un motivo di competenza laffare viene rimesso allorgano competente.


Scaricare ppt "DIRITTO AMMINISTRATIVO CORSO CGIL – CISL 9/11/2009 Dott. Adriano OCCHIPINTI."

Presentazioni simili


Annunci Google