La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

UNIVERSITA DI CATANIA M.CALTABIANO. (tra il Kazakistan e lUzbekistan) UNIVERSITA DI CATANIA M.CALTABIANO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "UNIVERSITA DI CATANIA M.CALTABIANO. (tra il Kazakistan e lUzbekistan) UNIVERSITA DI CATANIA M.CALTABIANO."— Transcript della presentazione:

1 UNIVERSITA DI CATANIA M.CALTABIANO

2 (tra il Kazakistan e lUzbekistan) UNIVERSITA DI CATANIA M.CALTABIANO

3 I materiali per otturazioni dentali vengono utilizzati per la sostituzione della perdita dei tessuti duri del dente. Limpiego dei materiali da otturazione in Odontoiatria Conservativa si rende necessario con la scomparsa dellorgano dello smalto e degli adamantoblasti, in quanto sono le cellule deputate alla formazione dello smalto. Pertanto il dente viene a perdere ogni rigenerativa e riparatrice del suddetto tessuto duro, per cui quando in dente subisce la perdita dei suoi tessuti, lo smalto non si formerà più. La dentina possiede una capacità riparatrice rigeneratrice,in quanto gli Odontoblasti (cellule deputate alla formazione della dentina) rimangono nel tempo,fin quando perdura la polpa dentale. Ciononostante essi con la loro attività non riescono a riempire la perdita di sostanza del dente prodotta per varie cause, in quanto la suddetta neoformazione dentina secondaria/terziaria,procede dall esterno verso linterno a discapito della cavità pulpare. Inoltre la deposizione di dentina avviene in modo peritubulare, riducendo così il calibro dei tubuli, nel tentativo di proteggere il dente, chiudendo la comunicazione tra polpa, dentina ed ambiente esterno, con il processo chiamato "sclerosi dentinale. M.CALTABIANO OTTURAZIONE DENTALE

4 CARATTERISTICHE IDEALI CARATTERISTICHE IDEALI I requisiti che dovrebbe possedere un materiale da otturazione sono i seguenti: 1) presentare inalterabilità chimica di fronte ai reagenti presenti nel cavo orale (saliva, flora batterica saprofita, alimenti); 2) lasciarsi facilmente modellare sulle pareti del dente; 3) resistere alla pressione, alla trazione ed alla frattura; 4) possedere un coefficiente di dilatazione o di retrazione termica simile a quello dei tessuti dentari; 5) presentare immutabilità di forma; 6) non essere incompatibile, né nocivo ai tessuti che lo ospitano; 7) avere buone qualità estetiche; 8) essere impermeabile; 9) avere conducibilità termica ed elettrica simile a quella dei tessuti duri del dente; 10) avere un coefficiente dusura simile quello del dente; 11) permettere facilmente la sua rimozione con opportuni strumenti; 12) essere di facile manipolazione ed introduzione; 13) aderire ai tessuti dentali. M.CALTABIANO OTTURAZIONE DENTALE

5 CLASSIFICAZIONE CLASSIFICAZIONE I materiali per otturazione vengono distinti dal punto di vista fisico in : 1) MATERIALI PLASTICI; 2) MATERIALI TERMOPLASTICI; 2) MATERIALI TERMOPLASTICI; 3) MATERIALI RIGIDI. 3) MATERIALI RIGIDI. 1) MATERIALI PLASTICI 1) MATERIALI PLASTICI Sono materiali che vengono inseriti allo stato plastico nella cavità da otturare ed il cui indurimento (reazione di presa) si completa allinterno della cavità stessa.Vengono distinti in: A) CEMENTI DENTARI; A) CEMENTI DENTARI; B) COMPOSITI; B) COMPOSITI; C) AMALGAMI; C) AMALGAMI; D) ORI D) ORI 2) MATERIALI TERMOPLASTICI 2) MATERIALI TERMOPLASTICI Sono materiali a base di guttaperga, hanno la caratteristica di diventare plastici riscaldandoli e di ritornare allo stato solido, raffreddandoli.Vengono distinti in : I) GUTTAPERGA ; I) GUTTAPERGA ; II) ClOROPERCA O CLOROGUTTA (Storica) II) ClOROPERCA O CLOROGUTTA (Storica) 3) MATERIALI RIGIDI 3) MATERIALI RIGIDI Sono materiali che vengono inseriti nella cavità allo stato rigido e vengono anche denominati INTARSI Si dividono in : 1) INTARSI IN LEGA D ORO DA COLATA (Vedi le leghe); 2) INTARSI IN CERAMICA (Vedi le ceramiche); 3) INTARSI IN COMPOSITI (Vedi compositi). 1) INTARSI IN LEGA D ORO DA COLATA (Vedi le leghe); 2) INTARSI IN CERAMICA (Vedi le ceramiche); 3) INTARSI IN COMPOSITI (Vedi compositi). M.CALTABIANO OTTURAZIONE DENTALE

6 CLASSIFICAZIONE CLASSIFICAZIONE I materiali da otturazione possono essere classificati, in base al criterio clinico della loro utilizzazione temporanea con loro successiva rimozione o definitiva, permanente in: 1) MATERIALI DA OTTURAZIONE PROVVISORIE; 2) MATERIALI DA OTTURAZIONI DEFINITIVE O PERMANENTI. I materiali da otturazione possono essere classificati, in base al criterio clinico della loro utilizzazione temporanea con loro successiva rimozione o definitiva, permanente in: 1) MATERIALI DA OTTURAZIONE PROVVISORIE; 2) MATERIALI DA OTTURAZIONI DEFINITIVE O PERMANENTI. I materiali da otturazione possono, inoltre, essere classificati, in base al criterio clinico della sede della loro applicazione in: I materiali da otturazione possono, inoltre, essere classificati, in base al criterio clinico della sede della loro applicazione in: A) MATERIALI DI OTTURAZIONE CORONALE (Terapia Conservativa) A) MATERIALI DI OTTURAZIONE CORONALE (Terapia Conservativa) Sono quei materiali che ripristineranno i tessuti duri della corona dentale con tessuto pulpare integro Sono quei materiali che ripristineranno i tessuti duri della corona dentale con tessuto pulpare integro B) MATERIALI PER OTTURAZIONE ENDODONTICA (Endodonzia) B) MATERIALI PER OTTURAZIONE ENDODONTICA (Endodonzia) Sono quei materiali che riempiranno, previa devitalizzazione, la camera coronale pulpare e/o i canali pulpari per via anterograda o retrograda dopo apicectomia. M.CALTABIANO OTTURAZIONE DENTALE

7 MATERIALI DA OTTURAZIONE PROVVISORIE MATERIALI DA OTTURAZIONE PROVVISORIE In passato le otturazioni provvisorie trovavano un largo riscontro clinico, in quanto spesso il trattamento conservativo a carico del dente, per esigenze cliniche, difficilmente veniva effettuato in unica seduta. Attualmente col perfezionarsi sia delle conoscenze clinico-scientifiche e sia con l introduzione di nuove metologie e materiali di otturazioni, il loro uso clinico si è ristretto notevolmente, tanto da definirli storiche. In passato le otturazioni provvisorie trovavano un largo riscontro clinico, in quanto spesso il trattamento conservativo a carico del dente, per esigenze cliniche, difficilmente veniva effettuato in unica seduta. Attualmente col perfezionarsi sia delle conoscenze clinico-scientifiche e sia con l introduzione di nuove metologie e materiali di otturazioni, il loro uso clinico si è ristretto notevolmente, tanto da definirli storiche. SCOPO del materiale, inserito provvisoriamente nella cavità cariosa, era, pertanto, quello di sostituire i tessuti duri del dente per tempi limitati, permettendone nel contempo il ripristino funzionale del dente che aveva subito il processo carioso. Inoltre il materiale da otturazione provvisoria doveva isolare la cavità da otturare dallambiente esterno, allo scopo di impedire che sostanze tossiche e batteri, potevano penetrare nella suddetta cavità e diffondersi al tessuto pulpare sottostante infiammandolo. SCOPO del materiale, inserito provvisoriamente nella cavità cariosa, era, pertanto, quello di sostituire i tessuti duri del dente per tempi limitati, permettendone nel contempo il ripristino funzionale del dente che aveva subito il processo carioso. Inoltre il materiale da otturazione provvisoria doveva isolare la cavità da otturare dallambiente esterno, allo scopo di impedire che sostanze tossiche e batteri, potevano penetrare nella suddetta cavità e diffondersi al tessuto pulpare sottostante infiammandolo. Le proprietà di un materiale da otturazione provvisoria erano le seguenti: 1) facile applicabilità; 2) rapido indurimento, una volta inserito; 3) azione isolante della polpa nei confronti degli agenti meccanici,chimici e batterici presenti nel cavo orale; 4) ottima azione sigillante della cavità anche se temporanea; 5) facile rimozione. 1) facile applicabilità; 2) rapido indurimento, una volta inserito; 3) azione isolante della polpa nei confronti degli agenti meccanici,chimici e batterici presenti nel cavo orale; 4) ottima azione sigillante della cavità anche se temporanea; 5) facile rimozione. I suddetti materiali si presentavano in confezione monocomponente e sottoforma di pasta la quale induriva progressivamente per lazione dell H2O contenuta nella saliva, la quale trasforma il solfato di Calcio in biidrato, permettendo così lindurimento. Altri componenti erano: l ossido di Zinco, il glicole e il polivinile acetato i quali conferivano al prodotto la plasticità. I materiali da otturazione provvisoria, grazie alle caratteristiche che possedevano, potevano essere facilmente rimossi dalla cavità con strumenti manuali. OTTURAZIONE DENTALE M.CALTABIANO a base di ZnO a base di ZnO + resina (Polimetilmetacrilato) a base di ZnO a base di ZnO + resina (Polimetilmetacrilato) CEMENTI IRM

8 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA M.CALTABIANO Dal 22 dicembre al 20 gennaio,quando il sole,apparentemente, entra nella costellazione del sagittario. ecclittica Mappa della costellazione Visione con telescopio extraterrestre Visione Ad occhio nudo


Scaricare ppt "UNIVERSITA DI CATANIA M.CALTABIANO. (tra il Kazakistan e lUzbekistan) UNIVERSITA DI CATANIA M.CALTABIANO."

Presentazioni simili


Annunci Google