La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

© 2015 Ipsos. All rights reserved. Contains Ipsos' Confidential and Proprietary information and may not be disclosed or reproduced without the prior written.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "© 2015 Ipsos. All rights reserved. Contains Ipsos' Confidential and Proprietary information and may not be disclosed or reproduced without the prior written."— Transcript della presentazione:

1 © 2015 Ipsos. All rights reserved. Contains Ipsos' Confidential and Proprietary information and may not be disclosed or reproduced without the prior written consent of Ipsos. La presenza dello scoiattolo grigio in italia: la percezione del problema, l’atteggiamento verso le possibili soluzioni N° job: Milano, 14 Aprile 2015

2 METODOLOGIA 2 Campione: Popolazione Nazionale 18 – 65 anni Popolazione Regione Umbria 18 + Metodologia: Metodologia CAWI (Computer Assisted Web Interview) Metodologia CATI (Computer Assisted Telephone Interview) Numero di interviste eseguite: 1016 Interviste Campione Nazionale 501 Interviste campione Regione Umbria così suddiviso:  250 Comune di Perugia  101 Comune di Corciano  150 Altri comuni regione Umbria Periodo di rilevazione: 10 Marzo 2015 – 23 Marzo 2015 NOTA: tutti i valori percentuali riportati nel presente report si riferiscono al dato ponderato, mentre le numerosità indicate (basi), corrispondono al dato NON ponderato, che rappresenta l’effettiva numerosità dei rispondenti.

3 CAMPIONE NAZIONALE 3 AREA GEOGRAFICA VALORI % ETA’ SESSO Età media 43 anni Base: totale intervistati campione Nazionale (1016) LAUREA15 Titolo Post-universitario 2 Laurea universitaria specialistica 9 Laurea universitaria di 1°livello 4 NON LAUREA85 Attualmente iscritto all’università 7 Diploma scuola media superiore 65 Licenza scuola media inferiore 12 Licenza elementare 1 TITOLO DI STUDIO PROFESSIONE LAVORA58 Imprenditore/dirigente quadro5 Libero professionista6 Commerciante/esercente /artigiano4 Insegnante/docente3 Impiegato pubblico8 Impiegato privato20 Operaio/esecutivo/commesso/bracciante7 Altro lavoro dipendente2 Altro lavoro autonomo3 NON LAVORA42 Disoccupato/in cerca di prima occupazione10 Studente6 Casalinga13 Pensionato8 Altro non occupato5

4 CAMPIONE REGIONE UMBRIA 4 VALORI % ETA’ SESSO Età media 51 anni LAUREA14 Titolo Post-universitario 1 Laurea universitaria specialistica 11 Laurea universitaria di 1°livello 2 NON LAUREA86 Attualmente iscritto all’università 1 Diploma scuola media superiore 56 Licenza scuola media inferiore 22 Licenza elementare 7 TITOLO DI STUDIO PROFESSIONE LAVORA40 Imprenditore/dirigente quadro3 Libero professionista4 Commerciante/esercente /artigiano6 Insegnante/docente2 Impiegato pubblico6 Impiegato privato8 Operaio/esecutivo/commesso/bracciante10 Altro lavoro dipendente1 NON LAVORA60 Disoccupato/in cerca di prima occupazione12 Studente7 Casalinga14 Pensionato28 AREA GEOGRAFICA Base: totale intervistati campione regione Umbria (501)

5 2 L’interesse per l’ambiente e la conoscenza delle specie alloctone

6 6 D1) In generale, Lei quanto si interessa di tematiche relative all’ambiente, alla natura e agli animali? (Risposta Singola) La maggior parte degli intervistati dichiara di interessarsi di tematiche ambientali Base: totale intervistati campione Nazionale (1016) – totale intervistati campione regione Umbria (501) VALORI % 92% 80% 73% 76% Settembre 2011: 71%

7 7 D2) Quali canali usa per informarsi sui temi dell’ambiente? Internet e la Tv sono i canali preferiti per informarsi. Per il campione umbro si sottolinea anche la modalità del passaparola tra i conoscenti. Base: totale intervistati campione Nazionale (1016) – totale intervistati campione regione Umbria (501) VALORI %

8 8 D3) Ha mai sentito parlare di specie animali o vegetali alloctone, ossia specie introdotte volontariamente o accidentalmente in Italia ma originarie di altre aree geografiche? (Risposta Singola) La conoscenza delle specie alloctone: circa 2 intervistati su 3 hanno sentito parlare di «specie alloctone» o «specie introdotte» Base: totale intervistati campione Nazionale (1016) – totale intervistati campione regione Umbria (501) VALORI % Campione Nazionale Comune PerugiaComune CorcianoResto Umbria

9 9 D5bis) Per quello che Lei sa, la diffusione delle specie alloctone, animali o vegetali, riguarda … (Risposta Singola) Per gli intervistati la diffusione delle specie alloctone interessa tutto il territorio italiano ; 1 intervistato su quattro ritiene la diffusione limitata solo ad alcune regioni Base: totale intervistati campione Nazionale (1.016) – totale intervistati campione regione Umbria (501) VALORI % Campione Nazionale Comune Perugia Comune Corciano Resto Umbria

10 10 D3bis) Nella zona dove Lei vive, Lei sa se sono presenti delle specie animali o vegetali alloctone ? (Risposta Singola) Almeno 1 intervistato su 3 rileva la presenza di specie alloctone nella zona in cui vive; nel comune di Corciano e nel resto dell’Umbria lievemente più contenuta la percezione rispetto alla diffusione di specie non autoctone Base: totale intervistati campione Nazionale (1016) – totale intervistati campione regione Umbria (501) VALORI % Campione Nazionale Comune PerugiaComune CorcianoResto Umbria

11 3 Specie alloctone: chi sono e quali conseguenze portano.

12 12 Agli intervistati è stato chiesto di riconoscere tra una serie si specie animali e vegetali quelle alloctone. Base: totale intervistati campione Nazionale (1016) – totale intervistati campione regione Umbria (501) VALORI % Le specie alloctone: quanto se ne sa? SPECIE ALLOCTONE PRESENTI NELLA LISTA SPECIE NON ALLOCTONE PRESENTI NELLA LISTA CHI LE HA RICONOSCIUTE? Campione Nazionale Comune PerugiaComune CorcianoResto Umbria Hanno riconosciuto almeno una specie alloctona Hanno riconosciuto almeno 2 specie alloctone Hanno riconosciuto lo scoiattolo grigio come specie alloctona Hanno selezionato le specie NON alloctone 3411

13 13 Qual è la specie alloctona più riconosciuta e quale invece quella che erroneamente viene definita alloctona ma non lo è. Base: totale intervistati campione Nazionale (1016) – totale intervistati campione regione Umbria (501) 1° 2° 3° specie più riconosciute come alloctone correttamente 4° Campione Nazionale Umbria Specie erroneamente selezionate come alloctone Campione Nazionale Comune Perugia Comune Corciano Resto Umbria 1° Scoiattolo rosso Muflone 2° Gatto selvatico Muflone Scoiattolo rosso 3° Muflone Gatto selvatico 4° Capra di Montecristo Volpe Capra di Montecristo

14 14 Rosso vs Grigio: qual è l’intruso? Base: totale intervistati campione Nazionale (1016) – totale intervistati campione regione Umbria (501) Campione Nazionale PerugiaCorcianoResto Umbria Hanno ERRONEAMENTE indicato lo scoiattolo ROSSO come specie alloctona Hanno riconosciuto lo scoiattolo grigio come specie alloctona Le differenze tra le due specie non appaiono immediatamente riconoscibili per gli intervistati

15 15 D4bis) Quanto è d’accordo sul fatto che la diffusione di tali specie animali o vegetali alloctone abbia conseguenze negative sull’ecosistema in cui vengono introdotte? (Risposta Singola) La maggioranza del campione concorda nel ritenere che la diffusione di specie alloctone determini conseguenze negative sull’ecosistema Base: totale intervistati campione Nazionale (1016) – totale intervistati campione regione Umbria (501) VALORI % 76% 70% 71% 76%

16 16 D5) Secondo Lei, l’inserimento di specie alloctone vegetali o animali quali problematiche comporta ? (risposta multipla) Le conseguenze più evidenziate sono i danni all’equilibrio e all’ecosistema ambientale e la possibile estinzione di altre specie. Questa percezione è più elevata nei comuni dell’Umbria rispetto al campione nazionale Base: totale intervistati campione Nazionale (1016) – totale intervistati campione regione Umbria (501) VALORI % La popolazione è già «sensibilizzata» sui potenziali rischi

17 17 D6) In generale quanto ritiene necessario contrastare la diffusione di una specie alloctona sia animale che vegetale? (Risposta Singola) Il tema del contrasto alla diffusione non determina posizioni nette: in linea generale l’opinione prevalente è che si debba intervenire solo in presenza di un potenziale problema, specialmente in caso di alterazione di equilibrio ecologico. Base: totale intervistati campione Nazionale (1016) – totale intervistati campione regione Umbria (501) VALORI %

18 18 D7) In base a quali evidenze si dovrebbe intervenire per contrastare la diffusione delle specie alloctone invasive? (Risposta Singola) L’intervento è giustificato solo se si hanno prove scientifiche a riguardo o solo se serve a ripristinare le condizioni ambientali di partenza. Base: totale intervistati campione Nazionale (1016) – totale intervistati campione regione Umbria (501) VALORI %

19 19 D8) Secondo Lei, da chi dovrebbe partire la decisione di intervenire per fermare la diffusione di specie alloctone invasive? (Risposta Singola) Il Ministero dell’Ambiente è ritenuto l’organismo deputato ad intervenire in caso di diffusione di specie alloctone Base: totale intervistati campione Nazionale (1016) – totale intervistati campione regione Umbria (501) VALORI % Nei rispondenti Perugini si riscontra una percentuale più alta nella Regione Interessata e nelle Autorità Sanitarie veterinarie

20 3 Lo Scoiattolo Grigio conoscenza e rischi

21 21 I comuni più interessati dalla diffusione appaiono lievemente più informati rispetto agli altri Base: Totale intervistati campione Nazionale (1016) – totale intervistati campione regione Umbria (501) VALORI % D8a) Lei ha visto in TV, ascoltato alla radio, letto sui quotidiani o su riviste specializzate qualche notizia sullo scoiattolo grigio? (Risposta spontanea) Campione NazionaleComune PerugiaComune Corciano Resto Umbria Tv/ documentari 4 Stampa (quotidiani - riviste) 2 Internet 2 Radio - Conoscenti - Parlano dello scoiattolo grigio in generale 5 Non danno indicazioni su quali mezzi 4 Tv/ documentari 7 Stampa (quotidiani - riviste) 4 Internet 1 Radio - Conoscenti 1 Parlano dello scoiattolo grigio in generale 12 Non danno indicazioni su quali mezzi 2 Tv/ documentari 5 Stampa (quotidiani - riviste) 1 Internet - Radio 1 Conoscenti 3 Parlano dello scoiattolo grigio in generale 11 Non danno indicazioni su quali mezzi 3 Tv/ documentari 8 Stampa (quotidiani - riviste) 3 Internet - Radio 1 Conoscenti 1 Parlano dello scoiattolo grigio in generale 4 Non danno indicazioni su quali mezzi -

22 22 La conoscenza dei possibili problemi legati alla diffusione dello scoiattolo grigio è limitata. Le conseguenze negative più conosciute sono quelle che riguardano lo scoiattolo rosso, soprattutto nei territori umbri. Base: Totale intervistati campione Nazionale (1016) – totale intervistati campione regione Umbria (501) VALORI % D9) Ha mai sentito parlare di problemi legati alla diffusione in Italia di questa specie di scoiattolo ? (Risposta Singola) 36% nel Nord Ovest, dove sono già stati fatti interventi sugli scoiattoli grigi. D9A) Se si, quali sono questi problemi? Campione Nazionale Comune PerugiaComune CorcianoResto Umbria Citano almeno un problema Conseguenze per lo scoiattolo rosso Portano all'estinzione dello scoiattolo rosso Minaccia la sopravvivenza dello scoiattolo Rosso19 94 Usurpano i terrritori / il cibo / sono più aggressivi In competizione con lo scoiattolo rosso Danni all'ecosistema Danni all'ambiente / all'agricoltura / all'ecosistema Portano malattie nuove39814 Citano aree geografiche dove lo scoiattolo grigio è presente43-- Lo scoiattolo grigio non porta alcun tipo di problema.2-7- Non so Base: coloro che hanno sentito problemi legati alla diffusione dello scoiattolo grigio Settembre 2011: 26%

23 23 La minaccia della sopravvivenza dello scoiattolo autoctono è il rischio maggiore rilevato sia per l’Italia che per la propria regione. Vi è comunque un intervistato su tre che mostra una conoscenza molto limitata, specie nei territori di interesse Base: Totale intervistati campione Nazionale (1016) – totale intervistati campione regione Umbria (501) VALORI % D10) Per le informazioni in Suo possesso, qual è il rischio maggiore in Italia ? (Risposta Singola) D11) Per le informazioni in Suo possesso, quale ritiene invece il rischio maggiore nella Sua regione ? (Risposta Singola) RISCHIO MAGGIORE IN ITALIA RISCHIO MAGGIORE NELLA SUA REGIONE Settembre 2011: 36%

24 4 Lo Scoiattolo Grigio opinioni sui possibili interventi

25 25 Più della metà degli intervistati sarebbero favorevoli ad un intervento. Attenzione alla quota di coloro che non si esprimono o hanno poche informazioni Base: Totale intervistati campione Nazionale (1016) – totale intervistati campione regione Umbria (501) VALORI % D13) Quanto sarebbe favorevole a limitare la popolazione degli scoiattoli grigi per preservare lo scoiattolo rosso dall’estinzione? (Risposta singola) Settembre 2011: FAVOREVOLI 69% Dom. 22. In che misura Lei sarebbe favorevole al controllo, ovvero alla rimozione degli scoiattoli grigi dall’area in cui vivono, per favorire il ritorno degli scoiattoli rossi?

26 26 Quanto influisce sapere che la Comunità Europea ha chiesto all’Italia di Intervenire per limitare la popolazione degli scoiattoli grigi. Cambia il giudizio? Base: Totale intervistati campione Nazionale (1016) – totale intervistati campione regione Umbria (501) VALORI % 76% D13) Quanto sarebbe favorevole a limitare la popolazione degli scoiattoli grigi per preservare lo scoiattolo rosso dall’estinzione? (Risposta singola) D14) La Comunità Europea ha chiesto all’Italia di intervenire su questo tema. Questa informazione … (risposta singola) mi rende maggiormente propenso per un intervento non cambia la mia posizione diminuisce la mia propensione per un intervento non sono interessato all’argomento per esprimere una opinione non sa/non risponde Quanto la notizia della Comunità Europea ha cambiato il giudizio iniziale

27 27 Base: Totale intervistati campione Nazionale (1016) – totale intervistati campione regione Umbria (501) VALORI % 70% 55% 61% D13) Quanto sarebbe favorevole a limitare la popolazione degli scoiattoli grigi per preservare lo scoiattolo rosso dall’estinzione? (Risposta singola) D14) La Comunità Europea ha chiesto all’Italia di intervenire su questo tema. Questa informazione … (risposta singola) Quanto la notizia della Comunità Europea ha cambiato il giudizio iniziale Quanto influisce sapere che la Comunità Europea ha chiesto all’Italia di Intervenire per limitare la popolazione degli scoiattoli grigi. Cambia il giudizio? Nei comuni di Corciano e nel resto dell’Umbria la richiesta della UE determina una sospensione di giudizio

28 28 Gli intervistati sono molto d’accordo sull’intervenire preventivamente su chi acquista animali o piante e nel comunicare meglio l’importanza della biodiversità, più incerte le altre posizioni Base: Totale intervistati campione Nazionale (1.016) – totale intervistati campione regione Umbria (501) VALORI % % Molto d’accordo D15) Le leggerò ora alcune informazioni che alcune persone, prima di lei, ci hanno dato sull’argomento. Per ciascuna indichi se è molto, abbastanza, poco o per niente d’accordo. (Risposta Singola)

29 29 Azioni legate alla risoluzione del problema: dettaglio Base: Totale intervistati campione Nazionale (1016) – totale intervistati campione regione Umbria (501) VALORI % D15) Le leggerò ora alcune informazioni che alcune persone, prima di lei, ci hanno dato sull’argomento. Per ciascuna indichi se è molto, abbastanza, poco o per niente d’accordo. (Risposta Singola) Prima di intervenire con metodi di soppressione bisogna intervenire su chi acquista e vende questi animali e piante non originarie del luogo Bisognerebbe comunicare meglio alla popolazione l’importanza della biodiversità per promuovere eventuali azioni preventive e non contenitive Le rimostranze di alcune persone o associazioni per la rimozione degli scoiattoli grigi sono legate all’emotività e non alla reale comprensione del problema.

30 30 Base: Totale intervistati campione Nazionale (1016) – totale intervistati campione regione Umbria (501) VALORI % D15) Le leggerò ora alcune informazioni che alcune persone, prima di lei, ci hanno dato sull’argomento. Per ciascuna indichi se è molto, abbastanza, poco o per niente d’accordo. (Risposta Singola) Le soluzioni definitive di rimozione degli scoiattoli grigi non sono la risposta corretta, le due specie possono convivere se ben monitorate Le soluzioni drastiche per la rimozione degli scoiattoli grigi sono dolorose ma inevitabili Azioni legate alla risoluzione del problema: dettaglio

31 31 Base: Totale intervistati campione Nazionale (1016) – totale intervistati campione regione Umbria (501) VALORI % D15) Le leggerò ora alcune informazioni che alcune persone, prima di lei, ci hanno dato sull’argomento. Per ciascuna indichi se è molto, abbastanza, poco o per niente d’accordo. (Risposta Singola) Se un’associazione ambientalista si dimostrasse a favore della soppressione dello scoiattolo grigio tramite eutanasia mi sentirei più sicuro ad appoggiare questo metodo. la natura risolve da sola il problema, non è necessario un intervento umano Azioni legate alla risoluzione del problema: dettaglio

32 32 Le soluzioni meno invasive sono quelle che raccolgono percentuali più alte Base: Totale intervistati campione Nazionale (1016) – totale intervistati campione regione Umbria (501) VALORI % % D’accordo (VOTI 4-5) D15bis) Per contenere la popolazione degli scoiattoli grigi si sono studiate alcune soluzioni. Di seguito sono elencate quelle, almeno teoricamente, possibili. Per ciascun metodo proposto indichi quanto lei sarebbe d’accordo nell’utilizzo di tale metodo. (Risposta Singola) Settembre 2011: molto + abbastanza 69% Settembre 2011 : molto + abbastanza 36%

33 33 D12) Se volesse avere maggiori informazioni sulle conseguenze derivanti dall’introduzione dello scoiattolo grigio in Italia chi contatterebbe? (risposta multipla) Il Ministero dell’Ambiente è anche l’organismo più autorevole per fornire informazioni sulle conseguenze dell’introduzione dello scoiattolo grigio ma si auspica un tavolo di «confronto» con la comunità scientifica ed ambientalista Base: totale intervistati campione Nazionale (1016) – totale intervistati campione regione Umbria (501) VALORI %

34 34 D16) Attraverso quale canale informativo la popolazione dovrebbe essere messa al corrente del metodo scelto per la salvaguardia dello scoiattolo rosso? (risposta multipla) Per ricevere informazioni il canale preferito rimane la televisione, anche tramite le emittenti locali. Base: totale intervistati campione Nazionale (1016) – totale intervistati campione regione Umbria (501) VALORI %

35 6 Sintesi dei risultati principali

36 36 VALORI % Informare di più e meglio: sulle zone interessate, sulle conseguenze reali (senza creare allarmismo) e sugli interventi possibili. Il Ministero dell’Ambiente appare essere l’ente più accreditato per ricevere notizie e a cui rivolgersi e per chiederne di aggiuntive; l’auspicio è di costituire un tavolo collettivo di esperti scientifici e animalisti I canali con cui la popolazione si informa sono prettamente la tv e il web, per l’informazione a livello regionale si suggerisce l’utilizzo di canali più prossimi es: la radio, la tv locale o anche esperti del settore conosciuti (ad esempio i veterinari). Da non sottovalutare l’utilizzo del «passaparola» come canale informale. Per aumentare il livello di accettazione porre l’accento sulla richiesta di intervento formulata dalla Comunità Europea; facendo attenzione a non cannibalizzare il canale comunicativo, specie alla luce della minore presa della Comunità Europea in territorio umbro Nel caso di utilizzo anche di metodi più invasivi (eutanasia) si consiglia di specificare in che percentuale tali metodi saranno utilizzati in rapporto a quelli meno cruenti. LINEE GUIDA PER LA CORRETTA DIFFUSIONE DEI FUTURI INTERVENTI PER LA SALVAGUARDIA DELLO SCOIATTOLO ROSSO

37 KEYPOINTS 37 VALORI % L’AMBIENTE E LA CONOSCENZA DELLE SPECIE ALLOCTONE L’ambiente è una tematica che interessa una buona maggioranza degli intervistati (92%), che si informa principalmente tramite tv (78%) e web (69%). Sul territorio umbro si utilizzano anche canali più informali come il passaparola dei conoscenti ed il veterinario, che raccoglie citazioni analoghe alla radio. Sul tema delle specie alloctone: circa 2 intervistati su 3 dichiarano di conoscerle e, la quasi totalità degli intervistati ne cita almeno 1 (89%). La percezione più diffusa è che tali specie siano dislocate su tutto il territorio italiano. Una minore conoscenza riguardo la diffusione sul territorio si riscontra nel comune di Corciano e nel resto dell’Umbria. SPECIE ALLOCTONE: CHI SONO E QUALI CONSEGUENZE PORTANO Le specie introdotte più riconosciute sono state la zanzara tigre, il punteruolo rosso e la tartaruga dalle orecchie rosse. Nel Comuni umbri l’attribuzione corretta dello scoiattolo grigio come specie alloctona è leggermente più alta rispetto al campione Nazionale (18% campione nazionale contro 35% Perugia, 32% Corciano e 27% Resto Umbria); tuttavia permane una certa confusione tra le due specie, anche tra i comuni umbri. Sono tutti d’accordo nel dichiarare che la diffusione di queste specie alloctone determini conseguenze negative all’ambiente, in particolare i danni all’equilibrio ecologico, all’ecosistema ambientale, potenziale estinzione di altre specie e, non ultimo, la trasmissione di malattie; tutti temi particolarmente sentiti nei territori umbri. L’ente che dovrebbe prendere le decisioni per intervenire e prevenire la diffusione delle specie alloctone è il Ministero dell’Ambiente. L’intervento, per il campione intervistato, diventa NECESSARIO SOLO SE provoca un qualsiasi tipo di danno, soprattutto se riguarda l’ecosistema e l’ambiente. L’intervento, deve anche essere giustificato da prove scientifiche, soprattutto per i comuni umbri, o per garantire il ripristino delle condizioni ambientali originarie.

38 KEYPOINTS 38 VALORI % LO SCOIATTOLO GRIGIO La diffusione di notizie / informazioni che riguardano lo scoiattolo grigio è molto limitata sia nel campione nazionale che nel campione regionale. I comuni più interessati (Perugia e Corciano) sembrano leggermente più informati rispetto agli altri. La conoscenza degli effetti negativi legati alla diffusione dello scoiattolo grigio sono note solo ad un quarto del campione nazionale (26%) ed ancora meno tra i residenti nei territori di interesse. Gli effetti più citati spontaneamente sono quelli che riguardano la possibile scomparsa della specie autoctona e i possibili danni all’ecosistema. Il rischio maggiore riscontrato è la minaccia alla sopravvivenza dello scoiattolo rosso; si rileva come gli Intervistati della regione Umbria sentano questa minaccia più come un rischio per tutta l’Italia che per la propria regione, confermando la conoscenza superficiale del problema. GLI ATTEGGIAMENTI NEI CONFRONTI DELLE POSSIBILI SOLUZIONI La maggior parte degli intervistati (69%) sarebbe favorevole ad un intervento sugli scoiattoli grigi per salvaguardare la specie autoctona anche se almeno 1 intervistato su 6 non si esprime a riguardo e tale atteggiamento «attendista» si manifesta più marcatamente presso i comuni umbri. La richiesta di intervento da parte della Comunità Europea determina posizioni più favorevoli per il campione nazionale mentre sui territori, pur prevalendo l’accordo sull’intervento, emergono posizioni più scettiche. Riguardo le possibili soluzioni, gli intervistati concordano che è importante intervenire preventivamente nei confronti di chi acquista animali o piante alloctone e che è altrettanto importante comunicare più efficacemente l’importanza della biodiversità. Sulle altre opzioni mantengono una posizione piuttosto «agnostica». Sono consapevoli che la natura non possa risolvere da sola il problema ma non propendono né per metodi più drastici ma inevitabili né per metodi definitivi come soluzione adeguata. Il Ministero dell’Ambiente è l’ente per eccellenza per fornire informazioni più precise sullo scoiattolo grigio e sui possibili interventi che verranno messi in atto; i canali informativi più citati sono la tv sia nazionale ma soprattutto locale per i comuni della regione Umbria.


Scaricare ppt "© 2015 Ipsos. All rights reserved. Contains Ipsos' Confidential and Proprietary information and may not be disclosed or reproduced without the prior written."

Presentazioni simili


Annunci Google