La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Termine Testimonianze Il nazismonazismo Le leggi razziali Le deportazioni La storia A cura di Francesco Onofri e Michele Sannino 3ª C.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Termine Testimonianze Il nazismonazismo Le leggi razziali Le deportazioni La storia A cura di Francesco Onofri e Michele Sannino 3ª C."— Transcript della presentazione:

1 termine Testimonianze Il nazismonazismo Le leggi razziali Le deportazioni La storia A cura di Francesco Onofri e Michele Sannino 3ª C

2 Dedicato a tutti coloro che sono stati sterminati nei campi di concentramento di Treblinka e Auschwitz per la pazzia dei tedeschi nazisti. Grazie al giorno della memoria non vi dimenticheremo mai. I ragazzi della terza C Francesco Onofri e Michele Sannino

3 IL GIORNO DELLA MEMORIA La Repubblica italiana riconosce il giorno 27 gennaio, data dellabbattimento dei cancelli di Auschwitz, Giorno della Memoria al fine di ricordare la Shoa, le leggi razziali, la persecuzione dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subito la deportazione, la prigionia, la morte, nonché coloro che si sono opposti al progetto di sterminio e, a rischio della propria vita, hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati.

4 Per gli ebrei in passato il termine olocausto veniva usato per indicare i sacrifici con cui gli animali venivano sacrificati interi. La popolazione ebraica è stata quasi completamente sterminata. Il termine olocausto(dal greco holos completo e kaustous rogo come nelle offerte sacrificali) venne introdotto alla fine del XX sec per riferirsi al tentativo compiuto dalla Germania nazista di sterminare tutti quei gruppi di persone ritenute indesiderabili

5 Il popolo ebraico, le cui origini sono antichissime, è sempre stato oggetto di persecuzioni immotivate e oltraggiose. Gli ebrei costituiscono una popolazione eterogenea per via della loro storia. Due grandi diaspore (dispersione, abbandono della propria terra) ne hanno determinato la diffusione in varie parti dEuropa, in Nord Africa, in Medio Oriente. L'intolleranza contro gli ebrei si è accentuata ai tempi delle crociate (secc. XI-XIII) con numerosi massacri e ha portato all'isolamento istituzionalizzato degli ebrei entro le città in appositi ghetti. Particolarmente dura è risultata l'azione persecutoria dell'Inquisizione spagnola, culminata con il bando dalla Spagna nel 1492, esteso anche (1496) agli ebrei convertiti (marrani). La Russia ha sottoposto le comunità ebraiche a persecuzioni durissime nel sec. XVII (i cosacchi massacrarono oltre ebrei in Ucraina), e ancora nel sec. XIX, quando sono stati oggetto di numerosi pogrom sobillati dalle stesse autorità. Molti sono fuggiti negli USA. Il sistematico sterminio degli ebrei europei è stato operato dal regime nazista

6 La dottrina politica nata col nome di nazionalsocialismo o nazismo, nacque in Germania dopo la prima Guerra Mondiale e si diffuse grazie all'amarezza per la sconfitta subita e le pesanti condizioni imposte dall'Intesa. Adolf Hitler nel suo libro "Mein Kampf" sostenne che solo un'organizzazione militare, fondata sulla fede e sull'obbedienza al capo supremo poteva realizzare la rinascita nazionale Le SS divennero da polizia di partito a gestori dell'apparato terroristico nazista, assumendo tra l'altro il controllo diretto dei campi di concentramento

7 I Campi di concentramento vengono costituiti quando uno Stato vuole esercitare una stretta sorveglianza su un considerevole numero di individui sia nazionali che stranieri. Fu la Germania nazional-socialista, prima e durante la seconda guerra mondiale, a dare ai campi di concentramento la sinistra fama che da allora conservano. I campi di concentramento nazisti furono istituiti in Germania nel 1933 con l'avvento di Hitler al potere, inizialmente con lo scopo di "rieducare" i tedeschi antinazisti: comunisti, socialdemocratici, obiettori di coscienza, ebrei. Nello stesso tempo i custodi dei campi, le "SS" acquistavano le qualità richieste per divenire dei capi, agendo con brutalità e assuefacendosi a una completa insensibilità morale e a un perfetto automatismo dell'obbedienza...

8 Dopo lo scoppio della Seconda Guera Mondiale (1 settembre 1939) i campi di concentramento nazisti furono ampliati e moltiplicati per raccogliere uomini, donne e bambini evacuati dai paesi d'origine: toccò prima ai polacchi, poi ai prigionieri di guerra russi e poi agli appartenenti ai movimenti di resistenza di tutti i paesi dell'Europa occupata, ma furono gli ebrei le vittime più numerose. I campi divennero immense riserve di manodopera servile, senza alcun diritto e continuamente rinnovabile che fu impiegata in attività di ogni genere.

9 GERMANIA: - Legge 15 settembre Protezione del sangue e dell'onore tedesco.Legge 15 settembre 1935 ITALIA: La necessità di una coscienza razziale in Italia.1936 ITALIA: - 14/25 luglio Manifesto degli scienziati razzisti.14/25 luglio 1938 ITALIA: - Legge 5 settembre Provvedimenti per la difesa della razzaLegge 5 settembre 1938 nella scuola fascista. ITALIA: - Legge 7 settembre Provvedimenti nei confronti degli ebreiLegge 7 settembre 1938 stranieri. ITALIA: - F.d'Ordine 26 ottobre Dichiarazione sulla razza approvataF.d'Ordine 26 ottobre 1938 dal Gran Consiglio del Fascismo. ITALIA: - Legge 15 novembre Testo Unico delle norme per la difesaLegge 15 novembre 1938 della razza nella Scuola Italiana. ITALIA: - Legge 17 novembre Provvedimenti a difesa della razzaLegge 17 novembre 1938 italiana. ITALIA: - Legge 29 giugno Esercizio delle professioni da parte deiLegge 29 giugno 1939 cittadini di razza ebraica. ITALIA: - 30 novembre Ordine d'arresto degli ebrei della Repubblica30 novembre 1943 Sociale Italiana.

10 BAUER Nel suo libro Bauer esprime il suo disprezzo per coloro che in questi decenni hanno continuato i massacri, anche solo non ricordando quegli anni. LILIANA SEGRE Nella sua testimonianza Liliana Segre ci fa partecipi delle sue domande, ovvero come fa un uomo a vivere sapendo che è una dei pochi sopravissuti al massacro. TESTIMONIANZE

11 Primo Levi Voi che vivete sicuri Nelle vostre tiepide case, Voi che trovate tornando a sera Il cibo caldo e visi amici: Considerate se questo è un uomo Che non Che lavora nel fango conosce pace Che lotta per mezzo pane Che muore per un si o per un no. Considerate se questa è una donna, Senza capelli e senza nome Senza piii forza di ricordare Vuoti gli occhi e freddo il grembo Come una rana d'inverno. Meditate che questo è stato: Vi comando queste parole. Scolpitele nel vostro cuore Stando in casa andando per via, Coricandovi alzandovi; Ripetetele ai vostri figli. O vi si sfaccia la casa, La malattia vi impedisca, I vostri nati torcano il viso da voi. Levi si chiede perché tanto odio. Non sopporta il ricordo del dolore, delle atrocità, delle nefandezze viste e subite. Allora grida al mondo intero: NON DIMENTICARE HOME

12 OLOCAUSTO IN ITALIA L olocausto in Italia provocò la morte di 8529 persone solo 7579 furono riconosciute. Arrestati e deportati6806 Arrestati e morti in Italia322 Arrestati e scampati4511 Totali7579

13 STATO DI PROVINIENZA POPOLAZIONE DEPORTATA NEL 43 EBREI UCCISI POLONIA RUSSIA ROMANIA UNGHERIA FRANCIA GERMANIA OLANDA LITUANIA ITALIA LETTONIA BELGIO JUGOSLAVIA GRECIA BULGARIA DANIMARCA TOTALE Uno, due, tre, quattro, cinque….un milione… Due milioni…

14 Abbiamo scelto di ricordare lolocausto attraverso alcune testimonianze e soprattutto la lettura del libroFuga dalla paura di Irena ed Hnryk Zeligoski perché, secondo noi, trasmettono sensazioni, emozioni forti che rendono la shoah incancellabile dalla mente. Non vogliamo che si dimentichi lorrore dellolocausto. Michele Sannino e Francesco Onofri 3 C


Scaricare ppt "Termine Testimonianze Il nazismonazismo Le leggi razziali Le deportazioni La storia A cura di Francesco Onofri e Michele Sannino 3ª C."

Presentazioni simili


Annunci Google