La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA CULTURA COMPLESSA DEL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE E DELLE SUE UNITÀ FUNZIONALI Giuseppe Corlito Coordinatore DSM ASL 9 di Grosseto CENTRO FRANCO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA CULTURA COMPLESSA DEL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE E DELLE SUE UNITÀ FUNZIONALI Giuseppe Corlito Coordinatore DSM ASL 9 di Grosseto CENTRO FRANCO."— Transcript della presentazione:

1 LA CULTURA COMPLESSA DEL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE E DELLE SUE UNITÀ FUNZIONALI Giuseppe Corlito Coordinatore DSM ASL 9 di Grosseto CENTRO FRANCO BASAGLIA Arezzo,

2 Corlito, Arezzo, Dal momento che lorganizzazione è collocata, in ultima analisi, nelle teste dei suoi membri, ogni cambiamento organizzativo, per essere efficace, deve prevedere anche adeguati cambiamenti culturali Gareth Morgan, Images of Organization, 1986

3 Corlito, Arezzo, Cultura e organizzazione Morgan, nel suo libro definito seminale, cioè che lascia il segno (M. Balducci, 1995), Images, Le metafore dellorganizzazione, definisce la cultura una traslazione metaforica del concetto di coltivazione, del processo di cura e di sviluppo del terreno. Quando si parla di cultura, ci si riferisce al modello di sviluppo rispecchiato nel sistema di conoscenze di una società, nella sua ideologia, nei suoi valori, nel suo diritto, nei suoi riti quotidiani Quando si parla di cultura, dunque, si utilizza una vecchia metafora agricola allo scopo di guidare la nostra attenzione verso aspetti peculiari dello sviluppo sociale (p. 137, edizione italiana).

4 Corlito, Arezzo, La cultura organizzativa Quindi, quando usiamo il termine cultura organizzativa, utilizziamo una metafora complessa e continuata (in senso retorico unallegoria), che ci permette di pensare ai gruppi organizzati (anche i nostri servizi) non come a macchine, ma come organismi viventi tipicamente umani e sociali, che nascono e si sviluppano, con un sistema di valori propri, storicamente determinato e condiviso, che si adatta e modifica lambiente in cui si trova. In altri termini essi sono ecosistemi aperti al mondo esterno (=società) con proprie risorse e proprie dinamiche di sviluppo.

5 Corlito, Arezzo, Culture e sottoculture Sostiene sempre Morgan: Linfluenza dellambiente culturale difficilmente è uniforme. Così come gli individui che vivono in una cultura hanno personalità differenti anche se hanno molti valori in comune, anche i gruppi e le organizzazioni possono variare pur restando nellambito della stessa cultura. Con letichetta cultura aziendale di riferiamo a questo fenomeno. Le organizzazioni sono microsocietà, ognuna delle quali ha un suo modello caratteristico di cultura e di sottoscultura (p ). La realtà organizzativa appare più un mosaico piuttosto che come una cultura aziendale uniforme …la maggior parte delle organizzazioni … si presentano come un insieme di sottoculture professionali diverse che hanno molte difficoltà a comunicare (p. 156). Ciò vale particolarmente per il campo della salute mentale per ragioni teoriche, storiche ed organizzative.

6 Corlito, Arezzo, La collocazione epistemologica della psichiatria Scienze della naturaScienze delluomo MedicinaPsichiatria

7 Corlito, Arezzo, Il campo interdisciplinare della salute mentale Scienze della naturaScienze delluomo Psicologia Psichiatria Scienze sociali Infermieristica per la salute mentale Scienze delleducazione Neuropsichiatria infantile Le scienze della salute mentale

8 Corlito, Arezzo, Modello bio-psico-sociale Sfera biologica Sfera psicologica Sfera sociale Modello etiologico multifattoriale

9 Corlito, Arezzo, Una cultura condivisa del Dipartimento di salute mentale Un organico definito e unitario Un piano di formazione unico

10 Corlito, Arezzo, I cambiamenti epidemiologici Medicina Generale 22% 1,5% Comunità 20-30% DSM 1,5%

11 Corlito, Arezzo, PREVALENZA TRATTATA UN ANNO PER RAGGRUPPAMENTI DIAGNOSTICI Rilevazione 2003 Asl 6Asl 8Asl 9Asl 10Totale su ab. adulti

12 Corlito, Arezzo, DSM e unità delle cure primarie Unità delle cure primarie DSM Servizio di consulenza Consulenza psicologica Gruppo alla Balint e formazione a cascata

13 Corlito, Arezzo, Lanalisi culturale dellorganizzazione Dice ancora Morgan (p.149): uno dei modi più semplici per capire la natura di una cultura o di una subcultura è rappresentato semplicemente dallosservare il funzionamento quotidiano del gruppo o dellorganizzazione a cui apparteniamo come se fossimo degli estranei. Si tratta, in buona sostanza, di comportarci come se fossimo degli antropologi. Le caratteristiche della cultura che viene osservata emergeranno mano a mano che si scopriranno i modelli interattivi esistenti tra gli individui, il linguaggio usato, le immagini utilizzate come metafore e gli argomenti di conversazione nonché i vari rituali della vita quotidiana. Alla loro base ci sono spiegazioni storiche molto precise Esaminiamo riti e miti come portatori della cultura organizzativa

14 Corlito, Arezzo, Miti Sappiamo dalla storia, dalla letteratura, dalletnografia (e più recentemente dai teorici della terapia familiare) che i miti sono idealizzazioni (più o meno spontanea) di un fatto o di unistituzione o di un evento (Berardi, 1967), che subiscono una trasformazione leggendaria, e stimolano per tale via il sentimento e la fantasia degli uomini, sì da influire, sia pure in modo indiretto, su determinati atteggiamenti intellettuali, emotivi e pratici. I miti sogno, quindi, potenti vettori di cultura lungo le generazioni. Ad es. ogni servizio ha un suo mito fondativo, che spesso è nascosto nella cornice organizzativa, di cui chi viene da fuori non si rende subito conto (una sorta di genius loci)

15 Corlito, Arezzo, Riti Come i miti, i riti sono spesso inseriti nella stessa struttura formale dellorganizzazione, come nel caso della riunione settimanale con il presidente (Morgan, p. 152) Perfino la configurazione di una stanza di riunione vuota può dirci qualcosa della cultura generale dellorganizzazione, dal momento che le stanze per riunioni spesso rispecchiano e riproducono le strutture interattive attese dallorganizzazione (p. 166) (ad es. le stanze ordinate e quelle caotiche)

16 Corlito, Arezzo, La cultura come sistema di significati condivisi Gli slogan, lutilizzo di un linguaggio suggestivo, i simboli, le storielle, i miti, le cerimonie, i riti e i modelli di comportamento per così dire tribali che decorano la superficie della vita organizzativa rappresentano semplicemente dei fenomeni esterni che ci fanno capire che esiste, dietro di loro, un sistema di significati molto più profondo e pregnante. Cercare di capire le organizzazioni in quanto sistemi culturali significa capire come questo sistema di significati sia creato e mantenuto, sia nei suoi aspetti esteriori che in quelli più profondi (Morgan, p. 164)

17 Corlito, Arezzo, LE RAGIONI DI UNA FILOSOFIA ORGANIZZATIVA

18 Corlito, Arezzo, La relazione di comunità I Lo spazio definito come relazione di comunità si configura come la relazione tra il sistema servizio e il sistema comunità. Il primo può essere inteso come sistema di gruppi pluridisciplinari (equipe). Il secondo può essere inteso come sistema di gruppi sociali di appartenenza in primo luogo le famiglie

19 Corlito, Arezzo, La relazione di comunità II Secondo i principi del lavoro di rete ci deve essere: Il coordinamento e la cooperazione degli operatori (lavoro di equipe) Il coordinamento e la cooperazione con le famiglie e i gruppi di appartenenza I due sistemi di gruppi così coordinati devono cooperare tra loro

20 Corlito, Arezzo, La relazione di comunità III La relazione di comunità implica due conseguenze: Il funzionamento degli operatori come gruppo La continuità terapeutica, cioè la continuità della relazione con i singoli, le famiglie e i gruppi sociali.

21 Corlito, Arezzo, Il presidio del percorso assistenziale Assesment diagnostico Psicofar- macologia Ristruttura -zione cognitiva SPDC Rischio suicidario Psicoeduca- zione D Gruppo di auto-aiuto Attività volontaria Gruppo di lavoro pluridisciplinare CM Medicina generale

22 Corlito, Arezzo, Il modello toscano: la rete Continuità terapeutica (rete dei presidi) Gruppo di lavoro multiprofessionale SPDC C T S R C D APP. AS. C S M COMUNITÀ Op. sanitari Op. sociali EQUIPE RETE SOC. INFORMALE RETE SOC. FORMALE PROGETTO INDIVIDUALIZZATO Modificata da Sirianni,

23 Corlito, Arezzo, Sviluppare il capitale sociale Putnam, sociologo americano nel 1993 – in base ad una ricerca sul modello di sviluppo toscano, ha definito il capitale sociale come linsieme di quegli elementi dellorganizzazione sociale – come la fiducia, le norme condivise, le reti sociali – che possono migliorare lefficienza della società nel suo insieme, nella misura in cui facilitano lazione coordinata degli individui Credo che noi dobbiamo contribuire allo sviluppo del capitale sociale toscano, sviluppando la rete formale dei servizi in collaborazione con le risorse della rete informale.

24 Corlito, Arezzo, Il cambiamento organizzativo Tradizionalmente, il processo di cambiamento è stato concepito come un problema relativo al cambiamento delle tecnologie, di strutture nonché al cambiamento delle professionalità e della motivazione dei dipendenti. Mentre tutto ciò resta in parte corretto, la possibilità di dar vita ad un cambiamento efficace dipende dalla capacità di cambiare i concetti e i valori che stanno alla base dellattività dellorganizzazione Evidenziando il fatto che lorganizzazione si basa in grande misura sui sistemi condivisi di interpretazione che informano lazione, la metafora culturale mette a nudo limportanza che riveste la cultura aziendale come viatico per la realizzazione dellattività organizzativa desiderata (Morgan, p.170)

25 Corlito, Arezzo, Due possibili soluzioni La sanitarizzazione del malessere Uso massiccio degli psicofarmaci Oblio di massa La prevenzione del disagio psichico Servizi di comunità dipartimentali Spostamento dallottica terapeutico- riabilitativa a quella preventivo- terapeutica

26 Corlito, Arezzo, Unaltra conclusione Siccome in termini sociologici la cultura può essere concepita come un processo di attivazione di una realtà condivisa, che non solo si adatta allambiente, ma può modificarlo, dobbiamo pensare che ladozione di un nuovo costrutto sociale, (non solo nelle nostre menti, ma nellinsieme condiviso e fattuale di regole, di norme e di comportamento) può modificare la situazione critica in cui ci troviamo Allora è necessario sostenere con forza il passaggio dal modello terapeutico-riabilitativo a quello preventivo!


Scaricare ppt "LA CULTURA COMPLESSA DEL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE E DELLE SUE UNITÀ FUNZIONALI Giuseppe Corlito Coordinatore DSM ASL 9 di Grosseto CENTRO FRANCO."

Presentazioni simili


Annunci Google