La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

POLIZIA DI STATO QUESTURA DI PIACENZA Squadra Mobile.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "POLIZIA DI STATO QUESTURA DI PIACENZA Squadra Mobile."— Transcript della presentazione:

1 POLIZIA DI STATO QUESTURA DI PIACENZA Squadra Mobile

2 PAURA-RESPONSABILITA

3 PUBBLICO UFFICIALE e INCARICATO DI PUBBLICO SERVIZIO * ART.357 C.P. (pubblico ufficiale) chi esercita una pubblica funzione legislativa, giudiziaria, o amministrativa, quindi oltre alle FF.OO. per esempio i dirigenti scolastici sono considerati P.U. mentre i docenti sono P.U. quando compiono attività amministrativa come la valutazione degli alunni; chi esercita una pubblica funzione legislativa, giudiziaria, o amministrativa, quindi oltre alle FF.OO. per esempio i dirigenti scolastici sono considerati P.U. mentre i docenti sono P.U. quando compiono attività amministrativa come la valutazione degli alunni; * ART. 358 C.P. (incaricato di un pubblico servizio) chi a qualunque titolo esercita un pubblico servizio, con esclusione dello svolgimento di semplici mansioni di ordine e della prestazione di opera meramente materiale, ad esempio i docenti sono incaricati di pubblico servizio quando svolgono lattività didattica che non comporta di per se, lesercizio di alcun potere autoritativo. chi a qualunque titolo esercita un pubblico servizio, con esclusione dello svolgimento di semplici mansioni di ordine e della prestazione di opera meramente materiale, ad esempio i docenti sono incaricati di pubblico servizio quando svolgono lattività didattica che non comporta di per se, lesercizio di alcun potere autoritativo.

4 OBBLIGO DELLA DENUNCIA Preliminarmente si sottolinea il dovere, sanzionato penalmente (artt. 361 – 362 c.p.), dei pubblici ufficiali o incaricati di pubblico servizio (es. assistenti sociali, insegnanti, educatori, operatori di comunità, medici e psicologi, ecc.) di segnalare e denunciare senza ritardo ogni ipotesi di reato procedibile dufficio, di cui vengano a conoscenza nellesercizio o a causa del loro servizio: informazioni ricevute dal minore, dai familiari, da compagni/e del minore o da terzi in contatto con lo stesso, scritti o altro. Inoltre la mancata segnalazione di situazioni pregiudizievoli costituisce altresì lipotesi delittuosa dellomissione di atti dufficio (art. 328 c.p.). Inoltre la mancata segnalazione di situazioni pregiudizievoli costituisce altresì lipotesi delittuosa dellomissione di atti dufficio (art. 328 c.p.).

5 DEFINIZIONE Principali forme di violenza Violenza fisica = atti che producono lesioni fisiche. Violenza sessuale = atti coinvolgenti la vittima e finalizzati a gratificare sessualmente lautore e/o procurargli benefici economici (pornografia, prostituzione, altre forme di sfruttamento sessuale). Violenza psicologica = (nelle varie forme) = azioni od omissioni idonee a causare alterazioni di tipo comportamentale, cognitivo ed affettive od altri disordini mentali. Violenza economica = controllo e limitazione dellautonomia economica, che si manifesta nel costringere le donne a non lavorare, sottrarre loro lo stipendio, verificare i loro conti bancari negando loro qualsiasi accesso diretto al denaro e al patrimonio comune.

6 NORME GIURIDICHE PRINCIPALI Codice penale Art. 388 (mancata esecuzione dolosa di un provvedimento del giudice) querela Art. 612 (minaccia) querela / dufficio se grave Art. 594 (ingiuria) querela Art. 581 (percosse) querela Art. 582 (lesioni) querela / dufficio se supera i 20 gg. o con armi Art. 612 bis (atti persecutori / stalking) querela magg. / dufficio min. Art. 610 (violenza privata) dufficio Art. 609 bis (violenza sessuale) querela magg. / dufficio min. Art. 609 quater (atti sessuali con minorenne) dufficio

7 Segnalazione o Denuncia La segnalazione e la denuncia rappresentano il primo concreto gesto daiuto grazie al quale si offre la possibilità di affrontare situazioni talvolta molto gravi rispetto alle quali è possibile formulare ipotesi di pregiudizio. rappresentano il primo concreto gesto daiuto grazie al quale si offre la possibilità di affrontare situazioni talvolta molto gravi rispetto alle quali è possibile formulare ipotesi di pregiudizio.

8 SEGNALAZIONE È indicata quando ci si trova di fronte a minori che presentano un disagio comportamentale, emotivo, che necessiti di essere approfondito. Può avvenire con il coinvolgimento della famiglia, o senza, nei casi in cui si ravvisino gli estremi di una condizione di pregiudizio per il minore. Può avvenire con il coinvolgimento della famiglia, o senza, nei casi in cui si ravvisino gli estremi di una condizione di pregiudizio per il minore.

9 DENUNCIA Va fatta quando la situazione rilevata presenta elementi tali da fare ritenere certa o ragionevolmente probabile lesistenza di un reato perseguibile dufficio, come tutti i reati sessuali che si verificano a danno di minori o i maltrattamenti e reati connessi.

10 RESPONSABILITA GERARCHICHE Sarà compito del singolo operatore vigilare sullopportunità che, in taluni casi, la denuncia o la segnalazione vengano presentate dai superiori gerarchici (direttori didattici, presidi, dirigenti scolastici), al fine di evitare il rischio dipersonalizzazioni; non si ritiene altresì sufficiente consigliare il privato, che costituisce la fonte delloperatore, di fare denuncia per assolvere lobbligo stabilito dalla legge, essendo noto che molti privati si astengono dal presentare denuncia.

11 INTERVENTO Chi si trova di fronte ad una vittima (anche minore) con lesioni gravi o segni di maltrattamento, persistenti nel tempo e non giustificati, si attiverà, in particolar modo se ci si trova in ambito scolastico, chiedendo lintervento dei Servizi Sanitari Territoriali di Emergenza (118) e se necessario, degli Organi di Polizia competenti territorialmente. E complementare a quanto sopra citato, che gli stessi pubblici ufficiali o incaricati di pubblico servizio, in ambito scolastico nel caso di minori, sono anche tenuti a segnalare ai Servizi Socio-Sanitari territorialmente competenti, le situazioni di più lieve entità (es. lesioni lievi, trascuratezza o altro).

12 COME SEGNALARE O DENUNCIARE Un primo contatto con le Istituzioni può avvenire anche telefonicamente; è tuttavia importante un incontro diretto che consenta di formalizzare al meglio la SEGNALAZIONE rendendola più efficace: gli operatori preposti allaccoglienza della segnalazione raccoglieranno le informazioni essenziali. La fattiva collaborazione tra alcune Istituzioni, in particolare tra lIstituzione scolastica e i Servizi Sociali, può costituire un elemento di facilitazione allo scambio tempestivo di informazioni relative ai casi di pregiudizio. La DENUNCIA è più opportuno formalizzarla in forma scritta, anche nellipotesi in cui lautore del reato non sia conosciuto, ed anche in questo caso, quanto prima viene presentata tanto più tempestive ed efficaci saranno avviate le indagini utili ad identififcarlo.

13 A CHI SEGNALARE O DENUNCIARE Per una SEGNALAZIONE occorre rivolgersi ai Servizi Sociali, alle FF.OO., al 113 / 112 per i casi durgenza. Per effettuare una DENUNCIA è possibile rivolgersi alle FF.OO., al 113 / 112 per i casi durgenza oppure anche direttamente alla Procura Ordinaria o Minorile.

14 SEGRETEZZA DELLA SEGNALAZIONE / DENUNCIA Lesigenza di agire, specie nella primissima fase delle indagini, con la massima tempestività, segretezza e sinergia, impone di evitare attività ed iniziative che mettano a conoscenza gli indagati (o le persone a loro vicine) dellesistenza di una denuncia o comunque di indagini in corso; tale esigenza è tanto più importante in quanto nella presente materia, per sua natura povera di riscontri oggettivi, gli atti a sorpresa, se fatti in un momento in cui lindagato non è ancora a conoscenza dellindagine, possono essere decisivi.

15 COSA SUCCEDE A CHI SEGNALA O DENUNCIA I dati e le informazioni relative alla segnalazione vengono utilizzati con cura, mantenendo la riservatezza. Il rapporto tra il segnalante e le Istituzioni si POTREBBE concludere nel momento stesso della segnalazione e POTREBBE rimanere quale primo e unico incontro, non prevedendo un momento di restituzione. Tale modalità è da ritenersi quale forma di tutela nei confronti del dei soggetti coinvolti. In particolari situazioni, al segnalante può essere chiesto un coinvolgimento ulteriore: si tratta dei casi in cui viene riconosciuto utile quale fonte di informazione per le indagini. Pertanto, in considerazione dellimportanza attribuita al caso e dellobbiettivo che si persegue, si auspica che la risposta possa essere di piena collaborazione.

16 POSSIBILI EVENTI SUCCESSIVI ALLA SEGNALAZIONE / DENUNCIA andranno segnalate, con pari tempestività, eventuali pressioni o minacce di cui siano fatti oggetto sia il minore che coloro che se ne occupano, onde consentire ladozione di adeguati provvedimenti di tutela; è importante che chi tutela il minore sia e si senta a sua volta tutelato.

17 ASPETTI EMOTIVI DELLINSEGNANTE E possibile che lInsegnante arrivi a non considerare la situazione per: paura delle conseguenze che un proprio intervento potrebbe produrre nella vita del minore e del coinvolgimento personale che richiederebbe, attribuendo a tali conseguenze significati e dimensioni spesso molto più grandi di quelle reali; paura di sbagliare, segnalando un caso che potrebbe rivelarsi infondato; paura di ritorsioni sulla propria persona o sui propri cari da parte della famiglia del minore vittima.

18 COME PARLARE NEL MODO GIUSTO CON LE VITTIME DEI REATI (CAPIRE E FARSI CAPIRE) FORNIRE GIUSTE INFORMAZIONI ASCOLTARE - SENZA INVESTIGARE

19 ACCOGLIENZA DARE INFORMAZIONI SIGNIFICA AUMENTARE LA SICUREZZA PERCEPITA DAI CITTADINI, QUANDO UN SOGGETTO SI RIVOLGE ALLE FORZE DELLORDINE O AD ALTRE FIGURE DI RIFERIMENTO E TROVA QUALCUNO CAPACE DI DIALOGARE NEL MODO MIGLIORE LO AIUTIAMO A SENTIRSI PIU SICURO. DARE INFORMAZIONI SIGNIFICA AUMENTARE LA SICUREZZA PERCEPITA DAI CITTADINI, QUANDO UN SOGGETTO SI RIVOLGE ALLE FORZE DELLORDINE O AD ALTRE FIGURE DI RIFERIMENTO E TROVA QUALCUNO CAPACE DI DIALOGARE NEL MODO MIGLIORE LO AIUTIAMO A SENTIRSI PIU SICURO.

20 A VOLTE BASTANO POCHE REGOLE DA USARE QUANDO CI SI TROVA DI FRONTE AD UNA VITTIMA DI REATO E QUELLA FONDAMENTALE E LA PAZIENZA, SE DALLALTRA PARTE NON TROVIAMO UNA PERSONA RASSICURANTE O TROVIAMO UNA PERSONA DISINTERESSATA NASCE LA DEMOTIVAZIONE E SCONFORTO CON IL RISCHIO DI CHIUSURA E RITORNO NEL PROPRIO INCUBO. A VOLTE BASTANO POCHE REGOLE DA USARE QUANDO CI SI TROVA DI FRONTE AD UNA VITTIMA DI REATO E QUELLA FONDAMENTALE E LA PAZIENZA, SE DALLALTRA PARTE NON TROVIAMO UNA PERSONA RASSICURANTE O TROVIAMO UNA PERSONA DISINTERESSATA NASCE LA DEMOTIVAZIONE E SCONFORTO CON IL RISCHIO DI CHIUSURA E RITORNO NEL PROPRIO INCUBO.

21 LE VITTIME DI REATO SI TROVANO SPESSO IN PREDA AL TERRORE, IL NOSTRO COMPITO PRIMA DI TUTTO E QUELLO DI TROVARE IL MODO DI COMUNICARE CON LORO E DI ENTRARCI IN SINTONIA, FARLI SENTIRE ACCOLTI, SENZA GIUDICARLI IN QUANTO SPESSO NUTRONO UN SENSO DI COLPA. LE VITTIME DI REATO SI TROVANO SPESSO IN PREDA AL TERRORE, IL NOSTRO COMPITO PRIMA DI TUTTO E QUELLO DI TROVARE IL MODO DI COMUNICARE CON LORO E DI ENTRARCI IN SINTONIA, FARLI SENTIRE ACCOLTI, SENZA GIUDICARLI IN QUANTO SPESSO NUTRONO UN SENSO DI COLPA.

22 COMPETENZE ISTITUZIONALI Gli eventi riscontranti situazioni di reato o di disagio coinvolgono molte Istituzioni, ciascuna con competenze specifiche e definite. Per un effettiva tutela della vittima è quindi importante lavorare in forma coordinata e sinergica: tale collaborazione necessita di prassi comuni e un integrato lavoro di rete.


Scaricare ppt "POLIZIA DI STATO QUESTURA DI PIACENZA Squadra Mobile."

Presentazioni simili


Annunci Google