La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Agli inizi del 1998, il Centro nazionale di documentazione ed analisi per linfanzia e ladolescenza di Firenze, per sostenere lattuazione della legge n.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Agli inizi del 1998, il Centro nazionale di documentazione ed analisi per linfanzia e ladolescenza di Firenze, per sostenere lattuazione della legge n."— Transcript della presentazione:

1 Agli inizi del 1998, il Centro nazionale di documentazione ed analisi per linfanzia e ladolescenza di Firenze, per sostenere lattuazione della legge n. 285/97 Disposizioni per la promozione di diritti e di opportunità per linfanzia e ladolescenza, ha realizzato un manuale di orientamento alla progettazione degli interventi previsti dalla legge. Per favorire lapplicazione della legge 285/97 nel secondo triennio è stato predisposto un nuovo manuale di orientamento alla progettazione che intende promuovere lo sviluppo della logica di piano per realizzare un programma di intervento organico e partecipato in favore dellinfanzia e delladolescenza. La nuova progettazione della L. 285/97: metodi e prospettive

2 Il calamaio e larcobaleno suggerisce un percorso di progettazione partecipata, offre dei riferimenti culturali, normativi, bibliografici, desperienza che possono aiutare gli ambiti territoriali e le città riservatarie a dare continuità allattuazione della legge. Più che un manuale è un sussidiario in cui non cè tutto ma di tutto, ordinato secondo una logica coerente ma non rigida, aperta, che offre stimoli. Il manuale si può leggere: in modo lineare, che permette la conoscenza e lapprofondimento per ogni singola fase del percorso di progettazione del piano territoriale con un approccio tematico, per cogliere le implicazioni di uno specifico punto di vista, di una dimensione importante nella costruzione e nella gestione del piano e dei progetti attraverso lorganizzazione reticolare, saltando da un punto allaltro del manuale, costruendo un proprio itinerario di lettura che risponda meglio alle esigenze personali e del territorio Per questo il manuale è stato integrato da un CD ROM, uno strumento-oggetto che non è la semplice riproposizione informatica del testo su carta, ma che sfrutta le possibilità del computer e permette di cogliere meglio la connessione tra le fasi e gli approfondimenti, tra materiali e parole.

3 I contenuti Limpostazione generale del testo è quella di un libro con un filo conduttore rappresentato dal "percorso", cioè da tutte le fasi del piano territoriale (su fondo bianco, la sintesi dei sette colori dellarcobaleno), su cui si innestano gli approfondimenti tematici (i sette colori) che sviluppano, dal proprio punto di vista, aspetti particolari di quella specifica fase. In questo modo si determinano anche altri percorsi, uno per ogni colore, che possono essere anche letti uno di seguito allaltro, in maniera svincolata dalle fasi del piano. Anche graficamente è stata cercata una forma che tenesse insieme il percorso generale, i percorsi dei colori, le fasi nella loro unitarietà e concatenazione.

4 Il Percorso: le fasi del piano 1. Indirizzi e priorità per la nuova programmazione 2. Lavvio della programmazione 3. Lambito territoriale 4. I contenuti del piano territoriale 5. Laccordo di programma 6. I progetti 7. I finanziamenti 8. La gestione 9. La documentazione 10. Il monitoraggio, la verifica e la valutazione

5 Gli approfondimenti Gli approfondimenti rappresentano le indispensabili integrazioni delle fasi della costruzione-gestione del piano territoriale (e dei singoli progetti esecutivi), hanno una loro logica interna e un filo colorato che li distingue, ma che li collega tra di loro. Idee Sono approfondimenti culturali che, centrati sulla legge 285/97, cercano di sviluppare un pensiero coerente rispetto alla progettazione sociale, al welfare, al territorio, alla burocrazia, allorganizzazione dei servizi, alla documentazione- monitoraggio-valutazione. Norme Sono approfondimenti di tipo legislativo e normativo, in senso lato, collegati alla legge 285/97: dalla legge ai suoi collegati, dalla legge 451/97 al Piano di azione del Governo, dalla Convenzione Onu per linfanzia alle leggi regionali, agli strumenti legislativi per la gestione dei progetti previsti dalla legge 142/90 alle ultime riforme che intendono migliorare lorganizzazione amministrativa ai diversi livelli. Metodi e tecniche Vengono presentati spunti, strumenti e materiali per gestire le diverse fasi del piano e dei progetti. I settori possono essere anche molto diversi fra loro, ma si è cercato di esprimere, e aiutare, la concretezza della progettazione ai diversi livelli del piano territoriale.

6 Dal primo triennio La nuova programmazione territoriale della legge si innesta su una storia già iniziata, di cui occorre fare memoria e tesoro per confermare e sviluppare gli aspetti positivi emersi nel primo triennio di attuazione e per mettere in guardia da rischi e pericoli in questa seconda fase, evidenziando le dimensioni negative rilevate nella prima attivazione. Bibliografia È una sezione in cui, sempre per ogni fase del percorso si raccolgono le indicazioni bibliografiche relative sia al percorso che ai diversi approfondimenti; è un invito ad approfondire per capire meglio. Esperienze Nella prima attuazione della legge 285/97 le Regioni, le 15 città riservatarie e gli ambiti territoriali hanno maturato esperienze che possono essere utili a tutti per la nuova programmazione. Nellapprofondimento si tengono insieme le due anime dellazione sociale: quella "calda" della narrazione dei diversi soggetti coinvolti nella programmazione della legge e quella "fredda", ma ugualmente utile, dellanalisi di tendenze ed esperienze rilevate nelle fasi di progettazione. Taglio basso Ad altezza di bambino: è una sezione che vuole proporre la centralità dei bambini e dei ragazzi nella legge 285/97 "guardando con gli occhi di bambino" tutte le fasi del percorso di progettazione del piano. Si cerca di individuare limpatto possibile di quellevento sulla condizione dellinfanzia e delladolescenza e di cogliere il modo di sviluppare quella fase più rispettoso di esigenze e diritti dei bambini.

7 Rispetto alle prospettive della legge 285/97 presentate nella Relazione 1999 al Parlamento la nuova progettualità dovrà, tra laltro, realizzare i seguenti obiettivi: Individuare strumenti per consolidare e stimolare la mobilitazione di tutte le risorse comunque organizzate sul territorio, sempre nel contesto delle responsabilità degli enti locali. Dare continuità agli interventi avviati dalla prima attuazione della legge 285/97, perseguendo il miglioramento delle collaborazioni tra soggetti istituzionali diversi per quanto riguarda la pianificazione e il lavoro di rete tra gli operatori per la progettazione e la gestione. Costruire nuovi strumenti che accompagnino la seconda fase di progettazione, con il coinvolgimento delle esperienze realizzate a livello territoriale. Trovare le forme per far confluire lapplicazione della legge 285/97, pur salvaguardando la sua globalità e peculiarità, nellinsieme più generale dei processi di programmazione e gestione dei servizi sociali, educativi, sanitari, per non ridurla ad intervento straordinario ed eccezionale. Raccordare gli impegni, le iniziative e i prodotti, tra i centri di documentazione e analisi regionali e tra questi e le attività del Centro nazionale, anche per sostenere lindividuazione delle priorità verso cui indirizzare lazione. Consolidare i processi formativi avviati, a livello nazionale e interregionale, anche in relazione a nuove competenze da impegnare in interventi innovativi. Individuare e sperimentare modelli di monitoraggio e di valutazione adeguati a qualificare gli interventi realizzati nellambito della legge 285/97, non tanto per la giustificazione della spesa sostenuta quanto per la validità dellimpatto sociale sulla condizione dellinfanzia e delladolescenza e sulla società tutta. Lindividuazione di questi obiettivi sottolinea lattenzione a una forte integrazione tra il primo e il secondo piano, e ad un miglioramento della modalità progettuale.

8

9 0. Ambito territoriale di intervento Ente Capofila Referente politico Referente amministrativo Referente tecnico Traccia possibile di Piano territoriale di intervento - triennio: Procedure attivate per la predisposizione del Piano territoriale L. 285/97 Conferenze dei servizi Partecipanti di enti pubblici e di enti privati Iniziative di coordinamento della pianificazione Tipologia iniziative: Partecipanti: Iniziative informative Tipologia iniziative: Iniziative formative Tipologia iniziative: Iniziative e modalità di raccordo con altri servizi o settori della pubblica amministrazione Tipologia iniziative:

10 2. Presentazione del Profilo di comunità Riportare sintesi delle mappe territoriali su: Dati generali sullinfanzia e sulladolescenza in relazione a tutta la popolazione del territorio; Bisogni dellinfanzia e delladolescenza (rilevati, indagati, stimati) con lindicazione delle maggiori problematiche rilevate; Servizi presenti sul territorio per linfanzia e ladolescenza (sociali, educativi, formativi, sanitari, culturali, assistenziali, sportivi ecc.); Risorse presenti sul territorio per linfanzia e ladolescenza (istituzioni pubbliche, enti, associazioni, cooperative sociali, volontariato...). 3. Analisi stato di attuazione dei Progetti L. 285/97 triennio Progetti esecutivi approvati nel Piano territoriale Progetti esecutivi attivati dallapprovazione del Piano territoriale Sintesi degli obiettivi e dei risultati conseguiti con lapplicazione del primo triennio della L. 285/97 Continuità tra primo e secondo triennio della progettazione L. 285/97 Progetti che si intende riproporre nella seconda triennalità: per dare continuità; per allargare il campo di azione Sintesi dei motivi che spingono alla riproposizione dei progetti nel secondo triennio della L. 285/97

11 4. Obiettivi e priorità generali del triennio Sintesi degli obiettivi generali del Piano territoriale L. 285/ e raccordo con gli indirizzi regionali: Sintesi delle priorità e degli obiettivi specifici del Piano territoriale L. 285/ : Scansione temporale e misurabilità (dal punto di vista economico e del risultato raggiunto - indicatori) degli obiettivi del Piano territoriale L. 285/ : 5. Accordo di programma e Gestione del Piano territoriale Enti sottoscrittori: Responsabilità Compiti Funzioni Impegni Collegio di vigilanza: Composizione Compiti Tempi e modalità di funzionamento Gruppo Tecnico Territoriale: Composizione Compiti Tempi e modalità di funzionamento Conferenza dei servizi: Composizione Tempi e modalità di funzionamento Modalità di verifica attuazione piani Modalità di eventuale ridefinizione progetti esecutivi

12 6. Progetti esecutivi del Piano territoriale Progetti esecutivi distinti per tipologia prevalente di riferimento secondo articolato L. 285/97: Numero interventi in cui sono articolati i Progetti esecutivi: Soggetti esecutori degli interventi in cui sono articolati i Progetti esecutivi: Progetti esecutivi distinti per tipologia prevalente dei destinatari: Progetti esecutivi distinti per tipologia prevalente delle risorse umane coinvolte (previsione): Risorse umane Professionalità Operatori pubblici (dipendenti)Operatori sociali Operatori pubblici (professionisti convenzionati)Operatori educativi Operatori di enti convenzionatiOperatori sanitari Operatori del volontariatoAltri specialisti Altri generici Amministrativi Progetti esecutivi distinti per bacino di intervento: Subcomunale Comunale Sovracomunale (ma non di ambito) Ambito Tempi di attuazione dei Progetti esecutivi: Annuale Biennale Triennale

13 7. Dimensioni finanziarie del Piano territoriale Entrate totali previste dal Piano territoriale L. 285/97 distinte per tipologia Riepilogo dei Progetti esecutivi: Quota fondo L. 285/97 richiesto alla Regione Cofinanziamento da Unione Europea Cofinanziamento da Leggi nazionali Cofinanziamento da Leggi reionali Cofinanziamento da EE.LL. dellAmbito territoriale Altre entrate relative al Piano territoriale (specificare) Distribuzione entrate previste per anno di competenza Spese totali previste dal Piano territoriale L. 285/97 distinte per tipologia Riepilogo dei Progetti esecutivi: Personale Dipendente Enti Pubblici Personale Convenzionato Strutture, immobili, macchinari ed impianti Materiali diversi Spese generali di gestione Spese per formazione (escluso personale) Spese per ricerca (escluso personale) Altre spese (specificare) Altre entrate relative al Piano territoriale (specificare) Distribuzione uscite previste per anno di competenza

14 La speranza è che, leggendo il calamaio e l arcobaleno, a molti, adulti e bambini, venga la voglia di giocare a facciamo che noi facevamo la legge 285


Scaricare ppt "Agli inizi del 1998, il Centro nazionale di documentazione ed analisi per linfanzia e ladolescenza di Firenze, per sostenere lattuazione della legge n."

Presentazioni simili


Annunci Google