La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

COSMESI NATURALE: IL SIGNIFICATO DEI TERMNI ED IL LORO CORRETTO UTILIZZO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "COSMESI NATURALE: IL SIGNIFICATO DEI TERMNI ED IL LORO CORRETTO UTILIZZO."— Transcript della presentazione:

1 COSMESI NATURALE: IL SIGNIFICATO DEI TERMNI ED IL LORO CORRETTO UTILIZZO

2 COSMESI NATURALE (O A BASE NATURALE ?) Prodotto naturale = dicitura quasi sempre scorretta, trattandosi di prodotti a base naturale Prodotto vegetale = deve identificare esclusivamente una materia prima vegetale (erba aromatica, estratto, olio, ecc.) semplice o composta, ma vegetale al 100 %

3 I TERMINI SCIENTIFICI : USO E ABUSO Logia = studio Eco – logia = studio dellambiente Bio – logia = studio dei fenomeni comuni a tutti gli esseri viventi Biodegradabilità = possibile scomposizione di un composto organico inquinante in altri composti poco inquinanti o totalmente non inquinanti: totalmente non inquinanti: biodegradabilità primaria e biodegradabilità primaria e secondaria secondaria

4 Viscosità = velocità di scorrimento di un fluido Densità = rapporto tra la massa di un corpo omogeneo e la massa di un ugual volume di una sostanza di riferimento Viscosità = proprietà dei fluidi che indica la resistenza allo scorrimento Concentrazione = rapporto tra la quantità del componente preso in esame rispetto alla quantità totale Monitoraggio = controllo frequente e rilevamento dellandamento di un fenomeno fisico, chimico, ecc. Cosmetico biologico = dicitura errata: soltanto in campo alimentare si può parlare di prodotto da agricoltura biologica dal 1991 quando fu pubblicato il primo Regolamento Europeo Reg. (CEE) n. 2092/91

5 REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO del 28 giugno 2007 che abroga il regolamento (CEE) n. 2092/91 REGOLAMENTO (CE) N. 889/2008 DELLA COMMISSIONE del 5 settembre 2008 REGOLAMENTO (CE) N. 967/2008 DEL CONSIGLIO del 29 settembre 2008 REGOLAMENTO (CE) N. 1254/2008 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2008 REGOLAMENTO (CE) N. 710/2009 DELLA COMMISSIONE del 5 agosto 2009 DECRETO 27 novembre 2009 Disposizioni per lattuazione dei regolamenti (CE) n. 834/2007, n. 889/2008 e n. 1235/2008 REGOLAMENTO (UE) N. 271/2010 DELLA COMMISSIONE del 24 marzo 2010

6 LE LEGGI VIGENTI : I CODICI INCI E IL DOSSIER COSMETICO NORMATIVE * LEGGE 11 ottobre 1986, n. 713 e successive modifiche Norme per lattuazione delle direttive della Comunità economica sulla produzione e la vendita dei Cosmetici * DM 9 luglio 1987, n. 328 Criteri di massima in ordine allidoneità dei locali e delle attrezzature delle officine di produzione dei Cosmetici * Direttive 88/320/CEE e 90/18/CEE in materia di ispezione e verifica della buona prassi di laboratorio (1992); DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 9 febbraio 2006 che modifica la decisione 96/335/CE che istituisce l'inventario e la nomenclatura comune degli ingredienti utilizzati nei prodotti cosmetici (Testo rilevante ai fini del SEE) (2006/257/CE)

7

8 * DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 9 febbraio 2006 che modifica la decisione 96/335/CE che istituisce l'inventario e la nomenclatura comune degli ingredienti utilizzati nei prodotti cosmetici (Testo rilevante ai fini del SEE) (2006/257/CE) SIGLE E SIGNIFICATI (collegati al Dossier Cosmetico) INCI - International Nomenclature Cosmetic Ingredient (Europa) EINECS - European Inventory of Existing Commercial Chemical Substances (Europa) CAS - Chemical Abstracts Service PH. EUR. - Farmacopea Europea (Europa) CTFA - Cosmetics Toiletries and Fragrances Association (USA) CI - Colour Index

9 COMMISSIONE DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 9 febbraio 2006 che modifica la decisione 96/335/CE che istituisce l'inventario e la nomenclatura comune degli ingredienti utilizzati nei prodotti cosmetici (Testo rilevante ai fini del SEE) (2006/257/CE) Articolo unico L'allegato della decisione 96/335/CE è modificato conformemente all'allegato della presente decisione. Fatto a Bruxelles, il 9 febbraio 2006.

10 ESEMPIO DI DOSSIER COSMETICO

11

12 Gli ingredienti devono essere riportati in etichetta in ordine decrescente identificandoli coi codici INCI, secondo quanto previsto dalla direttiva 96/335/CEE del 14 Giugno 1993 e dalla successiva decisione di modifica 2006/257/CE. Ma ora mi chiedo: la massaia sa cosa significhi Helianthus annus, centaurea cyanus, solanum lycopersicum o rubus idaeus ?! Ebbene, come sanno gli operatori del settore, il primo è lolio di girasole, il secondo il fiordaliso, poi il pomodoro, e infine il lampone. Ma nulla vieta, rispettando la legge, di riportare in etichetta anche le denominazioni correnti, comprensibili a tutti gli acquirenti, anche alla massaia che, guarda caso, vuole essere informata per poter scegliere in maniera intelligente: questa è chiarezza, non a parole, ma nei fatti. Occorre informare sempre, tanto, ma correttamente.

13 MATERIE PRIME E ADDITIVI La scelta delle materie prime rappresenta il primo scoglio da affrontare sia per quanto riguarda la loro disponibilità sia per la documentazione che le deve accompagnare non sempre chiara e completa. I fornitori devono essere scelti in base a criteri di affidabilità legati alla disponibilità della materia prima, alla continuità delle forniture, alla celerità delle consegne e ad unattenta valutazione dei prezzi, ottenuta confrontando qualità, condizioni di vendita, lotti minimi di riordino: si potrà così stilare una lista di fornitori qualificati. Qui di seguito vengono riportati a titolo indicativo due modelli di scheda: quella tecnica e quella di sicurezza detta anche in 16 punti.

14 SCHEDA TECNICA (da richiedere al fornitore) DENOMINAZIONE CONTENUTO (CEE 88/388 e D.L. 107/92) LIMITAZIONI (D.L. 107/92 e allegati) MATERIA PRIMA PROCESSO DI LAVORAZIONE ASPETTO AROMA / SAPORE ANALISI TIPICA RAPPORTO DI CONCENTRAZIONE DOSE DI IMPIEGO IMBALLO CONSERVAZIONE CONSIGLI DI PRUDENZA

15 SCHEDA DI SICUREZZA (detta anche in 16 punti) SHAMPOO Scheda di sicurezza del 01/07/2006, revisione 1 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA' Nome commerciale: SHAMPOO Tipo di prodotto ed impiego: Fluido di igiene e pulizia per uso esterno. Società fornitrice ………………. 2. COMPOSIZIONE - INFORMAZIONI SUGLI INGREDIENTI Composizione qualitativa riportata in etichetta con Codici INCI e denominazioni comuni. Sostanze contenute pericolose per la salute ai sensi della direttiva 67/548/CEE e successivi adeguamenti: nessuna. 3. IDENTIFICAZIONE DEI PERICOLI Pericoli per la salute e l'integrità fisica: nessun pericolo specifico è riscontrabile nel normale utilizzo.

16 4. MISURE DI PRIMO SOCCORSO Trattandosi di una sostanza priva di tossicità non sono previste norme particolari di primo soccorso. Contatto con gli occhi: lavare con acqua per qualche minuto. 5. MISURE ANTINCENDIO Mezzi di estinzione appropriati: acqua, CO2, Schiuma. Mezzi di estinzione da non usare: nessuno in particolare. Mezzi di protezione per addetti all'estinzione: usare protezioni per le vie respiratorie. 6. MISURE IN CASO DI FUORIUSCITA ACCIDENTALE Precauzioni ambientali: raccogliere con materiale assorbente (segatura, sabbia). Se il prodotto è defluito in un corso d'acqua o in rete fognaria avvisare le autorità competenti. Metodi di pulizia: raccogliere il prodotto, per quanto è possibile, per la successiva eliminazione, previo assorbimento con materiale inerte. Successivamente alla raccolta lavare con acqua.

17 7. MANIPOLAZIONE E STOCCAGGIO Precauzioni di manipolazione: nessuna. Accorgimenti tecnici di manipolazione: nessuno. Accorgimenti di stoccaggio: evitare temperature eccessive e riporre i contenitori ben chiusi in locali adeguatamente aerati. 8. CONTROLLO DELL'ESPOSIZIONE/ PROTEZIONE INDIVIDUALE Limiti di esposizione della sostanza: nessuno. Protezione respiratoria: non necessaria. Protezione delle mani: nessuna. Protezione degli occhi: occhiali protettivi, secondo le buone norme di fabbricazione. Protezione della pelle: nessuna. 9. PROPRIETA' FISICHE E CHIMICHE Aspetto e colore: Odore: tipico di PH del prodotto tal quale: Decomposizione: il prodotto è stabile se usato correttamente. Densità relativa: Solubilità in acqua: Viscosità relativa: Coppa Ford minuti

18 10. STABILITA' Stabile in condizioni normali. Reazioni pericolose:nessuna Prodotti di decomposizione: nessuno. 11. INFORMAZIONI TOSSICOLOGICHE Esaminati i dati tossicologici a disposizione dei singoli componenti, si considera il prodotto oggetto di questa scheda come sufficientemente sicuro nelle normali condizioni duso. 12. INFORMAZIONI ECOLOGICHE Il prodotto, impiegato correttamente secondo le normative vigenti e seguendo quanto riportato in etichetta, non provoca danni alle fognature e/o agli impianti di smaltimento. Biodegradabilità: primaria superiore al 90 %, completa nel tempo. 13. CONSIDERAZIONI SULLO SMALTIMENTO Operare secondo le vigenti disposizioni locali e nazionali.

19 14. INFORMAZIONI SUL TRASPORTO Attenersi alle: Norme nazionali per trasporto ferrovia (FFSS), norme internazionali per trasporto strada/ferrovia (ADR/RID), raccomandazioni trasporto marittimo internazionale (I. M. O.), raccomandazioni trasporto aereo nazionale, internazionale (IATA) 15. INFORMAZIONI SULLA REGOLAMENTAZIONE Non richiede alcuna particolare etichettatura. 16. ALTRE INFORMAZIONI Le informazioni sopra riportate si basano sulle nostre attuali conoscenze e su di una accurata ricerca bibliografica, alla data sopra riportata. Sono riferite unicamente al prodotto indicato e non costituiscono garanzia di particolari qualità. Questa scheda annulla e sostituisce eventuali redazioni precedenti.

20 Gli additivi sono ingredienti a tutti gli effetti, ma allora perché vengono spesso considerati non una materia prima ma semplicemente qualcosa di accessorio, di poca importanza, sminuendo quella che invece è una loro funzione ben precisa: conferire al prodotto finale particolari funzioni? Semplicemente perché, per alcuni produttori, gli additivi servono solo per arricchire la formula numericamente: più aumenta il numero di ingredienti riportati in etichetta e maggiore sarà limpatto commerciale, facendo credere al consumatore di acquistare un prodotto assai ricco di componenti. In sintesi: quantità non qualità. E allora un suggerimento ai formulatori seri: valutate attentamente lapporto degli additivi, controllate le loro proprietà, verificate la loro affinità con la vostra ricetta di base, poi fate la scelta più adeguata e prendete la decisione: gli additivi devono essere un valore aggiunto altro che accessorio !! Questo significa ADDITIVO.

21 Un piccolo cenno meritano anche gli ausiliari di fabbricazione. Essi comprendono tutta una serie di ingredienti che vanno dalle materie prime di base, come lacqua e il sale, ad altri componenti quali sali minerali, emulsionanti, gelificanti ed altri ancora. Personalmente, farei rientrare in questa categoria, anche se spesso vengono considerati additivi, anche i coloranti, i conservanti, alcuni emulsionanti, gli enzimi, ed altri: mi sembra più corretto, in quanto si tratta di ingredienti che, o permettono la realizzazione o la stabilizzazione di determinate miscele, o contribuiscono a rendere il prodotto finale più commerciabile, o agiscono sul contenimento del costo della formula rendendola più economica. A norma di legge anche questi ingredienti vanno riportati col loro codice INCI seguendo lordine decrescente.

22 Due termini fondamentali: ETICHETTATURA e QUALITA Prendendo spunto da quanto appena detto appare evidente che letichettatura resta e resterà sempre un punto di riferimento fondamentale per la valutazione di un prodotto, qualunque esso sia. Linformazione qualitativa da un lato, e la progressione decrescente dallaltro, previste dalle leggi vigenti, rappresentano per il consumatore un valido supporto per poter scegliere. Ma non basta. Già abbiamo parlato della necessità di obbligare i produttori a riportare in etichetta tutta la composizione anche con le denominazioni comuni, comprensibili a tutti, per non ingannare il consumatore, per evitare concorrenze sleali tra le aziende, per dare alla QUALITA un significato vero, corretto, contrariamente a quanto troppo spesso accade. Non serve parlarne: la qualità va fatta e dimostrata.

23 GLI ESTRATTI VEGETALI Gli estratti si possono ottenere fondamentalmente utilizzando cinque diversi liquidi di supporto: a) acqua, b) alcool + acqua, c) olio, d) glicole propilenico, e) acqua + glicerolo vegetale. A seconda dei casi si parla rispettivamente di: a) estratto idrato o idrosolubile, b) estratto fluido o idroalcolico, c) estratto lipolico, d) estratto glicolico, e) estratto idroglicerico. Alcune annotazioni: l'estratto fluido può essere usato in miscele cosmetiche ma non per l'applicazione tal quale sul corpo, potendo provocare arrossamenti o reazioni secondarie; l'estratto lipolico può essere usato come un normale olio da massaggio o come veicolante della crema direttamente sull'epidermide.

24 L'estratto glicolico può essere impiegato sia tal quale, direttamente sulla pelle, sia diluito con poca acqua sotto forma dimpacco. Tuttavia, parlando di cosmesi a base naturale, occorre non dimenticare che questa ultima tipologia di estratti utilizza un prodotto chimico, di derivazione petrolifera, ed è quindi assolutamente …. sconsigliato ?! Queste differenti tipologie di estratti, tranne quella lipolica, si possono utilizzare anche in idromassaggio. In tal modo si realizza un elevato sfruttamento degli effetti benefici degli estratti vegetali singoli o dei fito-complessi sinergici, in quanto tutto il corpo è immerso nell'acqua calda o tiepida, arricchita dei principi attivi, ed il calore permette, dilatando i pori, un assorbimento maggiore ed in profondità; l'azione esercitata dall'idromassaggio esalta l'effetto terapeutico del trattamento.

25 PUBBLICITA O INFORMAZIONE : QUALE SCELTA ? Un capitolo a parte merita la pubblicità, troppo spesso illusoria, a volte ingannevole e quasi sempre priva dinformazione. Non esiste alcun motivo logico che possa giustificare lequazione: pubblicità = disinformazione. Il consumatore ha il sacrosanto diritto di essere informato, meglio sarebbe dire educato allacquisto; questo concetto è particolarmente importante nei nostri settori: cosmesi e detergenza.

26 Il consumatore, anche quello più attento, non può certamente sapere che per scrivere: clinicamente testato occorrerebbero determinate analisi da commissionare ad appositi laboratori specializzati; così come ben pochi sanno che riportare e pubblicizzare diciture del tipo: biodegradabile al 100%, comporta avere disponibili le prove dimostrative con tempi e diagrammi. E che dire del bianco più bianco ? ! Il concetto diffuso da molti messaggi pubblicitari, media e giornali, è questo: viscosità = concentrazione ! Nulla di più falso. Ultima annotazione: il costo reale, e quindi la convenienza economica di un prodotto, non si fa confrontando soltanto i prezzi, oltre che la qualità, ma occorre anche verificarne la concentrazione, cioè la resa in termini di dosate.

27 IL RAPPORTO COSTI - BENEFICI I cosmetici ottenuti con: ingredienti di origine naturale, vegetale, oli essenziali, estratti vegetali, additivi naturali (impiegati nel settore alimentare), conservanti di tipo farmaceutico, ecc., hanno sicuramente un costo apparentemente più elevato rispetto alla maggioranza dei prodotti in commercio. Ma fermiamoci a riflettere. Se al costo della pura materia prima si aggiungono i costi legati ai problemi dermatologici, che successivamente possono insorgere, quelli legati alle cure sanitarie per riparare danni altrimenti irreversibili causati da un utilizzo errato di un prodotto, quelli legati allinquinamento ed al degrado ambientale che spesso ne deriva, quale prezzo paghiamo in realtà ?

28 Questi costi enormi, spesso difficilmente calcolabili, si ripercuotono su tutta la collettività, ma non se ne parla. Quando però arrivano le misure restrittive per la circolazione, laccumulo dei rifiuti urbani ed industriali, con il conseguente diffondersi di allergie o intolleranze, allora si vorrebbe correre ai ripari; non ci si rende conto che i provvedimenti tampone o di emergenza non risolvono i problemi alla radice, e soprattutto non fanno cambiare le cattive abitudini. Occorre usare meno acqua e produrre soprattutto cosmetici ad alta concentrazione, eliminare imballi, volantini superflui e astucci multipli, impiegare contenitori in vetro riciclabili (o in plastica velocemente biodegradabile) e tappi dosatori, per un utilizzo intelligente del prodotto. Soltanto questa è la strada da seguire per rendere un servizio a tutta lumanità e contribuire in maniera sostanziale a preservare la nostra salute ed il nostro ambiente, anche per le generazioni future.

29 CREMA IDRATANTE CONVENZIONALE O CON INGREDIENTI BIOLOGICI SHAMPOO CONVENZIONALE O CON INGREDIENTI BIOLOGICI Prospetto comparativo dei costi

30 RIPARTIZIONE INCIDENZA DEI COSTI Crema con ingredienti Biologici 50 ml m.o.d.+ m.o.i. prodotto imballo m.o.d.+ m.o.i. Crema convenzionale Crema Convenzionale 50 ml m.o.d.+ m.o.i. prodotto imballo

31 RIPARTIZIONE INCIDENZA DEI COSTI Shampoo con ingredienti Biologici 250 ml prodottom.o.d.+ m.o.i. imballo Shampoo Convenzionale 250 ml m.o.d.+ m.o.i. prodotto imballo

32 RAFFRONTO DEI COSTI IN PERCENTUALE 2 = costo crema convenzionale - 5 = costo shampoo convenzionale 3 = costo crema con ingr. BIO - 6 = costo shampoo con ingr. BIO

33 ALCUNI STRUMENTI DI CONTROLLO ANALITICO

34 COPPA FORD - viscosità relativa

35 RIFRATTOMETRO


Scaricare ppt "COSMESI NATURALE: IL SIGNIFICATO DEI TERMNI ED IL LORO CORRETTO UTILIZZO."

Presentazioni simili


Annunci Google