La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Disturbi dansia Disturbo da attacchi di panico Fobia sociale Disturbo da ansia generalizzata Disturbo ossessivo-compulsivo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Disturbi dansia Disturbo da attacchi di panico Fobia sociale Disturbo da ansia generalizzata Disturbo ossessivo-compulsivo."— Transcript della presentazione:

1 Disturbi dansia Disturbo da attacchi di panico Fobia sociale Disturbo da ansia generalizzata Disturbo ossessivo-compulsivo

2 Disturbo da attacchi di panico Prevalenza 1.5% Rapporto M/F 1:2.5 Età di esordio aa

3 Criteri diagnostici per lAttacco di Panico - (DSM-IV) Un periodo preciso di intensa paura o disagio durante il quale quattro o più dei seguenti sintomi si sono sviluppati improvvisamente ed hanno raggiunto il picco nel giro di 10 minuti: Palpitazioni Sudorazione Tremori fini o a grandi scosse Dispnea o sensazione di soffocamento Sensazione di asfissia Dolore o fastidio al petto Nausea o disturbi addominali Sensazioni di sbandamento, di instabilità, di testa leggera o di svenimento Derealizzazione o depersonalizzazione Paura di perdere il controllo o di impazzire Paura di morire Parestesie Brividi o vampate di calore

4 minuti intensità

5 caratteristiche cliniche ed evolutive del DAP attacco di panico (100%) ansia anticipatoria (99.1%) evitamento limitato (21.3%) agorafobia (55.1%) ipocondria (21.2%) fobia sociale (10.6%) D.D (31.8%) demoralizzazione (30%)

6 Agorafobia;condotte di evitamento e ricerca di rassicurazione luoghi affollati luoghi chiusi viaggiare da soli mezzi di trasporto spazi aperti situazioni sociali altre ( cibi, rapporti sessuali, doccia) possibilità di tornare velocemente a casa possibilità di soccorso compagno accompagnatore sedere vicino alle uscite portare con se telefoni cellulari, ansiolitici

7 Dai numerosi dati provenienti dagli studi retrospettivi e di follow-up emerge una spiccata tendenza del DAP alla cronicizzazione, alle ricadute ed alle complicanze

8 DAP e comorbidità ( %) depressione maggiore (50-65%) disturbo bipolare (13.5%) disturbo ossessivo-compulsivo ( %) fobia sociale (6-53%) disturbo dansia generalizzata (32.5%)

9 Il trattamento farmacologico è volto primariamente a bloccare gli attacchi di panico maggiori, minori, spontanei e situazionali. Successivamente alla risoluzione dellAnsia Anticipatoria, della Polarizzazione Ipocondriaca e dellAgorafobia. Terapia Farmacologica del DAP

10 Fase iniziale 2-3 mesi Fase di consolidamento 6-8 mesi Terapia di mantenimento 8-24 mesi

11 Fase iniziale della terapia Riassetto cognitivo con chiare informazioni al paziente spiegando che i sintomi descritti fanno parte di uno specifico e ben conosciuto disturbo per il quale esistono varie terapie efficaci. Rassicurazione ed informazione sulle terapie antipanico e sugli eventuali fastidi iniziali.

12 Trattamento a lungo termine del DAP Si ritiene indicato un trattamento prolungato per anni, a scopo preventivo, soprattutto in relazione alla durata del disturbo,alla gravità ed alla frequenza degli attacchi di panico,alla gravità delle condotte di evitamento agorafobiche ed alla eventuale presenza di complicazioni e di condizioni di comorbidità.

13 TCA imipramina clomipramina desipramina nortriptilina IMAO fenelzina tranilcipromina BDZ alprazolam clonazepam SSRI paroxetina sertralina fluoxetina fluvoxamina citalopram SNRI venlafaxina

14 DAP tipico non complicato monoterapia non responders (25-30%) polifarmacoterapia DAP complicato-comorbidità

15 Disturbo da ansia generalizzata Prevalenza 2,5-6.5% Rapporto M/F 1:1 Età di esordio aa

16 GAD : manifestazioni cliniche. Eccessiva, irrealistica ed incontrollabile preoccupazione verso molteplici circostanze di vita. Attesa apprensiva con anticipazione pessimistica di eventi negativi e mal definiti. Stato di allarme ed ipervigilanza.

17 GAD : manifestazioni cliniche Tensione muscolare, tremori, dolori, astenia Disturbi del sonno Difficoltà di concentrazione Irritabilità, irrequietezza Disturbi neurovegetativi

18 GAD : Terapia Benzodiazepine Buspirone Triciclici SSRI Venlafaxina Psicoterapia

19 GAD : Terapia In relazione alle caratteristiche di decorso cronico del disturbo, si ritiene necessaria una terapia di mantenimento a lungo termine.

20 FOBIA SOCIALE Prevalenza 1-2,6% Rapporto M/F 1:1 Età di esordio 15-25aa

21 Fobia sociale: manifestazioni cliniche Persistente paura di situazioni nelle quali lindividuo è esposto ad un possibile giudizio degli altri. Paura di poter agire in modo goffo, ridicolo, imbarazzante od umiliante. Manifestazioni neurovegetative. Condotte di evitamento.

22 Parlare in pubblico Mangiare in pubblico Scrivere in pubblico Lavorare quando si è osservati Usare bagni pubblici Entrare in un locale dove altre persone sono riunite Incontrare persone dellaltro sesso Parlare a persone autorevoli Andare o dare un ricevimento Restituire merce ad un negozio Resistere alle pressioni di un venditore Guardare negli occhi le persone Fobia Sociale: principali situazioni temute ed evitate

23 La Fobia Sociale tende ad assumere un decorso cronico e progressivamente invalidante. Frequenti complicazioni sono labuso di alcolici, ansiolitici e sostanze. Gli episodi depressivi sono frequenti nel decorso del disturbo.

24 Fobia Sociale: terapia SSRI IMAO Betabloccanti Psicoterapia cognitivo-comportamentale

25 Disturbo Ossessivo-Compulsivo Prevalenza 2% Rapporto M/F 1:1 Età di esordio < 25aa

26 Ossessioni Idee, pensieri, immagini o impulsi persistenti, ricorrenti, intrusivi ed inappropriati che causano ansia ed intenso disagio. Compulsioni Comportamenti ripetitivi o atti mentali eseguiti in modo stereotipato in risposta ad una ossessione o per prevenire eventi temuti. Lattività non è connessa in modo realistico con ciò che dovrebbe prevenire o è chiaramente eccessiva.

27 Ossessioni di contaminazione Ossessioni dubitative Ossessioni a contenuto aggressivo Ossessioni a contenuto sessuale Ossessioni di ordine e simmetria

28 DOC: caratteristiche di decorso Esordio in età giovanile (adolescenza e prima età adulta). Tendenza alla cronicizzazione. Decorso continuo o fluttuante (in alcuni casi può essere episodico). Nel 15% dei casi(secondo lAPA) decorso con progressivo deterioramento delle capacità di funzionamento sociale ed occupazionale. Possibile presenza di periodi di remissione parziale o quasi totale dei sintomi, alternati a periodi di peggioramento.

29 DOC: necessità di trattamento protratto Il DOC, anche se può avere un decorso episodico, è un disturbo essenzialmente cronico che necessita di trattamento protratto per lunghi periodi di tempo. Necessita di lunghi periodi di trattamento anche nel caso vi sia remissione sintomatologica in seguito alla terapia.

30 DOC:efficacia della terapia In relazione alla gravità del disturbo ed alle sue caratteristiche spesso gravemente invalidanti ed in considerazione dellinefficacia di qualsiasi intervento terapeutico prima della recente introduzione delle terapie specifiche, la riduzione della sintomatologia, anche parziale, va considerata come un rilevante risultato terapeutico.

31 DOC:efficacia della terapia 30-60% di miglioramento significativo. 10% di regressione completa o quasi completa della sintomatologia. Elevata percentuale di ricadute alla sospensione della terapia.

32 DOC: terapia Le terapie specifiche per il DOC si basano essenzialmente sui farmaci ad azione serotoninergica e lattività antiossessiva appare specifica e non correlata con leffetto antidepressivo di questi farmaci.

33 DOC: terapia CLOMIPRAMINA SSRI SNRI Monoterapia e terapie in associazione Possibili tecniche di potenziamento con: neurolettici, risperidone, sali di litio, triptofano, buspirone,trazodone.


Scaricare ppt "Disturbi dansia Disturbo da attacchi di panico Fobia sociale Disturbo da ansia generalizzata Disturbo ossessivo-compulsivo."

Presentazioni simili


Annunci Google