La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La VAS in Italia Litalia, non avendo recepito in tempo la Direttiva VAS è stata condannata dalla Corte di Giustizia Europea (sentenza nel 2007) Il disposto.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La VAS in Italia Litalia, non avendo recepito in tempo la Direttiva VAS è stata condannata dalla Corte di Giustizia Europea (sentenza nel 2007) Il disposto."— Transcript della presentazione:

1 La VAS in Italia Litalia, non avendo recepito in tempo la Direttiva VAS è stata condannata dalla Corte di Giustizia Europea (sentenza nel 2007) Il disposto comunitario necessitava senza dubbio di uno specifico provvedimento di recepimento (Direttiva non self-executing) –Rif. preambolo n°8..Occorre pertanto intervenire a livello comunitario in modo da fissare un quadro minimo per la valutazione ambientale che sancisca i principi generali del sistema di valutazione ambientale e lasci agli Stati membri il compito di definire i dettagli procedurali tenendo conto del principio della sussidiarietà.. –Rif. preambolo n°9..La presente direttiva ha carattere procedurale e le sue disposizioni dovrebbero essere integrate nelle procedure esistenti negli Stati membri o incorporate in procedure specificamente stabilite.. –Art. 13 della Direttiva..Gli Stati membri mettono in vigore le disposizioni legislative, regolamentari e amministrative necessarie per conformarsi alla presente direttiva prima del 21 luglio Essi ne informano immediatamente la Commissione.. In tale direzione è anche la giurisprudenza amministrativa italiana (es. TAR del Lazio, Sez. III - 4 gennaio 2006, n °81)

2 La VAS in Italia Nel Dicembre 2004 Legge Delega 308/2004 sul riordino e lintegrazione della legislazione ambientale Per quanto riguarda le valutazioni ambientali la Legge era orientata –Al pieno recepimento delle direttive comunitarie su VIA e VAS –Al coordinamento tra le procedure di VIA e di VAS –Ad anticipare la VIA alla prima presentazione del progetto dellintervento da valutare –Allestensione delle procedure di IPPC ai nuovi impianti, identificando i provvedimenti autorizzatori accorpati nellautorizzazione unica –Al coordinamento tra VIA ed IPPC, per evitare duplicazioni nel caso di impianti sottoposti a entrambe le procedure

3 La VAS in Italia Il recepimento della Direttiva è avvenuto tramite il D. Lgs. 152/2006 (TU ambientale, Parte II), emanato in ottemperanza alla Legge Delega 308/2004 sul riordino e lintegrazione della legislazione ambientale –6 parti in 318 articoli (generalità, VIA-VAS-IPPC, difesa del suolo e tutela delle acque, gestione rifiuti e bonifiche, aria ed emissioni in atmosfera, danno ambientale) –45 allegati (di cui 7 su VIA e VAS) –17 decreti attuativi dichiarati inefficaci perché non sottoposti al preventivo controllo della corte dei conti –Efficacia sospesa fino al 31 luglio 2007 Le disposizioni in materia di VIA, VAS e IPPC sono state successivamente sostituite dallarticolo 1 del D. Lgs. 4/2008 –secondo correttivo in materia di valutazioni ambientali, acque e rifiuti –primo correttivo era il D.Lgs. 284/2006 (Autorità di Bacino, Osservatorio su rifiuti)

4 Il D. Lgs. 4/2008 Sostituisce, tra laltro, lintera parte II del TU (artt. Da 4 a 52) e i relativi allegati da I a V Struttura delle disposizioni VIA-VAS-IPPC del D. Lgs. 4/2008 (art. 2) –Titolo 1 (artt. 4-10): finalità, definizioni comuni e oggetto della disciplina, competenze, norme di organizzazione, procedure e coordinamento –Titolo 2 (artt.11-18): svolgimento VAS –Titolo 3 (artt ): svolgimento VIA –Titolo 4 (artt ): valutazioni ambientali interregionali e transfrontaliere –Titolo 5 (artt ): norme transitorie e finali, abrogazioni –Allegato I: criteri per verifica assoggettabilità VAS (corrispondente ad allegato 2 della Direttiva 42/2001) –Allegato VI: contenuti del RA (corrispondente allallegato 1 della Direttiva 42/2001)

5 Il D. Lgs. 4/2008

6

7 Principali novità introdotte dal D. Lgs. 4/2008 – parte prima –Principi dellazione ambientale, precauzione, prevenzione, chi inquina paga –Sviluppo sostenibile –Sussidiarietà –Libero accesso alle informazioni Principali novità introdotte dal D. Lgs. 4/2008 – parte seconda –Revisione delle definizioni e degli ambiti di applicazione (sostituzione dei piani di telefonia mobile con piani di protezione civile in caso di pericolo per lincolumità pubblica) –Unificazione delle disposizioni di VIA e di VAS (disposizioni comuni- valutazioni statali-valutazioni regionali) –Unico articolo su coordinamento VIA/IPPC, VAS (o VIA)/VIC, VIA/VAS Sempre valido –Obbligo per le regioni di adeguare la propria normativa entro tempi definiti (TU 4 mesi, correttivo 12 mesi), in caso contrario valgono le disposizioni del Decreto (o le disposizioni regionali, se compatibili)

8 Il D. Lgs. 4/2008 La VAS (artt. 5 e 11) viene presentata come un processo che comprende le seguenti azioni –Svolgimento della verifica di assoggettabilità –Elaborazione del Rapporto Ambientale –Valutazione del p/p –Valutazione del RA –Valutazione degli esiti delle consultazioni –Espressione di un parere motivato –Informazione sulla decisione –Monitoraggio La verifica di assoggettabilità ha lo scopo di valutare se p/p o modifiche possono avere impatti significativi sullambiente, e, nel caso, sottoporli a fase di valutazione completa

9 Verifica di assoggettabilità Redazione del rapporto preliminare (autorità procedente) Invio allautorità competente Individuazione dei soggetti competenti in materia ambientale (autorità competente in collaborazione con la procedente) Trasmissione del rapporto preliminare ai soggetti individuati Parere entro 30 giorni dei soggetti allautorità competente e procedente Sulla base dellallegato 1, delle osservazioni e dei pareri pervenuti lautorità competente verifica se il piano può avere effetti significativi sullambiente Entro 90 giorni lautorità competente, sentita la procedente, emette il provvedimento di verifica ai sensi dellart 12 esclusioneassoggettabilità Iter concluso con la pubblicazione dellesito di esclusione dalla VAS e motivazioni Si riavvia il procedimento con la fase di specificazione (scoping)

10 Valutazione ambientale Scoping: fase di confronto fra autorità procedente e competente per definire il dettaglio delle informazioni da includere Redazione del RA da parte dellautorità procedente e della Sintesi non Tecnica Trasmissione allautorità competente Pubblicazione e consultazione di soggetti competenti in materia ambientale e pubblico Lautorità competente valuta documenti, contributi, osservazioni, suggerimenti ed esprime il parere motivato Lautorità procedente provvede, se necessario, alla revisione del piano alla luce del parere prima delladozione o approvazione del piano Decisione: trasmissione del piano, RA, parere motivato allorgano cui compete ladozione o approvazione Pubblicazione in Gazzetta o su Bollettino Ufficiale della decisione, accompagnata da una Dichiarazione di Sintesi Avvio del monitoraggio, effettuato avvalendosi delle Agenzie ambientali; il piano ne individua responsabilità e sussistenza di risorse necessarie; i risultati sono resi pubblici

11 Il D. Lgs. 4/2008 La VAS non è e non deve essere un giudizio amministrativo sul p/p (VIA), quanto piuttosto la combinazione parallela dei processi di pianificazione e valutazione La VAS concorre alla pianificazione e alla programmazione –Completando e riordinando il quadro conoscitivo –Orientando il piano verso misure pianificatorie che tengano conto di sensibilità e criticità ambientali rilevate –Analizzando preventivamente gli effetti delle scelte di piano –Coinvolgendo i soggetti interessati alle scelte ed agli effetti di piano –Analizzando le possibili alternative dal punto di vista ambientale e della corrispondenza agli obiettivi generali di piano È parte integrante del p/p –i provvedimenti di approvazione senza VAS, ove prescritta, sono annullabili per violazione di legge

12 Il D. Lgs. 128/2010 E il terzo correttivo al D. Lgs. 152/2006 ( 29 giugno 2010) Apporta modifiche relativamente a –Principi generali (prima parte TU) allarticolo 1 –VIA, VAS e IPPC (seconda parte TU) allarticolo 2 –Emissioni in atmosfera (quinta parte TU) Le principali novità in materia di valutazioni ambientali –La legislazione IPPC viene trasferita nel TU, riferimenti tecnici al D. Lgs. 59/2005 –VAS: modifiche atte a circoscrivere il campo di applicazione 1.p/p che determinano luso di piccole aree, modifiche minori, piani diversi che definiscono il quadro di riferimento di progetti: VAS necessaria se, secondo lautorità competente, essi producono (non possano avere) impatti significativi sullambiente tenuto conto del diverso livello di sensibilità ambientale dellarea oggetto di intervento; 2.per modifiche a p/p elaborati per la pianificazione territoriale o per la destinazione dei suoli la VAS non è necessaria per la localizzazione delle singole opere e per le modifiche delle destinazioni dei suoli conseguenti ad autorizzazioni di singole opere con effetto di variante (es. impianti di trattamento rifiuti) 3.Adeguamento del RA al parere motivato prima dellapprovazione del p/p 4.Piani esclusi dalla VAS: solo quelli di bilancio, di protezione civile per incolumità pubblica, piani di esclusiva difesa nazionale se di somma urgenza o se ricadano nella disciplina dei contratti pubblici; scompaiono i piani coperti da segreto di stato

13 Casi applicativi Piani e programmi non sottoposti a VAS in corso di approvazione al 31 luglio 2007 e non conclusi prima del 13 febbraio 2008 Devono essere sottoposti a VAS secondo il D.Lgs. 4/2008, dato che gli artt. Da 4 a 52 del D. Lgs. 152/2006 sono stati abrogati Procedimenti di VAS avviati prima del 31 luglio 2007 e non conclusi prima del 13 febbraio 2008 Vale la norma vigente prima del 13 febbraio 2008; norme regionali Procedimenti di VAS avviati dopo il 31 luglio 2007 e non conclusi prima del 13 febbraio 2008 Valgono il D.Lgs. 4/2008 e le normative regionali in materia di VAS (dato che gli artt. Da 4 a 52 del D. Lgs. 152/2006 sono stati abrogati) Procedimenti di VAS avviati dopo il 13 febbraio 2008 e non conclusi prima dellentrata in vigore del D.Lgs. 128/2010 (26 agosto 2010) Valgono il D.Lgs. 4/2008 e le normative regionali in materia di VAS Procedimenti di VAS avviati dopo lentrata in vigore del D.Lgs. 128/2010 (26 agosto 2010) Valgono il D.Lgs. 128/2010 e le normative regionali in materia di VAS


Scaricare ppt "La VAS in Italia Litalia, non avendo recepito in tempo la Direttiva VAS è stata condannata dalla Corte di Giustizia Europea (sentenza nel 2007) Il disposto."

Presentazioni simili


Annunci Google