La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Direttiva 42/2001/CE..Concernente la valutazione degli effetti di determinati piani e programmi sullambiente Recepimento fissato originariamente entro.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Direttiva 42/2001/CE..Concernente la valutazione degli effetti di determinati piani e programmi sullambiente Recepimento fissato originariamente entro."— Transcript della presentazione:

1 Direttiva 42/2001/CE..Concernente la valutazione degli effetti di determinati piani e programmi sullambiente Recepimento fissato originariamente entro il 21 luglio 2004 Ambito di applicazione –p/p soggetti a valutazione ambientale obbligatoria –p/p esclusi dalla valutazione ambientale –p/p sottoponibili a verifica di esclusione dalla valutazione ambientale Glossario ed elementi cardine –Verifica di assoggettabilità –Valutazione ambientale –Rapporto ambientale –Iter decisionale –Informazione e consultazione –Monitoraggio

2 Applicazione obbligatoria (art 3) (par. 2) viene effettuata una valutazione ambientale per tutti i p/p: a)Elaborati per i settori agricolo, forestale, della pesca, energetico, industriale, dei trasporti, della gestione dei rifiuti e delle acque, delle telecomunicazioni, turistico, della pianificazione territoriale o della destinazione dei suoli, e che definiscono il quadro di riferimento per lautorizzazione dei progetti elencati negli allegati I e II della direttiva 85/337/CEE (VIA), o b)per i quali, in considerazione dei possibili effetti sui siti, si ritiene necessaria una valutazione ai sensi degli articoli 6 e 7 della direttiva 92/43/CEE (habitat- SIC e ZPS)

3 Esclusione (art 3) (par. 8 e 9) sono esclusi dallambito di applicazione della Direttiva: a)Piani e programmi destinati esclusivamente a scopi di difesa nazionale e di protezione civile b)Piani e programmi finanziari o di bilancio c)Piani e programmi cofinanziati a titolo dei rispettivi periodi di programmazione in corso per i regolamenti CE n°1260/1999 e CE n°1257/1999 del Consiglio

4 Verifica assoggettabilità (art 3) (par. 5) Gli stati membri determinano se piani e programmi di cui al paragrafo 3 e 4 possano avere effetti significativi sullambiente –attraverso lesame caso per caso –specificando i tipi di piani e programmi –oppure combinando le due impostazioni Si tratta: –di p/p di cui al paragrafo 2 che determinano luso di piccole aree a livello locale e di modifiche minori dei p/p dei piani di cui al paragrafo 2 –di p/p diversi da quelli inclusi nel paragrafo 2, che definiscono il quadro di riferimento per lautorizzazione dei progetti A tale scopo gli stati membri tengono comunque conto dei pertinenti criteri di cui allallegato II della Direttiva, al fine di garantire che i p/p con probabili effetti significativi sullambiente rientrino nellambito di applicazione della direttiva

5 Verifica assoggettabilità (art 3)

6 La valutazione (artt. 4 e 5) Deve essere effettuata durante la fase preparatoria del p/p ed anteriormente alla sua adozione o allavviso della relativa procedura legislativa (art.4) (art.5) Nel caso si renda necessaria, deve essere supportata da un Rapporto Ambientale in cui siano individuati, descritti e valutati: –gli effetti significativi che lattuazione del p/p potrebbe avere sullambiente –le ragionevoli alternative alla luce degli obiettivi e dellambito territoriale del p/p Lallegato I riporta le informazioni da fornire a tale scopo Il RA viene redatto in considerazione del livello di conoscenze e dei metodi di valutazione attuali, dei contenuti e del livello di dettaglio del p/p, nonché della fase in cui il p/p si trova nelliter decisionale

7 Il Rapporto Ambientale

8 Consultazione (artt. 6 e 7) La proposta di p/p ed il RA devono essere messi a disposizione delle autorità e del pubblico Essi devono esprimere il loro parere prima delladozione del p/p o dellavvio della relativa procedura legislativa Dunque, ai fini dellespressione dei pareri gli stati membri: –designano le autorità che devono essere consultate e che, per le loro specifiche competenze ambientali, possono essere interessate agli effetti sullambiente derivati dallattuazione del piano –individuano i settori del pubblico, compresi quelli interessati dalliter decisionale o che ne sono o che probabilmente ne verranno toccati, incluse le ONG che promuovono la tutela dellambiente e altre organizzazioni interessate –determinano le modalità per informazione e consultazione delle autorità e del pubblico

9 Decisione (artt. 8 e 9) In fase di preparazione del p/p e prima della sua adozione o dellavvio della relativa procedura legislativa si prendono in considerazione –il RA elaborato ai sensi dellart 5 –i pareri espressi ai sensi dellart 6 –i risultati delle eventuali consultazioni transfrontaliere (art 7) A seguito delladozione di un p/p devono essere informate: –le autorità di cui allart 6 e gli stati membri consultati –il pubblico Devono quindi essere messi a disposizione: –p/p adottato –Dichiarazione di Sintesi illustrativa delle modalità dellintegrazione delle considerazioni ambientali nel p/p, di come si sia tenuto conto del RA, dei pareri espressi e delle consultazioni transfrontaliere, delle ragioni della scelta del p/p adottato alla luce delle alternative individuate –misure di monitoraggio

10 Monitoraggio (art 10) Gli stati membri controllano gli effetti ambientali significativi dellattuazione di piani e programmi al fine di: –individuare tempestivamente gli effetti negativi imprevisti –essere quindi in grado di adottare le misure correttive che si ritengano opportune In tal senso possono essere impiegati, se del caso, meccanismi di controllo già esistenti onde evitare duplicazioni del monitoraggio stesso

11 La VAS in Italia Il recepimento della direttiva è avvenuto tramite il D. Lgs. 152/2006 (TU ambientale, Parte II), emanato in ottemperanza alla Legge Delega 308/2004 sul riordino e lintegrazione della legislazione ambientale –6 parti in 318 articoli (generalità, VIA-VAS-IPPC, difesa del suolo e tutela delle acque, gestione rifiuti e bonifiche, aria ed emissioni in atmosfera, danno ambientale) –45 allegati –17 decreti attuativi dichiarati inefficaci perché non sottoposti al preventivo controllo della corte dei conti Le disposizioni in materia di VIA, VAS e IPPC sono state successivamente sostituite dallarticolo 1 del D. Lgs. 4/2008 –secondo correttivo in materia di valutazioni ambientali, acque e rifiuti –primo correttivo era il D.Lgs. 284/2006 (Autorità di Bacino, Osservatorio su rifiuti)

12 Il D. Lgs. 4/2008 Struttura delle disposizioni VIA-VAS-IPPC del D. Lgs. 4/2008 (art.2) – Titolo 1 (artt. 4-10): finalità, definizioni comuni e oggetto della disciplina, competenze, norme di organizzazione, procedure e coordinamento –Titolo 2 (artt.11-18): svolgimento VAS –Titolo 3 (artt ): svolgimento VIA –Titolo 4 (artt ): valutazioni ambientali interregionali e transfrontaliere –Titolo 5 (artt ): norme transitorie e finali –Allegato 1: criteri per verifica assoggettabilità VAS (corrispondente ad allegato 2 della Direttiva 42/2001) –Allegato 6: contenuti del RA (corrispondente allallegato 1 della Direttiva 42/2001)

13 Il D. Lgs. 4/2008

14

15 Principali novità introdotte dal D. Lgs. 4/2008 – parte prima –Principio di precauzione (misure di protezione in caso di incertezza) –Principio di prevenzione (evitare preventivamente linquinamento anziché combatterne gli effetti a posteriori) –Chi inquina paga –Sviluppo sostenibile –Sussidiarietà –Libero accesso alle informazioni Principali novità introdotte dal D. Lgs. 4/2008 – parte seconda –Revisione delle definizioni e degli ambiti di applicazione (sostituzione dei piani di telefonia mobile con piani di protezione civile in caso di pericolo per lincolumità pubblica) Principi generali sempre validi (UE) –Principio della correzione dei danni ambientali (ripristino delle condizioni ambientali accettabili)

16 Il D. Lgs. 4/2008 La VAS viene presentata come un processo che comprende le seguenti azioni (artt. 5 e 11) –Svolgimento della verifica di assoggettabilità –Elaborazione del Rapporto Ambientale –Valutazione del p/p –Valutazione del RA –Valutazione degli esiti delle consultazioni –Espressione di un parere motivato –Informazione sulla decisione –Monitoraggio La verifica di assoggettabilità ha lo scopo di valutare se p/p o modifiche possono avere impatti significativi sullambiente, e, nel caso, sottoporli a fase di valutazione completa

17 Il D. Lgs. 4/2008 La VAS non è e non deve essere un giudizio amministrativo sul p/p (VIA), quanto piuttosto la combinazione parallela dei processi di pianificazione e valutazione La VAS concorre alla pianificazione e alla programmazione –Completando e riordinando il quadro conoscitivo –Orientando il piano verso misure pianificatorie che tengano conto di sensibilità e criticità ambientali rilevate –Analizzando preventivamente gli effetti delle scelte di piano –Coinvolgendo i soggetti interessati alle scelte ed agli effetti di piano –Analizzando le possibili alternative dal punto di vista ambientale e della corrispondenza agli obiettivi generali di piano

18 Pianificazione e valutazione

19 Basi di VAS Condivisione progressiva con enti ed attori vari di: –Basi di conoscenza –Obiettivi desiderabili sulla base di opportunità e criticità rilevate in partenza Possibilità-necessità di confronto aperto (volontà?) Punti fermi per efficacia di VAS: –Chiarezza di strategie e obiettivi –Reale integrazione con obiettivi ambientali –Rapporto con obiettivi esterni di strumenti che definiscono traguardi di sostenibilità (comunali, provinciali, regionali, nazionali, internazionali) –Chiarezza di sistema di riferimento e di ambito di influenza di p/p rispetto al contesto spazio-temporale –Monitoraggio di piano e di contesto –Informazione, partecipazione e terzietà di valutazione

20 Lambiente nella VAS Popolazione e salute umana: HIA e determinanti della salute –biologici: sesso, età, costituzione, fattori genetici; –stili di vita: alimentazione, esercizio fisico, uso di droghe, alcool, fumo; –sociali: educazione, appartenenza a gruppi culturali o religiosi, famiglia, amici, tendenza alla discriminazione, razzismo, partecipazione alla vita della comunità…; –economici: tipo di lavoro, reddito, occupazione; –ambiente fisico: qualità dellaria, qualità dellacqua, rumore, tipo di abitazione, paesaggio, odore, trasporto pubblico, servizi sociali; –servizi pubblici: possibilità di accesso ai servizi sanitari, ai servizi sociali, al trasporto pubblico a luoghi ricreativi, alle scuole ecc.. Biodiversità –reti ecologiche, habitat protetti o di pregio Flora e fauna –Comprese nellaccezione di biodiversità

21 Lambiente nella VAS Suolo e sottosuolo –alterazione o perdita/indisponibilità della risorsa Acqua –Ambiente idrico nel suo complesso: risorsa, organismi, ambiti Aria ed atmosfera –Qualità chimico-fisica ed emissioni Fattori climatici Beni materiali Paesaggio –..una determinata parte di territorio, così come è percepita dalle popolazioni, il cui carattere deriva dallazione di fattori naturali e/o umani e dalle loro interrelazioni.. Patrimonio culturale, architettonico e archeologico Interrelazione tra i fattori menzionati Economia Società

22 Ulteriori aspetti ambientali Ecosistema (VIA) –Interrelazione tra fattori Territorio Rumori e vibrazioni (VIA) Radiazioni ionizzanti e non ionizzanti (VIA) Rifiuti Energia (EMAS) Rischi di incidenti (EMAS, Seveso) Trasporto

23 Effetto ambientale Alterazione –Qualitativa e/o quantitativa –Diretta e indiretta (bersagli secondari raggiunti tramite attraverso vie più o meno complesse) –A breve o a lungo termine –Permanente o temporanea –Singola o cumulativa o sinergica (esaltazione reciproca) –Positiva o negativa (desiderabili o non desiderabili) Impatto (D. Lgs.) ed effetto (Direttiva) sono usati come sinonimi nellaccezione comune; si parla anche di –Impatti reversibili o irreversibili –Progressivi o improvvisi –Certi o potenziali –Puntuali o locali, di area vasta (es. regioni, province, bacini idrografici), globali

24 Oggetto di valutazione Piani o programmi comunque denominati e loro modifiche –Si tratta di piani elaborati e/o adottati da autorità di differente livello amministrativo (nazionale, regionale, locale) oppure predisposti da una autorità per essere approvati mediante procedura legislativa, amministrativa o negoziale e previsti da disposizioni legislative, regolamentari o amministrative Possono essere piani territoriali o settoriali Essenziale per la valutazione è il grado di approfondimento del p/p –Strategico –Localizzativo –Attuativo Rilevante è la distinzione tra modifica sostanziale e minore –Verifica di assoggettabilità o procedura completa

25 Attori Proponente Autorità procedente Autorità competente Soggetti competenti in materia ambientale Pubblico –Una o più persone fisiche o giuridiche aventi teoricamente titolo ad intervenire Pubblico interessato –Subisce o può subire gli effetti delle decisioni in materia ambientale o comunque ha un interesse in tali procedure (ONG ambientali, sindacati, associazioni di categoria, ecc.) Informazione e partecipazione Consultazione e comunicazione Negoziazione e concertazione


Scaricare ppt "Direttiva 42/2001/CE..Concernente la valutazione degli effetti di determinati piani e programmi sullambiente Recepimento fissato originariamente entro."

Presentazioni simili


Annunci Google