La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Pareti di sostegno, tipologia e calcolo Le pareti di sostegno si caratterizzano essenzialmente in relazione al materiale con il quale vengono realizzate.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Pareti di sostegno, tipologia e calcolo Le pareti di sostegno si caratterizzano essenzialmente in relazione al materiale con il quale vengono realizzate."— Transcript della presentazione:

1

2 Pareti di sostegno, tipologia e calcolo

3 Le pareti di sostegno si caratterizzano essenzialmente in relazione al materiale con il quale vengono realizzate Le pareti di sostegno si caratterizzano essenzialmente in relazione al materiale con il quale vengono realizzate Il materiale è del tipo non resistente a trazione (muratura,calcestruzzo) ovvero resistente a trazione (cemento armato). Il materiale è del tipo non resistente a trazione (muratura,calcestruzzo) ovvero resistente a trazione (cemento armato). Talvolta si preferisce consolidare il pendio di terra in sostituzione del muro con luso della terra rinforzata o terra armata mediante strati di materiale geosintetici. Talvolta si preferisce consolidare il pendio di terra in sostituzione del muro con luso della terra rinforzata o terra armata mediante strati di materiale geosintetici.

4 Schemi tipologici

5

6 Le verifiche di stabilità Mediante le verifiche di stabilità, si controlla che il muro non compia alcun movimento rigido di traslazione e di rotazione per effetto delle forze applicate. Si controlla inoltre che siano garantiti i coefficienti di sicurezza statica stabiliti dalla normativa. Mediante le verifiche di stabilità, si controlla che il muro non compia alcun movimento rigido di traslazione e di rotazione per effetto delle forze applicate. Si controlla inoltre che siano garantiti i coefficienti di sicurezza statica stabiliti dalla normativa. Le forze che generalmente interessano un muro sono: Le forze che generalmente interessano un muro sono: 1. La Spinta della terra 2. Il peso proprio Le tre verifiche da effettuare sono: Le tre verifiche da effettuare sono: a) Ribaltamento b) Scorrimento c) schiacciamento

7

8 Verifica al ribaltamento : In base alla normativa, il rapporto fra il momento resistente Mr causato dalle forze verticali e il momento spingente Ms causato dalle forze orizzontali, deve essere > di 1,5 (coefficiente de sicurezza)

9 Verifica a scorrimento Le forze responsabile di un eventuale scorrimento del muro sulla base di fondazione, è la spinta S ovvero la sua componente orizzontale So. Le forze responsabile di un eventuale scorrimento del muro sulla base di fondazione, è la spinta S ovvero la sua componente orizzontale So. Dalla figura indicando con N le componenti normali della risultante R e con T le componenti orizzontali della risultante R – Ntgφ / T>=1,3 Dalla figura indicando con N le componenti normali della risultante R e con T le componenti orizzontali della risultante R – Ntgφ / T>=1,3 In cui Ntgφ = Fo (forza dattrito) si assume generalmente: In cui Ntgφ = Fo (forza dattrito) si assume generalmente: Ntgφ = 0,75 muratura contro murat. Ntgφ = 0,75 muratura contro murat. Ntgφ = 0,60 murat. contro terr. Sab. Ntgφ = 0,60 murat. contro terr. Sab. Ntgφ = 0,50 muratura contro terr. Compatto asciutto Ntgφ = 0,50 muratura contro terr. Compatto asciutto

10 Verifica a schiacciamento La risultante R tra la spinta ed il peso P del muro, esercita sulla base del muro una forza di pressione espressa dalla sua componente normale N al piano di appoggio. In generale,il centro di pressione C di tale risultante non coincide col baricentro della base dappoggio, ma presenta una eccentricità e. La risultante R tra la spinta ed il peso P del muro, esercita sulla base del muro una forza di pressione espressa dalla sua componente normale N al piano di appoggio. In generale,il centro di pressione C di tale risultante non coincide col baricentro della base dappoggio, ma presenta una eccentricità e. In base alla normativa il centro di pressione, non deve essere esterno al terzo medio dello spessore di base del muro In base alla normativa il centro di pressione, non deve essere esterno al terzo medio dello spessore di base del muro

11 Se il centro di pressione cade internamente al terzo medio (c>b/3; Se il centro di pressione cade internamente al terzo medio (c>b/3; e b/6 deve essere fatta la ferifica a pressoflessione per materiali non resistenti a trazione, mediante la formula: σ max = e >b/6 deve essere fatta la ferifica a pressoflessione per materiali non resistenti a trazione, mediante la formula: σ max = -2N/300c<= σ amm. -2N/300c<= σ amm. La condizione ottimale si verifica quando il centro di pressione cade internamente al terzo medio. La condizione ottimale si verifica quando il centro di pressione cade internamente al terzo medio.

12 Possibili posizioni delle risultanti delle forze verticali

13 La fondazione dei muri di sostegno Quando il centro di pressione della forza risultante sulla base del muro ha una elevata eccentricità, è esterna al terzo medio e le pressioni unitarie superano le tensioni ammissibili del terreno, bisogna progettare la fondazione. Quando il centro di pressione della forza risultante sulla base del muro ha una elevata eccentricità, è esterna al terzo medio e le pressioni unitarie superano le tensioni ammissibili del terreno, bisogna progettare la fondazione. b >= 3/2 BC con la relazione di cui sopra, si stabilisce la larghezza della fondazione. b >= 3/2 BC con la relazione di cui sopra, si stabilisce la larghezza della fondazione. Laltezza deve essere sempre > 50 cm. Laltezza deve essere sempre > 50 cm. la risega non deve essere eccessiva rispetto allaltezza h la risega non deve essere eccessiva rispetto allaltezza h


Scaricare ppt "Pareti di sostegno, tipologia e calcolo Le pareti di sostegno si caratterizzano essenzialmente in relazione al materiale con il quale vengono realizzate."

Presentazioni simili


Annunci Google