La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

L’Energia idroelettrica

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "L’Energia idroelettrica"— Transcript della presentazione:

1 L’Energia idroelettrica

2 Legislazione PROTOCOLLO DI KYOTO: i paesi industrializzati si impegnano a ridurre entro il 2012 le emissioni di CO2 del 5,2% rispetto al 1990 (stipulato nel dicembre del ’97) ; LEGGE : Ci si aspettava venissero definiti gli obiettivi e le strategie per ridurre su scala mondiale le emissioni di CO2; I CERTIFICATI VERDI: nuova struttura di incentivazione delle fonti rinnovabili.

3 Centrali nel Mondo 71,8% 29% 80,35% 59,3% 50,8% 20,8% 13% 1,2% 30’7%
Tipo centrale USA Canada Cina Giappone UE Termo 71,8% 29% 80,35% 59,3% 50,8% Nucleare 20,8% 13% 1,2% 30’7% 33,3% Idro 5,7% 56,7% 9% 18,4% 13,6% Solare eolica geotermica 1,7% 1,3% 1% 0,1% 2,3% Produzione di elettricità nel mondo

4 Il mercato europeo Permette di compensare le eccedenze e le carenze di energia tra paesi confinanti; La rete elettrica italiana è interconnessa con le reti dei paesi confinanti attraverso 16 linee.

5 Organizzazione del mercato elettrico in Italia
Produttori; Gestore Mercato Elettrico (GME); Gestore della Rete di Trasmissione Nazionale; Grossisti; Distributori; Mercato Vincolato; Mercato Libero; Acquirente Unico.

6 Gli impianti in Italia Rese: 48000 GWh Numero: 2005 centrali
Locazione: Piemonte, Valle d’Aosta e Liguria: 539 potenza prodotta: 4.350,9 MW Trentino, Friuli e Veneto: 630 potenza prodotta: 4.592,5 MW

7 Centrali nella regione
Nel Comune di Ligonchio sono in funzione due centrali idroelettriche che producono energia sfruttando le acque dei torrenti Rossendola e Ozola.

8 La diga di Vetto Negli anni ’90 iniziarono i lavori;
bacino artificiale di 100 milioni di metri cubi, con una superficie di 4,35 chilometri quadrati, alto 83 metri; Per la realizzazione di questa diga numerosi sono i dibattiti e di fatto non si è ancora avanzati nella sua realizzazione

9 Cos’è l’energia idroelettrica
E’ una fonte di energia rinnovabile che sfrutta la potenza dell’acqua che, in particolari condizioni, è in grado di trasformare l’energia meccanica in energia elettrica.

10 Da dove si ricava? Dai laghi o da bacini artificiali, l’acqua viene convogliata ,attraverso condutture forzate, a valle. Dai fiumi aventi una consistente portata d’acqua e un regime costante nell’arco dell’anno. Viene fatta aumentare l’energia cinetica.

11 Il bacino idroelettrico: due tipi di centrali
A salto: si utilizzano grandi altezze di caduta dell’acqua nelle regioni montane Ad acqua fluente: utilizzano grandi masse d’acqua corrente che superano piccoli dislivelli

12 Le centrali.. Serie di opere di ingegneria idraulica posizionate in una certa successione allo scopo di ottenere energia elettrica da masse d’acqua in movimento

13 DIGA: ha lo scopo di creare una riserva d’acqua, tramite la costruzione di un bacino artificiale, e di conseguenza creare un dislivello.

14 CONDOTTA FORZATA: convoglia l’acqua dal bacino fino alle turbine

15 POZZO PIEZOMETRICO: ha il compito di smorzare le enormi sovrappressioni che si generano quando la turbina viene fermata per evitare effetti a colpo d’ariete.

16 TURBINE: sono messe in moto dalla forza dell’acqua che colpisce le pale;
Dei vari tipi di turbine e del loro funzionamento ne parleremo in seguito

17 Le turbine La turbina idraulica è un dispositivo meccanico che trasforma l'energia potenziale e cinetica in energia meccanica; è costituita da: DISTRIBUTORE Parte fissa; indirizza la portata in arrivo alla girante dando la direzione regola la portata; provoca una trasformazione in energia cinetica dell'energia di posseduta dalla portata. GIRANTE È la parte mobile; trasforma l'energia potenziale e/o cinetica dell'acqua in energia meccanica resa sull'albero motore.

18 Tipi di turbine Pelton Turgo Cross-Flow Francis Kaplan
Turbina ad azione Turbina a reazione Salti di m Salti di m Salti di 10 – 350 m Salti di 2 – 20 m

19 ALTERNATORE: trasforma l’energia meccanica in energia elettrica da immettere in rete. L'alternatore è costituito da: - Una parte fissa: statore; - Una parte mobile: rotore.

20 La corrente alternata La corrente alternata è una corrente che cambia periodicamente, scorrendo ora in un senso ora nell’altro i(t) = iₒ sen(ωt + αₒ)

21 IL TRASFORMATORE: serve ad innalzare il voltaggio della corrente in uscita dall’alternatore per evitare eccessive perdite di energia in linea (principio dell’induzione elettromagnetica).

22 L’induzione elettromagnetica
Quando un conduttore è percorso da corrente elettrica genera attorno a se un campo magnetico che crea una tensione indotta, senza contatto fisico ma solo magnetico.

23 Il “cammino” dell’elettricità
Come viene distribuita l’energia elettrica

24 Impianto di accumulazione
Sono centrali che utilizzano l’energia elettrica in eccesso delle centrali sempre funzionanti per “ripompare” l’acqua del bacino a valle in quello a monte nelle ore di minor richiesta di energia, utilizzando l’energia delle centrali ad attività continua.

25 Impianto di accumulazione

26 Confronti con le altre fonti energetiche in Italia
Termoelettrica: 82,6% Idroelettrica: 15,1% Eolica: 0,5% Geotermica: 1,8%

27 Problemi ambientali

28 Impatto ambientale intervento edilizio, come la costruzione di laghi artificiali in fase di costruzione ha un impatto visivo ed estetico molto forte

29 Alterazione delle portata fluviale e conseguente cambiamento del microclima
Problemi di sicurezza in caso di terremoti e frane Esodi forzati di popolazione Diminuzione della fertilità dei terreni a valle Diffusione di malattie trasmesse dai parassiti che si moltiplicano nei bacini

30 Problemi per il letto fluviale
la naturale sedimentazione riempie il letto fluviale; sbarramenti bloccano il trasporto solido dei fiumi; alterazione dell’equilibrio tra l’apporto solido e l‘attività erosiva nel corso dell’acqua a valle; erosione delle coste;

31 Il disastro del Vajont 9 ottobre 1963 alle ore 22.39
una frana staccatasi dal monte Toc precipita nel bacino della diga del Vajont un'onda scavalca la diga e travolge distruggendolo il paese di Longarone 1910 vittime

32 Panoramica della Valle del Vajont
Panoramica della Valle del Vajont. Si nota la frana di 260 milioni di metri cubi staccatasi dal Monte Toc e precipitata nel bacino artificiale.

33 La diga delle Tre Gole renderà disponibile 22.500 MW;
è stata allagata una zona di 600 km x 2 km; 23 città demolite; 1,3 milioni di persone evacuate.

34 Le guerre dell’oro blu La diga sul fiume Gange; Turchia, Siria e Iraq;
Cecoslovacchia e Ungheria

35 Turchia, Siria e Iraq La Turchia intende realizzare 22 dighe sull’Eufrate, che diminuirebbero drasticamente il livello delle acque del fiume disponibili per l’Iraq; La più grande (Ataturk) completata nel ’91 è alta 454m; Similmente, quando la Siria cominciò il riempimento della nuova grande diga di Tabqa, questo causò la diminuzione di un quarto della portata idrica in Iraq; Per tutta risposta Saddam Hussein schierò le sue truppe alla frontiera e minacciando esplicitamente la diga

36 Cecoslovacchia e Ungheria
Nel ’77 danno il via al progetto Gabcikovo-Nagymaros per la gestione delle acque del fiume Danubio che prevede la realizzazione di un sistema di sbarramenti e due centrali idroelettriche; Un nuovo studio sugli impatti ambientali dimostra che la diga di Nagymaros può nuocere all’ecosistema del fiume e ridurre le scorte di acqua potabile; La Cecoslovacchia vuole una revisione del progetto, mentre l’Ungheria preme per l’accantonamento definitivo del progetto; Il conflitto termina nel ’92.

37 La diga sul Gange l’ultima diga terminata nel ’74 ha provocato
tensioni tra India e Bangladesh; L’India continua a costruire sbarramenti, impoverendo così la riserva idrica del Bangladesh, prosciugando 80 fiumi.

38 Di Cervi Debora e Rossi Gloria

39 Bibliografia Armaroli Nicola, Balzani Vincenzo, L’Energia Per L’Astronave Terra, Milano, Zanichelli 2008; Menna Pietro, L' energia pulita, il Mulino, 2003; “Energie Rinnovabili”, in il Sole 24 ore, martedì 3 febbraio 2009; Energia in gioco,”Il mercato dell’energia”, “Le centrali elettriche e l’ambiente”, “Dalla produzione alla distribuzione”, centro coordinamento, Enel 2003 Ugo Amaldi, Fisica: idee ed esperimenti dal pendolo ai quark, volume terzo,Zanichelli Francesco Gesualdi, Acqua con giustizia e sobrietà, Editrice missionaria italiana 2007 Sara Ceci, Acqua e ambiente, Editrice missionaria italiana 2007 Marco Deriu, Acqua e conflitti, Editrice missionaria italiana 2007 Carlo Benedetti e Federico Rampini, Ccentomila punture di spillo, Mondadori ottobre 2008


Scaricare ppt "L’Energia idroelettrica"

Presentazioni simili


Annunci Google