La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA MORFOLOGIA DELLA RELIGIONE: 1) CREDENZA IN UNA REALTA SACRA 2) I COMPORTAMENTI RELIGIOSI 3) LE ORGANIZZAZIONI RELIGIOSE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA MORFOLOGIA DELLA RELIGIONE: 1) CREDENZA IN UNA REALTA SACRA 2) I COMPORTAMENTI RELIGIOSI 3) LE ORGANIZZAZIONI RELIGIOSE."— Transcript della presentazione:

1 LA MORFOLOGIA DELLA RELIGIONE: 1) CREDENZA IN UNA REALTA SACRA 2) I COMPORTAMENTI RELIGIOSI 3) LE ORGANIZZAZIONI RELIGIOSE

2 LORGANIZZAZIONE RELIGIOSA Tutte le Religioni anche quelle primitive presentano una qualche forma di ORGANIZZAZIONE ISTITUZIONALIZZATA. Ed hanno PERSONE centrali significative che sono considerate speciali dal contesto delle scritture sacre e per le pratiche religiose che svolgono a servizio delle comunità di appartenenza

3 La PERSONA SACRA E l h separato dagli altri uomini. E consacrato alle sue funzioni. E addetto al contatto con il sacro. E uno specialista del sacro. Ha poteri sacri es. sacer – dote (dà cose sacre). E il mediatore tra Dio e gli uomini.

4 L Evoluzione della PERSONA SACRA. Nelle società primitive lh sacro svolge sia lattività religiosa che lattività profana. Poi cè lemergere di un singolo (anziano, capofamiglia, capotribù, guida esperta) nominato dal gruppo. Nelle più complesse cè un capo che delega ad altri la gestione del sacro.

5 Come sorgono gli uomini sacri? Gli uomini sacri sorgono: Per delega (scelti dalla comunità). Per eredità (di generazione in generazione). Per doti (superamento di prove di abilità). Per inclinazioni particolari (carismi). Per vocazione personale (la chiamata di Dio ad una particolare missione).

6 Cosa li separa – li rende sacri? Labbigliamento (tonaca, saio, …) Il luogo dove abitano (monastero, abbazia) Il taglio dei capelli (tonsura) I cibi che possono mangiare

7 La persona sacra nel BUDDISMO Sia gli uomini che le donne possono essere ordinati e divenire monaci/che buddisti/e seguendo lesempio di Budda. Attraverso la loro preghiera, vengono inviati buoni pensieri per aiutare gli altri in tutto il mondo. In molti luoghi i buddisti ordinati e consacrati si prendono cura dei malati, dei poveri e dei prigionieri.

8 La persona sacra nellEBRAISMO Non esiste sacerdozio. Il Rabbino è un maestro della TORAH (legge ebraica) spiegano, insegnano e consigliano la legge di Dio. Conduce la celebrazione nella sinagoga il Sabato. I servizi implicano luso della Torah, delle preghiere e degli inni. Può essere chiamato ad insegnare la lingua ebraica ai bambini. Essi servono la comunità – specialmente i malati e gli anziani. Officiano i riti di passaggio. Offrono aiuto e consiglio spirituale.

9 La persona sacra nellIslam Chiunque può essere un Imam ma coloro che hanno una migliore comprensione del Corano e delle Sunnah officiano i riti di passaggio, conducono la salah (preghiera) e guidano i musulmani qualsiasi problema. LImam mantiene gli insegnamenti e le pratiche del profeta Maometto.

10 La persona sacra nel Cristianesimo Uomini e donne esercitano il ministero in modi diversi nelle diverse confessioni e tradizioni: Ci sono i presbiteri ordinati, i religiosi (monaci e suore) che guidano, conducono, aiutano ed amministrano le necessità. I presbiteri ed i diaconi conducono il culto e si prendono cura della comunità, in particolare di coloro che ne hanno più bisogno.

11

12 Gli specialisti del sacro Sciamano (monaco in estasi) Sacerdote Profeta Santo

13 Gesti Sacri Alcuni gesti manifestano il sacro per mezzo del corpo: Congiungere le mani Alzare le mani Inginocchiarsi Battersi il petto Fare la croce Danzare Cantare Mangiare

14 Il Simbolo sacro è segno di riconoscimento (symbolon); è segno di appartenenza; coinvolge principalmente la sfera emotiva Il simbolo in campo religioso ha la funzione di evocare, attraverso qualcosa di noto e di quotidiano, qualcos'altro di non evidente, di profondo, di originario: anzi, il simbolo è spesso l'unico modo per esprimere un mistero altrimenti indicibile nel nostro linguaggio comune. Il simbolo rende visibile ciò che è invisibile Croce

15 Link sul simbolismo: raccolta di simboli delle religioni anche antiche e tribali, ogni simbolo è corredato di spiegazione. i simboli delle religioni in formato vettoriale realizzata in forma di libro e con un buon sistema di ricerca raccolta di simboli cristiani

16

17 LA CROCE simbolo della crocifissione di Gesù, rappresenta il suo amore per lumanità e sintetizza, anche visivamente, il messaggio cristiano. Il braccio verticale si richiama direttamente a Dio, mentre quello orizzontale abbraccia tutti gli uomini. Il Cristianesimo, con lIncarnazione e Resurrezione del Cristo (perfetto Dio e perfetto uomo) è incrocio tra cielo e terra, tra divinità ed umanità, testimoniando una speranza senza fine.

18 Il Segno della Croce La croce oltre ad essere un simbolo è anche un Gesto di preghiera che si compie pronunciando queste parole: Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo e toccando con la mano destra prima la testa (facoltà del PENSARE), poi il cuore (facoltà dellAMARE) e poi le due spalle sx e dx (facoltà dellAGIRE). Con il segno della croce i cristiani si impegnano a dedicare a Dio i loro pensieri, ad amare come Gesù ha amato, a lasciarsi guidare dallo Spirito Santo nelle loro azioni.

19 EBRAISMO MAGEN DAVID letteralmente significa scudo di Davide. E una stella a sei punte (o esagramma), formata da due triangoli sovrapposti. Gli Ebrei ritengono che il triangolo col vertice volto verso il basso rappresenti il rivelarsi di Dio alluomo, e quello col vertice volto verso lalto sia la risposta delluomo al disegno di alleanza divina.

20 La Menorah

21 Il Buddismo

22 ISLAM

23 INDUISMO O ( ) (romanizzato anche come O[1], Óm e Aum), è un termine indeclinabile sanscrito che con il significato di solenne affermazione è posto all'inizio di buona parte della letteratura religiosa indiana. Come sillaba sacra viene pronunciata all'inizio o al termine di una lettura dei Veda. Come mantra, il più sacro e rappresentativo della religione induista, è oggetto di riflessioni teologiche e filosofiche, nonché strumento di pratica religiosa e meditativa.

24 Libri sacri Un libro è sacro quando è ritenuto fondamentale per la dottrina perché scritto o direttamente o ispirato da Dio. Contiene una Rivelazione Definisce il Canone (fissa il n° dei testi) E usato per la liturgia Coinvolge la vita di un credente

25 I LIBRI SACRI I principali libri sacri delle religioni sono: La Bibbia ebraica detta TANAK. La Bibbia Cristiana (AT e NT). Il Corano. (Islam) I Tre Canestri o TRI – PITAKA.(Buddismo) I VEDA e le UPANISHAD.(Induismo)

26 TIPOLOGIE DI GRUPPI RELIGIOSI CHIESA dal greco ekklesia = è lassemblea radunata nel Cristianesimo. E la Comunità dei fedeli in Gesù Cristo. E anche il luogo dove lassemblea celebra il culto La Chiesa ha una Vocazione Universale = Cattolica. Nella chiesa si entra con il rito del Battesimo

27 TIPOLOGIE DI GRUPPI RELIGIOSI SETTA dal verbo sequor = seguire, andare dietro. E un gruppo di persone che seguono qualcuno o una dottrina O dal verbo seco = tagliare – separare. E un gruppo di persone che si è separato da unaggregazione maggioritaria La setta si sceglie.

28 TIPOLOGIE DI GRUPPI RELIGIOSI La DENOMINAZIONE è un raggruppamento di persone meno antagonista, più stabile e chiuso e conservatore, senza gerarchia. Es. Le denominazioni evangeliche protestanti.


Scaricare ppt "LA MORFOLOGIA DELLA RELIGIONE: 1) CREDENZA IN UNA REALTA SACRA 2) I COMPORTAMENTI RELIGIOSI 3) LE ORGANIZZAZIONI RELIGIOSE."

Presentazioni simili


Annunci Google