La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

FOREIGN BANKS IN POOR COUNTRIES: THEORY AND EVIDENCE Enrica Detragiache, Thierry Tressel, Poonam Gupta Di Paolo Manuela Marcello Teresa Marcone Anna 1.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "FOREIGN BANKS IN POOR COUNTRIES: THEORY AND EVIDENCE Enrica Detragiache, Thierry Tressel, Poonam Gupta Di Paolo Manuela Marcello Teresa Marcone Anna 1."— Transcript della presentazione:

1 FOREIGN BANKS IN POOR COUNTRIES: THEORY AND EVIDENCE Enrica Detragiache, Thierry Tressel, Poonam Gupta Di Paolo Manuela Marcello Teresa Marcone Anna 1

2 Quando le banche domestiche hanno una maggiore accuratezza nellesaminare le informazioni sui clienti, lingresso delle banche estere potrebbe danneggiare i clienti e peggiorare il benessere; Il credito al settore privato dovrebbe essere minore nei paesi con una maggiore presenza di banche straniere; Le banche straniere dovrebbero avere portafogli meno rischiosi. 2

3 Vantaggi ingresso banche straniere nei paesi poveri: 1. Economie di scala, 2. Diversificazione dei rischi, 3. Tecnologia più avanzata, 4. Maggiore supervisione e regolamentazione, 5. Aumento della competitività, 6. Sono percepite più sicure di quelle domestiche. 3

4 Svantaggi ingresso banche straniere nei paesi poveri: 1. Difficile controllo da parte delle banche madri sulla concessione dei prestiti alle imprese dietro scarse informazioni, 2. Potrebbe comportare luscita delle banche nazionali dal mercato, 3. Minore probabilità per le banche straniere di concedere prestiti alle società in difficoltà rispetto alle banche domestiche. 4

5 Evidenza empirica Messico: Haber e Musacchio 2005: lingresso di banche straniere fu liberalizzato dopo la crisi finanziaria del ; con lingresso di banche straniere è migliorata la capitalizzazione del settore bancario globale e i prestiti non concessi e le spese operative sono diminuiti insieme al credito al consumo al settore privato ; Pakistan: Mian 2006: le banche estere concedono prevalentemente prestiti a fronte di informazioni più chiare rispetto a quelle domestiche, e riescono meglio nel recupero dei debiti non rimborsati; India: Gormley 2005: con lingresso delle banche straniere la probabilità di ottenere prestiti aumenta per le imprese più grandi e profittevoli e diminuisce per le altre. 5

6 MODELLO CON SOLO BANCHE DOMESTICHE Hp: Due categorie di agenti: banche e imprenditori (possono essere di tre tipi: H S B) Due periodi Banche perfettamente competitive Imprenditori neutrali al rischio Ogni imprenditore conosce il suo tipo ma non quello degli altri Limprenditore non ha risorse private e deve ottenere i finanziamenti da una banca H e S hanno accesso ad un progetto sicuro ed efficiente con investimento iniziale I=1 e un profitto R>1 nel periodo 2 con probabilità 1 6

7 B ha accesso ad un progetto rischioso con I=1 e un profitto R con probabilità p nel periodo 2. Il monitoraggio consente alle banche di identificare la tipologia degli investitori ex ante Per identificare gli agenti di tipo H le banche devono identificare le informazioni di tipo hard che hanno un costo di. Per identificare gli agenti di tipo S le banche devono identificare le informazioni soft che hanno un costo per progetto. Allinizio del primo periodo le banche offrono un menu di contratti. I mutuatari scelgono uno dei contratti disponibili o rinunciano al prestito. 7

8 Equilibrio A = equilibrio di gruppo: le banche offrono un contratto non monitorato a tutte le imprese. Gli imprenditori accetteranno il contratto se: - - non ci sono altre attrattive - Equilibrio B = equilibrio separato = i tipi H si dividono da soli, le banche esaminano le informazioni soft e prestano agli agenti di tipo S. Quindi si ha un equilibrio separato se: - 8

9 Equilibrio C = equilibrio di semi gruppo= le banche monitorano solo gli agenti di tipo H e quindi raggruppano S e B. - H paga il tasso dinteresse - B e S pagano - Equilibrio D = equilibrio in costrizione del credito= le banche monitorano solo gli agenti di tipo H, che quindi ricevono il credito perché - 9

10 MODELLO CON BANCHE DOMESTICHE E STRANIERE Hp aggiuntiva: Le banche straniere hanno costi di monitoraggio minori sugli agenti di tipo H e maggiori sugli agenti di tipo S rispetto alle banche domestiche dove e Lequilibrio di gruppo è meno probabile con lingresso di banche straniere perché altrimenti la migliore abilità di monitoraggio delle banche straniere non avrebbe senso. 10

11 TABELLA 1.pdf 11

12 Per vedere come lingresso di banche straniere influenza il benessere di una paese, consideriamo due casi: Condizione di equilibrio non di gruppo e la banca straniera monitora le informazioni hard; costo selezione avversa e costo selezione avversa > Con lingresso di banche straniere i mutuatari con informazioni hard sono sempre migliori o indifferenti mentre gli altri sono peggiori o indifferenti. 12

13 TEST EMPIRICO Regressione country level è il rapporto tra il credito privato e il GDP, è la parte di attività bancarie detenute dalle banche straniere, è la matrice della variabile controllo (comprende inflazione, stabilità politica, conflitto interno, controllo militare, libertà dalla corruzione, disponibilità di informazioni sui creditori e durata dei contratti), è il termine di errore Il parametro di interesse è, coefficiente della partecipazione delle banche straniere. 13

14 TABELLA 3.pdf 14

15 Il credito al settore privato potrebbe dipendere da fattori che la variabile banche straniere non riesce a cogliere: 1. Inserire nuove variabili: δ e μlny(t-1) 2. Esaminare se una maggiore presenza di banche straniere nellanno t è associata con la minore crescita (reddito) nellanno precedente tralasciando gli effetti specifici dei paesi. 3. Utilizzare stime di variabili strumentali: la percentuale di grandi banche internazionali localizzate nei paesi colonizzati; una misura della dimensione potenziale del mercato (popolazione); una misura della distanza culturale basata sulla lingua; 15

16 TEST EMPIRICO Regressione bank level è la previsione di perdite su prestiti per le banche i nel paese j nellanno t, espresso come partecipazione al ricavo netto su interessi, è una variabile indicatore uguale a uno se la banca i nel paese j al tempo t è partecipata straniera, è un vettore di variabili controllo bank-level (includono la dimensione bancaria, il rapporto prestito attività, capitalizzazione, redditività, costi complessivi, e una dummy per le proprietà governative), è una matrice di effetti fissi country-time, è il termine di errore. 16

17 TABELLA 8.pdf 17

18 CONCLUSIONI: Nei paesi poveri le banche straniere prestano principalmente alle grandi imprese e al governo piuttosto che alle piccole imprese che necessitano di una conoscenza locale Lefficienza dei costi e il benessere possono migliorare con lingresso di una banca straniera, anche se questo non è sempre garantito; Le banche straniere avranno un portafoglio prestiti più sicuro rispetto alle banche domestiche. 18

19 GRAZIE PER LATTENZIONE 19


Scaricare ppt "FOREIGN BANKS IN POOR COUNTRIES: THEORY AND EVIDENCE Enrica Detragiache, Thierry Tressel, Poonam Gupta Di Paolo Manuela Marcello Teresa Marcone Anna 1."

Presentazioni simili


Annunci Google