La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

George Clarke, Maria Soledad Martinez Peria Robert Cull,, Susana M. Sanchez A cura di Francesca Gentili e Ilaria Marcantognini 1.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "George Clarke, Maria Soledad Martinez Peria Robert Cull,, Susana M. Sanchez A cura di Francesca Gentili e Ilaria Marcantognini 1."— Transcript della presentazione:

1 George Clarke, Maria Soledad Martinez Peria Robert Cull,, Susana M. Sanchez A cura di Francesca Gentili e Ilaria Marcantognini 1

2 Obiettivo del paper: Utilizzando il bank level data per 4 paesi dellAmerica Latina, Argentina, Cile, Colombia e Perù, gli autori hanno investigato se lorigine della banca, domestica o estera, influenzi la quota e il tasso di crescita dei prestiti alle piccole imprese. 2

3 Questione: Lingresso di partecipazioni bancarie straniere nei paesi in via di sviluppo è un fenomeno positivo? QUESTIONE CONTROVERSA Ingresso di nuovi capitali. Aumento di efficienza e competitività del settore bancario. Riduzione della volatilità dei depositi e aumento dei prestiti. Processo positivo perché: Processo negativo perché: Diminuzione del credito domestico bancario aggregato e facilitazione delle fughe di capitali. Aumento dellesposizione a shock nei paesi di origine delle banche straniere. Riduzione del credito alle piccole imprese. 3

4 Come base di partenza per la trattazione dellanalisi sono stati utilizzati alcuni studi: A.Il primo fa riferimento ad uno studio sui prestiti alle piccole imprese negli U.S., ed è importante in quanto ha implicazioni su come le dimensioni di una banca e la tipologia di ingresso di essa influenzino i prestiti alle piccole imprese. Limiti: Notevoli differenze fra PVS e Stati Uniti Maggior attenzione ai prestiti in generale B. Il secondo riguarda un gruppo di studi sui prestiti alle piccole imprese nei PVS, in particolare in Argentina. Limiti: Scarsità di dati Risultati Confusi 4

5 Evidenze empiriche U.S. Le grandi istituzioni, complesse dal punto di vista organizzativo, trovano difficile prestare denaro alle p.i. per lopacità delle informazioni. Focarelli e Pozzolo mostrano che le banche estere che entrano nei PVS tendono ad essere grandi, ciò potrebbe danneggiare leconomia. Altri studiosi, quali Berger, Frame e Miller hanno dimostrato che un aumento dellinnovazione tecnologica è accompagnata da unespansione, da parte delle grandi banche, nei prestiti alle p.i. Inoltre la tipologia di ingresso della banca nel PVS influenza la quota di prestiti e il tasso di crescita di questi ultimi alle p.i. I.Le banche entranti de novo devolvono quote più grandi del loro portafoglio prestiti alle p.i., questo anche perché tendono a rimanere piccole; II.M&A fra piccole banche portano ad aumento dei prestiti alle p.i. III.M&A fra banche medio grandi tendono a risolversi in una contrazione del credito, secondo Keeton e Berger, mentre non comportano significativi cambiamenti secondo altri autori. 5

6 Motivazione del paper: Il paper è chiaramente utile, data la scarsità e la limitatezza delle ricerche esistenti sullimpatto delle partecipazioni bancarie straniere sui prestiti alle p.i., e proprio per limportanza di questa questione da un punto di vista politico. Organizzazione del paper: I. Descrizione dei dati utilizzati; II. Spiegazione del metodo econometrico; III.Presentazione dei principali risultati della regressione; IV.Considerazioni aggiuntive volte a rafforzare le conclusioni raggiunte; V. Esplorazione delle principali differenze nei risultati fra i vari paesi; VI. Conclusioni. 6

7 Sezione I I dati considerati sono stati forniti dalle Sovrintendenze bancarie o dalle banche centrali dei vari paesi: Definizione di prestiti alle piccole imprese: ARGENTINA:Uno studio della Banca Centrale sui prestiti alle piccole imprese ha svelato come le p.i. abbiano un debito totale fra i $ e 2,5 mln $. Inoltre sono clienti, in media, fino ad 1 mln $ da ciascuna banca individuale. Si definiscono, quindi, prestiti a piccole imprese quelli fino a questo ammontare; CILE:la Sovrintendenza bancaria misura il totale del debito in Unidades de fomento (UF), che corrispondono ad una quantità fissata di pesos cileni indicizzati all'inflazione. Seguendo le disposizioni della Sovrintendenza, abbiamo definito prestiti alle piccole imprese come prestiti a clienti di meno di UF in debito totale; PERÚ: i prestiti alle p.i. vengono definiti dalla Sovrintendenza bancaria quelli fra i $ e i $. COLOMBIA :questo paese obbliga le banche a registrare separatamente i prestiti alle p.i., che sono quelle con attivi inferiori di 1,7mln $. 7

8 Le differenze esistenti fra i vari paesi nei prestiti concessi alle piccole imprese potrebbero anche riflettere la relativa capacità delle compagnie di accedere a forme di finanziamento esterne, in particolare al mercato dei capitali internazionali. Dato che la comparazione fra i vari paesi della quota di prestiti alle p.i. può presentare problemi di misurazione, il paper si concentra primariamente sulla valutazione, all'interno dei paesi, dei prestiti erogati da banche domestiche e straniere. 8

9 Origine della banca e partecipazioni bancarie straniere: Definizione di foreign bank:classifichiamo una banca come straniera se è posseduta da istituzioni estere per una quota superiore al 50% del suo capitale. Partecipazioni bancarie straniere nei vari paesi fino alla fine del 1990: COLOMBIA: il 4% delle banche erano di proprietà straniera, e sono responsabili di un quarto dei prestiti del settore bancario; PERÚ: più della metà delle banche erano di proprietà straniera, e hanno contribuito alla copertura di circa un quarto per la maggior parte del periodo arrivando al 40% verso la fine del periodo; ARGENTINA:più del 50% dei prestiti del settore bancario erano erogati da banche straniere; CILE:più del 45% dei prestiti del settore bancario erano erogati da banche straniere 9

10 Modalità di ingresso delle banche straniere Merger & Acquisition: ARGENTINA: Fra il 1990 e la fine del 2000, il numero di istituzioni bancarie si è dimezzato: da oltre 200 a meno di 100. molte di esse sono fallite, altre sono state coinvolte in M&A. Nel nostro periodo campione, dal giugno 1998 al marzo 2000 ci sono state 28 M&A, di cui 15 con banche straniere. CILE: 11 transazioni, metà delle quali con banche straniere; COLOMBIA E PERÚ: 6 M&A, 2 delle quali con banche straniere. Ingressi de novo: ARGENTINA: 6 casi di ingressi de novo. PERÚ: solo 2 casi. 10

11 METODO EMPIRICO Sezione II La nostra analisi empirica sull'impatto dell'origine bancaria sui prestiti alle p.i. si focalizza sia sulla quota sia sulla crescita dei prestiti in questo settore. Se i prestiti ad esse crescono più lentamente degli altri tipi di prestiti, è possibile che la quota di prestiti a questo settore potrebbe essere diminuita, mentre il tasso di crescita del livello potrebbe essere positivo. L'indice dei prestiti alle piccole imprese sul totale dei prestiti e il tasso di crescita dei prestiti alle p.i. sono stimati come funzione di un certo numero di indicatori bancari, tra cui l'origine della banca. In particolare, per verificare se le banche domestiche o straniere abbiano differenti politiche di prestito, viene inserita una variabile dummy uguale a uno se la banca è posseduta per oltre il 50% da proprietà straniera (FOREIGN). Viene controllata inoltre la dimensione della banca utilizzando il suo totale attivo all'inizio del periodo(SIZE). Poi queste variabili vengono fatte interagire. Continua 11

12 Per tenere osservare come le diverse modalità di ingresso delle banche straniere influenzano la quota di prestiti alle piccole imprese, gli autori considerano variabili dummy distinte -Una per gli ingressi de novo (FOREIGN DE NOVO) -Una per quei casi in cui le banche straniere entrano nel sistema o aumentano di dimensioni acquisendo istituzioni domestiche. (FOREIGN M&A e FOREIGN PURCH.) Queste variabili dummy sono fatte inoltre interagire con una variabile che misura il tempo dall'ingresso (FOREIGN DE NOVO, FOREIGN M&A e FOREIGN PURCH *AGE) o dall'acquisizione per catturare i cambiamenti nei prestiti bancari alle p.i fino a quando esse diventano più stabili nel mercato. Continua 12

13 Le banche di proprietà pubblica operano in tre dei quattro paesi del nostro campione (Argentina, Cile e Colombia). Dato che le decisioni di prestito, nelle banche di proprietà governativa, potrebbero essere guidate da decisioni politiche o speciali mandati piuttosto che da fattori commerciali,gli autori hanno incluso una dummy (PUBLIC) per le banche pubbliche nella loro stima. Inoltre per controllare il livello bancario hanno considerato il valore iniziale di due indicatori di solidità e performance finanziaria:il ritorno degli investimenti e l'indice sul totale degli attivi (STRENGHT). Infine, la regressione include dummy (YEARS) per controllare i cambiamenti nella quota dei prestiti alle piccole imprese associata a variabili macroeconomiche o altri fattori che sono comuni nelle banche nel tempo. 13

14 I modelli di regressione utilizzati dagli autori per stimare la quota e il tasso di crescita dei prestiti alle p.i. da parte di banche domestiche e straniere sono 2: 1.SHARE REGRESSION : equazione utilizzata per stimare quali siano i fattori che influenzano la quota di prestiti alle p.i. j: 1...X, è il paese considerato i: 1... N considera ogni banca individuale per ciascun paese, t: 1... T si riferisce al tempo, P: è la proporzione del totale dei prestiti alle piccole imprese dalla banca locale I al tempo t nel paese j. 14

15 2. GROWTH REGRESSION : equazione utilizzata per stimare quali siano i fattori che influenzano il tasso di crescita dei prestiti alle p.i. In questo modello di regressione è stata introdotta una nuova variabile dummy SEASONAL, la quale elimina le variazioni stagionali nel tasso di crescita. 15

16 RISULTATI EMPIRICI : Sezione III 16 Una tipica banca straniera, in Argentina e Colombia, sembra non devolvere una quota significativamente più bassa dei propri prestiti alle p.i, rispetto ad una banca domestica; Nei modelli per il Cile e il Perù, i risultati a cui pervengono gli autori mostrano come le piccole banche domestiche devolvano una quota più grande dei loro prestiti alle p.i. rispetto alle piccole banche straniere. Questa tendenza si inverte però allaumentare della dimensione: infatti in Cile le grandi banche straniere dedicano una quota maggiore dei loro prestiti alle piccole imprese rispetto alle grandi banche locali. Share regression La dimensione, considerata singolarmente, ha un impatto negativo sui prestiti alle p.i. Questo effetto è significativo solo nei casi del Perù e della Colombia; Le banche private domestiche, in generale, sembrano prestare di più alle p.i. rispetto alle banche statali, in particolare in Argentina e in Cile;

17 Per quanto riguarda gli entranti de novo, essi sembrano non concentrarsi sul finanziamento alle piccole imprese, e ciò risulta quindi poco rilevante per il tessuto economico del paese; Spostando lattenzione sui processi di acquisizione e fusione si può notare che, soprattutto in Argentina, molte banche straniere sono entrate nel mercato grazie allacquisto di banche domestiche, le quali devolvevano unalta quota dei loro prestiti alle p.i.; Il resto delle fusioni o acquisizioni mostrano una scarsa significatività dal punto di vista statistico, soprattutto per la mancanza di un numero sufficiente di osservazioni necessarie per arrivare ad evidenze consistenti. 17

18 RISULTATI EMPIRICI: Growth regression il tasso di crescita dei prestiti alle p.i. per una tipica banca straniera in Colombia e Perù è simile a quello di una banca domestica. Inoltre la dimensione influenza in maniera simile le banche locali e straniere. Per lArgentina e il Cile i risultati mostrano che la crescita dei prestiti alle p.i. per una piccola banca domestica è maggiore di quella di una piccola banca straniera, ma per banche più grandi il divario tra banche locali e domestiche è molto più piccolo. A sostegno di ciò, per entrambi i paesi, la regressione indica che Le grandi banche straniere prestano una quota più alta alle piccole imprese rispetto alle loro controparti domestiche. La variabile proprietà pubblica delle banche è statisticamente insignificante nella maggior parte dei casi, ad eccezione del Cile,in cui si nota una crescita dei prestiti alle p.i. più lenta per le banche pubbliche rispetto a quelle private. 18

19 19 Verifiche a sostegno dei risultati: Per confermare i principali risultati del paper gli autori hanno considerato ulteriori elementi nelle loro regressioni: 1.Dimensione e struttura della holding bancaria; 2.Banche straniere di paesi con affinità culturali; 1.Se le grandi banche possono fare affidamento a capacità manageriali e competenze informatico finanziarie delle proprie holding, potrebbero utilizzarle per estendere quote maggiori di credito alle p.i. Evidenze empiriche mostrano però, come alcune grandi banche internazionali, come ad esempio Bank of Tokio in Argentina e Cile, abbiano scelto di mantenere una piccola presenza locale e un coinvolgimento molto limitato nel settore dei prestiti alle p.i. Questo studio non rileva tanto limportanza delle competenze tecnologiche della banca straniera nei prestiti alle p.i., ma il ruolo chiave è dettato dallimpegno e dalla presenza locale per applicarle nei mercati in cui si entra.

20 20 2. Banche straniere di paesi con affinità culturali Il paper analizza la questione che sorge nel momento in cui a prestare ai paesi del nostro campione sono banche che provengono da paesi con affinità dal punto vista culturale, come ad esempio paesi di lingua spagnola. I risultati empirici non forniscono un forte sostegno a tale ipotesi.

21 21 Differenze nei prestiti alle p.i. fra i vari paesi Sezione V 1)I risultati empirici suggeriscono che le grandi banche estere sono più inclini a prestare alla piccola impresa in Argentina e in Cile piuttosto che in Perù e in Colombia; 2) Le regressioni del tasso di crescita per lArgentina e per il Cile mostrano che le grandi banche incrementano i loro prestiti ad una tasso più alto rispetto alle grandi banche domestiche. In entrambi i paesi, le grandi banche estere hanno la il più alto tasso di crescita stimato tra tutte le banche.. 3) In Cile, ma non in Argentina, le grandi banche estere hanno devoluto quote più alte dei loro portafogli prestando alla piccola impresa rispetto a tutte le banche. 3 possibili fattori di causa: Condizioni contrattuali Buone informazioni sulla clientela Contesto macroeconomico

22 22 Condizioni contrattuali Buone condizioni contrattuali servono a proteggere i diritti di coloro che entrano all'interno dei contratti, soprattutto nei contratti di credito, data l'incertezza legata alla futura capacità di rimborso dei clienti. Dai dati nella tabella,Cile e Argentina sembrano essere i paesi con le migliori condizioni contrattuali rispetto alla Colombia e al Perù, e questo potrebbe parzialmente spiegare perchè le grandi banche straniere in questo paese sono maggiormente inclini a prestare alle p.i. Questi indici potrebbero aiutare a capire perché sia la quota e sia il tasso di crescita hanno indicato che le grandi banche estere in Cile stanno accentuando i prestiti alle piccole imprese, mentre solo le regressioni del tasso di crescita danno una simile evidenza per lArgentina. Ciò è dovuto al fatto che, il Cile gode di migliori condizioni contrattuali per un periodo più lungo, rispetto allArgentina; ciò si evince dalla tabella notando come gli indici fra questi 2 paesi abbiano uno scarto molto piccolo.

23 23 Accesso a buone informazioni sui clienti Generalmente il mercato del credito presenta problemi di asimmetrie informative tra creditori e debitori e problemi di selezione avversa. Per ovviare a ciò, alcuni PVS hanno creato registri del credito per raccogliere info sui clienti nel tempo Cile ed Argentina hanno la maggiore disponibilità di questi registri, sia pubblici che privati e nel caso dell'Argentina queste informazioni sono accessibili a tutti via internet

24 24 Contesto macroeconomico In riferimento al contesto macroeconomico, il tasso di inflazione dei paesi in quegli anni sembra aver influito sui prestiti erogati alle piccole imprese. Analizzando i 4 paesi del campione, si vede come i bassi tassi di inflazione, che hanno caratterizzato le economie di Argentina e Cile in quegli anni, potrebbero aver reso più facile per le grandi banche estere il prestito alle piccole imprese, data la stabilità dei prezzi.

25 CONCLUSIONI I risultati conducono a ritenere che in media le banche straniere in Cile e in Perù prestano meno alle piccole imprese di quelle domestiche private; In tutti 4 i paesi studiati, i tassi di crescita dei prestiti alle piccole imprese è maggiore per le più grandi istituzioni finanziarie estere rispetto a quelle domestiche. 25 In Argentina e Colombia le banche straniere e domestiche prestavano quote molto simili alle piccole imprese; La differenza nei casi cileni e peruviani sembra essere primariamente dovuta al comportamento delle piccole banche straniere. In entrambi i casi esse prestano meno alle piccole imprese rispetto alle piccole banche domestiche. Invece dallevidenza empirica sembra che le banche straniere con una grande presenza sul territorio, prestino quote maggiori alle piccole imprese rispetto alle grandi istituzioni locali, soprattutto in Cile e in Colombia.

26 1.lo studio copre solamente 4 paesi e riguarda un periodo di tempo relativamente breve Nella verifica dellimpatto di alcune variabili sul nostro modello di regressione, sarebbero state necessarie serie temporali più lunghe 2. Questo paper non può rendicontare su certi aspetti dei finanziamenti delle società, che potrebbero modificarne le statistiche. Ad esempio non si hanno informazioni sulla percentuale di grandi società che, nei quattro paesi, hanno accesso al mercato dei capitali per reperire finanziamenti. E se così fosse, tali società richiederebbero meno prestiti alle banche. Le banche straniere, quindi, in quei paesi potrebbero prestare di più alle piccole imprese rispetto ad altri in cui le grandi imprese non hanno questa possibilità LIMITI DEL PAPER 3. I dati del paper inoltre non tengono conto di tutte le possibili tipologie di prestito erogate da banche straniere, in particolare dei cross-border lending. Questi ultimi sono prestiti erogati soprattutto a grandi società o a governi. Escludendoli dal totale dei prestiti si rischia di sovrastimare il grado di prestiti alle piccole imprese effettuato dalle banche straniere 26

27 27 GRAZIE PER LATTENZIONE

28 28


Scaricare ppt "George Clarke, Maria Soledad Martinez Peria Robert Cull,, Susana M. Sanchez A cura di Francesca Gentili e Ilaria Marcantognini 1."

Presentazioni simili


Annunci Google