La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IL SISTEMA TRASFUSIONALE TRA NECESSITA E DISPONIBILITA ANCONA, 31 ottobre 2008 La raccolta multicomponent: una strategia per lautosufficienza? Dr. Giovanni.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IL SISTEMA TRASFUSIONALE TRA NECESSITA E DISPONIBILITA ANCONA, 31 ottobre 2008 La raccolta multicomponent: una strategia per lautosufficienza? Dr. Giovanni."— Transcript della presentazione:

1 IL SISTEMA TRASFUSIONALE TRA NECESSITA E DISPONIBILITA ANCONA, 31 ottobre 2008 La raccolta multicomponent: una strategia per lautosufficienza? Dr. Giovanni Allegretta SIMT Molfetta(BA)

2 ANNI 50 SIMT Molfetta (BA)

3 ANNI 70 SIMT Molfetta (BA)

4

5 Che cosè la Multicomponent (MCC) Donazione che si effettua mediante separatori cellulari e permette la raccolta simultanea di emocomponenti da un singolo donatore SIMT Molfetta (BA)

6

7 Decreti Ministeriali 3 marzo 2005 Protocolli per laccertamento dellidoneità del donatore di sangue e di emocomponenti 3 marzo 2005 Caratteristiche e modalità per la donazione del sangue e di emocomponenti SIMT Molfetta (BA)

8 Requisiti fisici per laccettazione del candidato donatore di emocomponenti mediante aferesi (MCC) Requisiti fisici per laccettazione del candidato donatore di emocomponenti mediante aferesi (MCC) Età compresa tra 18 e 60 anni Hb uomini > 13.5 g/dl Hb donne > 12.5 g/dl Peso > 60 Kg SIMT Molfetta (BA)

9 Criteri di protezione del candidato donatore di emocomponenti mediante aferesi (MCC) Criteri di protezione del candidato donatore di emocomponenti mediante aferesi (MCC) Volume complessivo degli emocomponenti raccolti non superiore a 650 ml Hb post-donazione non inferiore a 11.5 g/dl nella donna e 12.5 g/dl nelluomo Piastrine post-donazione non inferiore a /mmc SIMT Molfetta (BA)

10 Multi-Component System (MCC) Singolo Donatore 1 solo controllo Piastrine e Globuli Rossi Piastrine ( 2 ) Globuli Rossi ( 2 ) Rossi Plasma Plasma Piastrine SIMT Molfetta (BA)

11 Organizzazione di un Servizio Trasfusionale per la MCC Formazione del personale Educazione del donatore Riorganizzazione degli spazi SIMT Molfetta (BA)

12 Qualsiasi modello organizzativo non supportato da motivazione e convinzione di tutti gli attori della donazione ( donatori, associazioni, personale medico e paramedico del Servizio Trasfusionale ) non ha possibilità di essere efficace. SIMT Molfetta (BA)

13 Formazione del personale Sistematico addestramento su: 1. Accettazione e selezione del donatore di MCC 2. Assistenza del donatore durante MCC 3. Corretta gestione dei prodotti della MCC 4. Aggiornamento continuo sulle strumentazioni MCC SIMT Molfetta (BA)

14 Educazione del donatore Arruolamento del donatore: 1. Corretta informazione sulla donazione MCC (Donazione personalizzata) 2. Condivisione degli obiettivi trasfusionali (Autosufficienza) 3. Educazione del donatore (Fidelizzazione) SIMT Molfetta (BA)

15 Riorganizzazione degli spazi Adeguata sala di donazione : 1. Logistica per MCC idonea 2. Numero di separatori sufficienti ( Pari al numero di poltrone ) 3. Raccolta dati informatizzata SIMT Molfetta (BA)

16 Progetto raccolta dati

17 Donatori - Pazienti: un incontro…Vitale. DONATORI Prodotto Globuli rossi Piastrine Plasma Pazienti MCC SIMT Molfetta (BA)

18 Ruolo della MCC nella Medicina Trasfusionale Posizione critica di onestà e chiarezza tra il donatore ed il malato, alla ricerca delle massime garanzie e del massimo vantaggio per entrambi

19 DONATORE :massima garanzia significa massima sicurezza personale DONATORE :massima garanzia significa massima sicurezza personale PAZIENTE :massima garanzia significa PAZIENTE :massima garanzia significa fruire delle migliori cure possibili La MCC nella Medicina Trasfusionale SIMT Molfetta (BA)

20 DONATORE :massimo vantaggio è la minor variazione possibile della crasi ematica PAZIENTE : massimo vantaggio è la massima resa trasfusionale possibile con il minor rischio trasfusionale SIMT Molfetta (BA) La MCC nella Medicina Trasfusionale

21 La MCC non è da intendersi quale alternativa alla donazione tradizionale …………………………………………… è il modello organizzativo a cui deve ispirarsi un moderno servizio trasfusionale

22 Dalla nostra esperienza……. SIMT Molfetta (Ba) SIMT Molfetta (BA)

23 Donazione in aferesi SIMT Molfetta (BA)

24 Suddivisione per tipo di donazione SIMT Molfetta (BA)

25 Analisi percentuali (esclusi i centri periferici) Donazioni totali = 100% Donazione di sangue intero = 15% Donazione in aferesi = 85% SIMT Molfetta (BA)

26 REGIONE PUGLIA plasma A Dati ufficiali Kedrion, Anno 2007 SIMT Molfetta (BA)

27 La raccolta multicomponent: una strategia per lautosufficienza? SIMT Molfetta (BA) SI ! CONCLUSIONE

28 Conclusioni 1 La MCC contribuisce al raggiungimento dellautosufficienza: Globuli Rossi Miglior prodotto finale (standardizzazione dellalto contenuto Hb) = minor consumo unità trasfuse minor consumo unità trasfuse (maggior disponibilità) SIMT Molfetta (BA)

29 Conclusioni 2 La MCC contribuisce al raggiungimento dellautosufficienza: Plasma A Maggiore produzione = Maggior numero di emoderivati Maggior numero di emoderivati (maggior disponibilità) SIMT Molfetta (BA)

30 Conclusioni 3 La MCC contribuisce al raggiungimento dellautosufficienza: Piastrine Donazione mirata = Risparmio di buffy coat SIMT Molfetta (BA)

31 Conclusioni Maggior produzione di emocomponenti da un numero costante di donatori, senza aumentare lindice di donazione. SIMT Molfetta (BA)

32 Raccolta emocomponenti. Arruolamento donatori Selezione donatori Donazione sangue intero Pazienti 1 plt1 RBC1 pl Fraziona- mento & Testing Eritroplasma Plasmapiastrine Eritropiastrine SIMT Molfetta (BA)

33 Grazie


Scaricare ppt "IL SISTEMA TRASFUSIONALE TRA NECESSITA E DISPONIBILITA ANCONA, 31 ottobre 2008 La raccolta multicomponent: una strategia per lautosufficienza? Dr. Giovanni."

Presentazioni simili


Annunci Google