La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Comunicazione del Presidente della Commissione giudicatrice del Concorso Leggere Dante nella scuola. Bandito dal Ministero dellIstruzione dellUniversità

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Comunicazione del Presidente della Commissione giudicatrice del Concorso Leggere Dante nella scuola. Bandito dal Ministero dellIstruzione dellUniversità"— Transcript della presentazione:

1 Comunicazione del Presidente della Commissione giudicatrice del Concorso Leggere Dante nella scuola. Bandito dal Ministero dellIstruzione dellUniversità e della Ricerca nel novembre del 2007, ha coinvolto circa 500 scuole dei tre ordini: Primaria, Secondaria di I grado e Secondaria di II grado (dei più diversi indirizzi, dagli Istituti Professionali ai Licei Classici). SUPERATA LA PRIMA SELEZIONE REGIONALE LA SCUOLA DI SERRAVALE DI CARDA, DELLI.C. DI APECCHIO,RICEVE UNA MENZIONE SPECIALE DALLACCADEMIA DELLA CRUSCA

2 La prima selezione degli elaborati, compiuta dalle Commissioni regionali, ha individuato 165 elaborati degni di attenzione per la scelta finale dei meritevoli dei premi previsti. La Commissione giudicatrice nazionale, presieduta dal prof. Francesco Sabatini, Presidente dellAccademia della Crusca, in molteplici riunioni dedicate alla lettura degli elaborati scritti, allesame dei materiali grafici e alla visione dei prodotti audiovisivi e digitali, ha riscontrato un gran numero di elaborati di alta qualità per originalità di impostazione, ricchezza di dati, attiva partecipazione degli alunni e appropriata regìa dei docenti. Questo risultato dimostra la permanente capacità dellopera dantesca di parlare direttamente alla fantasia e al bisogno di conoscenza dei ragazzi e dei giovani doggi, e conferma il secolare giudizio dellalto valore educativo presente nel poema, non solo per la varietà e la profondità dei contenuti, ma per la potenza del suo linguaggio originale, che ha ispirato anche straordinarie interpretazioni figurative ad artisti di ogni epoca e in ogni parte del mondo. Lalta qualità di molti elaborati è data proprio dallaccostamento del linguaggio dantesco con il linguaggio delle opere pittoriche.

3 SONO STATI ATTRIBUITI A NOME DEL MIUR I PREMI PREVISTI E AD ACCRESCERE OPPORTUNAMENTE IL NUMERO DI RICONOSCIMENTI È INTERVENUTA LACCADEMIA DELLA CRUSCA, CHE HA INDICATO COME MERITEVOLI DI UNA MENZIONE SPECIALE I CONCORRENTI DEI SEGUENTI ISTITUTI SCOLASTICI: SCUOLA PRIMARIA Menzioni speciali dellAccademia della Crusca, a: I.C. di Conselice (RA) I.C. di Calimera (LE) I.C. di Apecchio (PU) Serravalle di Carda C.D. Don Bosco Bastia Umbra (PG) D.D. di Casteldaccia (PA) D.D. Madonna di campagna Bastia Umbra (PG) C.D. DOvidio Campobasso I.C. Fratelli Pagliero di San Maurizio Canavese (TO)

4 IL PERCORSO IL PERCORSO

5 Leggere Dante oggi un occasione per riscoprire la nostra Identità genetica.

6 CHI Mi chiamo Cipitelli Magda e lavoro nel plesso di Serravalle di Carda,frazione di Apecchio, su di una pluriclasse, che va dalla prima alla quinta,composta da 16 bambini che hanno un età compresa tra i 7 e gli11 anni

7 COSA COSA Il lavoro su Dante è parte integrante di un percorso storico scelto e condiviso da me,dai miei alunni e dai loro genitori, fin allinizio dellanno. La scelta di lavorare sulla storia, attraverso la costruzione di quadri di civiltà,a prescindere dalla civiltà presa in esame,e stata dettata dai motivi sopraesposti ed e stato ed e il modus operandi delle ore di storia :un metodo più che un contenuto. Le parole chiave che i miei alunni si sono abituati ad usare e rappresentare in una mappa sono : Dove e Quando una certa civiltà e esistita,in che modo vivevano le persone comerano organizzate tra loro,in quali edifici abitavano quali cose sapevano fare in che cosa credevano. La formulazione di ipotesi, la loro verifica attraverso luso delle fonti (Libri,foto,racconti etc.), la rappresentazione grafica ed infine la rielaborazione orale sono le quattro fasi del nostro lavoro.

8 MAPPA DI RIFERIMENTO CIVILTA DOVEQUANDOSOCIETACONOSCENZERELIGIONEABITAZIONI

9 COME COME Dopo aver conosciuto e riconosciuto varie civiltà con questo procedimento, lo step successivo è stato quello di chiedersi : ma qui dove abitiamo noi chi cera ? Qual è la nostra storia?Quali sono le testimonianze del passato presenti nel nostro territorio? Partendo dai fossili di Monte Nerone(il loro ritrovamento è ancora meta di gite domenicali dei bambini e famiglie) abbiamo scoperto che, sicuramente qui 500milioni di anni fa cera il mare. Un mare tropicale. Quindi la striscia del tempo ci ha fatto fare un notevole balzo quando dei bambini hanno riportato il racconto di monete antiche ritrovate dal nonno. Esaminandole e cercando ulteriori informazioni dalla gente del posto e dai libri di storia del territorio, abbiamo certificato che gli etruschi e i romani qui,avevano piccoli insediamenti.

10 PERCHE PERCHE La presenza dei resti di un castello, vicinissimo al plesso di Serravalle di Carda infine, ha dato linput e laggancio giusto per aderire,senza forzature, al progetto LEGGERE DANTE OGGI.Il castello della Carda infatti è stato il punto di partenza per scoprire che, la famiglia che lo ha abitato per prima, è stata molto importante nel Medioevo,non solo per Apecchio e dintorni, ma per la storia italiana : stiamo parlando della famiglia Ubaldini. I suoi componenti hanno avuto,a più livelli,compiti e ruoli importanti. Due di essi :Ottaviano il Cardinale e suo nipote lArcivescovo Ruggerisono stati citati da un grande della nostra letteratura DANTE ALIGHIERI nella Divina Commedia. E chi è Dante Alighieri? Cosa è la Divina Commedia?

11 La riscoperta Le domande dei bambini,la loro curiosità, il loro entusiasmo man mano che si procedeva nellapprofondimento è sfociato in un lavoro Ipotizzato,Verificato,Rappresentato e Rielaborato che ha preso forma e sostanza partendo da un bisogno dei bambini stessi e anche da me, che comunque vivo in questo territorio da sempre. Il percorso è confluito in un libro tridimensionale alla cui realizzazione hanno partecipato anche i più piccoli. La costruzione di una memoria comune, scoperta e riscoperta anche dalle famiglie, che sono venute a scuola a raccontare per contribuire, collegare, imparare, è stato il risultato più grande ed insperato della partecipazione a questo concorso. Aderire alla proposta : Leggere Dante oggiè stata un occasione per riscoprire la nostra Identità genetica.

12 IL PRODOTTO NEL MEZZO DEL CAMMIN …… PERDETE OGNI SPERANZA….

13 CARON DIMONIO CHE TRAGHETTA LE ANIME CERBERO

14 LE ERINNI SOPRA LE MURA DI DITE

15 IL CARDINALE OTTAVIANO UBALDINI CON FARINATA

16 LARCIVESCOVO RUGGERO UBALDINI MANGIATO DAL CONTE UGOLINO LUCIFERO


Scaricare ppt "Comunicazione del Presidente della Commissione giudicatrice del Concorso Leggere Dante nella scuola. Bandito dal Ministero dellIstruzione dellUniversità"

Presentazioni simili


Annunci Google