La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

DSM E CURE PRIMARIE: PROGRAMMI ALTERNATIVI PER I DISTURBI EMOTIVI COMUNI (ansia e depressione) Giuseppe Corlito CENTRO FRANCO BASAGLIA Arezzo, 18.04.08.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "DSM E CURE PRIMARIE: PROGRAMMI ALTERNATIVI PER I DISTURBI EMOTIVI COMUNI (ansia e depressione) Giuseppe Corlito CENTRO FRANCO BASAGLIA Arezzo, 18.04.08."— Transcript della presentazione:

1 DSM E CURE PRIMARIE: PROGRAMMI ALTERNATIVI PER I DISTURBI EMOTIVI COMUNI (ansia e depressione) Giuseppe Corlito CENTRO FRANCO BASAGLIA Arezzo,

2 Corlito, Arezzo, OBBIETTIVI PER IL 21° SECOLO: una guida di salute pubblica alla politica di salute per tutti nella Regione Europea-O.M.S. Obbiettivo 6: Migliorare la salute mentale. Per lanno 2020 il benessere psico-sociale di tutta la popolazione dovrebbe essere migliorato e migliori servizi comprensivi (= dipartimentali) dovrebbero essere disponibili e accessibili per le persone con problemi di salute mentale.

3 Corlito, Arezzo, I cambiamenti epidemiologici Medicina Generale 22% 1,5% Comunità 20-30% DSM 1,5%

4 Corlito, Arezzo, A fronte dellincremento epidemiologico dei disturbi emotivi e psichici 2 SOLUZIONI SUFFICIENTEMENTE CIVILI A fronte dellincremento epidemiologico dei disturbi emotivi e psichici Il servizio centrato sulla medicalizzazione del disagio psichico e quindi sulla diffusione di massa degli psicofarmaci Il servizio centrato sulla comunità e sulle famiglie, che punta a prevenire la destabilizzazione del disagio in disturbo, in collaborazione coi servizi socio-sanitari di base (MMG, CP)

5 Corlito, Arezzo, PREVALENZA TRATTATA UN ANNO PER RAGGRUPPAMENTI DIAGNOSTICI Rilevazione 2003 Asl 6Asl 8Asl 9Asl 10Totale su ab. adulti

6 Corlito, Arezzo, UNA VALUTAZIONE Questi dati epidemiologici indicano il problema attuale dei servizi di salute mentale con vocazione di comunità Essi devono saper combinare la presa in carico dei casi seri e la risposta ai disturbi emotivi comuni (ansia e depressione) Tale scelta rimane sul tavolo dei decisori La risposta implica lautonomizzazione degli operatori di base in primo luogo gli infermieri: cioè la diffusione su larga scala del case management Implica anche il coinvolgimento del MMG e la collaborazione con il sistema delle CURE PRIMARIE

7 Corlito, Arezzo, IL MEDICO DI BASE IL MEDICO DI BASE Il medico di base … dovrà rivestire un ruolo-guida nellassistenza psichiatrica … la domanda cruciale non è tanto come il medico di base possa integrarsi nei servizi di salute mentale quanto, piuttosto, come lo psichiatra possa collaborare con i servizi distrettuali per aumentare lefficacia degli interventi del medico di base nella gestione dei pazienti con disturbi psichiatriciIl medico di base … dovrà rivestire un ruolo-guida nellassistenza psichiatrica … la domanda cruciale non è tanto come il medico di base possa integrarsi nei servizi di salute mentale quanto, piuttosto, come lo psichiatra possa collaborare con i servizi distrettuali per aumentare lefficacia degli interventi del medico di base nella gestione dei pazienti con disturbi psichiatrici W.H.O., Psychiatry and primary Medical Care, W.H.O., Psychiatry and primary Medical Care, 1973.

8 Corlito, Arezzo, EPIDEMIOLOGIA DEI DISTURBI DEPRESSIVI Riguardano ~ l5-8% della popolazione adulta La prevalenza life time riguarda il 18% della popolazione adulta in Italia (Faravelli, 1998) I valori massimi sono tra i 30 e 49 anni (AUMENTO DELLINCIDENZA TRA I GIOVANI) Spesso (8-30%) i d. depressivi sono misti ad ansia Riguardano ~ il 50% dei Pazienti con disturbo mentale che frequentano lambulatorio del M.M.G.

9 Corlito, Arezzo, EPIDEMIOLOGIA E MMG GLI STUDI EPIDEMIOLOGICI MOSTRANO CHE ANCHE IN PRESENZA DI SERVIZI SPECIALISTICI EFFICIENTI E DISPONIBILI I PAZIENTI CONTINUANO A RIVOLGERSI PRINCIPALMENTE AL PROPRIO MMG LAPPROPRIATA GESTIONE DELLA DEPRESSIONE NEL SETTORE DELLE CURE PRIMARIE RIVESTE DUNQUE CAPITALE IMPORTANZA PER LA PREVENZIONE E IL MIGLIORAMENTO DELLA SALUTE DELLA POPOLAZIONE F. Asioli, D. Berardi, Disturbi psichiatrici e cure primarie, PSE, 2007

10 Corlito, Arezzo, I PROGRAMMI STANDARD I Molti studi hanno dimostrato che una combinazione di psicoterapia e farmacoterapia è la cura più efficace Kaplan & Sadock, 1993 Le evidenze scientifiche sulla compliance attestano ciò che i medici hanno sempre saputo (almeno dallepoca di Balint, 1958), cioè che il banale atto medico di prescrizione di un farmaco ha sempre una rilevanza psicologica o psicoterapica in senso lato (confermato dal NIMH Treatment of Depression Research Program, 1994, nei 2 gruppi IMI-CM e PLA-CM).

11 Corlito, Arezzo, I PROGRAMMI STANDARD II Propongono inevitabilmente il rapporto tra servizi di salute mentale della comunità e medici di base, con tutti i problemi di riconoscimento dei disturbi depressivi, di diagnosi corretta, di compentenza diretta nel trattamento farmacologico e/o nel corretto invio ai servizi specialistici.Propongono inevitabilmente il rapporto tra servizi di salute mentale della comunità e medici di base, con tutti i problemi di riconoscimento dei disturbi depressivi, di diagnosi corretta, di compentenza diretta nel trattamento farmacologico e/o nel corretto invio ai servizi specialistici.

12 Corlito, Arezzo, EPIDEMIOLOGIA DEI DISTURBI DANSIA Sono uno dei disturbi psichiatrici più comuni ad alta incidenza e prevalenzaSono uno dei disturbi psichiatrici più comuni ad alta incidenza e prevalenza Secondo il National Comorbidity Study almeno un individuo su 4 soddisfa i criteri diagnostici per un disturbo dansia.Secondo il National Comorbidity Study almeno un individuo su 4 soddisfa i criteri diagnostici per un disturbo dansia. Il tasso di prevalenza annua è il 17,7%Il tasso di prevalenza annua è il 17,7% Le donne hanno una probabilità maggiore di avere un disturbo dansia (30,5% vs 19,2%)Le donne hanno una probabilità maggiore di avere un disturbo dansia (30,5% vs 19,2%) La prevalenza diminuisce col crescere dello status socio-economicoLa prevalenza diminuisce col crescere dello status socio-economico Vi è unelevata comorbidità con i disturbi da alcol e da sostanzeVi è unelevata comorbidità con i disturbi da alcol e da sostanze

13 Corlito, Arezzo, IL TRATTAMENTO DEI DISTURBI DANSIA Come per la maggior parte dei disturbi psichiatrici il trattamento di elezione è una combinazione di farmacoterapia e psicoterapia o trattamenti psicosociali In molti disturbi dansia è stata dimostrata lefficacia della combinazione di farmaci antidepressivi e terapia cognitivo comportamentale

14 Corlito, Arezzo, DECORSO ED ESITI Per molti disturbi dansia il decorso è recidivante, con un andamento cronico, che può durare tutta la vita, con una notevole compromissione della qualità della vita, nonostante i trattamenti forniti. Sono sempre più frequentemente descritte forme resistenti alla farmacoterapia o in cui la prosecuzione della terapia, anche per 1 anno, non protegge dalla ricaduta (ad es. il dist. da panico secondo vari studi recidivano dal 30 al 90% dei casi alla sospensione del farmaco). Spesso il decorso è complicato dalla depressione o dalluso dellalcol e delle altre sostanze psicoattive

15 Corlito, Arezzo, CONSEGUENZE I servizi di salute mentale devono essere dipartimentali (dentro e fuori lospedale) e comunitari (capaci di coniugare le risorse formali a quelle informali).I servizi di salute mentale devono essere dipartimentali (dentro e fuori lospedale) e comunitari (capaci di coniugare le risorse formali a quelle informali). Di fronte a problemi al alta incidenza e prevalenza come quelli depressivi o dansia non vi saranno mai quadri professionali sufficienti per quanto le risorse disponibili possano aumentare.Di fronte a problemi al alta incidenza e prevalenza come quelli depressivi o dansia non vi saranno mai quadri professionali sufficienti per quanto le risorse disponibili possano aumentare.

16 Corlito, Arezzo, I PROGRAMMI STANDARD Propongono inevitabilmente, per essere centrati sui farmaci, il rapporto tra servizi di salute mentale della comunità e medici di base, con tutti i problemi di diagnosi corretta, di competenza diretta nel trattamento farmacologico e/o nel corretto invio ai servizi specialistici.Propongono inevitabilmente, per essere centrati sui farmaci, il rapporto tra servizi di salute mentale della comunità e medici di base, con tutti i problemi di diagnosi corretta, di competenza diretta nel trattamento farmacologico e/o nel corretto invio ai servizi specialistici. Ulteriore problema si pone nella fase di dimissione dal servizio ( saturazione delle risorse ).Ulteriore problema si pone nella fase di dimissione dal servizio ( saturazione delle risorse ).

17 Corlito, Arezzo, I PROGRAMMI ALTERNATIVI Sono una invenzione della psichiatria sociale, quando negli anni 70 del secolo scorso in tutto il mondo si è posto il problema del superamento degli ospedali psichiatrici (Hudolin, 1985).Sono una invenzione della psichiatria sociale, quando negli anni 70 del secolo scorso in tutto il mondo si è posto il problema del superamento degli ospedali psichiatrici (Hudolin, 1985). Oggi per estensione intendiamo tutti i programmi che o si affiancano o sostituiscono quelli standard.Oggi per estensione intendiamo tutti i programmi che o si affiancano o sostituiscono quelli standard.

18 Corlito, Arezzo, I PROGRAMMI ALTERNATIVI ESEMPI: 1.I gruppi di auto-mutuo-aiuto 2.I gruppi multifamiliari 3.Gli interventi psicoeducazionali 4.Gli interventi sociali di rete 5.La comunità terapeutica territoriale

19 Corlito, Arezzo, I PROGRAMMI ALTERNATIVI Tutti i programmi alternativi possono essere combinati con i trattamenti standard e per alcuni di essi è stato dimostrato che possono essere efficaci e migliorare lefficacia dei trattamenti standard in particolare per quanto riguarda i disturbi depressivi (Gigantesco, 2004) e i disturbi dansia (Corlito, 2008).Tutti i programmi alternativi possono essere combinati con i trattamenti standard e per alcuni di essi è stato dimostrato che possono essere efficaci e migliorare lefficacia dei trattamenti standard in particolare per quanto riguarda i disturbi depressivi (Gigantesco, 2004) e i disturbi dansia (Corlito, 2008).

20 Corlito, Arezzo, PROGRAMMA A TERMINE DEI DISTURBI DANSIA Medico di famiglia VISITA PSICHIATRICA assessment diagnostico farmacoterapia monitoraggio e follow-up GRUPPO PSICOEDUCAZIONALE Una seduta con i familiari TRAINING CON CONDUTTORE E CIRCLE TIME per il controllo della respirazione e per il rilassamento (8 sedute); esposizione graduale (2-3 sedute); prevenzione delle ricadute (1 seduta) DIMISSIONI DAL SERVIZIO GRUPPO DI AUTO-AIUTO INTERVENTI SPECIFICI riduzione dello stress problem solving ……..

21 Corlito, Arezzo, I programmi alternativi nel DSM di Grosseto Vengono tenuti 3-4 corsi per i disturbi dansia allanno Sono stati attivati 7 gruppi di auto-aiuto per persone portatrici di disturbo dansia e 4 per persone con disturbi depressivi Nel complesso i gruppi di auto-aiuto sono 21 ad oggi, di cui 4 sono gruppi multifamiliari Essi sono sistematicamente valutati con il questionario VAMA ISS

22 Corlito, Arezzo, I programmi alternativi nel DSM di Grosseto I dati dei programmi a termine di Grosseto depongono per una buona risposta paragonabile a quelli specifici della letteratura. Dal punto di vista delle risorse impiegate è molto più economico dei programmi standardizzati secondo G. Andrews (1994), sperimentati con successo anche in Italia in un servizio pubblico (Piacentini & coll., 1999, 2002, 2002). Stiamo lavorando per verificare la tenuta dei dati del follow up a lungo termine (Lussetti, 2007).

23 23 ZONA 1 (COLLINE METALLIFERE) 1. ARMONIA D.ANSIOSO/DEPRESSIVO 2. LA PRIMAVERA D.ANSIOSO ZONA 2 (COLLINE DELLALBEGNA) 3. BRUTTO ANATROCCOLO D.PSICOTICO 4. AMA D.DEPRESSIVO 5. IL SOLE D.ANSIOSO 6. AMA FAMIGLIE SOSTEGNO ZONA 3 (AMIATA GROSSETANA) 7. RITROVARSI DISAGIO PSICO-SOCIALE ZONA 4 (AREA GROSSETANA) 8. AURORA D.PSICOTICO 9. I GIRASOLI SOLITUDINE 10. LA LIBELLULA D.ANSIOSO 11. GRUPPO FAMILIARI DISABILI 12. LABBRACCIO D.DEPRESSIVO 13. RICOMINCIAMO D. ANSIOSO 14.MELAGRANA D.DEPRESSIVO 15.IL GELSOMINO D.DEPRESSIVO 16.MULTIFAMILIARE CHIMERA SOSTEGNO SISTEMICO 17.MULTIFAMILIARE IL CONFRONTO (SENZA PAZIENTI) 18.IL BAMBÙ EVENTI LUTTUOSI 19.LE ALI DELLA LIBERTÀ DISTURBI ALIMENTARI 20.KAOS CALMO 1 D.ANSIOSO 21.KAOS CALMO 2 D.ANSIOSO

24 Corlito, Arezzo,

25 Corlito, Arezzo,

26 Corlito, Arezzo, Il rapporto con il medico di famiglia Sia i programmi standard sia quelli alternativi, qui presentati, pongono il problema del rapporto con il medico di famiglia. Il programma alternativo comunque finisce ove possibile con una dimissione. Il programma standard comunque, una volta stabilizzato il paz., implica il ritorno al medico di famiglia.

27 Corlito, Arezzo, IL SERVIZIO DI CONSULENZA PER IL MMG Unità delle cure primarie DSM Servizio di consulenza Consulenza psicologica Gruppo alla Balint e formazione a cascata

28 Corlito, Arezzo, DSM E CURE PRIMARIE Oggi si può fare un passo avanti Il DSM può essere presente direttamente nellambito delle cure primarie con i propri operatori Fornire nellUCP sperimentale o nellUMG dellultimo accordo regionale sia la consulenza psichiatria e psicologica sia i programmi alternativi


Scaricare ppt "DSM E CURE PRIMARIE: PROGRAMMI ALTERNATIVI PER I DISTURBI EMOTIVI COMUNI (ansia e depressione) Giuseppe Corlito CENTRO FRANCO BASAGLIA Arezzo, 18.04.08."

Presentazioni simili


Annunci Google