La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Limpegno di Confindustria per fonti rinnovabili ed efficienza energetica Sara Rosati Area Impresa e Territorio, Confindustria Caltanissetta, 21 aprile.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Limpegno di Confindustria per fonti rinnovabili ed efficienza energetica Sara Rosati Area Impresa e Territorio, Confindustria Caltanissetta, 21 aprile."— Transcript della presentazione:

1 1 Limpegno di Confindustria per fonti rinnovabili ed efficienza energetica Sara Rosati Area Impresa e Territorio, Confindustria Caltanissetta, 21 aprile 2008

2 2 Evoluzione domanda mondiale di energia primaria Idro e rinnovabiliNucleareBiomasseGasCarboneOlio Fonte: World Energy Outlook 2006

3 3 Evoluzione delle emissioni di CO Fonte: World Energy Outlook 2006

4 4 La risposta dellUnione Europea LIBRO VERDE sullenergia : 3 PILASTRI Sostenibilità ambientale Sicurezza approvvigionamenti Competitività Fonti rinnovabili: obiettivo 20% di energie rinnovabili ROAD MAP al 2020 Efficienza energetica: risparmio di energia primaria del 20% Emissioni CO 2 : riduzione del 20%

5 5 Fonti rinnovabili: obiettivo comunitario al 2020 Il 23 gennaio 2008 la Commissione Europea ha adottato una proposta di direttiva per la promozione delle fonti energetiche rinnovabili, definendo obiettivi nazionali vincolanti per la quota dei consumi finali di energia al 2020 proveniente da fonti rinnovabili. La proposta ha anche stabilito un obiettivo per i biocarburanti del 10% sui consumi energetici finali nel settore trasporti, uguale per tutti gli Stati Membri Il target di energia rinnovabile fissato per lItalia è il 17% del consumo energetico finale Il target fissato per lItalia appare eccessivamente ambizioso e irrealistico. Considerando lapporto complessivo di energia da fonti rinnovabili previsto dal position paper del Governo e la crescita dei consumi energetici complessivi al 2020, lItalia potrebbe appena raggiungere la quota del 14%

6 6 Sostenibilità del target del 17% per lItalia La definizione di un target irrealistico rischia di innescare livelli di incentivazione enormi, che graverebbero soprattutto sul sistema industriale del nostro Paese a danno della competitività internazionale. Nel solo anno 2020 la quota di energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili che beneficerà dei regimi di sostegno costerà ai consumatori milioni di euro contro un costo di milioni di euro sostenuto nel Si stima un incremento del costo medio dellenergia elettrica consumata di 25 euro/MWh. Linsostenibilità economica di questa politica energetica è aggravata dalla incertezza sul costo che lItalia dovrebbe sostenere in caso di mancato raggiungimento degli obiettivi fissati a livello europeo.

7 7 Fonti rinnovabili: gli obiettivi comunitari al 2010 Tutti in ritardo tranne Germania e Danimarca 25,0

8 8 Mix di fonti per la produzione di energia elettrica: confronto UE-27 ed Italia 100% Fonte: Commissione Europea, EU policy data, 2007

9 9 EU 25: produzione di elettricità da fonti rinnovabili nel 2005

10 10 Fonti rinnovabili: i meccanismi di incentivazione E necessaria una razionalizzazione degli attuali strumenti di incentivazione, per avere un quadro che incoraggi linvestitore e che sia sostenibile per i consumatori Gli oneri di sistema per la promozione delle fonti energetiche rinnovabili nel 2006 hanno rappresentato circa il 9,4% del prezzo dellenergia elettrica Lo sviluppo delle fonti rinnovabili deve evitare di produrre un incremento dei costi dellenergia, in particolare per le industrie manifatturiere ad alta intensità energetica che, operando su mercati internazionali, maggiormente ne risentirebbero in termini di perdita di competitività

11 11 Fonti rinnovabili: le azioni prioritarie Precisi obiettivi regionali, coerenti con quelli nazionali, responsabilizzando Regioni ed Enti locali anche con meccanismi premianti e sanzionatori Riduzione delle barriere amministrative per le autorizzazioni Garanzia di accesso alle reti con ladozione di procedure semplici, trasparenti e non discriminatorie Adeguamento delle reti, dove la loro attuale configurazione vincola lo sfruttamento delle fonti rinnovabili Sviluppo di filiere agro-energetiche ambientalmente compatibili e a costi economicamente sostenibili Politiche per la promozione di unindustria nazionale manifatturiera di settore, per creare nuova occupazione e divenire occasione di sviluppo per lintera economia Rilancio di una forte iniziativa di ricerca nel settore

12 12 Il concetto di efficienza energetica EFFICIENZA ENERGETICA = produrre gli stessi beni e servizi con meno energia minor impatto sullambiente minori costi per aziende e sistema Italia

13 13 LItalia e gli obiettivi comunitari Totale consumi finali in Italia ~ 146 MTEP CE ritiene possibili con efficientizzazioni risparmiare il 20% di energie primarie. Ciò equivale per Italia a ~ 30 MTEP 30 MTEP corrispondono allenergia primaria richiesta in un anno da MW di centrali a ciclo combinato funzionanti ore/anno per fornirci oltre 190 TWh/anno di energia elettrica Totale energia immessa in rete in Italia ~ 330 TWh

14 14 LItalia, può considerarsi un paese virtuoso energeticamente sebbene negli ultimi anni vi sia stato un rallentamento Vi sono tuttavia ancora notevoli spazi per unefficienza energetica, la cui diffusione è fondamentalmente legata ad aspetti informativi e culturali. Per una efficiente efficienza è indispensabile arrivare ad una estesa applicazione del concetto life cycle cost LItalia è un paese virtuoso energeticamente

15 15 Sulla base di tali indicazioni preliminari Emma Marcegaglia nel luglio 2006 ha deciso di costituire, nell'ambito della Commissione Energia di Confindustria, una Task Force ad hoc sull'efficienza energetica Coinvolte tutte le associazioni e strutture locali facenti riferimento a Confindustria stessa e considerate tutte le varie applicazioni, dagli edifici ai macchinari ed apparecchi degli utenti, dai trasporti ai vari servizi del terziario ed alle infrastrutture La Task Force Efficienza Energetica di Confindustria

16 16 Valutare effettivamente i risparmi energetici conseguibili evitando oneri addizionali alle imprese, individuando quei settori che per dimensione e per potenziali risparmi risultino i più interessanti per interventi specifici Evidenziare le tecnologie disponibili per implementare programmi di efficienza energetica sulla base di analisi di costi/benefici Sottolineare limportanza di affrontare lefficienza con un approccio integrato che considera tutti i processi energivori di un settore Indirizzare i competenti Ministeri verso uno stimolo all'efficienza energetica con leggi inserite organicamente in un quadro coerente di politica energetica di medio - lungo termine Definire ed implementare azioni di comunicazione e informazione, fondamentali per il successo delle iniziative Obiettivi della Task Force Efficienza Energetica

17 17

18 18 Dopo una prima analisi preliminare per settore ci si è focalizzati su lapprofondimento delle tecnologie rilevanti Per ciascuna tecnologia si è considerato come periodo iniziale il 2005 e il prevedibile andamento del mercato al 2016 Con ipotesi specifiche per ciascuna tecnologia sono stati elaborati scenari di possibili risparmi in funzione di diverse politiche di incentivazione ed analisti costi/benefici Per lo svolgimento dei lavori è stata stabilita una fattiva collaborazione con ENEA e CESI Ricerca il quale ha messo a disposizione i risultati del Programma Ricerca di Sistema per il settore elettrico relativi allefficienza negli usi finali Il lavoro della Task Force

19 19 Lanalisi per settore (industriale, terziario, residenziale, infrastrutture/trasporti) è integrata per tecnologie Le tecnologie rilevanti ai fini dellefficienza energetica individuate ad ora sono: MOTORI ELETTRICI / INVERTERS COIBENTAZIONE E/O ALTRI INTERVENTI EDILI ELETTRODOMESTICI / CLIMATIZZAZIONE RESIDENZIALE CLIMATIZZAZIONE COGENERAZIONE / TRIGENERAZIONE ILLUMINAZIONE RIFASAMENTO HOME AND BUILDING AUTOMATION AUTOMAZIONE DI PROCESSI CONTINUI ICT SISTEMI DI PROPULSIONE Le tecnologie considerate dalla Task Force

20 20 Consumi finali di ~146 MTEP per settore: Trasporti ~ 30% Industria~ 28% Residenziale ~ 21% Terziario~ 11% Altri ~ 10% Consumi lordi di ~ 198 MTEP per fonte: Petrolio ~ 43% Gas ~ 36% Carbone~ 9% Elettricità primaria ~ 6% Altri ~ 6% Trend con B.A.U. al 2030: +20%= +30 MTEP Risparmi al 2020 da CE: -20%= -30 MTEP 85% di energia è importata: dipendenza è in crescita Fonte: Cesi Ricerca I Consumi in Italia nel 2005

21 21 Consumi di energia elettrica in Italia nel 2005 per settore Consumi di energia elettrica in Italia nel 2005 per settore Nel 2005 il settore industriale ha assorbito il 49% del consumo italiano di energia elettrica pari a circa GWh Secondo un rapporto CESI l80% dei consumi del settore è assorbito da motori elettrici

22 22 Consumi elettrici finali italiani I principali consumi elettrici sono così suddivisi: Motori ~ 45-50% lluminazione ~ 14-17% Elettrodomestici~ 12-15% Stand by, carica batterie, etc. > 4%!

23 23 Azionamenti elettrici - motori incidenza su consumo primario: 18% Gli interventi riguardano principalmente lindustria e i costruttori di macchinari che includono motori come componenti dei loro prodotti Interventi previsti: Installazione di motori efficienti di potenza 1 90 kW (motori in classe eff 1) Installazione di inverter su motori che operano in regime variabile Risparmi conseguibili 9,7 18 TWh 7% 13% dei consumi dei motori elettrici del 2005

24 24 Lacquisto di motore ad alto rendimento o di un inverter permette di beneficiare fino al 31 dicembre 2010 di una detrazione dallimposta lorda pari al 20 per cento della spesa effettivamente sostenuta e documentata per lacquisto e linstallazione sul territorio nazionale Finanziaria 2008 per motori e inverters Al fine di incentivare il risparmio e efficienza energetica dal 1º gennaio 2010 e` vietata la commercializzazione di motori elettrici appartenenti alla classe 3 anche allinterno di apparati

25 25 Riscaldamento/raffrescamento/acqua calda sanitaria nel settore civile incidenza su consumo primario: 22% Incide per circa il 60% (in energia primaria) sui consumi complessivi del settore civile Vantaggi derivanti dallintegrazione tra le varie tecnologie Risparmi conseguibili: Coibentazione e interventi edili Tecnologie per riscaldamento e acqua calda sanitaria Tecnologie per raffrescamento Risparmio conseguibile complessivo: 5,6 8 Mtep 15% 20% dei consumi per riscaldamento/raffrescamento del 2005

26 26 Sono prorogate fino al 31 dicembre 2010 le detrazioni fiscali del 55% per la riqualificazione energetica degli edifici La detrazione del 55% si applica anche alle spese per la sostituzione intera o parziale di impianti di climatizzazione invernale non a condensazione, sostenute entro il 31 dicembre 2009 Le modalità per il riconoscimento dei benefici saranno stabilite con un decreto del Ministro dellEconomia e delle Finanze Finanziaria 2008 per la riqualificazione energetica degli edifici

27 27 Informazione e comunicazione sono strumenti essenziali: Ruolo fondamentale delle Unioni Industriali Dialogo continuo fornitori/utilizzatori/operatori/ESCO Lattività di audit energetico può avere importanti effetti e deve essere supportata dalle istituzioni Lapproccio integrato al problema, tipico dellaudit energetico, può costituire uno strumento importante anche nella realizzazione degli interventi (servizi energetici, contratti a risultato) Indispensabili sono le azioni innovative da parte di traders/ESCO verso le industrie con interventi finanziari supportati da un sistema bancario efficiente per lefficienza energetica [Fonte Assoutility] Efficienza energetica: le priorità

28 28 Come incidere sull'efficienza energetica agendo sia sul parco installato sia sul "nuovo" senza creare oneri al consumatore? Sebbene i differenti settori tecnologici abbiano ciascuno le proprie caratteristiche, occorrerà per ciascuno di essi sfruttare le leve di: incentivi ai consumatori certificati bianchi requisiti normativi per il nuovo da installare sgravi fiscali per fornitori di prodotti high efficiency Gli incentivi devono essere portati a carico della fiscalità generale, senza incidere sulle tariffe Efficienza energetica: gli strumenti

29 29 Lefficienza energetica va vista come unopportunità non solo per i fornitori di tecnologie ma specialmente per il sistema paese e le sue industrie Occorre concentrarsi su quei settori che danno da subito i maggiori ritorni con le tecnologie esistenti e con il supporto di leggi/incentivi che non creino al sistema industriale ed al paese oneri aggiuntivi Occorre agire in modo differenziato sia sul parco installato sia sul "nuovo" considerando orizzonti temporali adeguati, almeno di medio periodo (5-10 anni) Efficienza energetica: unopportunità per il Paese Efficienza energetica: unopportunità per il Paese

30 30 Lazione di Confindustria sul territorio Confindustria ha organizzato un road show che attraverserà tutto il Paese per coinvolgere e sensibilizzare le istituzioni locali e gli operatori economici

31 31 Il Road Show di Confindustria per lefficienza energetica Milano19 febbraio 2008 Roma1 aprile 2008 Ravenna 7 maggio 2008 Bari29 maggio 2008 Napoli11 giugno 2008 Treviso1 luglio 2008


Scaricare ppt "1 Limpegno di Confindustria per fonti rinnovabili ed efficienza energetica Sara Rosati Area Impresa e Territorio, Confindustria Caltanissetta, 21 aprile."

Presentazioni simili


Annunci Google