La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

G.M. - Edile A 2002/03 I conduttori in un campo elettrostatico Abbiamo identificato come conduttori quei materiali dotati di cariche in grado di muoversi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "G.M. - Edile A 2002/03 I conduttori in un campo elettrostatico Abbiamo identificato come conduttori quei materiali dotati di cariche in grado di muoversi."— Transcript della presentazione:

1 G.M. - Edile A 2002/03 I conduttori in un campo elettrostatico Abbiamo identificato come conduttori quei materiali dotati di cariche in grado di muoversi allinterno del conduttore Quando il conduttore viene immerso in un campo elettrostatico, si ha uno spostamento delle cariche mobili È facile intuire –quando si raggiunge una condizione stazionaria –Il campo elettrico allinterno del conduttore è nullo –Se così non fosse, il campo elettrico agirebbe sulle cariche mobili del conduttore accelerandole, contro lipotesi di condizione stazionaria –Il campo elettrico immediatamente fuori al conduttore è perpendicolare al conduttore stesso (superficie equipotenziale) Un conduttore in condizioni stazionarie è equipotenziale

2 G.M. - Edile A 2002/03 Localizzazione della carica sui conduttori in equilibrio Un conduttore in equilibrio non ha accumuli di carica al suo interno. Dimostrazione –Applichiamo il teorema di Gauss ad una qualunque superficie tutta interna al conduttore –Sappiamo che nei conduttori in equilibrio il campo interno è nullo –Il flusso del campo elettrico è nullo –La carica interna alla superficie è nulla –Questo vale per qualunque superficie allinterno del conduttore Conclusione Eventuali accumuli di carica sono localizzati sulla superficie del conduttore Caso del conduttore inizialmente neutro Caso del conduttore inizialmente carico positivamente La densità di carica dipende dal raggio di curvatura locale, più piccolo è il raggio più grande è la densità effetto punta Superficie sferica = distribuzione uniforme

3 G.M. - Edile A 2002/03 Effetto punta la densità di carica sulla superficie esterna di un conduttore è inversamente proporzionale al raggio di curvatura della superficie Consideriamo due conduttori sferici –Di raggio diverso –Sufficientemente lontani in maniera che non si influenzano lun laltro –Connessi elettricamente in maniera da risultare allo stesso potenziale Poiché R 1 è più piccolo 1 sarà più grande

4 G.M. - Edile A 2002/03 Campo elettrico sulla superficie di un conduttore Sappiamo che il campo elettrico esterno è perpendicolare alla superficie del conduttore stesso Applichiamo il teorema di Gauss ad una superficie cilindrica –di altezza infinitesima, – con una base tutta allinterno del conduttore Solo la base esterna contribuisce al flusso –Se larea di base è piccola (infinitesima) possiamo supporre costante il campo elettrico –e la densità di carica –Il flusso è EA –La carica interna è A

5 G.M. - Edile A 2002/03 Schermo elettrostatico Consideriamo un conduttore con una cavità Le due regioni delimitate dal conduttore –la cavità –lo spazio allesterno del conduttore sono completamente indipendenti dal punto di vista elettrostatico –le azioni elettriche non si trasmettono dalla cavità allo spazio esterno del conduttore e viceversa Variando la disposizione delle cariche allesterno del conduttore non è rilevabile alcun effetto allinterno della cavità Viceversa variando la disposizione delle cariche allinterno della cavità non è rivelabile alcun effetto allesterno del conduttore La carica complessiva sulla superficie della cavità è nulla (teorema di Gauss) Ma non ci possono neppure essere accumuli di carica (circuitazione di E) Variando la disposizione delle cariche esterne, le conclusioni precedenti restano immutate Anche se si fornisce una carica q al conduttore cavo, questa si distribuisce sulla superficie esterna del conduttore (cariche dello stesso segno tendono ad allontanarsi il più possibile), lasciando invariate le condizioni della cavità

6 G.M. - Edile A 2002/03 Schermo elettrostatico Supponiamo ora di localizzare una carica q puntiforme allinterno della cavità di un conduttore cavo globalmente neutro Una carica uguale ma di segno opposto viene richiamata sulla superficie interna della cavità –Per giustificare questa affermazione basta applicare il teorema di Gauss ad una superficie interna la conduttore che racchiuda la cavità Poiché il conduttore inizialmente era neutro, una carica dello stesso segno di quella posta nella cavità si affaccia sulla superficie esterna del conduttore –Questa carica si distribuisce sulla superficie esterna sulla base delle altre cariche eventualmente presenti attorno al conduttore o, se se queste sono assenti, con una densità inversamente proporzionale al raggio di curvatura della superficie del conduttore Spostando la carica allinterno della cavità, –la distribuzione delle cariche sulla superficie interna della cavità varia –quella sulla superficie esterna del conduttore non cambia, – nessun effetto legato agli spostamenti di cariche potrà essere notato allesterno del conduttore cavo (effetto schermo)

7 G.M. - Edile A 2002/03 Schermo elettrostatico con geometria sferica La figura mostra la sezione trasversale di un guscio sferico conduttore di raggio interno r. Una carica puntiforme di -5.0 C viene posta ad una distanza di R/2 dal centro del guscio. Se il guscio è elettricamente neutro, quali sono le cariche indotte sulla superficie interna ed esterna? Queste cariche sono uniformemente distribuite? Qual è landamento del campo elettrico allinterno e allesterno del guscio sferico?

8 G.M. - Edile A 2002/03 Disposizione delle cariche su due piastre conduttrici cariche Lastre conduttrici cariche a) b) Lastre conduttrici affacciate –Avvicinando le due lastre non possiamo semplicemente applicare il principio di sovrapposizione –Perché avvicinando le due lastre le cariche si spostano fino a raggiungere la configurazione della figura c Effetti di bordo –Se le lastre non sono infinite, vicino ai bordi il campo elettrico non sarà costante come per lastre indefinite. –Neppure le line di forza saranno delle rette parallele perpendicolare alla lastre La dimensione della zona in cui si ha uno scostamento dalla situazione ideale è dellordine della distanza tra le piastre

9 G.M. - Edile A 2002/03 La capacità Un condensatore è costituito da due conduttori isolati –I due conduttori vengono chiamati, qualunque sia la loro forma, piatti o armature del condensatore Un condensatore si dice carico se le sue armature possiedono cariche uguale ma di segno opposto –(+q e -q) Per riferirsi alla carica del condensatore si parla genericamente di q (per esempio la carica positiva) Le due armature, essendo dei conduttori sono ciascuna equipotenziale. Sia V la differenza di potenziale tra le armature Si definisce la capacità come Si misura in coulomb/volt=farad

10 G.M. - Edile A 2002/03 Il circuito elettrico Elementi del circuito elettrico La batteria è un dispositivo in grado di mantenere costante la differenza di potenziale ai suoi elettrodi (morsetti) grazie a reazioni elettrochimiche interne Linterruttore : stabilisce il contatto elettrico tra le varie parti del circuito Il condensatore: viene rappresentato come un condensatore a facce piane e parallele Quando linterruttore viene chiuso a causa della differenza di potenziale generata dalla batteria alcune cariche vengono rimossa da una delle armatura del condensatore e spostate sullaltra armatura Si verifica quindi uno spostamento di cariche (corrente elettrica) Quando la ddp raggiunge il valore V, la corrente si arresta

11 G.M. - Edile A 2002/03 Calcolo della capacità nel condensatore a facce piane e parallele Indichiamo con S la superficie delle armature d la distanza tra esse q la carica sulle armature Supporremo le dimensioni delle armature grandi rispetto a d in modo da trascurare gli effetti di bordo La densità di carica sarà Il campo elettrico tra le armature La differenza di potenziale La capacità

12 G.M. - Edile A 2002/03 Calcolo della capacità in un condensatore cilindrico Consideriamo un condensatore cilindrico di lunghezza L costituito da due cilindri coassiali di raggi a e b Supponiamo L >> (b-a) per poter trascurare gli effetti di bordo Il campo elettrico tra i due cilindri sarà come quello generato da una distribuzione lineare di carica

13 G.M. - Edile A 2002/03 Capacità di un conduttore sferico isolato Consideriamo un conduttore sferico isolato Carico con carica q in questo caso si suppone che laltra armatura, con la carica -q, sia allinfinito La differenza di potenziale tra larmatura allinfinto e la superficie del conduttore è +q

14 G.M. - Edile A 2002/03 Condensatori in parallelo Due condensatori si diranno in parallelo se tra le loro armature è applicata la stessa differenza di potenziale Capacità equivalente –È un condensatore che ha una carica q uguale alla somma delle cariche e a cui è applicata la stessa differenza di potenziale

15 G.M. - Edile A 2002/03 Condensatori in serie La carica q è la stessa per tutti i condensatori ed è la stessa presente sulla capacità equivalente In questo caso la differenza di potenziale sarà la somma delle differenze di potenziale ai capi di ciascuno dei condensatori

16 G.M. - Edile A 2002/03 Energia immagazzinata in un condensatore Sarà data dal lavoro che dobbiamo per portare la carica q da una armatura allaltra. Supponiamo di farlo per gradi= sposto una quantità di carica infinitesima alla volta Allinizio il condensatore è scarico non si fa lavoro a spostare la carica dq Ma appena comincio a spostare la carica, la differenza di potenziale comincia ad aumentare Supponiamo che a un certo punto sia V Se adesso spostiamo dq il lavoro da fare è dL =Vdq Ma V=q/C Il lavoro complessivo sarà:


Scaricare ppt "G.M. - Edile A 2002/03 I conduttori in un campo elettrostatico Abbiamo identificato come conduttori quei materiali dotati di cariche in grado di muoversi."

Presentazioni simili


Annunci Google