La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Università degli Studi di Verona Laurea Specialistica in Scienze delle Attività Motoria Preventiva ed Adattata TECNICHE DI POTENZIAMENTO ED ELASTICITA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Università degli Studi di Verona Laurea Specialistica in Scienze delle Attività Motoria Preventiva ed Adattata TECNICHE DI POTENZIAMENTO ED ELASTICITA."— Transcript della presentazione:

1 Università degli Studi di Verona Laurea Specialistica in Scienze delle Attività Motoria Preventiva ed Adattata TECNICHE DI POTENZIAMENTO ED ELASTICITA MUSCOLARE SSD M-EDF/01 Corso Integrato COMPLEMETARE N. ORE ottobre 2008 Dott. ssa Fracca Ilenia

2 AUTONOMIA FISICA BENESSERE DELLA PERSONA Importanza dellattività motoria finalizzata al mantenimento e allo sviluppo: Delle capacità condizionali Della coordinazione Della mobilità articolare

3 ORGANIZZAZIONE DEL CORSO 1. Introduzione 2. Classificazione stretching e test per la flessibilità 3. Pilates: principi, storia, esercizi per principianti 4. Pilates: esercizi arti superiori ed inferiori 5. Pilates: esercizi flessibilità e postura

4 ORGANIZZAZIONE DEL CORSO 6.Fitball: esercizi potenziamento e mobilità 7.Fisioband: esercizi potenziamento e mobilità 8.Overball: esercizi potenziamento e mobilità 9.Pesetti: esercizi potenziamento e mobilità art. sup.

5 ORGANIZZAZIONE DEL CORSO 10.Corpo Libero: mobilità colonna vertebrale e rinforzo addominale 11.Esercizi per mm. cervicali in palestra e costruzione di un protocollo per casa 12.Esercizi rigidità della spalla in palestra e costruzione di un protocollo per casa 13.Esercizi rigidità dellanca in palestra e costruzione di un protocollo per casa 14.Anziani : esercizi con la sedia – gruppo e a casa e per le diverse tipologie di persone 15.Lezione conclusiva

6 MOBILITA ARTICOLARE: primi studi [1][1] Anderson B. The perfect pre-run stretching routine. Runners Word. 13(5): 56-61, [1] [2][2] Sölveborn S.A. Das Buch vom Stretching. Beweglichkeitstraining durch Dhenen und Strecken. Monaco di Baviera, [2] [3][3] Heyward V.H. Designs for fitness. Minneapolis, [3]

7 MOBILITA ARTICOLARE OGGI controversie interpretative controversie interpretative confusione concettuale confusione concettuale

8 MOBILITA ARTICOLARE: definizione Flessibilità/mobilità muscolo-articolare sintende la capacità di movimento di un muscolo e/o di un articolazione nellambito della loro totale estensione di movimento (full range of motion ROM)

9 MOBILITAARTICOLARE == ELASTICITA == ELASTICITAFLESSIBILITA

10 ELASTICITA Meccanicamente infatti lelasticità è definibile come la proprietà di un corpo, che subisce una deformazione causata da una forza esterna, di riprendere, almeno parzialmente, la forma ed il volume iniziali In ambito fisiologico lelasticità muscolo-tendinea è la capacità dellunità muscolo-tendinea (UMT) di elongarsi nel corso della fase eccentrica del movimento (quindi possedere una sufficiente compliance) ed immediatamente dopo, grazie ad un adeguata rigidità (ossia stiffness), poter effettuare una repentina fase di contrazione concentrica, restituendo in tal modo, sotto forma di lavoro meccanico, lenergia elastica potenziale accumulata nel corso della fase eccentrica.

11 Da un piano di lavoro basato sullo stretching, sia logico poter pensare di ottenere un aumento della compliance muscolare,in altre parole dellestensibilità dellUMT, e non della sua elasticità come molte volte si equivoca. Oltretutto è importante ricordare come non sempre unaumento dellestensibilità dellUMT comporti parallelamente un aumento delle sue caratteristiche elastiche, molto spesso infatti si verifica lesatto contrario.

12 Le basi fisiologiche dello stretching: la resistenza meccanica allelongazione Nel corso dell allungamento muscolare si distinguono due fasi: nella prima lallungamento sarebbe pressoché totalmente a carico dei miofilamenti di actina e miosina che si presentano facilmente elongabili, mentre nel corso della seconda sono i filamenti di titina a ricoprire il ruolo principale nellallungamento della fibra muscolare, divenendo i principali responsabili dellelongazione del sarcomero mentre nel corso della seconda sono i filamenti di titina a ricoprire il ruolo principale nellallungamento della fibra muscolare, divenendo i principali responsabili dellelongazione del sarcomero

13 caratteristica costante dellarchitettura muscolare è costituita dalla posizione centrale dei filamenti di miosina allinterno delle due linee Z, questa posizione è mantenuta anche quando il sarcomero è allungato, come durante lo stretching. Questa centralità della posizione del filamento di miosina è resa possibile dalla presenza dei filamenti di titina. La titina è una proteina elastica di alto peso molecolare, da 2,5 a 3 dalton[1],[2] che costituisce una terza classe di filamenti, oltre a quelli di actina e di miosina, allinterno del muscolo scheletrico e rappresenta circa il 10% della massa totale della miofibrilla [1][2][1][2] [1][1] Maruyama K., Kimura S., Yoshidomi H., Sawada H., Kikuchi. Molecular size and shape of B- connectin, an elastic protein of striate muscle: Journal of Biochemistry. 95(5): , [1] [2][2] Kurzban G.P., Wang K. Giant polypeptides of skeletal muscle titin: sedimentation equilibrium in guanidine hydrocloride. Biochemical and Biophysical Research Communication. 150: , [2]

14 Tecniche per lo sviluppo della flessibilità muscolo - articolare 1. stretching statico 2. stretching passivo 3. stretching balistico 4. stretching dinamico 5. stretching attivo 6. stretching isometrico 7. Facilitazione Propriocettiva Neuromuscolare (PNF stretching)

15 stretching statico Le tecniche di stretching statico sono basate sul raggiungimento ed il mantenimento, per un certo lasso di tempo, della massima posizione di allungamento possibile da parte dellatleta.

16 Durata della posizione di allungamento secondo alcuni Autori (da Ginnastica correttiva di F. Tribastone - integrata S. Beraldo) Anderson B. (1980) dai 5 ai secondi Beaulieu J.E. (1981) dai 10 ai 30 secondi Bellucci M. (1996) secondidai 5 ai 10 secondidai Corbin C.B. e Noble L. (1980) almeno 6 secondi Crepaz P. (1990) dai 10 ai 30 secondi Holt L.E. (1973) dai 5 ai 10 secondi Humphrey L.D. (1981) dai 30 ai 60 secondi Lissoni A. (1985) dai 20 a 30 secondi e più Manno R. (1989) circa 30 secondi Norris C.M. (997) fino a 30 secondi Shellock F.G. e Prentice W.E. (1985) 30 secondi Solveborn S.A. (1983) dai 10 ai 30 secondi Sternad D.(1988) dai 10 ai 20 secondi Tribastone F. (1994) dai 30 ai 60 secondi Weiss U. (1984) dai 5 ai 30 secondi Wirhed R. (1985) circa 30 secondi

17 stretching statico: vantaggi - E sicura, di facile apprendimento e daltrettanto semplice esecuzione. - Richiede un dispendio energetico molto contenuto. - Permette di by-passare la problematica inerente il riflesso da stiramento. - Se praticata in modo sufficientemente intenso, può indurre un rilassamento muscolare riflesso indotto dallazione degli OTG. -Permette dei cambiamenti strutturali, in termini delongazione, di tipo semi-permanente. … e svantaggi -mancanza di specificità. In effetti la maggior parte delle discipline sportive contempla dei movimenti dinamici di tipo balistico, durante i quali lUMT deve sopportare delle elongazioni violente e repentine. Lo stretching statico, pertanto, si presenta come scarsamente specifico nei confronti di tali situazioni.

18 stretching passivo Nello stretching passivo, latleta è completamente rilassato e non partecipa attivamente al raggiungimento dei diversi gradi del ROM (range of motion), che invece sono raggiunti grazie allapplicazione di forze esterne create manualmente, come nel caso daiuto da parte di un terapista o di un compagno, oppure meccanicamente, grazie ad una strumentazione specifica

19 stretching passivo: vantaggi - La sua efficacia nel caso in cui i muscoli preposti allallungamento attivo, ossia la muscolatura agonista, risultino troppo deboli per poter svolgere detto compito. - Si dimostra particolarmente efficace, quando altri tentativi, effettuati con differenti tecniche dallungamento, hanno fallito nel tentativo di ridurre le tensioni muscolari presenti. - Permette un allungamento che può andare al di là del ROM attivo. … e svantaggi il rischio di lesione che può presentarsi nel caso in cui la differenza tra il range di flessibilità attiva e quello di flessibilità passiva sia cospicuo[1]. [1] Inoltre, dal momento che il livello di flessibilità passiva non risulta correlato con il livello di attività sportiva[2], questultima deve necessariamente essere supportata da un parallelo programma di lavoro costituito da esercizi di flessibilità attiva. Inoltre, dal momento che il livello di flessibilità passiva non risulta correlato con il livello di attività sportiva[2], questultima deve necessariamente essere supportata da un parallelo programma di lavoro costituito da esercizi di flessibilità attiva.[2] [1][1] Iashvili A.V. Active and passive flexibility in athletes specializing in different sports. Soviet Sports Review. 18(1): 30-32, [1] [2][2] Zachazewski J.E. Flexibility for sports. In : Sports physical therapy. Ed. B. Sanders, Norwalk, [2]

20 stretching balistico Lo stretching balistico prevede una tecnica esecutiva di tipo ritmico e rimbalzante, il cui scopo è quello di forzare il movimento stesso verso i limiti massimi del ROM.

21 stretching balistico: vantaggi Sono esercizi velocità-specifici. … e svantaggi Lesiguità del tempo dallungamento non permette di fatto un adeguato adattamento dei tessuti nei confronti dellelongazione stessa. La repentinità dellallungamento comporta il manifestarsi del riflesso miotatico da stiramento, che a sua volta comporta unobiettiva difficoltà nellottenere una soddisfacente elongazione del tessuto connettivale.

22 stretching dinamico nello stretching dinamico la velocità esecutiva globale è molto lenta e il movimento è eseguito in modo controllato sino ai limiti del proprio ROM.

23 stretching dinamico: vantaggi Possono essere proposti anche a persone molto anziane Favoriscono maggiormente la produzione di liquido sinoviale nellarticolazione rispetto alle tecniche statiche …e svantaggi Non sono esercizi velocità-specifici

24 stretching attivo definito anche con il termine di stretching attivo/statico, è basato sullutilizzo di tecniche che comportano il raggiungimento ed il mantenimento della massima posizione di allungamento, conseguita unicamente grazie ad una contrazione muscolare attiva. Le tecniche di stretching attivo, quindi escludono qualsiasi intervento esterno che assista o favorisca il raggiungimento e/o il mantenimento della posizione desiderata.

25 stretching attivo: vantaggi aumento la flessibilità aumento della forza della muscolatura agonista. la flessibilità attiva/dinamica che si sviluppa, dimostra unattinenza molto maggiore nei confronti del risultato sportivo specifico, rispetto a quella data da esercizi di tipo passivo. … svantaggi Rischio dellinnesco del riflesso miotatico da stiramento e dalle possibili problematiche ad esso connesse.

26 innervazione reciproca sintende la reciproca strategia collaborativa che, nellambito del movimento, la muscolatura agonista ed antagonista adottano. sintende la reciproca strategia collaborativa che, nellambito del movimento, la muscolatura agonista ed antagonista adottano. diversi studi hanno fatto luce sui meccanismi di controllo, centrali e periferici, che sono alla base dei patterns di attivazione neuro-muscolare di agonisti ed antagonisti in numerosi tipi di movimento[3],[4],[5]. Il meccanismo dinnervazione reciproca, è alla base di alcune tecniche di stretching particolarmente avanzate. In effetti la contrazione del muscolo antagonista può indurre un maggior rilassamento del corrispondente muscolo agonista che in quel momento viene sottoposto ad allungamento. Se ad esempio sintende allungare il muscolo bicipite femorale, la contrazione del quadricipite, grazie al meccanismo indotto dallinnervazione reciproca, può comportare un maggior rilassamento del bicipite stesso, facilitandone lallungamento. [3][4][5][3][4][5] [3][3] Tilney F., Pike F.H. Muscular coordination experimentally studied in its relation to the cerebellum. Archives of Neurology and Psychiatry. 13(3): , [3] [4][4] Rao V. Reciprocal inhibition: Inapplicability to tendon Jerks: Journal of Postgraduate Medicine. 11: , [4] [5][5] Kudina L. Reflex effects of muscle afferents on antagonists studies on single firing motor units in man. Electroencephalograpy and Clinical Neurophysiology. 50(3-4): , [5]

27 stretching isometrico è un tipo di tecnica che comporta la contrazione isometrica della muscolatura sottoposta ad allungamento passivo e si compone di tre parti distinte: - Inizialmente si assume la posizione di stretching passivo desiderata. - Si effettua una contrazione isometrica contro una resistenza esterna inamovibile (generalmente un compagno, oppure il pavimento od una parete) per un periodo di tempo normalmente compreso tra i 7 ed i 15 secondi. - Infine si rilassa il muscolo contratto in precedenza per un ulteriore periodo della durata di perlomeno 20.

28 stretching isometrico: vantaggi E una delle migliori ed efficaci tecniche rivolte allo sviluppo della flessibilità statico-passiva È maggiormente efficace dello stretching attivo o passivo utilizzati singolarmente. questo tipo di tecnica contribuirebbe notevolmente alla diminuzione della sensazione dolorosa associata allallungamento[1]. [1] …svantaggi dato che il forte allungamento muscolo-tendineo che la contrazione isometrica produce, può costituire un fattore di rischio per lintegrità tendinea e connettivale, è sconsigliabile ai bambini ed agli adolescenti[2]. [2] [1][1] Kurz T. Stretching Scientifically: A guide to flexibility training. Island Pond Stadion Ed., [1] [2][2] Moore M.A., Kukulka C.G. Depression of Hoffman reflexes following voluntary contraction and implication for propioceptive neuromuscular facilitation therapy. Physical Therapy. 71(4): , [2]

29 Facilitazione Propriocettiva Neuromuscolare (PNF stretching) Il principio di base di queste tecniche si basa sullallungamento passivo del gruppo muscolare considerato, che viene in seguito contratto isometricamente contro una resistenza inamovibile ed in ultimo nuovamente allungato passivamente grazie allintervento di un compagno o del fisioterapista, raggiungendo in tal modo un ROM accresciuto.

30 Facilitazione Propriocettiva Neuromuscolare (PNF stretching) 1. La tecnica di contrazione rilassamento (CR) 2. La tecnica contrazione-rilassamento- contrazione (CRAC)

31 La tecnica di contrazione rilassamento (CR) nella tecnica di CR, anche denominata hold-relax technique: il muscolo antagonista viene prima allungato passivamente dalloperatore, il muscolo antagonista viene prima allungato passivamente dalloperatore, viene richiesta allatleta una contrazione isometrica della muscolatura allungata contro la resistenza fornita dalloperatore della durata di circa 7-15 secondi dopo di che il muscolo viene brevemente rilassato per 2-3 secondi ed infine nuovamente allungato passivamente per circa secondi. La pausa che occorre rispettare tra due tecniche di CR consecutive è di circa 20 secondi.

32 La tecnica contrazione- rilassamento-contrazione (CRAC): questa tecnica, conosciuta anche come hold- relax-contract oppure contract-relax- antagonist-contract, comporta: una prima fase di allungamento passivo, due contrazioni isometriche, la prima dellantagonista e la seconda a carico dellagonista, in seguito, come nella tecnica precedente, si effettua unultima fase di allungamento passivo.

33 Facilitazione Propriocettiva Neuromuscolare: vantaggi Allo stato attuale delle conoscenze il PNF stretching, è considerato come la miglior tecnica grazie alla quale è possibile massimalizzare la flessibilità statico-passiva …e svantaggi La potenziale pericolosità insita in questi tipi dallungamento non è da sottovalutare, ed in ogni caso, queste sono da considerarsi come delle tecniche proponibili solamente ad atleti che abbiano raggiunto un notevole grado di sensibilità e controllo del riflesso miotatico da stiramento, come ad esempio i ginnasti od i ballerini

34 Bibliografia di riferimento: Dispensa: Allenamento alla mobilità articolare di Fracca Ilenia

35 GRAZIE!


Scaricare ppt "Università degli Studi di Verona Laurea Specialistica in Scienze delle Attività Motoria Preventiva ed Adattata TECNICHE DI POTENZIAMENTO ED ELASTICITA."

Presentazioni simili


Annunci Google