La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 LA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO PROFILI ESSENZIALI DELLE INNOVAZIONI INTRODOTTE DAL D. LGS. N. 6/2003.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 LA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO PROFILI ESSENZIALI DELLE INNOVAZIONI INTRODOTTE DAL D. LGS. N. 6/2003."— Transcript della presentazione:

1 1 LA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO PROFILI ESSENZIALI DELLE INNOVAZIONI INTRODOTTE DAL D. LGS. N. 6/2003

2 Piano di lavoro della giornata Società di persone: costituzione, amministrazione e rappresentanza, responsabilità dei soci Società di capitali: costituzione, struttura finanziaria, amministrazione e rappresentanza, responsabilità (e solidità patrimoniale) Scioglimento delle società di capitali - Operazioni straordinarie – gruppi di società (cenni con riferimento alla posizione dei creditori)

3 Tipi sociali non coinvolti dalla riforma Società semplice Società in nome collettivo Società in accomandita semplice La disciplina relativa alle sopra citate tipologie societarie è rimasta immutata (salvo il 2500 ter in tema di trasformazione, che deroga allordinario regime dellunanimità – 2252).

4 Contratto di società – art.2247 c.c. Due o più soggetti conferiscono beni o servizi esercizio in comune di unattività economica allo scopo di dividerne gli utili

5 Società di persone: caratteristiche generali autonomia patrimoniale imperfetta I soci sono, in via sussidiaria (il beneficio d'escussione opera diversamente, a seconda del tipo sociale), illimitatamente e solidalmente responsabili per le obbligazioni della società, salvo alcune eccezioni stabilite :beneficio d'escussione dalla legge: socio accomandante di una società in accomandita semplice;socio accomandantesocietà in accomandita semplice dai soci stessi (possibilità prevista unicamente nella disciplina delle società semplici), per mezzo di un patto portato a conoscenza dei terzi con mezzi idonei, ex art.2267 c.c.;società semplici soggettività giuridica (non personalità giuridica) le società di persone costituiscono un soggetto distinto dai soci, titolare di propri rapporti giuridici e di un proprio patrimonio ma senza personalità giuridica.

6 Società di persone: caratteristiche generali Commercialità dellattività esercitata e influenza sulla scelta del tipo: - la società semplice non può esercitare attività commerciali (art c.c.) - gli altri tipi sociali sono raggruppati sotto la denominazione di società commerciali possono svolgere anche un'attività non commerciale: in questo caso, non si applica lo statuto dell'imprenditore commerciale (in particolare, la soggezione alle procedure concorsuali – vedi chiaramente lart. 2308).

7 Società semplice - Costituzione Come premesso, questa tipologia societaria non può, ai sensi del comma 2 art.2249 avere ad oggetto attività commerciali; le attività ipotizzabili quali suo oggetto sono: Attività agricola: attività delezione della s.s., anche se il concreto ambito dutilizzazione è molto limitato (ma la relativa disciplina rileva perché è applicabile alle società irregolari aventi oggetto commerciale e rappresenta la disciplina base delle società di persone) Altre attività in presenza di specifiche disposizioni di legge (es. soc. revisione). COSTITUZIONE è improntata alla massima semplicità formale: il contratto sociale non è soggetto a forme speciali, salvo quelle richieste dalla natura dei beni conferiti Pubblicità: iscrizione in una sezione speciale del R.I. (in concreto il contratto assumerà la forma necessaria per procedere a tale iscrizione)

8 Società semplice - Amministrazione Amministrazione e gestione sono previsti due tipi diversi damministrazione: –Amministrazione congiuntiva (art. 2258) lamministrazione spetta congiuntamente a tutti i soci; le operazioni devono ricevere il consenso unanime (o maggioritario se così prevede il contratto sociale). –Amministrazione disgiuntiva (art. 2257) è il sistema prescelto dal legislatore. Il sistema sinstaura: sia in assenza di pattuizioni scritte con le quali si adotta unamministrazione congiuntiva, sia nelle società di fatto dove non esistono riscontri documentali sui quali inserire le deroghe. Ciascun socio è legittimato ad intraprendere da solo le operazioni utili allinteresse delle società, senza informare preventivamente gli altri soci, e di portarle a termine, a meno che il compimento delloperazione non venga paralizzato dal preventivo esercizio del diritto dopposizione. La decisione sullopposizione è presa dalla maggioranza dei soci, determinata in base alla partecipazione agli utili (perché la decisione influisce sulla misura degli utili; anche per non sacrificare la posizione del socio dopera)

9 Società semplice – Rappresentanza La funzione amministrativa va distinta da quella di rappresentanza; – lamministrazione ha ad oggetto la direzione degli affari sociali nellambito della competenza risultante dalla legge o dal contratto – la rappresentanza attiene alla legittimazione sostanziale e processuale a spendere il nome della società nei confronti dei terzi La rappresentanza della società spetta a ciascun socio amministratore, salva diversa disposizione dellatto costitutivo e si estende a tutti gli atti che rientrano nelloggetto sociale. Modificazioni ed estinzione del potere rappresentativo opponibili secondo la regola posta dallart. 1396, ovvero se portate a conoscenza dei terzi con mezzi idonei (mezzo idoneo è liscrizione nel R.I.)

10 Società semplice – Responsabilità soci In base allart. 2267: i creditori della società possono far valere i loro diritti sul patrimonio sociale (che costituisce garanzia per i creditori sociali e subisce solo limitatamente le azioni dei creditori particolari del socio); per le obbligazioni sociali rispondono solidalmente ed illimitatamente i soci che hanno agito in nome e per conto della società e salvo patto contrario gli altri soci (a condizione di averne reso edotti i terzi con mezzi idonei). i creditori possono agire anche sul patrimonio dei singoli soci, senza la preventiva escussione del patrimonio sociale; il socio richiesto del pagamento di debiti sociali può domandare la preventiva escussione del patrimonio sociale indicando al creditore beni societari sui quali soddisfarsi agevolmente (art. 2268)

11 Società semplice – Responsabilità soci Responsabilità dei soci nei confronti dei creditori particolari Dallart. 2270, che tutela il creditore particolare del socio nei confronti del suo debitore, e lart. 2271, che vieta la compensazione del debito che il terzo ha verso la società con il credito che egli ha verso il socio, si evince lautonomia del patrimonio sociale, vincolato allesercizio dellimpresa sociale e sensibile solo alle pretese dei creditori sociali. Lart concede tre possibilità ai creditori particolari: 1.far valere i propri diritti sugli utili spettanti al debitore (atti conservativi sequestro, ed esecutivi esproprio) 2.compiere atti conservativi sulla quota di liquidazione spettante al socio 3.ottenere la liquidazione della quota se gli altri beni del socio sono insufficienti a soddisfare i crediti a queste condizioni: 1.il creditore deve provare che gli altri beni sono insufficienti 2.non potrà pretendere beni sociali o agire contro di essi, potrà solo ottenere una somma in denaro.

12 Società in nome collettivo La disciplina della S.n.c., che è il tipo di società di persone più diffuso in quanto permette lesercizio dogni tipo dattività, è contenuta negli artt (comunque rinvio dellart – norme applicabili – : la s.n.c. è regolata dalle norme di questo capo e del precedente sulla società semplice).società semplice Differenze fra S.n.c. e società semplice presenza di una norma che indica il contenuto dellatto costitutivo (art. 2295) inesistenza limiti relativi alla scelta delloggetto sociale inefficacia esterna di patti limitativi della responsabilità dei soci un più accentuato livello di autonomia patrimoniale ed una regolamentazione parzialmente diversa dei rapporti della società con i terzi. esistenza di norme riguardanti il capitale sociale (artt. 2303, limiti alla distribuzione degli utili, 2306, riduzione del capitale).

13 Società in nome collettivo - I rapporti della società con i terzi La rappresentanza della società (art. 2298): Limite al potere degli amministratori è costituito dalloggetto sociale È possibile determinare pattiziamente il contenuto dei poteri di rappresentanza. Vi possono essere limitazioni risultanti da atto costitutivo o da procura; le limitazioni iscritte sono opponibili ai terzi. La responsabilità per le obbligazioni sociali maggiore grado dautonomia patrimoniale rispetto alla società semplice: - art i creditori sociali, anche se la società è in liquidazione, non possono pretendere il pagamento dai singoli soci, se non dopo lescussione del patrimonio sociale (la procedibilità dellazione contro il patrimonio dei singoli soci presuppone la dimostrazione dellincapienza del patrimonio sociale). - art il creditore particolare del socio non può chiedere la liquidazione della quota del socio suo debitore, se gli altri beni non sono sufficienti,finchè dura la società.

14 Società in nome collettivo irregolare È irregolare la società in nome collettivo non iscritta nel R.I. La mancanza delladempimento può dipendere: –dalla mancanza dellatto scritto –pur esistendo latto scritto gli amministratori (o, in caso di atto pubblico, il notaio) non hanno provveduto a deposito ed iscrizione dello stesso presso il R.I. Lart prescrive: –la disciplina dei rapporti interni è la stessa della società collettiva regolare –per i rapporti esterni si applica la disciplina della società semplice che prescinde da un sistema di pubblicità legale (inapplicabili gli artt e 2305). –Eccezioni: resta ferma la responsabilità illimitata e solidale dei soci nei confronti dei terzi (art. 2297) (non consentita la limitazione pattizia della responsabilità - art c1); la rappresentanza sociale spetta a tutti i soci che agiscono per la società (limitazioni o esclusioni della rappresentanza sono opponibili ai terzi solo se si prova che ne erano a conoscenza – applicazione della regola generale di cui al 2193).

15 Società in accomandita semplice La società in accomandita semplice è regolata dagli articoli 2313 ss. (e dalla disciplina della s.n.c. in quanto compatibile). La s.a.s. è caratterizzata dalla coesistenza di due categorie di soci : –Soci accomandatari sono responsabili illimitatamente e solidalmente per le obbligazioni sociali ed hanno il potere di amministrare la società; non sono necessariamente amministratori (a differenza che nella s.a.p.a.) – ma amministratore può essere solo un accomandatario – ; i loro poteri nei confronti dei terzi sono regolati dalla disciplina della s.n.c. –Soci accomandanti sono responsabili solo nei limiti del capitale versato; sono esclusi dallamministrazione, pur avendo poteri di controllo sulla gestione

16 Società in accomandita semplice - accomandanti A carico degli accomandanti la legge impone due divieti: - amministrare comporta la perdita della responsabilità limitata per tutte le obbligazioni sociali (con conseguente fallibilità) e la possibilità desclusione dalla società. Gli atti compiuti dallaccomandante ingeritosi nel potere damm.ne comporteranno la sola responsabilità di questo verso i terzi e, salvo ratifica, non vincoleranno la società. - far comparire il proprio nome nella ragione sociale: la violazione comporta la perdita della responsabilità limitata verso i terzi (responsabilità solidale e illimitata con gli amministratori).

17 I poteri dellaccomandante traggono origine da legge e patti sociali: –poteri legali art consente agli accomandanti: di concludere affari in forza di procura speciale di prestare la loro opera sotto la direzione degli amministratori (quindi con vincolo di subordinazione) art potere di nominare un amministratore provvisorio (accomandante o terzo estraneo) per gli atti di ordinaria amministrazione quando vengono a mancare tutti gli accomandatari. –poteri pattizi dare autorizzazioni e pareri per determinate operazioni (possibile influenza sui rapporti con i terzi; problemi di validità della estensione del relativo potere) compiere ispezioni e atti di sorveglianza. Società in accomandita semplice - accomandanti

18 18 Tipi sociali coinvolti Società per azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Società cooperative La disciplina delle società di persone (società semplice, società in nome collettivo e società in accomandita semplice) non è oggetto della riforma. Essa rimane pertanto invariata (salvo 2500 ter).

19 19 La S.p.a. – Tipologie TIPOLOGIE DI S.P.A. S.P.A. APERTE S.P.A. CHIUSE (modello base) S.P.A. CHE FANNO RICORSO AL MERCATO DEL CAPITALE DI RISCHIO Società con azioni diffuse fra il pubblico in misura rilevante (parametri fissati da reg.to Consob): azionisti non di controllo con almeno il 5% c.s. 2. assente possibilità di redigere bil. abbr. 3. azioni oggetto di sollecitazione, o collocamento, o negoziate su sistemi di scambi organizzati, o emesse da banche e acquistate presso loro sedi Società con azioni quotate in mercati regolamentati

20 La S.p.a. – Costituzione La costituzione si articola in due fasi: - la stipulazione dellatto costitutivo per atto pubblico (la forma è sanzionata a pena di nullità in base allart °comma c.c.) - la successiva iscrizione dellatto costitutivo nel registro delle imprese La società può essere costituita per contratto o per atto unilaterale. La denominazione sociale deve contenere lindicazione della forma giuridica prescelta (e non può essere identica a quella di altra società esercitante la stessa attività economica - ex art è applicabile art. 2564). Latto costitutivo deve contenere, oltre alla denominazione sociale e allindicazione della sede, le generalità dei soci fondatori, lammontare del capitale sottoscritto e versato, loggetto sociale, il numero e leventuale valore nominale delle azioni, il valore attribuito ai crediti e ai beni conferiti in natura, le norme secondo le quali devono essere distribuiti gli utili e la durata sociale.

21 21 La S.p.a. - Costituzione CAPITALE SOCIALE (art. 2327) NOVITA / MODIFICHE INTERVENUTE DISCIPLINA CODICE CIVILE Ammontare minimo elevato a Euro. Ammontare minimo pari a Euro (art c.c.). CONFERIMENTI IN DANARO (art. 2342) Alla sottoscrizione dellatto costitutivo deve essere versato almeno il 25 per cento dei conferimenti in danaro. Alla sottoscrizione dellatto costitutivo devono essere versati almeno i 3/10 dei conferimenti in danaro (art c.c.). CONFERIMENTI IN NATURA (art. 2343) Relazione giurata di un esperto designato dal tribunale nel cui circondario ha sede la società. Lesperto è designato dal presidente del tribunale. Non specificato il tribunale competente (art c.c.). TERMINE PER LISCRIZIONE (art.2331) Ridotto a 90 giorni il termine entro cui deve avere luogo liscrizione nel R.I. (dalla stipula dellatto costitutivo o dal rilascio delle autorizzazioni). Termine originario pari a 1 anno (dal deposito) (art c.c.).

22 22 La S.p.a. - Costituzione DURATA DELLA SOCIETA (art. 2328) NOVITA / MODIFICHE INTERVENUTE DISCIPLINA CODICE CIVILE Prevista espressamente la costituzione di s.p.a. a tempo indeterminato (diritto di recesso del socio). Mancanza di una previsione espressa. ISCRIZIONE DELLA SOCIETA (art. 2331) OPERAZIONI COMPIUTE PRIMA DELLISCRIZIONE (art. 2331) Prima delliscrizione nel registro delle imprese è vietata lemissione delle azioni. Prima delliscrizione è vietata sia lemissione che la vendita delle azioni (art c.c.). Illimitatamente e solidalmente responsabili verso i terzi: coloro che hanno agito; il socio unico fondatore o i soci che hanno autorizzato; la società, se ha approvato loperazione dopo liscrizione. Illimitatamente e solidalmente responsabili verso i terzi coloro che hanno agito (art c.c.).

23 La S.p.a. - Costituzione Lart stabilisce che per le operazioni compiute prima delliscrizione la società - una volta costituita - risponderà delloperazione qualora: abbia approvato le stesse; le operazioni fossero necessarie per la costituzione (in siffatta ipotesi purchè latto costitutivo abbia espressamente previsto che le relative spese fossero a carico della società quantificandone anche il relativo importo); tutte le volte che si accolli (in via cumulativa) le eventuali spese. In ogni caso rispondono coloro che hanno agito nonché i soci che hanno deciso, autorizzato, consentito il compimento delloperazione Disciplina applicabile in via analogica anche ad operazioni compiute prima della stipula dellatto costitutivo (orientamento giurisprudenziale) Restituzione da parte della banca dei decimi versati: -agli amministratori che dimostrino lavvenuta iscrizione (mediante certificato camerale) oppure -ai sottoscrittori che dimostrino la non iscrizione dopo la scadenza del termine di 90 gg. dalla stipula dellatto costitutivo o dal successivo rilascio delle necessarie autorizzazioni (non ammessa, invece, restituzione nel caso di risoluzione consensuale del contratto da parte di tutti i soci, essendo le somme depositate indisponibili anche a garanzia dei terzi per le spese di costituzione)

24 La S.p.a. unipersonale Lart I° comma c.c., ammette la costituzione di una società per azioni con atto unilaterale di un unico socio fondatore Per le obbligazioni sociali risponde la sola società salve due specifiche eccezioni in cui sorge nellipotesi di insolvenza della società una responsabilità illimitata - seppur sussidiaria - dellunico socio per le obbligazioni sorte nel periodo in cui tutte le azioni erano allo stesso appartenute: - inosservanza delle specifiche forme pubblicitarie previste dallart c.c. (articolo che prevede lobbligo per gli amministratori di depositare presso il registro delle imprese una dichiarazione contenente le generalità dellunico azionista); - inosservanza delle norme previste per la liberazione dei conferimenti dellunico azionista (art c.c. comma II° e IV° che prevedono lobbligo del versamento integrale dei conferimenti). I contratti della società con lunico socio o le operazioni a suo favore sono opponibili ai creditori solo se risultano dal libro delle adunanze del cda o da atto scritto con data certa anteriore al pignoramento (art. 2362, u.c.)

25 Patti parasociali (artt bis/ter) Finalità: stabilizzare gli assetti proprietari o il governo della società Mediante: -lesercizio concordato del diritto di voto (sindacato di voto) -limiti al trasferimento delle azioni (sindacato di blocco) -esercizio anche congiunto di influenza dominante sulla società Disciplina generale -Durata non superiore a cinque anni; rinnovabilità alla scadenza; -In assenza di termine di durata, diritto di recesso con preavviso di 180 giorni Disciplina ulteriore per le sole società aperte: - Obbligo di comunicazione in apertura di assemblea (a pena di impugnabilità della delibera)

26 26 La S.p.a. – Le azioni VALORE NOMINALE (art. 2346) NOVITA DISCIPLINA CODICE CIVILE E possibile emettere azioni senza lindicazione del valore nominale (comunque ricavabile da ammontare capitale/ numero di azioni – 2328, nn. 4 e 5) Le azioni devono riportare lindicazione del valore nominale (art c.c.). PROPORZIONALITA (art. 2346) EMISSIONE DELLE AZIONI (art. 2346) E derogabile il principio di proporzionalità tra partecipa- zione sociale e conferimento. Necessaria proporzionalità tra valore dei conferimenti e numero di azioni attribuite. Per lesercizio di tale facoltà è richiesta una delibera dellas- semblea adottata in sede straordinaria. Nelle società con azioni non quotate lo statuto può esclu- dere lemissione delle azioni, salvo diversa disposizione di leggi speciali.

27 27 La S.p.a. – Le azioni NOVITADISCIPLINA CODICE CIVILE CATEGORIE DI AZIONI La s.p.a. può creare: azioni con diritti diversi da quelli delle azioni ordinarie anche in relazione alle perdite (postergate - art – subiscono rid. cap. dopo le altre); azioni correlate ai risultati di un determinato settore di attività (art. 2350); azioni senza diritto di voto, con diritto di voto limitato, con diritto di voto subordinato al verificarsi di particolari condizioni (sospensive) non meramente potestative (art. 2351); non oltre la metà del capitale sociale; Limitate ipotesi di creazione di categorie di azioni fornite di diritti diversi (art c.c.).

28 La S.p.a. – Strumenti finanziari Lart c.c. dà la possibilità di emettere strumenti finanziari forniti di diritti patrimoniali o anche amministrativi a seguito di un apporto anche di opera o servizi; la differenza tra apporto e conferimento spiega il riferimento a opera e servizi. La previsione normativa lascia allautonomia statutaria la scelta in merito al contenuto da attribuire ai nuovi titoli partecipativi, intervenendo con norma imperativa solamente per stabilire che: - ad essi non può essere attribuito il diritto di voto nellassemblea generale degli azionisti - nel caso in cui vi siano diverse categorie di strumenti finanziari che conferiscono diritti amministrativi le deliberazioni dellassemblea che pregiudicano i diritti di una di esse, devono essere approvate anche dallassemblea speciale degli appartenenti alla categoria interessata previsione, questultima, accompagnata dalla disposizione secondo cui alle assemblee speciali si applicano le disposizioni relative alle assemblee straordinarie.

29 29 La S.p.a. – Le Obbligazioni NOVITA / MODIFICHE INTERVENUTE DISCIPLINA CODICE CIVILE EMISSIONE Competenza degli amministratori, salvo diversa disposizione (art. 2410).art Competenza dellassemblea straordinaria (art c.c.).art c.c. LIMITE La società può emettere obbligazioni (al portatore o nominative) per una somma complessivamente non eccedente il doppio del capitale sociale, della riserva legale e delle riserve disponibili risultanti dallultimo bilancio approvato (art. 2412)art La società può emettere obbligazioni (al portatore o nominative) per una somma non eccedente il capitale versato ed esistente secondo lultimo bilancio approvato (art c.c.)art c.c.

30 30 La S.p.a. – Le Obbligazioni DEROGHE AL LIMITE DI EMISSIONE Il limite del primo comma può essere superato quando le obbligazioni emesse in eccedenza sono destinate alla sottoscrizione da parte di investitori professionali soggetti a vigilanza, i quali, in caso di successiva circolazione delle obbligazioni sottoscritte, rispondono della solvenza della società nei confronti degli acquirenti che non siano investitori professionali (art. 2412, II comma).art Il primo e il secondo comma non si applicano all'emissione di obbligazioni effettuata da società con azioni quotate in mercati regolamentati, limitatamente alle obbligazioni destinate ad essere quotate negli stessi o in altri mercati regolamentati (art. 2412, V comma).art. 2412

31 31 La S.p.a. – Assemblea SOCIETA PRIVE DI CONSIGLIO DI SORVEGLIANZA (Modello tradizionale e monistico) (art. 2364) Lassemblea ordinaria: approva il bilancio; nomina e revoca gli amministratori; nomina i sindaci e il presidente del collegio sindacale e, quando previsto, il soggetto al quale è demandato il controllo contabile; determina il compenso degli amministratori e dei sindaci, se non è stabilito dallo statuto; delibera sulla responsabilità degli amministratori e dei sindaci; delibera sugli altri oggetti attribuiti dalla legge alla competenza dellassemblea, nonché sulle autorizzazioni eventualmente richieste dallo statuto per il compimento di atti degli amministratori, ferma in ogni caso la responsabilità di questi per gli atti compiuti; approva leventuale regolamento dei lavori assembleari. Lassemblea ordinaria: nomina e revoca i consiglieri di sorveglianza; determina il compenso ad essi spettante, se non è stabilito nello statuto; delibera sulla responsabilità dei consiglieri di sorveglianza; delibera sulla distribuzione degli utili; nomina il revisore. SOCIETA CON CONSIGLIO DI SORVEGLIANZA (Modello dualistico) (art bis)

32 32 La S.p.a. – Assemblea LASSEMBLEA STRAORDINARIA (art. 2365) NOVITA / MODIFICHE INTERVENUTE DISCIPLINA CODICE CIVILE Delibera: sulle modificazioni dello statuto; sulla nomina, sulla sostituzione e sui poteri dei liquidatori, e su ogni altra materia espressamente attribuita dalla legge alla sua competenza (es. assegnazione di azioni ai dipendenti, emissione di obbligazioni convertibili, revoca dello stato di liquidazione, approvazione della proposta di concordato preventivo). Delibera: sulle modificazioni dellatto costitutivo sulla emissione di obbligazioni; sulla nomina e sui poteri dei liquidatori.

33 33 La S.p.a. – Assemblea NOVITA / MODIFICHE INTERVENUTE DISCIPLINA CODICE CIVILE istituzione o soppressione di sedi secondarie; fusione delle società possedute interamente o almeno al 90%; indicazione di quali tra gli amministratori hanno la rappresentanza della società; riduzione del capitale in caso di recesso del socio; adeguamenti dello statuto a disposizioni normative; trasferimento della sede sociale nel territorio nazionale. MATERIE DI COMPETENZA DELL ASSEMBLEA STRAORDINARIA DELEGABILI DALLO STATUTO ALLORGANO AMMINISTRATIVO (art. 2365, II) Materie di competenza dellassemblea straordinaria attribuibili con atto costitutivo agli amministratori: emissione di azioni convertibili (art ter c.c.); aumento del capitale sociale (art c.c.).

34 34 La S.p.a. – Amministrazione e controllo NOVITA / MODIFICHE INTERVENUTE DISCIPLINA CODICE CIVILE CONTROLLO E stato introdotto il principio della separazione dei controlli: il controllo contabile spetta ad un revisore esterno mentre quello avente ad oggetto la legalità e la correttezza dellamministrazione spetta al collegio sindacale / consiglio di sorveglianza / comitato per il controllo sulla gestione. Salvo quanto previsto per le società con azioni quotate, il controllo è sempre esercitato dal collegio sindacale che si occupa del controllo contabile, di legalità e di corretta amministrazione della società. MODELLI DI AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO TRADIZIONALE o LATINO MONISTICO (di derivazione anglosassone) DUALISTICO (di derivazione germanica) E previsto un unico modello di amministrazione e controllo.

35 35 La S.p.a. – Amministrazione e controllo Amministrazione SISTEMA TRADIZIONALE SISTEMA DUALISTICO SISTEMA MONISTICO Controllo Controllo contabile Organo di amministrazione Organo di amministrazione ( Amministratore unico o Cda ) Nominato dallAssemblea Collegio sindacale Nominato dallAssemblea Revisore/Società di revisione Revisore/Società di revisione (società di revisione per le società aperte) Nominati dallAssemblea Consiglio di gestione Nominato dal Consiglio di Sorveglianza Consiglio di sorveglianza Nominato dallAssemblea Revisore/Società di revisione Revisore/Società di revisione (società di revisione per le società aperte) Nominati dallAssemblea Consiglio di amministrazione Nominato dallAssemblea Comitato per il controllo sulla gestione Nominato nellambito del C.d.A. Revisore/Società di revisione Revisore/Società di revisione (società di revisione per le società aperte) Nominati dallAssemblea

36 36 La S.p.a. – Amministrazione e controllo SISTEMA TRADIZIONALE Controllo Controllo contabile gestione dellimpresa affidata in modo esclusivo – art bis - a uno (Amministratore Unico) o più amministratori (C.d.A.) anche non soci, in carica per non oltre tre esercizi e rieleggibili, nominati dallassemblea; il C.d.A. può delegare proprie attribuzioni a un comitato esecutivo ovvero ad uno o più dei suoi componenti (amministratori delegati). controllo affidato al Collegio sindacale che vigila sullosservanza della legge, dello statuto e dei principi di corretta amministrazione; composto da 3 o 5 componenti effettivi (soci o non soci), più 2 supplenti. Almeno un componente effettivo ed uno supplente devono essere iscritti nel registro dei revisori contabili. I restanti componenti, se non iscritti in tale registro, devono essere scelti tra gli iscritti negli albi professionali individuati con decreto del Min. Giustizia, o fra i professori universitari di ruolo, in materie economiche o giuridiche. controllo contabile affidato a un Revisore/Società di revisione iscritti nel registro istituito presso Min. Giustizia (nelle società aperte è esercitato da una società di revisione iscritta nel registro dei revisori contabili); Eccezione: le società chiuse che non sono tenute alla redazione del bilancio consolidato possono statutariamente affidare il controllo contabile al Collegio sindacale ( in tal caso deve essere integralmente costituito da revisori contabili). Amministrazione

37 37 La S.p.a. – Amministrazione e controllo SISTEMA DUALISTICO Controllo Controllo contabile la gestione dellimpresa è affidata al Consiglio di Gestione; il Consiglio di Gestione è costituito da almeno 2 componenti (anche non soci) i quali restano in carica per un periodo non superiore a 3 esercizi e sono rieleggibili (salvo diversa disposizione statutaria) il potere di nomina e revoca dei consiglieri di gestione, nonché lesercizio dellazione di responsabilità nei loro confronti, spetta al Consiglio di Sorveglianza. il controllo è affidato al Consiglio di Sorveglianza che esercita alcune delle funzioni del collegio sindacale, approva il bilancio desercizio (anche il consolidato), riferisce per iscritto allassemblea sullattività di vigilanza svolta, almeno una volta allanno; lorgano è composto da almeno 3 componenti (anche non soci) nominati dallassemblea, i quali restano in carica per un periodo non superiore a 3 esercizi e sono rieleggibili (salvo diversa disposizione statutaria). Almeno un componente effettivo deve essere iscritto nel registro dei revisori contabili. il controllo contabile è affidato a un Revisore/Società di revisione iscritti nel registro istituito presso Min. Giustizia (nelle società aperte è esercitato da una società di revisione iscritta nel registro dei revisori contabili). Lincaricato del controllo contabile è nominato dallassemblea. Amministrazione

38 38 La S.p.a. – Amministrazione e controllo SISTEMA MONISTICO Controllo Controllo contabile la gestione dellimpresa è affidata in via esclusiva al Consiglio di Amministrazione; almeno 1/3 dei suoi componenti deve essere in possesso dei requisiti di indipendenza stabiliti per i sindaci (e, se lo statuto lo prevede, dei requisiti al riguardo previsti da codici di comportamento redatti da associazioni di categoria o da società di gestione di mercati regolamentati). il controllo è esercitato dal Comitato per il Controllo sulla Gestione; il numero e la nomina dei suoi componenti spettano al C.d.a. (nelle società aperte: almeno 3), salvo diversa disposizione dello statuto. I componenti sono scelti allinterno del C.d.a., tra gli amministratori che: 1) siano in possesso dei requisiti di indipendenza previsti per i sindaci e di quelli di onorabilità e professionalità fissati dallo statuto; 2) non appartengano al comitato esecutivo; 3) non siano titolari di deleghe o cariche particolari. Almeno un componente deve essere scelto tra gli iscritti nel registro dei revisori contabili. il controllo contabile è affidato a un Revisore/Società di revisione iscritti nel registro istituito presso Min. Giustizia (nelle società aperte è esercitato da una società di revisione iscritta nel registro dei revisori contabili). Lincaricato del controllo contabile è nominato dallassemblea. Amministrazione

39 39 Soggetto cui spetta il controllo: SOCIETA APERTE SOCIETA CHIUSE E esercitato da un singolo revisore contabile o da una società di revisione iscritti nel registro istituito presso il Ministero della giustizia. Nellambito del sistema tradizionale di amministrazione e controllo, se la società non è tenuta alla redazione del bilancio consolidato, lo statuto può prevedere che il controllo contabile sia affidato al collegio sindacale. E sempre esercitato da una società di revisione iscritta nel registro dei revisori contabili. La S.p.a. – Amministrazione e controllo – Controllo contabile Nozione di controllo contabile (art ter): Verifica almeno trimestrale della regolare tenuta della contabilità Verifica della conformità a legge e alle scritture contabili del bilancio

40 -Consiglio di amministrazione, Amministratore delegato, Comitato esecutivo -Limiti alla possibilità di delegare -Obbligo di agire in modo informato -Responsabilità verso la società per negligente adempimento dei doveri di legge e statuto (2392) -Responsabilità verso i creditori per inosservanza di obblighi inerenti alla conservazione dellintegrità patrimoniale (2394) - Responsabilità verso singoli soci o terzi (2395) S.p.a. – Funzionamento e responsabilità dellorgano amministrativo

41 41 La S.p.a. – Rappresentanza PUBBLICITA DELLA NOMINA DEGLI AMMINISTRATORI (art. 2383, comma 4)art. 2383, comma 4 La nomina degli amministratori deve essere iscritta, a cura degli stessi e nel termine di 30 giorni, nel registro delle imprese, indicando: generalità degli amministratori (cognome e nome, luogo e data di nascita, domicilio e cittadinanza); gli amministratori cui è attribuita la rappresentanza della società; se gli amministratori cui è attribuita la rappresentanza agiscono disgiuntamente o congiuntamente. EFFETTI DELLA PUBBLICAZIONE NEL REGISTRO DELLE IMPRESE (Art. 2448)Art Gli atti per i quali il codice prescrive liscrizione o il deposito nel registro delle imprese sono opponibili ai terzi soltanto dopo tale pubblicazione, a meno che la società provi che i terzi ne erano a conoscenza. Per le operazioni compiute entro il quindicesimo giorno dalla pubblicazione di cui sopra, gli atti non sono opponibili ai terzi che provino di essere stati nella impossibilità di averne conoscenza.

42 42 La S.p.a. – Rappresentanza ESTENSIONE (art. 2384, comma 1)art. 2384, comma 1 La rappresentanza è generale (non cè più collegamento con loggetto sociale come nel 2266 e nel 2298). NOVITA / MODIFICHE INTERVENUTE DISCIPLINA CODICE CIVILE La rappresentanza è circoscritta agli atti che rientrano nelloggetto sociale (art. 2384, comma 1, c.c.). INVALIDITA DELLA NOMINA (art. 2383, comma 5)art. 2383, comma 5 Le cause di nullità o annullabilità della nomina degli amministratori che hanno la rappresentanza della società non sono opponibili ai terzi dopo ladempimento della pubblicità, salvo che la società provi che i terzi ne erano a conoscenza.

43 43 La S.p.a. – Rappresentanza NOVITADISCIPLINA CODICE CIVILE ESTRANEITA ALLOGGETTO SOCIALE (es. nei rapporti di gruppo, le prestazioni di garanzia tra le società) Lestraneità alloggetto sociale degli atti compiuti dagli amministratori in nome della società non può essere opposta ai terzi in buona fede (art bis c.c.).art bis c.c. Mancanza di una disposizione ad hoc; in dottrina si è ritenuto: irrilevanza esterna dellog- getto sociale; oggetto sociale assimilabile a limite statutario. LIMITAZIONI (art. 2384, comma 2)art. 2384, comma 2 Le limitazioni al potere di rappresentanza che risultano dallatto costitutivo o dallo statuto, anche se pubblicate, sono opponibili ai terzi solo provando che questi ultimi hanno intenzionalmente agito a danno della società (art. 2384, comma 2, c.c.).art. 2384, comma 2, c.c. Le limitazioni ai poteri degli amministratori che risultano dallo statuto o da una decisione degli organi competenti non sono opponibili ai terzi, anche se pubblicate, salvo che si provi che questi abbiano intenzionalmente agito a danno della società (diverso da 2266 che rinvia a 1396 e 2298 che rinvia a 2193).

44 44 La S.p.a – Diritto di recesso NOVITA / MODIFICHE INTERVENUTE DISCIPLINA ATTUALE CAUSE cause inderogabili: il diritto di recesso è riconosciuto, per tutte o parte delle azioni, ai soci che non hanno concorso alle deliberazioni riguardanti (art. 2437):art la modifica della clausola delloggetto sociale (quando consente un cambiamento significativo dellattività della società); la trasformazione della società; il trasferimento della sede sociale allestero; la revoca dello stato di liquidazione; leliminazione di una o più cause di recesso previste dallo statuto o quelle previste dallart. 2437, comma 2 (derogabili dallo statuto); Limitate cause di recesso: cambiamento delloggetto o del tipo di società; trasferimento della sede sociale allestero (art c.c.).art c.c.

45 45 La S.p.a – Diritto di recesso NOVITA / MODIFICHE INTERVENUTE CAUSE la modifica dei criteri di determinazione del valore dellazione in caso di recesso; le modificazioni dello statuto concernenti i diritti di voto o di partecipazione; cause derogabili dallo statuto: il diritto di recesso è riconosciuto ai soci che non hanno concorso allapprovazione delle deliberazioni riguardanti (art. 2437):art la proroga del termine; lintroduzione o la rimozione di vincoli alla circolazione dei titoli azionari; cause statutarie (art. 2437): le società chiuse possono prevedere statutariamente ulteriori cause di recesso (es.: recesso come condizione di efficacia della clausola di mero gradimento).art CAUSE ULTERIORI società costituite a tempo indeterminato con azioni non quotate: il socio può recedere dalla società con il preavviso di almeno 180 giorni. Lo statuto può prevedere un termine maggiore ma non superiore a 1 anno (art. 2437);art. 2437

46 46 La S.p.a – Diritto di recesso NOVITA / MODIFICHE INTERVENUTE DISCIPLINA ATTUALE CRITERI DI DETERMINAZIONE DEL VALORE DELLE AZIONI (art ter)art ter il valore di liquidazione delle azioni è determinato: per le azioni non quotate: tenendo conto della consistenza patrimoniale della società, delle sue prospettive reddituali, delleventuale valore di mercato delle azioni; per le azioni quotate in mercati regolamentati: esclusivo riferimento alla media aritmetica dei prezzi di chiusura nei 6 mesi che precedono la pubblicazione ovvero la ricezione dellavviso di convocazione dellassemblea le cui deliberazioni legittimano il recesso; lo statuto può stabilire criteri diversi di determinazione del valore di liquidazione. il valore di rimborso delle azioni è determinato (art c.c.):art c.c. nelle società quotate in borsa: secondo il prezzo medio dellultimo semestre; nelle società non quotate: in proporzione del patrimonio sociale risultante dal bilancio dellultimo esercizio.

47 47 La S.p.a – Diritto di recesso PROCEDIMENTO DI LIQUIDAZIONE (art quater)art quater Le fasi del procedimento: gli amministratori offrono in opzione le azioni del socio recedente agli altri soci in proporzione al numero delle azioni possedute (anche titolari di obbligazioni convertibili); coloro che esercitano il diritto di opzione hanno diritto di prelazione nellacquisto delle azioni che siano riamaste non optate; se i soci non acquistano in tutto o in parte le azioni del recedente, gli amministratori possono collocarle presso i terzi; in caso di mancato collocamento le azioni del recedente vengono rimborsate mediante acquisto da parte della società utilizzando riserve disponibili. In assenza di utili e riserve disponibili, deve essere convocata lassemblea straordinaria per deliberare la riduzione del capitale sociale, ovvero lo scioglimento della società.

48 48 La S.p.a. – Patrimoni e finanziamenti destinati ad uno specifico affare Come alternativa alla costituzione di una società (interamente) controllata, per svolgere una nuova attività o uno specifico affare di cui non si vuole addossare il rischio alla società, la Riforma consente di: DESTINARE PARTE DEL PROPRIO PATRIMONIO IN VIA ESCLUSIVA AD UNO SPECIFICO AFFARE (patrimoni destinati) DESTINARE I PROVENTI DI UNO SPECIFICO AFFARE AL RIMBORSO DEL FINANZIAMENTO AD ESSO RELATIVO (finanziamenti destinati) Devono essere rispettate due condizioni: Deve essere data PUBBLICITA LEGALE ALLA DESTINAZIONE (2447 quater e 2447 decies, III, lett. a) Deve essere tenuta una CONTABILITA SEPARATA (2447 septies; 2447 decies, III, lett. b) EFFETTO DELLA DESTINAZIONESEPARAZIONE I BENI (patrimoni destinati) I PROVENTI (finanziamenti destinati)

49 49 La S.p.a. – Patrimoni e finanziamenti destinati ad uno specifico affare PATRIMONI DESTINATI (artt bis novies)artt bis novies possono essere costituiti patrimoni destinati in via esclusiva ad uno specifico affare per un valore complessivamente non superiore al 10% del patrimonio netto della società; la costituzione avviene con deliberazione a maggioranza assoluta del C.d.a. o del Consiglio di Gestione (o dellassemblea se lo prevede lo statuto); i creditori sociali non possono far valere alcun diritto sul patrimonio destinato (decorso il termine per lopposizione di cui al 2447 quater, che postula pregiudizio e mira a perpetuare la garanzia generica) (per cui rileva il monitoraggio del R.I. con riguardo alle società affidate); delle obbligazioni contratte in relazione al patrimonio destinato la società risponde nei limiti del medesimo; linsolvenza del patr. dest. comporta insolvenza della società solo se, venuta meno la separazione per mancato rispetto delle condizioni legali (v. art. 2447/5, II e IV), provoca un dissesto della stessa; è dubbio che determini il fallimento del patrimonio (assenza di un centro di imputazione dellattività vs. esigenze di tutela dei creditori); il fallimento della società comporta liquidazione del patrimonio salva lipotesi di autorizzazione alla prosecuzione dello specifico affare.

50 50 La S.p.a. – Patrimoni e finanziamenti destinati ad uno specifico affare FINANZIAMENTI DESTINATI (art decies)art decies il contratto relativo al finanziamento di uno specifico affare (iscritto nel R.I. – e quindi in forma pubblica o per autentica di firma) può prevedere che al suo rimborso totale o parziale siano destinati, in via esclusiva, tutti o parte dei proventi dellaffare; indicazione del piano finanziario, dei controlli che il finanziatore può effettuare; il vincolo di destinazione riguarda solo i proventi dellaffare e i loro reimpieghi (costituiscono patrimonio separato); i creditori sociali non possono agire sui proventi derivanti dallaffare; delle obbligazioni verso il finanziatore risponde solo il patrimonio separato; il fallimento della società determina lo scioglimento del contratto di finanziamento quando impedisce la realizzazione o la continuazione delloperazione (il finanziatore si potrà insinuare al passivo per i suoi crediti residui); in caso contrario il curatore può subentrare.

51 51 La S.r.l. - Costituzione DURATA (art. 2463) Anche la S.r.l. può essere costituita a tempo indeterminato (con conseguente diritto di recesso del socio). Costituzione, iscrizione e atti compiuti prima delliscrizione sono regolati dalla disciplina della S.p.a. (art. 2463, u.c.) S.r.l. unipersonale regolata come la S.p.A. unipersonale (vedi art. 2462, II comma; 2478, u.c., contiene la stessa regola del 2362 u.c.) vengono quindi meno le limitazioni anteriori alla riforma, che costituivano ulteriori ipotesi di responsabilità illimitata: lunico socio può essere persona giuridica ed essere titolare di più società unipersonali senza incorrere nella responsabilità sussidiaria in caso di insolvenza della società

52 52 La S.r.l. - Costituzione DISCIPLINA CODICE CIVILE NOVITA / MODIFICHE INTERVENUTE CONFERIMENTI (art. 2464) Notevole ampliamento: può essere conferito qualsiasi elemento dellattivo suscettibile di valutazione economica. Il conferimento può essere costituito da danaro, crediti e beni in natura. CONFERIMENTI IN NATURA (BENI E CREDITI) (artt e 2465) La relazione giurata può essere redatta: da un esperto (persona fisica o società di revisione) che deve essere necessariamente iscritto nel registro dei revisori contabili; da una società di revisione iscritta nellapposito albo. Lesperto è designato da chi conferisce il bene. Rinvio allart c.c. in materia di s.p.a.: la relazione giurata è redatta da un esperto che è designato dal presidente del tribunale (non necessariamente revisore contabile o società di revisione). CONFERIMENTI IN DANARO Ridotta la porzione da versare alla costituzione della società: 25 per cento. Versamento fissato nella misura dei 3/10 (rinvio allart c.c. in materia di s.p.a.).

53 53 La S.r.l. - Costituzione DISCIPLINA CODICE CIVILE NOVITA / MODIFICHE INTERVENUTE CONFERIMENTI IN DANARO (art. 2464) Importo da versare sostituibile con una polizza di assicurazione o una fideiussione bancaria (per la quale però manca la normativa di attuazione – d.P.C.M.) Sostituibilità della polizza o fideiussione con il versamento del corrispondente importo in danaro. Ipotesi non ammessa. PRESTAZIONI DOPERA E DI SERVIZI A FAVORE DELLA SOCIETA (art. 2464) Il conferimento può avere ad oggetto prestazioni dopera o servizi purché garantiti da polizza di assicurazione o da fideiussione bancaria. Se latto costitutivo lo prevede la polizza o la fideiussione possono essere sostituite dal socio con il versamento a titolo di cauzione del corrispondente importo in danaro presso la società. Entità non conferibili.

54 54 La S.r.l. – Finanziamenti dei soci FINANZIAMENTI DEI SOCI (art. 2467)art I finanziamenti disciplinati sono quelli che, in qualunque modo effettuati, sono stati concessi in una situazione di crisi ovvero: in un momento in cui, anche in considerazione del tipo di attività esercitata dalla società, risulta un eccessivo squilibrio dellindebitamento rispetto al patrimonio netto (variazione da caso a caso, non solo per le specificità della singola azienda, ma anche a seconda della sua storia -impresa recente ha scarse o nulle riserve, a differenza di quella che opera da molto tempo-); in una situazione finanziaria della società nella quale sarebbe stato ragionevole un conferimento (quando, dal punto di vista di un terzo, la società non avrebbe potuto ricevere credito). In tali ipotesi il loro rimborso: è postergato rispetto alla soddisfazione degli altri creditori sociali; deve essere restituito (dai soci che hanno beneficiato del rimborso) se avvenuto nellanno precedente la dichiarazione di fallimento della società.

55 55 La S.r.l. – Titoli di debito TITOLI DI DEBITO (art. 2483)art La società può emettere titoli di debito alle seguenti condizioni: lemissione deve essere prevista dallatto costitutivo che attribuisce la relativa competenza ai soci o agli amministratori determinando gli eventuali limiti, le modalità e le maggioranze necessarie per le decisioni; i titoli emessi possono essere sottoscritti soltanto da investitori professionali soggetti a vigilanza prudenziale a norma delle leggi speciali (es. le banche, le compagnie di assicurazione, le SGR, le SICAV, le SIM, ); in caso di successiva circolazione dei titoli di debito chi li trasferisce risponde della solvenza della società nei confronti degli acquirenti che non siano investitori professionali o soci della società medesima.

56 56 La S.r.l. – Ripartizione delle competenze gestorie COMPETENZA DEI SOCI (art. 2479)art Decisa dallo statuto: manca la segmentazione tipica della S.p.A. (e vedi art. 2364, n. 5, e 2380 bis) Possibile assegnare ai soci qualsiasi decisione amministrativa Competenza esclusiva degli amministratori solo per i progetti di bilancio, fusione e scissione, e laumento di capitale delegato Riconosciuti a determinati soci e consistenti ad esempio: nella possibilità di nominare gli amministratori nella possibilità di ricoprire la carica di amministratore nella possibilità di opporsi a determinati atti gestori o di autorizzarli (con possibile rilevanza esterna nei limiti del 2475 bis) DIRITTI PARTICOLARI DEI SOCI RIGUARDANTI LAMMINISTRA- ZIONE (art. 2468, III)art. 2468, III

57 57 La S.r.l. – Amministrazione e responsabilità AMMINISTRAZIONE (art. 2475)art La regola è che gli amministratori siano soci. Alternative possibili: amministratore unico; consiglio di amministrazione (operante anche con la collegialità attenuata se lo statuto lo prevede); amministratori (rappresentanti) che agiscono disgiuntamente o congiuntamente (rinvio artt e 2258 in tema di società personali) RESPONSABILITÀ (art. 2476) Responsabilità degli amministratori per inosservanza dei doveri derivanti dalla legge e dallatto costitutivo; problema della responsabilità verso i creditori (ex 2043, non 2394 analog.) Responsabilità dei soci che hanno intenzionalmente deciso o autorizzato il compimento di atti dannosi (contrappeso delle possibili interferenze). Intenzionalmente: non dolo specifico, ma consapevolezza della contrarietà dellatto alla legge e ai principi di corretta gestione.

58 58 La S.r.l. – Rappresentanza DISCIPLINA CODICE CIVILENOVITA / MODIFICHE INTERVENUTE RAPPRESENTANZA (art bis)art bis Gli amministratori hanno la rappresentanza generale della società. Le limitazioni ai poteri degli amministratori che risultano dallatto costitutivo o dallatto di nomina, anche se pubblicate, non sono opponibili ai terzi, salvo che si provi che questi abbiano intenzionalmente agito a danno della società. Rinvio agli artt (quarto, quinto e sesto comma), 2384 e 2384-bis in materia di rappresentanza nella società per azioni bis EFFETTI DELLA PUBBLICAZIONE NEL REGISTRO DELLE IMPRESE (Art. 2448)Art Gli atti per i quali il codice prescrive liscrizione o il deposito nel registro delle imprese sono opponibili ai terzi soltanto dopo tale pubblicazione, a meno che la società provi che i terzi ne erano a conoscenza. Per le operazioni compiute entro il quindicesimo giorno dalla pubblicazione di cui sopra, gli atti non sono opponibili ai terzi che provino di essere stati nella impossibilità di averne conoscenza.

59 59 DISCIPLINA CODICE CIVILENOVITA / MODIFICHE INTERVENUTE CONTROLLO (art. 2477)art La S.r.l. – Controllo Sotto i limiti dimensionali: organo di controllo facoltativo (collegio sindacale o revisore); Oltre i limiti dimensionali: obbligo di nomina del collegio sindacale. Sotto i limiti dimensionali: collegio sindacale facoltativo. Oltre i limiti dimensionali: collegio sindacale obbligatorio.

60 60 La S.r.l. – Assemblea ASSEMBLEA (art bis)art bis DISCIPLINA CODICE CIVILENOVITA / MODIFICHE INTERVENUTE Eliminata la distinzione tra assemblea ordinaria e straordinaria; Può essere convocata con qualsiasi mezzo che assicuri la tempestività dellavviso (art bis); in mancanza regime previgente (racc. 8 gg. prima). Lassemblea è ordinaria e straordinaria (rinvio art c.c.);art c.c. È convocata con lettera raccomandata inviata almeno 8 giorni prima della data dellassemblea (art c.c.).art c.c. METODO ASSEMBLEARE (art. 2479, comma 4)art. 2479, comma 4 Deve essere necessariamente adottato: nel silenzio dellatto costitutivo sul metodo alternativo (decisioni); se lo richiedono uno o più amministratori o un numero di soci che rappresentano almeno 1/3 del capitale sociale; per deliberazioni aventi ad oggetto la modifica dellatto costitutivo; per deliberazioni che comportano una sostanziale modificazione delloggetto sociale o una rilevante modificazione dei diritti dei soci. NOVITA / MODIFICHE INTERVENUTE

61 61 La S.r.l. – Il recesso: una mina vagante CAUSE DI RECESSO (artt e 2469) Il diritto di recesso è riconosciuto: - nelle ipotesi determinate dallatto costitutivo (art. 2473):art ai soci che non hanno consentito a determinate decisioni (art. 2473):art al cambiamento delloggetto o del tipo di società; alla fusione o scissione della società; alla revoca dello stato di liquidazione; al trasferimento della sede allestero; alla eliminazione di una o più cause di recesso previste dallatto costitutivo; al compimento di operazioni che comportano una sostanziale modificazione delloggetto della società determinato nellatto costitutivo o una rilevante modificazione dei diritti attribuiti ai soci in tema di amministrazione della società e di distribuzione degli utili; - in relazione alla durata della società: se la società è a tempo indeterminato, è ammesso in ogni momento con un preavviso di almeno 180 giorni (latto costitutivo può allungare il preavviso fino a 1 anno) (art. 2473);art in relazione alla presenza di clausole che escludono o condizionano al mero gradimento la trasferibilità della partecipazione (art. 2469);art nellipotesi di aumento del capitale sociale mediante nuovi conferimenti qualora il socio sia in dissenso rispetto alla decisione di offrire a terzi le quote di nuova emissione (art bis)art bis

62 62 La S.r.l. – Scioglimento del rapporto limitatamente ad un socio VALORE DELLA PARTECIPAZIONE (art. 2473)art Il recesso non può essere esercitato e, se già esercitato, è privo di efficacia: se la società revoca la delibera che lo legittima; se è deliberato lo scioglimento della società. LIMITI AL RECESSO (art. 2473)art Il socio ha diritto di ottenere il rimborso della propria partecipazione in proporzione del patrimonio sociale così come stimato al momento della dichiarazione di recesso (in caso di disaccordo il patrimonio è determinato con relazione giurata di un esperto nominato dal tribunale su istanza della parte più diligente). ESCLUSIONE (art bis)art bis Lo statuto può prevedere specifiche ipotesi di esclusione per giusta causa del socio. Si applica il procedimento previsto per lipotesi di recesso del socio, ma è esclusa la possibilità del rimborso della partecipazione mediante riduzione del capitale sociale.

63 63 Scioglimento e liquidazione delle società di capitali CAUSE (art. 2484) Cause di scioglimento (art. 2484) decorso del termine; conseguimento delloggetto sociale o impossibilità a conseguirlo; continuata inattività dellassemblea o impossibilità del suo funzionamento; riduzione del capitale sotto il minimo legale; impossibilità per la società di liquidare la partecipazione del socio recedente deliberazione dellassemblea; per le altre cause previste dallatto costitutivo. MOMENTO DI PRODUZIONE DEGLI EFFETTI (art. 2484) Individuato il momento temporale in cui la causa di scioglimento produce effetti: data di iscrizione nel R.I. della dichiarazione con cui gli amministratori accertano il verificarsi della causa (nelle ipotesi 1), 2), 3), 4) e 5); data di iscrizione nel R.I. della delibera assembleare (ipotesi di scioglimento deliberato dallassemblea).

64 64 Scioglimento e liquidazione delle società di capitali RESPONSABILITA DEGLI AMMINISTRATORI (art. 2485)art Gli amministratori sono personalmente e solidalmente responsabili per i danni subiti dalla società, dai soci, dai creditori sociali e dai terzi: in caso di mancato adempimento degli obblighi di accertare senza indugio una causa di scioglimento e di effettuare gli adempimenti pubblicitari; in caso di mancato adempimento dellobbligo di gestione sociale ai soli fini della conservazione dellintegrità e del valore del patrimonio sociale. POTERI DEGLI AMMINISTRATORI (art. 2486)art Gli amministratori mantengono il potere di gestire la società ma ai soli fini della conservazione dellintegrità e del valore del patrimonio sociale (fino alla consegna dei libri sociali ai liquidatori).

65 65 Scioglimento e liquidazione delle società di capitali REVOCA (art ter) Ammessa espressamente la revoca dello stato di liquidazione (su cui prima della riforma si discuteva, talora richiedendosi unanimità dei consensi): previa eliminazione della causa di scioglimento mediante deliberazione dellassemblea straordinaria; efficacia sospesa per 60 giorni: i creditori possono fare opposizione (dimostrando la sostanziale improbabilità di successo della rinnovazione dellimpresa sociale); in caso di opposizione: il tribunale può dichiararne lefficacia (infondato pericolo o idonea garanzia prestata della società); revoca efficace se: decorrono i 60 giorni senza opposizione; consta il consenso dei creditori della società o il pagamento dei creditori che non hanno dato il loro consenso.

66 66 Scioglimento e liquidazione delle società di capitali SOPRAVVENIENZE PASSIVE (art. 2495) Ferma restando l'estinzione della società, dopo la cancellazione i creditori sociali non soddisfatti possono far valere i loro crediti nei confronti dei soci, fino alla concorrenza delle somme da questi riscosse in base al bilancio finale di liquidazione, e nei confronti dei liquidatori, se il mancato pagamento è dipeso da colpa di questi. La presenza di soppravvenienze passive non mette in discussione l'avvenuta estinzione della società Responsabilità (limitata) dei soci e (eventualmente, in caso di colpa) dei liquidatori

67 67 Società cooperative DISTINZIONE TRA DUE TIPOLOGIE DI SOCIETA COOPERATIVE E ammessa la parziale coesistenza fra scopo lucrativo e scopo mutualistico. La nuova disciplina stabilisce: i criteri per la definizione della prevalenza; limiti nella distribuzione dei dividendi e divieto di distribuire le riserve; lobbligo di devoluzione, in caso di scioglimento e/o trasformazione della cooperativa, di parte del patrimonio sociale ai fondi mutualistici per la promozione e lo sviluppo della cooperazione; possono beneficiare delle agevolazioni fiscali (legge delega). Non rispettano il requisito della prevalenza; non possono beneficiare delle agevolazioni fiscali (legge delega). Società cooperative a mutualità prevalenteSocietà cooperative altre

68 68 Società cooperative DISCIPLINA APPLICABILE (ART. 2519) Disciplina della s.p.a. Se numero di soci cooperatori inferiore a 20 o un attivo dello stato patrimoniale non superiore a , possibile prevedere applicabilità della disciplina della s.r.l. Sono state eliminate le cooperative a responsabilità illimitata. RESPONSABILITA (art. 2518)

69 69 Società cooperative QUOTE/AZIONI (art. 2525) Il valore massimo della partecipazione che ciascun socio cooperatore può detenere nella società è pari a euro (salvo la legge non preveda diversamente). Latto costitutivo, nelle società cooperative con più di 500 soci, può elevare il predetto limite sino al 2% del capitale sociale. COSTITUZIONE (art. 2522) La costituzione è subordinata alla partecipazione di almeno 9 soci (3 soci quando i medesimi sono persone fisiche e la società adotta le forme organizzative della s.r.l.). Confermato il voto pro capite: ciascun socio cooperatore ha un voto, qualunque sia il valore della quota o il numero delle azioni possedute. Latto costitutivo determina i limiti al diritto di voto degli strumenti finanziari offerti in sottoscrizione ai soci cooperatori. DIRITTO DI VOTO (art. 2538)

70 70 TRASFORMAZIONE OMOGENEA ETEROGENEA (abbandono della causa societaria) Trasformazione di società di capitali in società di persone (art sexies); Trasformazione di società di persone in società di capitali (art ter). Trasformazione di società di capitali in consorzi, società consortili, società cooperative, comunioni di azienda, associazioni non riconosciute e fondazioni (art septies); Trasformazione di consorzi, società consortili, comunioni dazienda, associazioni riconosciute (ma vedi divieto 2500-octies, III ) e fondazioni in società di capitali (art octies). Opposizione dei creditori entro 60 gg. da iscr. R.I. (quando il regime giuridico sia meno garantista dellintegrità del patrimonio dellente) Operazioni straordinarie

71 71 Trasformazione progressiva TRASFORMAZIONE DI SOCIETA DI PERSONE IN SOCIETA DI CAPITALI (artt ter e quinquies) Salvo diversa disposizione del contratto sociale, è decisa con la maggioranza dei soci calcolata secondo la parte attribuita negli utili (salvo il recesso per chi non vi concorre). Il capitale deve essere determinato in base a valori attuali dellattivo e passivo della società che si trasforma, risultanti da una redazione redatta a norma del 2343 La trasformazione non libera i soci a responsabilità illimitata dalla responsabilità per le obbligazioni sociali anteriori alliscrizione della deliberazione di trasformazione nel registro delle imprese, se non risulta che i creditori sociali hanno dato il loro consenso alla trasformazione (presunto se non negato espressamente entro 60 gg. da comunicazione a mezzo racc. r.r. della delibera). Operazioni straordinarie

72 72 Trasformazione regressiva DISCIPLINA CODICE CIVILENOVITA / MODIFICHE INTERVENUTE TRASFORMAZIONE DI SOCIETA DI CAPITALI IN SOCIETA DI PERSONE (art sexies) Salvo diversa disposizione dello statuto, la deliberazione di trasformazione è adottata con le maggioranze previste per le modifiche dello statuto. E comunque richiesto il consenso dei soci che con la trasformazione assumono responsabilità illimitata. I soci che con la trasformazione assumono responsabilità illimitata, rispondono illimitatamente anche per le obbligazioni sociali sorte anteriormente alla trasformazione (cfr. 2269). La decisione di trasformazione non è espressamente disciplinata. Operazioni straordinarie

73 73 Fusione FATTISPECIE: Costituzione di una nuova società da due o più società preesistenti che si estinguono (f. propriamente detta) Una società (che sopravvive) incorpora una o più società preesistenti che si estinguono (f. per incorporazione) Trasferimento della totalità delle attività e passività della società «scissa», che si estingue, ad una o più società preesistenti o di nuova costituzione; Trasferimento di una parte del patrimonio della società «scissa», che sopravvive alloperazione, ad una o più società preesistenti o di nuova costituzione. Opposizione dei creditori (art richiamato dallart ter) Scissione DISCIPLINA: Opposizione dei creditori (art. 2503) (e casi di esclusione del necessario decorso del relativo termine) Consenso dei creditori alla liberazione per le obbl. anteriori (2504 bis, u.c.) (espresso o implicito? Nel secondo caso, appl. 2500/5, II) Operazioni straordinarie

74 74 I gruppi di società DIREZIONE E COORDINAMENTO DI SOCIETA (art e ss.) Presunzione di direzione e coordinamento (2359) Responsabilità della società che esercita direzione e coordinamento verso i soci e i creditori sociali delle società soggette a direzione e coordinamento; Presupposti positivi (pregiudizio allintegrità derivante da atti che violano i principi di corretta amministrazione) e negativi (incapienza della controllata, assenza di compensazione) della responsabilità Pubblicità dellesistenza di un rapporto di direzione e coordinamento (atti e corrispondenza; registro imprese; responsabilità omissiva degli amm.ri) – 2497 bis Motivazione delle decisioni influenzate dalla società che esercita direzione e coordinamento – 2497 ter Finanziamenti nellattività di direzione (appl. 2467)


Scaricare ppt "1 LA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO PROFILI ESSENZIALI DELLE INNOVAZIONI INTRODOTTE DAL D. LGS. N. 6/2003."

Presentazioni simili


Annunci Google