La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LEUROPA DURANTE LA GUERRA DEI TRENTANNI 1618-1648.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LEUROPA DURANTE LA GUERRA DEI TRENTANNI 1618-1648."— Transcript della presentazione:

1 LEUROPA DURANTE LA GUERRA DEI TRENTANNI

2 Una crisi nel cuore dellImpero Agli inizi del XVII secolo la crisi si manifesta nel cuore dellImpero dove le istituzioni politiche (Dieta, Collegio degli Elettori) non erano in grado di garantire lunità di stati e territori ancora profondamente divisi sul piano religioso. Lunica confessione riconosciuta dalla pace di Augusta (1555) è quella luterana, mentre calvinisti e dissidenti, particolarmente forti in Boemia e in Moravia, sono privi di diritti.

3 Organi politici dellImpero IMPERATORE DIETA IMPERIALE GRANDI ELETTORI: 7 (Colonia vesc., Treviri vesc., Magonza vesc; Boemia, Baviera, Palatinato, Sassonia, Brandeburgo) ARISTOCRAZIA: eccles.; 30 principi; 140 signori CITTA IMPERIALI: 85 borgomastri CAMERA DI GIUSTIZIA IMPERIALE (Francoforte) 1 presidente, 12 nobili, 12 giuristi CANCELLERIA IMPERIALE CONSIGLIO PER LA GIUSTIZIA CAMERA PER LE FINANZE Elegge Consiglia Legifera

4 Praga: capitale imperiale Il castello di Hradcany a Praga, sede del potere imperiale e luogo dinizio del conflitto

5 Le premesse del conflitto 1608 – Si costituisce a Nordlingen lUnione evangelica 1609 – Si costituisce a Monaco la Lega cattolica Conflitto fra cattolici e protestanti in Westfalia per leredità di casa Mark 1612 – muore limperatore Rodolfo II dAsburgo ( ); gli succede il fratello minore Mattia, re di Boemia, vecchio, malato e senza figli Rodolfo dAsburgo in un ritratto di Arcimboldo Mattia dAsburgo imperatore

6 Ferdinando di Stiria re di Boemia e dUngheria La Lega cattolica sostiene la candidatura al trono di Boemia di Ferdinando dAsburgo, Arciduca di Stiria 1617 – Ferdinando ottiene la corona di Boemia (maggioranza protestante) 1618 – Ferdinando ottiene la corona di Ungheria e la designazione a successore dellImperatore Mattia

7 La defenestrazione di Praga (1618) Defenestrazione di Praga e rivolta antiasburgica della Boemia: i due delegati imperiali inviati da Mattia sono gettati da una finestra del castello di Praga: è linizio della rivolta

8 I. La fase boemo-palatina ( ) sconfitta del fronte protestante Federico V del Palatinato è proclamato re di Boemia dallUnione Evangelica; la rivolta si estende nellImpero 1619 – muore lImperatore Mattia; gli succede Ferdinando II dAsburgo con il voto degli elettori protestanti 1620 – Battaglia di Wissenberg (Montagna Bianca): sconfitta boema ad opera del generale cattolico Tilly, conte di Brabante. Repressione durissima contro boemi e protestanti; spartizione del Palatinato, trasferimento della biblioteca di Heidelberg a Roma 1621 – scioglimento dellUnione evangelica

9 Federico V di Palatinato: da uomo simbolo a grande sconfitto Proclamato re di Boemia dallUnione Evangelica, contro Ferdinando II, Federico V di Palatinato diviene il simbolo della riscossa protestante. Alla morte di Mattia si parla di lui come possibile nuovo imperatore, ma la sconfitta militare porterà alla fine del suo regno.

10 Le forze in campo: FRONTE PROTESTANTE Federico V del Palatinato, re di Boemia Giacomo I dInghilterra Cristiano IV di Danimarca Repubblica delle Province Unite Repubblica di Venezia FRONTE CATTOLICO Ferdinando di Stiria, Imperatore Massimiliano di Baviera Filippo III di Spagna

11 II. La fase danese ( ) sconfitta danese e protestante 1622 – la Spagna occupa la Valtellina cacciandovi i protestanti (sacro macello) 1625 – Cristiano IV di Danimarca, protestante, attacca lImpero 1626 – Cristiano IV è sconfitto dal generale Tilly presso Lütten; occupazione della Danimarca Il generale boemo Albrecht von Wallenstein, comandante dellarmata imperiale, assedia il porto danese di Stralsunda sul Baltico (Pomerania) 1629 – Pace di Lubecca: la Danimarca esce dalla guerra Editto di restituzione (delle terre secolarizzate ai cattolici; i calvinisti perdono ogni diritto)

12 Impiccagioni Esecuzioni di massa durante la guerra in un quadro di Jacques Callot

13 I due grandi rivali: Cristiano IV di Danimarca e Albrecht von Wallenstein

14 Wallenstein: un signore della guerra padrone dEuropa Albrecht von Wallenstein, piccolo nobile boemo di famiglia protestante convertita, generale in capo dellarmata imperiale dal 1626 al 1634, percorre una carriera folgorante ottenendo per i suoi meriti militari il titolo di Duca di Friedland e di Maclemburgo. Vero e proprio padrone degli eserciti imperiali e uomo fra i più ricchi dEuropa, si fa edificare a Praga un lussuoso palazzo e non nasconde le proprie ambizioni monarchiche. Dopo una serie di strepitose vittorie sarà assassinato da sicari dellImperatore per porre fine al suo inquietante potere.

15 Le forze in campo: FRONTE ANTI- ASBURGICO Leghe Grigie Regno di Francia Ducato di Savoia Repubblica di Venezia Regno di Danimarca Province Unite Regno dInghilterra FRONTE IMPERIALE Impero e principi cattolici Regno di Spagna

16 III. La fase svedese ( ) Apertura del fronte italiano: seconda guerra del Monferrato (franco-spagnola) 1631 – Gustavo Adolfo di Svezia, alleato della Francia, in guerra contro lImpero Vittoria svedese a Breitenfeld (Lipsia) e avanzata in Renania 1632 – vittoria svedese a Lech; muore il gen. Tilly; il comando dellesercito imperiale è affidato al generale Wallenstein. Vittoria svedese a Lützen (Lipsia); morte Gustavo Adolfo Prosegue lavanzata svedese anche senza il re; guerra personale del Wallenstein 1634 – Wallenstein, troppo potente e compromesso, è fatto assassinare dallImperatore Sconfitta svedese a Nördlingen (Gallas) 1635 – Pace di Praga: I principi protestanti si sottomettono, ma viene sospeso leditto di restituzione.

17 Olivares contro Richelieu

18 IV. La fase francese ( ) sconfitta imperiale 1635 – la Francia dichiara guerra alla Spagna 1636 – lImpero attacca la Francia 1637 – Ferdinando III Imperatore Trattative di pace in due sedi: 1. Münster: francesi, spagnoli, tedeschi 2. Osnabrück: svedesi, tedeschi 1640 – crisi in Spagna: perdita del Portogallo e rivolta in Catalogna 1642 – sconfitta imperiale a Breitenfeld 1643 – vittoria dellarmata francese (guidata dal principe di Condé) contro gli spagnoli a Rocroi; offensiva francese a Dunquerque 1645 –vittorie francesi (Condé) di Friburgo, Nordlingen 1648 – vittoria francese (Condé) a Lens 1648 – Pace di Westfalia; sostanziale sconfitta del fronte imperiale

19 Il principe Luigi di Condé Luigi II di Borbone principe di Condé ( ), eroe della guerra dei Trentanni, è lartefice della vittoria francese di Rocroi (1643), contro gli spagnoli, e delle vittorie di Friburgo, Nordlingen (1645) e Lens (1648) contro gli imperiali, che pongono fine alla lunga guerra, segnando la preponderanza militare francese. In seguito sarà uno dei capi della fronda nobiliare contro Mazarino. Condannato a morte nel 1654 e costretto a rifugiarsi in Spagna, sarà più tardi riabilitato da Luigi XIV.

20 La guerra dei Trentanni nelle illustrazioni di Jacques Callot

21 Artiglieria

22 Accampamento

23 Villaggi evacuati

24 La paga dei soldati

25 Violenze

26 Giustizia sommaria

27 Saccheggi

28 Momenti della guerra Figure della guerra dei Trentanni

29 Gli anni delle rivolte ( ) resistenza antifiscale delle Cortes di Aragona, Catalogna e Portogallo 1640 – rivolta della Catalogna, sostenuta dalla Francia 1652 – riconquista spagnola di Barcellona 1647 – rivolta di Palermo rivolta di Napoli (Masaniello) 1648 – riconquista spagnola di Napoli

30 La pace di Westfalia (1648) La pace di Westfalia segna una svolta decisiva nella storia europea. Nei trattati internazionali siglati nel 1648 si affermano alcuni fondamentali presupposti destinati a svilupparsi nei secoli seguenti: 1. l'avvio di una politica internazionale fondata sul principio di equilibrio 2. il principio di non ingerenza degli Stati nelle questioni interne 3. l'accettazione di fatto del pluralismo confessionale scaturito dalla Riforma. L'unità dell'Impero, ancora vagheggiata nel 1618, tramonta per sempre e il tentativo di imporre il cattolicesimo alla Province unite, alla Boemia, alla Germania protestante fallisce. Si afferma la secolarizzazione politica e con essa la laicità dello Stato. Per questo i diplomatici impegnati nelle trattative di pace non ammettono gli inviati del papa, a sottolineare che l'unica via d'uscita alla tragedia della guerre di religione poteva essere cercato sul terreno della politica e non della teologia. Solo dopo Westfalia si aprirà una stagione culturale in cui i temi della separazione tra politica e religione, tra ragione e fede, saranno posti al centro della riflessione dei maggiori intellettuali europei (Spinoza, Locke, Bayle, ecc.).

31 LEuropa festeggia la pace di Westfalia

32 LImpero nel 1648

33 LEuropa dopo Westfalia


Scaricare ppt "LEUROPA DURANTE LA GUERRA DEI TRENTANNI 1618-1648."

Presentazioni simili


Annunci Google