La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Spazi urbani e funzioni economiche: il caso di Piazza Erbe a Verona.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Spazi urbani e funzioni economiche: il caso di Piazza Erbe a Verona."— Transcript della presentazione:

1 Spazi urbani e funzioni economiche: il caso di Piazza Erbe a Verona

2

3 Introduzione Città italiane: continuità con urbanistica di epoca romana Luoghi di mercato: ambienti tanto familiari che non si sente necessità di localizzarli o di riprodurli artisticamente Importanza dellideologia del potere sulle scelte urbanistiche, soprattutto su quelle di interesse pubblico Scelte politiche condizionate dagli interessi concreti, pubblici e privati

4 Nel foro necessariamente confluivano e si concentravano tutte le attività di pubblico interesse, anche quelle commerciali. Indebolimento poteri pubblici in età carolingia porta i sovrani a rinunciare alla gestione diretta dei diritti sulle attività commerciali e spesso alla cessione di questi a monasteri, cattedrali, capitoli, uniche figure capaci di organizzare il consenso delle forze locali. Le fiere si organizzano attorno a monasteri fuori dalla città In età comunale necessità di controllare direttamente lo spazio, le attività e i tributi commerciali Volontà di controllo sul mercato e sul vettovagliamento della città

5 Verona, Vicenza, Padova: la sede dellantico foro evidenzia soprattutto le caratteristiche di mercato di generi alimentari (piazza delle Erbe), collegato alla piazza contenente le sedi dei palazzi pubblici. Tendenza a regolamentare con precisione il mercato, a distinguere le aree a seconda dei generi. Tendenza a fissare aree specializzate (da un certo momento in poi, anche attenzione a condizioni igieniche e al decoro) Ma non è una regolamentazione programmata ma il frutto di normative occasionali e progressive, dettate soprattutto dagli interessi in gioco. Necessità di inventariare gli spazi di proprietà pubblica

6 A partire dal Quattrocento: necessità di dare decoro e prestigio a quelle piazze su cui si affacciavano edifici pubblici Provvedimenti di sgombero per beccherie, pescherie, venditori di frutta e verdura Problema delligiene e dellodore Ma sono servizi indispensabili a vita cittadina: definizione delle aree adiacenti al palazzo pubblico entro cui potevano essere contenute le rivendite di pesce, frutta e prodotti agricoli. Aristocratizzazione della società Artigiani e piccoli mercanti ne rimangono esclusi

7 Il mercato di Piazza Erbe età Scaligera: – Lato nord: cambiatori, Zavascarie – Corso S. Anastasia: orefici (bina aurificum) – Case Mazzanti: merciai-speziali-pignolatores – Lato nord-occidentale: mercanti di panni (poi portati alle Sgarzarie) – Lato sud: ortolani, venditori di carni porcine, venditori di olio – Sotto il capitello, lato Comune: Biade (poi portate nel cortile del palazzo comunale) – Costa: sogari – Domus Mercatorum: venditori di conocchie, pellettieri, solaroli, sartori – Lato sud-occidentale: venditori di filo, stoppa, cenere, beccherie (dal 1298 al ponte Nuovo) – Stadera: pesce (lapis piscium) – portato a fine secolo XIII al ponte Nuovo

8 Foto carta 1549

9 Foto stampa 1747

10 Le fonti documentarie Liber juris civilis urbis Veronae Bartolomeo Campagnola – 1728 Biblioteca Capitolare di Verona Si riferisce alla legislazione comunale dal 1178ca. fino al 1228 Difficile però fare una distinzione cronologica delle poste Accenni a formazione di un Liber Comunis già dal 1184 Originale del notaio Guglielmo Calvo

11 Redazioni successive degli statuti comunali 1276 – Statuti Albertini - Presenta trapasso da periodo comunale a quello signorile Conservato dagli Scaligeri 1327 – nuova compilazione da parte di Cangrande della Scala – Non modifica radicalmente le linee fondamentali del rapporto fra comune cittadino e signore 1393 – revisione Viscontea

12 Il Breve recti mercati Verone et portarum Carlo Cipolla Inchiesta sui dazi delle porte Dal 10 ottobre al 19 novembre 1173 A vantaggio dei mercanti Il comune non esigeva ancora dazi Diritto detenuto da Conti, Visconti e Avvocati

13 Statuti della Domus mercatorum Luniversitas mercatorum si era riservata il diritto di sorveglianza sulle arti dal 1209 La Domus in legno fu costruita nel 1210 Contiene tutti i vari statuti delle Arti Revisione nel 1260 (ma ci sono rimasti solo gli statuti di Sartori e Radaroli) Revisione scaligera nel 1319 Poi revisioni nel 1493 e 1711

14 Altre fonti Fonti notarili (ma archivio notarile veronese distrutto nel 1723) Archivi ecclesiastici Libri contabili Resti archeologici e architettonici Fonti iconografiche Fonti letterarie (Historie quattro- cinquecentesche) Stampe

15 Piazza delle Erbe come centro attrattivo delle maggiori attività pubbliche ed economiche della città Ritmo Pipiniano – fine VIII secolo foro lato, spatioso, sternato lapidibus, ubi in quatuor cantus magnus istat forniceps; plàteas mire sternate de sectis silicibus; Capitolium – in epoca romana funzioni religiose Fonti archeologiche – presenza di fondamenta di edifici romani intorno alla piazza

16 Testamento Dagiberto – 931 – Presenza degli edifici della Zecca e delle Carceri a nord della piazza. Resti animali – testimonianza del Macello Iconografia Rateriana – X secolo – Situazione abbastanza conforme a quella dei secoli successivi – Ben definiti lati orientali e occidentali della piazza – Sul lato orientale si può vedere edificio dove ci sono adesso le case Mazzanti Terremoto 1117 può aver spazzato via la maggior parte degli edifici della piazza

17

18 Tra XII e XIII secolo Palazzo del Comune – 1193 – podestà Guglielmo de Osa Sostituisce precedente domus fori, «in qua concio Verone fieri solet, cum ibi maxima multitudo populi veronensis adesset» Domus Mercatorum – 1210 – Redaello dalle Carceri Rifatta in muratura per volere di Alberto I – 1301 Domus Nova – Casa del podestà

19 Menzioni toponomastiche 1107 – trattato con Venezia – Woderlicus de Foro Giovanni Monticoli – «habitator prope markato Fore» Chiesa di S. Giovanni in Foro

20 1136 – prima attestazione comune consolare a S. Marco alle Carceri (lato occidentale della piazza) Dimore delle famiglie aristocratiche Lendinara (contrada ss. Simone e Giuda – S. Eufemia) Monticoli (casa di Jacopo Monticoli dove ora cè la Domus mercatorum) «in Foro ubi consuevit preconizari» - Capitello

21 In età scaligera 1301 – rifacimento Domus in muratura Piazza dei Signori Con Cansignorio (dal 1359): – Fontana di Madonna Verona – Loggia dei cambiatori – Torre delle ore – Sgarzarie

22 In capite mercati Fori: i cambiatori Tabulae e staciones di cambiatori già dal XII secolo e per tutto il XIII Famiglie di campsores abitano nella zona del Capitolium, identificata come hora campsorium Tabulae/staciones: strutture più o meno fisse nelle quali i commercianti e gli artigiani svolgevano quotidianamente il loro lavoro (e non di rado vi abitavano) poste, in base a concessioni, sui lati o al centro della piazza.

23 Campsores: ruolo di primo piano Ben inseriti nel contesto politico e sociale del Comune A svolgere questa attività sono alcune tra le famiglie più facoltose e più prestigiose della città A Verona non esiste Arte del Cambio Castagnetti: molti campsores erano esponenti di rilievo della communitas mercatorum, soprattutto ricoprivano spesso, a partire dal comune podestarile, il ruolo di consoli dei mercanti

24 Non solo commercio della moneta Attività di deposito Prestito ad interesse Investimenti e mutui Diventano quindi dei banchieri Attività fondamentale per una città in cui la politica era fortemente connessa agli interessi commerciali Palazzo Maffei – 1629 I Maffei sono una famiglia che a partire dal Trecento si arricchì proprio con attività di cambio

25 Il legame tra Comune e Communitas mercatorum e legemonia di questa nel processo produttivo «[In nomine domini Dei et.] salvatoris nostri Iesu Christi. Anno Domini millesimo. centesimo septimo, mense madii, indicione quintadecima. Rivo[alto…ca]ritatis dono conceditur quod alicuis finis vel refutationis termino concluditur […] …omnes Veronenses, tam de toto episcopatu Verone, quam etiam de eius comitatu, cum vestris heredibus et proherendibus imperpetuum debetis nobis…et heredibus ac proheredibus, absque omni conditione attendere et [o]bservare totum quod inferius inscribitur, scilicet: [...] De vobis, qui hec sacramenta fecerunt hii sunt, scilicet: Beltramus filius de Bello, Riprandus…Bonus Çeno et Crescentius frater eius. Woderlicus de Foro, Aldus filius Guidonis […] Açeri filius Gosberti, Godo, Iohannes de Segnoreto, Bono… [Bo]nifatius notarius, Bonus de Bonafide, Bertramus filius Brunichi, Benfato de Ato, […] Peregrinus de Crescentio, […] Peregrino de Sancto Thoma, Girardus de Ponto…G[u]arientus, Federicus de Teuçone et multi alii, in quorum manibus prenominatam donationem…»

26 1107 – trattato politico-commerciale Verona-Venezia Mancano tra i firmatari veronesi il Conte o il Vescovo Tra i firmatari ci sono dei negociatores Presenza di membri della famiglia Crescenzi Negozianti già prima della formazione del comune hanno autonomia sia politica che economica allinterno della città.

27 Crescenzi e Monticoli per le loro ricchezze avevano potuto ottenere concessioni feudali di importanti giurisdizioni, costituendosi come forze politiche alla pari dei milites, ovvero di quellaristocrazia che attraverso i suoi vasti possedimenti terrieri era ancora padrona del territorio e delle vicende politico-economiche della città. Simeoni nota come «il primo Comune uscì appunto dallunione dei milites cittadini con i negocientes».

28 Negociatores Ascesa al potere dovuta soprattutto al fatto che essi godettero fin da subito di completa autonomia Le altre corporazioni erano legate a vincoli comitali Gerarchie strutturate su modello comunale Per mettersi sullo stesso piano? Universitas mercatorum si contrappone come libera organizzazione cittadina, al «Commune civitatis Veronae» «sovrana nella esplicazione della propria attività e nella persecuzione delle proprie finalità: sovranità magistralmente coordinata a quella dello Stato–Città, ma nei suoi compiti, nelle sue attribuzioni, nei suoi poteri, assolutamente indipendente»

29 Le due istituzioni operano coordinatamente Progressiva liberazione del potere cittadino dai vincoli feudali Artigiani da controllo comitale passano a controllo della Domus I membri delle famiglie più importanti della città si avvicendano le cariche pubbliche tra Comune e Domus

30 Domus «sorta per necessità di difesa degli interessi della classe commerciale e per la conquista del Comune che solo potea tutelare gli interessi dei negozianti nel distretto Veronese e allestero», cit. Simeoni 1209 – Domus ottiene diritto di sorvegliare sulle Arti

31 Arti corporazioni iscritte alla Domus Processo produttivo antieconomico – Le varie fasi della produzione costituivano un procedimento artigiano a sé stante – Forza unificatrice e coordinatrice nella figura del mercante Mercante come imprenditore Vantaggi: maggiore controllo sulla produzione e possibilità di raffinare il lavoro finito Alla base del prestigio delle merci veronesi – soprattutto nel settore settile

32 Domus mercatorum 1210 – Redaello dalle Carceri – edificio ad uso dellArte della Lana 1301 – edificazione in muratura – Alberto I alluso della corporazione dei mercanti affinché potesse svolgere la sua funzione di vigilanza sulle Arti. punto nevralgico e logistico di regolamentazione del lavoro e della produzione interna, ma anche di controllo doganale sulle merci

33 Sacramentum gastaldionis «Iuro ego ad sancta dei evangelia bona fide sine fraude sequi potestatem et consules mercatorum et manutenere statum et honorem Domus mercatorem et observare et observari facere toto meo posse statuta mei misterii confirmata e confirmanda. Nec observabo vel observari permittam meo posse aliquod ordinamentum vel postam scriptam vel non scriptam sub aliquo ingenio et fraude que non sint per Domum mercatorum Verone primitus confirmata […]»

34 È una dipendenza, ma non una sudditanza, chè logicamente al dovere di dipendenza corrispose il diritto di partecipazione al potere Sicchè le arti erano bensì soggette alla Domus, ma questa non era che una loro libera emanazione. Cit. Simeoni

35 Periodo ezzeliniano ( ) completa ascesa delle Arti nei giochi di potere della città e il loro completo svincolo da tutti i rapporti feudali precedenti La gastaldia era divenuta pertanto un pubblico ufficio esercitato per conto dello stato, dove questultimo si era sostituito allautorità sovrana di polizia corporativa e la giurisdizione sullArte ed esercitavano la loro funzione sotto un compenso pattuito

36 Comune del popolo Gastaldi al potere – Bandiera comunale assume colori della bandiera delle Arti eleggevano il podestà e i giudici del Comune, formavano un consiglio libero di radunarsi quando voleva per discutere del bene della città, e il podestà era obbligato a portare davanti al Consiglio maggiore le loro proposte, anche se contrarie agli statuti Facevano parte del Consiglio comunale e di quello degli Anziani

37 Scaligeri 1259 – ai vertici del potere con Mastino I Podestà del popolo Nel 1262 è podesta della Domus e capitano di popolo 1270 – la carica passa a Alberto, che la rende perpetua

38 Scaligeri Assassinio di Mastino nel 1277 – Alberto riconosciuto giuridicamente come signore della città Controlla contemporaneamente Podesteria comune Podesteria Domus Capitanato

39 Scaligeri Domus perde peso politico Mantiene ruolo tecnico Svolta indolore: – gli Scaligeri sanno assicurare pace politica – interessi dei mercanti sono soddisfatti – politica espansionistica e prestigio della signoria come opportunità di nuovi sbocchi commerciali

40 Scaligeri Preoccupazione per controllo economico della città Cangrande I Revisione statuti 1327 Impianto statutario che rimane valido fino a 1797

41 I funzionari della Domus Attorno al podestà (o al Vicario) varie figure di funzionari Quattro consoli Un massaro Sei notai Dodici viatori Dodici banditori Uno staeratore Un bollatore Un maestro di conto per i figli dei mercanti

42 Cariche di 6 mesi + 6 mesi vacanti Eletti dal Consiglio dei Mercanti Requisiti – Avere almeno 25 anni – Svolgere lattività di mercator o hosterius usevolus – Essere amico del podestà – Essere noto come «bonus et legalis homo»

43 La Casa dei Mercanti quindi sorvegliava tutta la vita commerciale, per garantire lonesta della vendita, – esigendo lesattezza delle misure, – vigilando sulla bontà della produzione – per mantenere il buon nome della merce della città.

44 Tutte le misure adoperate dai mercanti dovevano essere bollate dallo staerator ogni sei mesi Presso la Domus esistevano tutti i campioni di queste misure e, in alcuni casi, bisognava servirsi solo degli strumenti di misura da essa forniti. obbligo di non vendere nulla da 50 libbre in su senza servirsi delle due statere della Domus che erano collocate in una casa di fianco alla Domus, sempre in Piazza delle Erbe. Magistri a stateria – pesano la merce e la segnano su dei registri – notizie su traffico commerciale della città

45 Altre funzioni la Domus doveva fare attenzione che le Arti mantenessero le regole loro fissate per lelezione dei loro ufficiali e doveva fare in modo che esse rispettassero il giuramento fatto e fossero obbedienti era responsabile della difesa degli interessi cittadini con lesterno, cercando nuovi sbocchi di mercato e facendo attenzione che il commercio cittadino non fosse sfruttato dai forestieri

46 Domus Merçariorum: merciai e speziali Case Mazzanti – continuità con edificio romano – ricostruzione tra 1277 e 1301 (Alberto I) Di proprietà degli Scaligeri da inizio XIV secolo Domus Bladorum – XIII secolo – deposito di grano Nel loggiato – botteghe Fronte piazza – merciai e speziali Fronte via Mazzanti – Pignolatores Torre sul lato nord orientale (corso S. Anastasia) Volto Barbaro – più ampio di quello attuale – botteghe Doppio loggiato costruito grazie a Zaccaria Barbaro

47 Famiglia Mazzanti Originaria di Ferrara Famiglia di speziali Prima dimora: contrada S. Sebastiano Fortuna tra XV e XVI secolo con Ludovico di Guglielmo Mazzanti

48 Merciai e speziali Speziali – Arte propria solo dal 1549 Numero troppo esiguo – facevano parte dellArte dei Merzari, che meglio proteggeva i loro interessi Ma già documentati negli anni 1221 e 1234 Accenni negli statuti delle Arti del 1319

49 Merciai Michele Lecce - «larte veronese dei merzari era fra le maggiori, ossia fra le nobili, perché i suoi inscritti non esercitavano arte manuale, e ricorrevano, per la lavorazione delle materie prime, a mano dopera altrui. Non solo; essa risulta spesso anche la più numerosa fra le arti ed anche la più ricca»

50 Venditori di: – di borse, guanti, spade, corde di seta e di lino, materiale per la scrittura, per la pittura, per il cucito e di altre cose essenziali alla vita quotidiana Statuto dei merzari : Per guadiarsi bisogna pagare intraticia – 20 soldi – cifra molto alta – riprova che erano arti maggiori Attività ereditaria – no intraticia per figli legittimi Gastaldo esercita giurisdizione su iscritti allArte ma anche su forestieri Corporazione viveva con entrate da: immatricolazioni, tasse, multe per violazioni Gastaldi presenti fisicamente sul luogo di lavoro Devono: tutelare e amministrare gli interessi dei confratelli, controllare la qualità della merce, riscuotere crediti non pagati o multe per qualche violazione

51 Capitolo XVIII dello Statuto De pena eius qui non solverit confratri suo facienti sibi stacionem Confrater qui non solverit suo confratri facienti sibi stacionem ea die cum facta fuerit duplum persolvat – il confratello che non avesse voluto pagare lo spazio assegnatogli per lesposizione della sua merce sarebbe stato punito con unammenda Ipotesi: conflitto, tra alcuni magister e il gastaldo, sulla tassa per la costruzione di una stacione, potrebbe comportare lesistenza di una variazione - e quindi una gerarchia - dei prezzi in relazione allo spazio e alla posizione più o meno avvantaggiata sul mercato del punto predisposto alla vendita?

52 Riflessioni Chi concede lo spazio pubblico per vendere la propria merce? La Domus mercatorum o il Comune? Es. Bologna: il Comune deve difendere diritti sui terreni di mercato dai privati, problemi di viabilità Spazi di mercato e consuetudines Esistono connessioni tra postazioni di vendita e direzioni di accesso alla piazza per le merci e i commercianti forestieri? Si vedano documenti sui dazi e ripatici

53 Dazi Ripatici e Tolonei concessioni fatte dallimperatore di una parte del proprio diritto fiscale, congiunte talora con unautorità politica, con diritti e doveri di governo, di cui formavano appunto il compenso e lutile Decaduta lautorità imperiale e i suoi rappresenti e sorte a sostituirla le organizzazioni comunali, questi diritti vennero quasi sempre rispettati, considerati come patrimonio privato e ceduti, affittati, venduti, divisi in porzioni. Accettati per consuetudine

54 Riflessioni conclusive Legame profondo tra sviluppo urbanistico e scelte funzionali allarricchimento economico e allaffermazione politica della città Piazza Erbe come punto di incontro di molteplici esigenze civili Come è avvenuto tutto ciò? Come si è regolamentata la divisione degli spazi nella piazza? Dovè e qual è il limite tra interesse pubblico e interesse privato?

55 bibliografia R. Greci, Luoghi di fiera e di mercato nelle città medievali dellItalia padana, in «Studi in onore di Gino Barbieri», vol. II, 1983 G. Sandri, Gli statuti veronesi del 1276 colle correzioni e le aggiunte fino al 1323, in «Monumenti Storici», L. Simeoni, Lantico mercato veronese e i suoi supposti capitelli, 1899 G. Varanini, Larea del Capitolium di Verona nel medioevo e in età moderna, contributo alla topografia urbana, in «Larea del Capitolium di Verona» a cura di G. Cavalieri Manasse, 2008 P. Brugnoli, Il recupero degli affreschi delle case Mazzanti in Piazza delle Erbe a Verona, 1985 G. Faccioli, Il Comune di Verona, 1985 A. Castagnetti, Mercanti, società e politica nella marca veronese-trevigiana (secoli XI-XIV), 1990 G. Albertani, Traffico di denaro nelle grandi città: il prestito cristiano a Bologna tra Due e Trecento, 2008 G. Moschetti, Il cartularium veronese del magister Ventura del secolo XIII, 1990 M. Lecce, Una bottega di mercerie a Verona agli inizi del Seicento, in «Nova Historia» XIII (1961), fasc. III (settembre dicembre), (2) L. Simeoni, Gli antichi statuti delle arti veronesi secondo la revisione scaligera del 1319, 1914 L. Simeoni, Dazi e Tolonei medievali di diritto privato a Verona, in «Studi Storici Veronesi» VIII-IX ( ) U. Tergolina Gislanzoni Brasco, La magnifica arte degli speziali di Verona, a cura dellordine e sindacato dei farmacisti di Verona e Provincia, 1933 C. Cipolla, Scritti di Carlo Cipolla, II, 1978,p ; in «Nuovo Archivio Veneto», tomo XV, P. II (1898) V. Cavallari, Guadiare se sub gastaldione, in «Studi Storici Veronesi», I, 1949 L. Simeoni, Il Comune Veronese sino ad Ezzelino e il suo primo statuto, 1920 B. Vassalini-E. Rebonato, La casa dei mercanti di Verona: suoi ordini e sue vicende, 1979 G. Barbieri, Economia, finanza e tenore di vita nella Verona scaligera, in «Gli Scaligeri» a cura di G. Varanini, 1988


Scaricare ppt "Spazi urbani e funzioni economiche: il caso di Piazza Erbe a Verona."

Presentazioni simili


Annunci Google