La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IL COLESTEROLO Il colesterolo è una molecola rigida con molte importanti funzioni. Serve.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IL COLESTEROLO Il colesterolo è una molecola rigida con molte importanti funzioni. Serve."— Transcript della presentazione:

1 IL COLESTEROLO Il colesterolo è una molecola rigida con molte importanti funzioni. Serve tra laltro a conferire rigidità alle membrane cellulari di tutto il regno animale. Le membrane sono costituite da un doppio strato di molecole chiamate fosfolipidi, cioè grassi (insolubili) legati ad un gruppo fosforico (solubile), che si dispongono a palizzata per formare la membrana. Questo doppio strato è estremamente fluido, ed il colesterolo serve a conferire rigidità e a permettere la formazione di strutture più resistenti. Senza colesterolo non esisteremmo. Il corpo non potrebbe, per esempio, replicare le cellule perché non avrebbe la sostanza base. Senza abbastanza colesterolo il nostro organismo non potrebbe rimpiazzare le cellule morte della pelle, non sarebbe in grado di rinnovare i tessuti, le unghie, i capelli, non sarebbe in grado di riparare i muscoli e non potrebbe rinnovare lintera superficie intestinale ogni 4 giorni, per esempio.

2 Il Colesterolo presente nel sangue è prodotto per l80% dal fegato, mentre il restante 20% lo si ricava dagli alimenti. Il Colesterolo (che non è un grasso ma un alcole, come la cera) non è solubile, ed ha quindi bisogno di speciali proteine che consentano di trasportarlo nel torrente ematico e consegnarlo ai tessuti che ne hanno bisogno. Queste proteine da transito si chiamano HDL, LDL, IDL, VLDL ed insieme al Colesterolo trasportano anche i Trigliceridi (i grassi che dovrebbero servire per lenergia). HDL (high-density-lipoprotein) lipoproteine ad alta densità. LDL (low-density-lipoprotein) lipoproteine a bassa densità. IDL (intermediate-density-lipoprotein) lipoproteine a densità intermedia. VLDL (very-low-density-lipoprotein) lipoproteine a bassisima densità.

3 Colesterolo buono e cattivo Perché si parla di colesterolo LDL cattivo e colesterolo HDL buono? LDL e HDL in realtà sono le proteine di trasporto cui è legato il colesterolo. Il ruolo delle HDL e delle LDL I trigliceridi e il colesterolo (rispettivamente, il carburante e la struttura) viaggiano insieme. Il viaggio parte dal fegato sulle VLDL. Mano a mano che le VLDL scaricano trigliceridi si alleggeriscono e diventano IDL. Successivamente le IDL, finito di scaricare trigliceridi alle varie cellule incaricate di immagazzinarli o di utilizzarli per produrre energia si trasformano in LDL ed iniziano a consegnare il colesterolo. Le HDL invece si occupano di ripulire i vasi dal colesterolo in eccesso e lo riportano al fegato per essere riciclato o per eliminarlo attraverso la bile. Le HDL sono a loro volta suddivise in 5 sotto classi, il cui ruolo esatto non è ancora chiaro, quello che si sa con certezza è che le HDL2 e le 3 assumono un ruolo importante e che la loro produzione è rispettivamente stimolata dallesercizio e dal vino rosso.

4 Response of blood lipids to exercise training alone or combined with dietary intervention ARTHUR S. LEON, and OTTO A. SANCHEZ Med. Sci. Sports Exerc., Vol. 33, No. 6, Suppl., pp. S502–S515, 2001 Aggiornamenti sul ruolo dei lipidi del sangue nellaterosclerosi, le cause di malattia coronarica (CHD) e patologie cardiache correlate. Quesiti specifici affrontati in questa relazione: 1) ci sono dimostrazioni scientifiche a conferma dellipotesi che lallenamento di endurance abbia effetti favorevoli sul profilo lipidico del sangue in relazione al rischio futuro di CHD? 2) la risposta dei lipidi allallenamento di endurance dipende da sesso, età, razza/etnicità, livelli lipidici basali, peso corporeo iniziale e suoi cambiamenti con lallenamento? 3) come si correlano le risposte dei lipidi allesercizio con lintensità, la durata, la spesa energetica settimanale, la lunghezza del programma di allenamento e gli aumenti di VO 2max ottenuti?

5 Il cambiamento che si osserva più di frequente è un aumento dellHDL-C, un fattore di protezione contro le CHD. È stato stimato che per ogni mmol·L -1 (1 mg·dL -1 ) di aumento del HDL-C, il rischio di CVD si riduce del 2% nei maschi e almeno del 3% nelle femmine. Lallenamento può abbassare anche il livello di TC, LDL-C e TG. In genere, una riduzione dell1% delle LDL-C riduce il rischio di CVD del 2-3%. Lallenamento ha anche leffetto di limitare la riduzione delle HDL-C che accompagna la riduzione dellassunzione alimentare di grassi e colesterolo, raccomandata per diminuire le LDL-C. Non pare che il sesso cambi le cose rispetto alla risposta allallenamento delle HDL-C, perché maschi e femmine adulti rispondono alla stessa maniera. Nemmeno letà ha influenza sulla risposta dei lipidi allesercizio perché maschi e femmine anziane hanno la stessa probabilità, o addirittura un po di più, dei giovani di aumentare le HDL-C dopo un allenamento. Gli studi che hanno analizzato i rapporti tra intensità dellesercizio e risposta lipidica non sono molti: per la maggior parte si tratta di prescrizioni di attività moderate/intense per almeno 30 min tre volte la settimana. Ci sono poche dimostrazioni della possibilità che un esercizio di lieve intensità abbia gli stessi effetti.

6 EFFECTS OF THE AMOUNT AND INTENSITY OF EXERCISE ON PLASMA LIPOPROTEINS William E. K Raus, M.D., J Oseph A. H Oumard, P H.D., Brian D. Duscha, M.S., Kenneth J. Knetzger, M.S., Michelle B. Wharton, M.A., Jennifer S. Mc Cartney, M.A., Connie W. Bales, P H.D., R.D., Sarah Henes, R.D., Gregory P. Samsa, P H.D., James D. Otvos, P H.D., Krishnaji R. Kulkarni, P H.D., And Cris A. Slentz, P H.D. N Engl J Med, Vol. 347, No. 19 November 7, 2002 Un aumento dellattività fisica riduce il rischio di malattie cardiovascolari, forse perché porta ad un miglioramento del profilo lipoproteico. Non si sa però quale sia la quantità di esercizio necessaria per ottenere questo effetto. Abbiamo studiato gli effetti della quantità ed intensità dellesercizio sulle lipoproteine in uno studio prospettico randomizzato. Abbiamo suddiviso un gruppo di 111 uomini e donne sedentari e sovrappeso con dislipidemia da moderata a media in un gruppo di controllo e 3 gruppi che hanno fatto esercizio per sei mesi con: quantità elevata intensità alta, lequivalente calorico di una corsa di 20 mi (32 km) alla settimana dal 65 all80 per cento del rispettivo consumo dossigeno di picco; bassa quantità alta intensità, equivalente ad una corsa di 12 mi (19,2 km) alla settimana dal 65 all80 per cento; bassa quantità bassa intensità, equivalente a camminare 12 mi alla settimana dal 40 al 55% del consumo di picco.

7 Lintensità e la quantità di esercizio necessari per ridurre i fattori di rischio non sono noti. I risultati mostrano un chiaro effetto della quantità di esercizio sulle lipoproteine e sulle loro subfrazioni; una quantità relativamente alta di esercizio regolare, anche se non porta riduzioni di peso, può migliorare significativamente il quadro lipoproteico. I nostri dati contrastano con le conclusioni generalmente ammesse, basate su risultati del profilo lipoproteico standard con quantità moderate di esercizio (analoghe a quelle del nostro gruppo a bassa quantità), secondo cui lesercizio ha scarsi effetti sui lipidi e le lipoproteine. Laltro risultato importante è che la quantità di esercizio influenza le lipoproteine plasmatiche di più dellintensità dellesercizio. I nostri risultati, insieme a quelli di altri, mostrano che gli effetti dellintensità sui lipidi sono modesti rispetto a quelli della quantità di esercizio. Benché lesercizio allintensità più bassa abbia prodotto minori miglioramenti, ha comunque evitato laumento di peso e le sue conseguenze sul profilo lipoproteico generale, che si sono visti nel gruppo di controllo.

8 Entrambi i gruppi ad alta intensità hanno avuto miglioramenti simili della fitness (in base al massimo consumo dossigeno), ma solo il gruppo ad elevata quantità ha ottenuto importanti miglioramenti del profilo lipoproteico. Analogamente, la stessa bassa quantità di esercizio settimanale ha avuto effetti molto diversi sulla fitness nel gruppo ad alta e a bassa intensità, ma gli effetti sul profilo lipoproteico sono stati simili. Sembra pertanto che sia la quantità di attività, e non necessariamente il cambiamento di fitness che è importante per il miglioramento del profilo lipoproteico nei programmi di esercizio.

9 Effects of exercise on glucose homeostasis in Type 2 diabetes mellitus DAVID E. KELLEY, and BRET H. GOODPASTER Med. Sci. Sports Exerc., Vol. 33, No. 6, Suppl., pp. S495–S501. La fisiopatologia del diabete di tipo 2 si caratterizza per ridotta secrezione di insulina e alterata azione dellinsulina nella regolazione del metabolismo glucidico e lipidico a livello del fegato, del muscolo scheletrico e del tessuto adiposo. I diabetici di tipo 2 hanno spesso ipertensione, alterazioni del metabolismo delle lipoproteine e altre manifestazioni legate alla sindrome di insulino resistenza. Lo scopo di questa relazione è di analizzare i risultati di trials clinici randomizzati e di altri lavori controllati per stabilire in maniera critica il valore terapeutico dellesercizio nel controllo del diabete di tipo 2. È chiaro che lesercizio migliora (diminuisce) linsulino resistenza dei tessuti periferici e in particolar modo attenua linsufficienza del metabolismo glucidico stimolato dallinsulina nel muscolo scheletrico. Si è visto che lesercizio migliora liperglicemia postprandiale, mentre i suoi effetti a digiuno sono minori. Inoltre, lesercizio abbassa in maniera acuta la produzione di glucosio nel fegato nel diabete di tipo 2.

10 I risultati di studi prospettici indicano chiaramente che un aumento dellattività fisica previene o per lo meno ritarda lo sviluppo del diabete di tipo 2 negli adulti. I miglioramenti sul controllo glicemico nei diabetici provocati dallesercizio da solo non sono grandissimi, ma la riduzione dei rischi di malattia cardiovascolare è molto evidente.


Scaricare ppt "IL COLESTEROLO Il colesterolo è una molecola rigida con molte importanti funzioni. Serve."

Presentazioni simili


Annunci Google