La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Le fasi principali dello sviluppo urbano europeo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Le fasi principali dello sviluppo urbano europeo."— Transcript della presentazione:

1 Le fasi principali dello sviluppo urbano europeo

2 Lurbanizzazione europea non presenta i caratteri di un processo lento e graduale. Al contrario lunghi periodi di rapido sviluppo si alternano a periodi di stagnazione e declino. Questi ritmi sono ampiamente riconoscibili ma non sono uguali dappertutto

3 Bairoch e Tilly: Nel 1550 la popolazione urbana (Russia esclusa) avrebbe raggiunto la percentuale del 16% Nel 1700 = 13% Ripresa della crescita nel secolo successivo

4 Crescita demografica: Dal 1000 circa al 1350 Dal 1450 al 1630 Dopo il 1750 Stagnazione o crisi: Il processo di urbanizzazione rispecchia i grandi ritmi demografici

5 Nel 1000 quasi tutte le città dellEuropa occidentale e centrale erano minuscole con leccezione delle capitali dellimpero bizantino e del califfato omayyade in Spagna. Praticamente tutte le città di una certa dimensione si affacciavano sul Mediterraneo. Solo lItalia possedeva una rete urbana che comprendeva diverse grandi città.

6 Nel 1400 il quadro è decisamente cambiato. Costantinopoli e Cordova sono ormai declinate. Le principali città italiane si sono ingrandite e Genova e Milano hanno oramai raggiunto i vertici di una articolata gerarchia urbana. Cresce limportanza dei Paesi Bassi e della loro produzione tessile e, di conseguenza, aumentano le dimensioni di Bruges e Gand. Il rafforzamento del regno di Francia catapulta Parigi al primo posto tra le città dellEuropa nord occidentale

7 Nel 1700 diversi altri centri, per lo più capitali politiche, sono ormai entrati nellelenco delle principali città europee. Il crescente potere dellimpero ottomano, i successi coloniali del Portogallo, i trionfi commerciali dei mercanti olandesi e inglesi si riflettevano nel rapido sviluppo di Costantinopoli, Mosca, Lisbona, Londra e Amsterdam. Le città europee a più rapido sviluppo sono ora spostate verso nord e ovest.

8 Questa tendenza si accentua nel periodo successivo, quando città industriali come Bristol, Glasgow e Birmingham – minuscole nel 1700 – diventano tra le più popolose dEuropa

9 Le città più grandi dEuropa (in migliaia di abitanti) CittàPop.CittàPop.CittàPop.CittàPop. Costantinopoli450Parigi275Costantinopoli700Londra6.480 Cordova450Milano125Londra550Parigi3.330 Siviglia90Bruges125Parigi530Berlino2.424 Palermo75Venezia110Napoli207Vienna1.662 Kiev45Granada100Lisbona188Pietroburgo1.439 Venezia45Genova100Amsterdam172Manchester1.255 Regensburg40Praga95Roma149Birmingham1.248 Tessalonica40Caffa85Venezia144Mosca1.120 Amalfi35Siviglia70Mosca130Glasgow1.072 Roma35Gand70Milano124Liverpool940

10 Le grandi città dellEuropa occidentale Abitanti Più di Londra Parigi Londra ( ) Parigi Napoli Da A Napoli Parigi Napoli Amsterdam Vienna Amsterdam Da A Parigi Milano Bruges Venezia Parigi Napoli Venezia Milano Londra Venezia Lisbona Milano Amsterdam Roma Palermo Messina Siviglia Anversa Roma Venezia Milano Madrid Lisbona Vienna Siviglia Palermo Madrid Lisbona Dublino Berlino Roma Barcellona Venezia Milano Palermo Lione Marsiglia

11 Lo sviluppo della rete urbana europea dal 1500 al 1800 (popolazione in migliaia di abitanti) Categoria dimensionale Numero di città Oltre Totale

12 La città europea tra XVI e XVII secolo Le piante urbane successive al 1400 iniziano a testimoniare una manipolazione cosciente dello spazio urbano. Il processo di centralizzazione politica che ebbe inizio con letà moderna trova rispondenza nella strutturazione e focalizzazione della città attorno ai suoi elementi dominanti.

13 Il sogno di una città ideale, pensato nel corso del Cinquecento, induce architetti, artisti ed ingegneri a sviluppare nuovi schemi urbani. I nuovi progetti esaltano larmonia e lordine. Gli occhi di chi guardava dovevano essere guidati da strade diritte e ampie verso piazze monumentali e quindi verso le sedi del potere. Viene elaborata una nuova estetica, al servizio del potere assoluto

14 La rinnovata struttura urbanistica tende però ad evidenziare quelle disuguaglianze che la città medievale aveva, in parte nascoste. La forma urbana barocca ostenta la superiorità e le priorità del potere.

15 Lione 1545: oltre metà della ricchezza appartiene al 10% della popolazione; il 60% meno abbiente detiene 1/5 della ricchezza totale. Tipologia della ricchezza: beni immobili (case, terreni…) ma le forme capitalistiche (i beni mobili) vanno acquistando maggiore rilevanza

16 La città diviene un palcoscenico. Mumford: il viale diventa il simbolo più importante e la realtà principale della città barocca (p. es. piazza del Popolo a Roma, Champs Elisées a Parigi).

17

18 Roma, piazza del popolo

19

20

21 Lidea della città come palcoscenico venne accettata: in tutta Europa palazzi urbani, edifici pubblici e chiese di vaste dimensioni furono posti al centro di composizioni monumentali di piazze e strade

22 Questo testimonia linterconnessione esistente allinterno del mondo urbano allinizio dellera moderna. Artisti e architetti venivano importati da capitali straniere, i viaggiatori si recavano in pellegrinaggio a visitare costruzioni antiche e moderne, libri e stampe diffondevano anche tra chi non era in grado di muoversi le immagini di queste meraviglie

23 Gli abitanti delle città facevano parte di una grande rete di collegamenti culturali, politici ed economici che si estendevano dallAtlantico agli urali e dal Portogallo a territori ottomani

24

25 Leichester square

26 Le città esistenti – collegate al potere ed alla sua manifestazione – vengono sistemate secondo i nuovi criteri, mentre le – poche – città di nuova fondazione vengono realizzate secondo i nuovi criteri architettonici ed artistici (Palmanova ; Philippeville ).

27

28

29 Versailles: inizia ad essere realizzata nel ma la sua costruzione dura a lungo, sotto la diretta supervisione del monarca. Il parco, la città, le vie… vengono collegate insieme da ununica composizione simmetrica che culmina nel grandioso palazzo del re sole. Tutti gli espedienti della prospettiva e della scala vengono impiegati per magnificare un solo uomo.

30

31

32 Pietroburgo: nasce da un atto di volontà imperiale con chiaro scopo politico (svecchiamento della Russia). In questo caso la città servì non solo come ricettacolo della nobiltà locale, ma anche come città portuale e commerciale. Il suo sviluppo fu perciò meno armonioso di quello di Versailles ma il paesaggio urbano venne comunque ad essere dominato dalla residenza reale.

33

34

35

36 La città barocca era in effetti un palcoscenico. La massima attenzione era dedicata agli interventi decorativi e visibili: fontane, piazze, porticati, infrastrutture periferiche come ponti e argini. Le opere idrauliche venivano realizzate per alimentare i giardini e le fontane reali piuttosto che per servire alle fontanelle dei lotti popolari; i larghi viali portarono il traffico verso i margini del centro, ma non si intervenne per gestirne lo smaltimento nel cuore della città.

37 Anche le città minori tentato, quando possibile, di ampliarsi e di innovarsi. Lottica barocca lasciava le proprie impronte anche sui progetti su più piccola scala della borghesia.

38 Dal punto di vista spaziale le nuove città evidenziavano le differenziazioni interne. Le industrie erano relegate nei distretti periferici; le aree residenziali acquistano caratteristiche nette e si differenziano enormemente per quanto riguarda la tipologia economica dei loro abitanti (p. es. a Londra e a Parigi si nota ancora oggi una netta distinzione tra una zona occidentale elegante e una zona orientale di tipo popolare)

39


Scaricare ppt "Le fasi principali dello sviluppo urbano europeo."

Presentazioni simili


Annunci Google