La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LItalia spagnola (1559-1700) Un sistema di potere apparentemente bloccato.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LItalia spagnola (1559-1700) Un sistema di potere apparentemente bloccato."— Transcript della presentazione:

1 LItalia spagnola ( ) Un sistema di potere apparentemente bloccato

2 La Spagna come fattore di stabilità La Spagna, nel Cinque e Seicento, ha rappresentato nella penisola un fattore importante di consolidamento e di stabilità dei nuovi equilibri politici e sociali. Non solo per lestensione dei suoi domini italiani, quanto per la rete di interessi economici e politici che ad essa facevano capo (Marcello Verga)

3 Filippo II dAsburgo ( ) Figlio di Carlo V, Re di Spagna dal 1556 al 1598 Fa della Spagna una grande potenza marittima, ma non riesce a battere lInghilterra di Elisabetta I

4 I possedimenti spagnoli nel mondo

5 I possedimenti spagnoli in Europa fra Cinque e Seicento

6 LItalia dopo Cateau-Cambrèsis (1559) Dipendono direttamente dalla Spagna: il Ducato di Milano, lo Stato dei Presidi e il Regno di Napoli (con Sicilia e Sardegna) Sono alleati della Spagna: la Repubblica di Genova, il Ducato di Savoia, il Granducato di Toscana, lo Stato pontificio

7 Filippo II e lItalia OBIETTIVI: 1. consolidare legemonia sulla penisola 2. mantenere immutato lequilibrio stabilito a Cateau-Cambrèsis: evitare ogni alterazione dei rapporti di forza fra Stati italiani evitare lintromissione di altre potenze straniere in Italia (= la Francia) controllare e determinare le politiche matrimoniali dei principi italiani 3. sostenere la pace MEZZI: 1. - mantenere nelle mani della diplomazia spagnola il monopolio della politica estera italiana 2. - alimentare la rivalità fra stati italiani, ma senza suscitare conflitti Ruolo dellItalia spagnola in Europa: serbatoio di truppe (Regno di Napoli) per i grandi conflitti europei ponte tra penisola iberica e Impero (collegamento fra possedimenti asburgici) antemurale della Spagna nei confronti dellImpero Ottomano (controllo del Mediterraneo) elemento della tenaglia antifrancese (Paesi Bassi a nord, Franca Contea a est e Italia a sud)

8 La politica spagnola nel giudizio del doge Niccolò Contarini Li ministri principali del Re Cattolico in Italia erano quattro: gli ambasciatori a Roma e a Venezia, il Viceré di Napoli e il Governatore di Milano. Li ministri di Spagna, in cui particolarmente ognuno riguardava, parlavano così concertati insieme, e come suol esser costume della nazione, con concetti inviluppatissimi e tra se stessi contrari. Tutti eran concordi nellaffermare non tener ordini dal loro re, ma, mentre discorrevano, nel resto del parlare ciascuno ben chiaro scorgeva il fine non esser della concordia, ma desiderio che quanto più si turbassero le cose in Italia, accioché li prìncipi di essa spendessero e con la guerra si estenuassero, et il loro re si potesse prevalere delloccasione, la quale suole sempre favorire li più potenti. (Niccolò Contarini, Doge di Venezia)

9 I corridoi militari della Spagna

10 Un compromesso di potere con le élites locali Lungi dallessere dei semplici dominatori, Carlo V, Filippo II ed i loro eredi riescono a trovare un sostanziale accordo con i ceti dirigenti degli Stati italiani, realizzando un compromesso capace di offrire loro nuovi spazi di legittimazione e di potere allinterno del complesso e composito sistema europeo della monarchia spagnola.

11 I molteplici strumenti del consenso spagnolo La monarchia spagnola propone alle élites italiane: 1. Strategie matrimoniali 2. Titoli nobiliari e dignità cavalleresche (Grandi di Spagna, Toson dOro, commende e ordini cavallereschi di Santiago, Alcantara, Calatrava e Montesa) 3. Carriere ecclesiastiche (fino alla porpora cardinalizia) 4. Benefici ecclesiastici (rendite esenti) 5. Feudi e rendite feudali (Sicilia e Sardegna) 6. Pensioni e appannaggi 7. Comandi militari e navali 8. Incarichi diplomatici 9. Incarichi amministrativi 10. Incarichi giudiziari 11. Distinzioni cerimoniali 12. Possibilità di investimenti (prestiti, titoli del debito pubblico, appalti e forniture, servizi per la monarchia) 13. Patronati e protezioni 14. Committenze per artisti e intellettuali 15. Reclutamento militare con relativi guadagni e possibilità di viaggiare

12 Una monarchia duttile La monarchia spagnola si dimostra capace, per quasi due secoli, di adattare le proprie scelte politiche e istituzionali alla diversità degli assetti costituzionali e degli equilibri politici dei singoli domini italiani (prevalenza feudale al sud, sistema patrizio a Milano, ecc.). La stabilità del potere spagnolo si regge dunque non tanto sulla coercizione e sulla repressione, quanto su una fedeltà di fondo delle élites locali italiane alla monarchia di Madrid.

13 La politica spagnola nel giudizio del patrizio veneziano Matteo Zane (1584) E molto ben noto che alla corte di Spagna, oggidì riputata la maggiore della Cristianità, tutti han volto gli occhi, e particolarmente i principi dItalia, che pretendono accrescimenti di titoli e di dignità per preceder luno allaltro e per esser maggiormente riputati nelle altre corti. Rivali e discordi in tutto, quei principi sono unitissimi in sentir male la divisione dellordine degli ambasciatori che è in quella corte. Così, come questi principi altre volte solevano tenere ambasciatori a quasi tutte le corti per rendersi grati a molti, così ora li tengono a pochissime per poterli mantener senzaugumento di spesa con maggiore dignità e splendore, il quale è oggidì necessario in tutte le corti, ma in quella di Spagna sopra le altre come la maggiore di tutte.

14 Filippo III dAsburgo ( ) Figlio di Filippo II, Re di Spagna dal 1598 al 1621 È costretto a riconoscere lindipendenza delle Province Unite (1609) Impone la deportazione dei musulmani dal regno di Spagna (1609)

15 Il duca di Lerma Francisco Gòmez de Sandoval ( ), marchese di Denia e duca di Lerma, cardinale, ministro e favorito (valido) di Filippo III dal 1598 al Nel 1618 finisce sotto processo con laccusa di corruzione.

16 Filippo III e lItalia Sotto il regno di Filippo III si situa lapogeo del sistema spagnolo in Italia, ma si manifestano già i primi elementi di crisi in periferia: : interdetto su Venezia (scontro col papato). La Francia di Enrico IV sostiene Venezia : guerra sabauda del Monferrato e primo assedio di Casale (la Francia e Venezia finanziano i Savoia, la Spagna sostiene i Gonzaga) : guerra spagnola in Valtellina (sacro macello) per imporre il cattolicesimo nelle valli alpine riformate, contro i Grigioni protestanti. In questi anni sia i Savoia che Venezia guardano alla tollerante Francia come alternativa possibile al dominio spagnolo sullItalia.

17 L alternativa francese «Il vero segreto degli affari dItalia consiste nello spogliare il re di Spagna di ciò che vi possiede, per rivestire i principi ed i potentati dItalia, che per linteresse della propria conservazione saranno tutti uniti assieme per conservare ciò che loro sarà dato» (cardinale di Richelieu)

18 Filippo IV dAsburgo ( ) Figlio di Filippo III, Re di Spagna dal 1621 al 1665 Durante il suo regno la monarchia spagnola è investita da unondata di rivolte popolari (Portogallo, Catalogna, Napoli, Sicilia)

19 Il conte duca de Olivares Gaspar Guzmàn de Tello ( ), conte di Olivares e poi duca di Sanlucar, primo ministro di Filippo IV dal 1621 al 1643

20 Filippo IV e lItalia 1618: in Boemia inizia la guerra dei Trentanni e lItalia ne sarà uno dei teatri secondari. OBIETTIVI: contrastare la presenza francese e le trame dei principi italiani (Savoia, Farnese, Gonzaga e Venezia) verso la Francia conservare legemonia sulla penisola conquistando la fedeltà dei gruppi dirigenti italiani La Francia (Richelieu) pensa ad una lega italiana antispagnola fra Savoia, Farnese (Parma) e Gonzaga (Mantova), con Venezia, Medici (Toscana) e Este (Modena), ma il progetto non si realizza a causa delle reciproche rivalità degli Stati italiani.

21 Guerre dItalia antispagnole Falliscono le guerre italiane provocate da Torino e Venezia e la Spagna conferma il suo predominio: : guerra per la successione di Mantova e del Monferrato: i Savoia, questa volta alleati con la Spagna, occupano il Monferrato e Saluzzo e vi scacciano i francesi, ma cedono Pinerolo alla Francia. Secondo assedio di Casale (28 mesi). La Francia sostiene i Gonzaga-Nevers. Il Monferrato dei Nevers resta alleato di Parigi : guerra degli Uscocchi: Venezia ottiene dallImpero la restituzione dei suoi territori

22 La prima crisi del sistema spagnolo in Italia ( ) Le necessità della guerra dei Trentanni aumentano la pressione fiscale sullItalia Scoppiano le prime rivolte antispagnole: 1628: fallita congiura antioligarchica (ma antispagnola e filosabauda) a Genova 1628: a Milano tumulti annonari antispagnoli (assalto ai forni) 1630: devastante epidemia di peste nellItalia centro-settentrionale: due milioni di morti (=27% della popolazione) : guerra civile in Piemonte (principisti filospagnoli contro madamisti filofrancesi ) nel contesto della guerra franco-spagnola dei Trentanni

23 Urbano VIII e la guerra di Castro ( ) 1641: scoppia la guerra di Castro tra il papa Urbano VIII Barberini e il duca di Parma Odoardo Farnese (gravemente indebitato con la Chiesa) per il possesso del feudo laziale di Castro e Ronciglione. Il papa sequestra Castro ai Farnese a titolo di risarcimento. 1642: col Farnese - in funzione antipapale e antispagnola - si schierano Venezia, Modena e Firenze, sostenuti dalla Francia. Inutile devastazione del Lazio. 1644: il papa restituisce Castro ai Farnese in cambio di forniture di grano. 1649: nuova guerra di Castro e definitivo incameramento del feudo da parte di papa Innocenzo X.

24 Londata delle rivolte antispagnole ( ): : rivolte popolari antispagnole di Palermo (Giuseppe Alesi) e Catania 1647: rivolta popolare di Napoli (Masaniello) con sostegno del ceto togato (Giulio Genoino) 1648: fallita congiura antispagnola (filofrancese) a Genova 1648: azione navale franco-sabauda (Tommaso Savoia- Carignano) contro Napoli; fallita rivolta popolare (Gennaro Annese); dura repressione di massa

25 La rivolta di Palermo ( ) 1647, maggio: a Palermo scoppia una rivolta popolare contro il rincaro dei generi alimentari; la rabbia si indirizza soprattutto contro gli esattori e i nobili i cui palazzi vengono assaltati. 25 maggio: si formano in città le Compagnie della milizia, guidate dai Consoli delle Arti, che occupano i bastioni cittadini e trattano con il nuovo vicerè, cardinale Teodoro Trivulzio (milanese). 15 agosto: Palermo è conquistata dal popolo guidato da Giuseppe Alesi. 22 agosto: Alesi viene ucciso e si scatena la reazione nobiliare, prima in città e poi nelle campagne. 1648, luglio-agosto: la rivolta siciliana è definitivamente sedata dalle truppe del vicerè; ma solo due dozzine di capibanda verranno condannati a morte a Palermo.

26 Napoli nel Seicento

27 La rivolta di Napoli ( ) 1647, 7 luglio: a Napoli scoppia una rivolta popolare contro la nuova tassa sulla frutta, imposta dal viceré, Rodrigo Ponce de Leon, duca di Arcos, che dispone solo di poche centinaia di soldati di guarnigione. La folla inferocita lincia alcuni nobili e alcuni esattori. Luglio-agosto: La rivolta si estende in tutte le province del regno, con la connivenza di una parte del clero e del ceto togato. Assalti ai castelli e alle tenute dei feudatari. 10 luglio: uno dei capi della rivolta, Tommaso Aniello, pescivendolo di Amalfi, viene nominato Capitano Generale dallo stesso vicerè, ma i veri ispiratori della rivolta sono i togati guidati dallavvocato Giulio Genoino che propone un programma di riforme. 16 luglio: Masaniello è assassinato da un sicario del vicerè. I ribelli continuano a dichiararsi fedeli sudditi del re i Spagna.

28 Tommaso Aniello detto Masaniello Un venditore di pesce, Tommaso Aniello, detto Masaniello, diventa il capo riconosciuto della rivolta popolare del 1647 a Napoli

29 La mancanza di una direzione politica. La fine della rivolta napoletana. Ottobre: giunge a Napoli una flotta spagnola comandata da don Juan (Giovanni dAustria), figlio illegittimo di Filippo IV, che sottopone la città a un fitto bombardamento, la nobiltà napoletana si mobilita per seguirlo. La rivolta assume solo allora una caratterizzazione decisamente antispagnola e repubblicana (per la prima volta a Napoli si esalta la figura di Cromwell). Il Seggio del popolo affida il comando militare a Gennaro Annese. 27 ottobre: viene proclamata la Repubblica napoletana, con una Consulta e un Senato. Il teorico della nuova costituzione è lavvocato Vincenzo DAndrea. Novembre: si presenta a Napoli il francese Enrico di Lorena duca di Guisa, che assume il titolo di Duce della Serenissima Real Repubblica, sperando di essere proclamato re dai rivoltosi, ma senza successo. 1648, 5 aprile: il nuovo viceré spagnolo Iñigo Velez de Guevare, conte de Oñate, attacca dal mare la milizia ribelle e riprende il controllo della città di Napoli. In poche settimane anche la provincia è riportata sotto il controllo dellesercito spagnolo. Il nuovo assetto del Regno vede un accresciuto potere del ceto togato che conserva ed estende i propri privilegi a scapito della nobiltà.

30 La rivolta di Masaniello nel 1647

31 La rivolta di Napoli nel 1647 in un dipinto di Gargiulo

32 Cromwell e Masaniello Oliver Cromwell e Masaniello in una medaglia commemorativa delle due rivoluzioni inglese (1649) e napoletana (1647)

33 LItalia dopo la pace di Westfalia (1648) Alla metà del secolo, conclusa la guerra europea dei Trentanni, la presenza spagnola in Italia è ancora forte, anche se indebolita. Fallimentare è invece ogni tentativo di politica autonoma da parte degli Stati italiani: dellantica pentarchia (Venezia, Milano, Firenze, Roma, Napoli,) che aveva dominato la storia dItalia fra Quattro e Cinquecento (Guicciardini) due elementi (Milano e Napoli) sono inglobati nel sistema spagnolo, due (Venezia e Roma) hanno ormai finito di esercitare un ruolo politico significativo, uno (Toscana) sta tentando disperatamente di mantenere una difficile indipendenza, mentre il Ducato di Savoia – pur devastato dalle guerre civili - si sta affermando come lunico Stato capace di sottrarsi al ricatto di Madrid e capace di una politica estera autonoma.


Scaricare ppt "LItalia spagnola (1559-1700) Un sistema di potere apparentemente bloccato."

Presentazioni simili


Annunci Google